TeleFree.iT
sabato 19 maggio 2012
Agesci Zona Riviera d'Ulisse: "Solidarietà alle vittime dell'attentato all'IPSSS di Brindisi
letture: 2518
logo Agesci
logo Agesci
Formia: Beato chi ha fame e sete della giustizia... (Mt 5,6)

Noi, Capi Scout Agesci della Zona Riviera d'Ulisse, vogliamo esprimere la nostra partecipazione e vicinanza al dolore che ha colpito così inaspettatamente e barbaramente la famiglia di Melissa Bassi e le famiglie di tutti gli altri ragazzi e adulti coinvolti nel tragico evento accaduto questa mattina a Brindisi presso l'IPSSS "Francesca Laura Morvillo Falcone".
Siamo anche noi profondamente sconcertati dalla brutalità di un atto senza precedenti, e preoccupati per la disumanità di una violenza che, sebbene non abbia mai una logica condivisibile, in questo caso oltrepassa ogni tentativo razionale di spiegazione, perché colpisce ragazzi inermi, innocenti e per di più nel luogo che concretamente contribuisce alla crescita della persona, del pensiero critico, della pratica di convivenza e solidarietà: la scuola.
Condividiamo con convinzione le parole del Vescovo di Brindisi, S. E. mons. Rocco Talucci che definisce l'attentato "una grande vigliaccata che avvilisce..." e accogliamo il suo invito al mondo degli adulti: "diamo vicinanza e forza e coraggio ai nostri giovani, perché recriminazioni, vendette e atti inconsulti non hanno senso. Dovremo sapere essere all'altezza del compito, anche in questo momento così grave."
Vogliamo, perciò, con forza condannare ogni atto di violenza che subordini la vita, la libertà e il futuro degli individui alla logica della paura, della discriminazione, della sopraffazione.
Vogliamo che siano la speranza e la fiducia nella buona volontà degli uomini a orientare la nostra azione, a segnare le impronte dei nostri passi sulle strade che percorriamo ogni giorno.
Ci impegniamo perché il nostro servizio contribuisca ad accompagnare i nostri ragazzi, futuro ma anche presente di questo mondo, verso la bella realtà della libertà, della giustizia e della pace.
Ci impegniamo in prima persona perché attraverso la nostra assunzione di responsabilità, ora più che mai, possiamo essere testimoni credibili accanto a chiunque, ragazzi e adulti, voglia costruire un mondo migliore.


I Responsabili e l'Assistente Ecclesiastico di Zona
Maria Marricco, Carmine Quinto, Don Francesco Guglietta

19 maggio 2012

postato da: adotom  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=97560