TeleFree.iT
mercoled├Č 07 dicembre 2011
Presentazione dell'opera teatrale "Giordano Bruno sorgente di fuoco" di Carmen Moscariello
martedý 20 dicembre, ore 16:30, presso la libreria Guida Port'Alba di Napoli
letture: 6607
Data evento: marted├Č 20 dic 2011
Napoli: Comunicato stampa
L'opera teatrale Giordano Bruno Sorgente di fuoco di Carmen Moscariello sarÓ presentata martedý 20 dicembre, ore 16:30, presso la libreria Guida Port'Alba di Napoli. Relatori il Filosofo, Onorevole Aldo Masullo e il Poeta Ugo Piscopo.
L'editore Guida presenta nella storica Saletta Rossa della libreria Port' Alba, (luogo sacro della cultura, riconosciuto Patrimonio dell'UmanitÓ) l'ultima opera teatrale della Poetessa Carmen Moscariello. Relatori due insigni rappresentanti della cultura italiana l'Onorevole-Filosofo Aldo Masullo e il grande Poeta Ugo Piscopo.
Il libro che porta la pregevole copertina disegnata dal Maestro Salvatore Bartolomeo Ŕ un'opera in tre atti e analizza il percorso di sofferenze e torture inflitte dalla chiesa al Monaco eretico, divenuto simbolo della libertÓ di pensiero e fondatore della Nuova era. Giovanni Paolo secondo, tra gli altri grandi meriti, ebbe quello di chiedere scusa per gli errori commessi dalla Chiesa nel periodo della Controriforma cattolica, riferendosi in primis a Galileo e a Bruno. L'opera sarÓ recitata dagli attori Lia Della Rosa, Franco De Luca, Christian Repigi, Domenico Versaggi Panno, alla chitarra Giovanni Della Rosa, fotografia di Franco De Luca.
L'opera della Moscariello Ŕ senz'altro un esempio di grande coraggio per le precise denunzie contro la chiesa e contro una societÓ corrotta e omologata, simile per molti versi al nostro quotidiano nichilismo. I fili si confondono e si intrecciano in uno spasimo arguto di passato e presente rasentando forme di identificazione della scrittrice con il grande Nolano,fino ad arrivare a un dialogo- scontro tra il Filosofo e la Donna -Poeta. L'opera in ottave concentra nel verso una musicalitÓ aspra e rivoluzionaria, tutto si muove e si trasforma in uno scenario rapido e tempestoso di grande suggestione. L'opera non rispecchia i canoni filosofici, si muove visionaria alla ricerca del Bene Assoluto per il quale vale la pena vivere e anche morire. Creativo, intuitivo il verso ha ritmi incalzanti, capovolge anche la figura della donna -strega che durante l'Inquisizione venne bruciata e nell'opera si erge a giudice supremo delle bassezze e morbositÓ umane. Passionale il dramma esprime il dolore per una societÓ che si sbriciola, malata di ipocrisia e volgaritÓ. L'assenza della "veritÓ" porta la stessa chiesa ad offendere Dio e l'uomo come essere amato da Dio al di sopra di tutti. Si stagliano quindi figure come quelle del Bellarmino, di Campanella, dei giudici della Santa inquisizione, del rogo, del fuoco non come elemento di pena, ma come simbolo di divina purificazione.

postato da: frollina  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=94444