TeleFree.iT
mercoledì 30 marzo 2011
L'ultimo saluto al Maestro Mimino Nardella.
Ieri presso la Chiesa di San Paolo si sono svolti i funerali del Maestro.
letture: 6285
Mimino Nardella
Mimino Nardella
Gaeta: Un "giovane artista" di 97 anni.

Ho avuto la grande ventura di averlo come Maestro alle elementari. Già noto pittore nel territorio. Insegnante avanti col tempo. Giovane e moderno, ottimo educatore. Con lui in classe si studiava e si imparava in una atmosfera fatta di arte e musica. Con la sua fisarmonica, infatti, accompagnava i canti degli allievi. Quando le giornate lo permettevano amava portare gli scolari all'aria aperta, nei luoghi adiacenti alla scuola: la Principe Amedeo (oggi Pinacoteca Comunale), per eseguire il "disegno dal vero". A quei tempi (anni 50) non tutti i maestri erano disposti a portare gli alunni fuori dalle mura scolastiche per una passeggiata o addirittura per dipingere. Il Maestro Nardella si.
Maestro di vita.
img
Non incontrarlo più per il Corso Cavour o sul piazzone della stazione con il suo giornale sotto il braccio, in compagnia della sua signora, mi rattrista molto.
Ma resta un ricordo profondo nel mio cuore, e son sicuro nel cuore di tanti che gli hanno voluto bene.
Ciao mio Maestro.
img

La sua carriera artistica inizia prestissimo ed inizialmente sembra destinata alla musica (il padre, contadino, vende un pezzo di terra per comprargli un pianoforte), ma il destino lo consegna alla pittura di cui è altrettanto appassionato. Tra i fondatori del Porticato Gaetano nel 1958, anima la scena artistica locale per oltre mezzo secolo, ricevendo lusinghieri apprezzamenti a partire da Domenico Purificato e Franco Gentilini. Le personali e le collettive nel tempo sono innumerevoli in varie località italiane e le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private. Partecipa a movimenti come il "Rotatismo" negli anni sessanta con Favi e Lieto. Nel 2005 gli viene attribuito dal Comune di Gaeta l'alto riconoscimento "Una Vita per l'Arte".
img
Pittore dalla intensa personalità e dallo spiccato senso materico, ha sempre caratterizzato la sua opera con forti accenti cromatici ed espressivi. Nel tempo ha saputo rinnovarsi pervenendo, in età matura, all'astrazione, pur conservando le proprie peculiarità.
img

(Dal Catalogo XXII Porticato Gaetano Ediz. 2010)

postato da: Uno  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=88995