TeleFree.iT
sabato 01 agosto 2009
Ricerca shock: CNR arsenico nel sangue abitanti di Gela
ma anche rame, piombo, cadmio e mercurio
letture: 1750
Salute e Benessere: (ANSA) - ROMA - Che l'area d Gela fosse una delle piu' inquinate del mondo, era cosa nota. Ma che addirittura nelle vene degli abitanti della cittadina siciliana scorresse addirittura l'arsenico nessuno se lo poteva immaginare. Una ricerca del Cnr durata mesi infatti - si legge in un'anticipazione del settimanale 'Espresso' - ha dato risultati scioccanti: il sangue del 20 per cento del campione, composto in tutto da 262 persone, e' ''pieno di veleno''. Oltre all'arsenico ci sono tracce di rame, piombo, cadmio e mercurio. E non si tratta di operai esposti a contaminanti sul lavoro, ma di casalinghe, impiegati, giovani sotto i 44 anni. Residenti a Gela, ma anche a Niscemi e Butera.
Nelle loro urine sono stati trovati livelli di arsenico superiori del 1600 per cento al tasso-limite. Facendo una proporzione sul totale dei residenti, a rischio avvelenamento potrebbero trovarsi piu' di 20 mila persone. E visti i risultati delle analisi non stupiscono i nuovi dati sulla mortalita e le malattie, statistiche che arrivano fino al 2007: ''Nell'area in studio - si legge nel rapporto pubblicato su 'Epidemiologia & Prevenzione' - si osserva una mortalita' generale per tutti i tumori significativamente piu' elevata, sia negli uomini sia nelle donne''. Fabrizio Bianchi, epidemiologo del Cnr, ha coordinato la ricerca e non nasconde la sua preoccupazione: ''L'impatto ambientale e' indubitabile. In mare, nelle acque, sulla terra ci sono concentrazione di metalli superiori fino a un milione di volte i livelli accettabili. L'arsenico non era gia' presente in forme naturali, come dice qualcuno, ma e' stato immesso dall'uomo''. Secondo il ricercatore, inoltre, ''l'arsenico e' un composto che non rimane a lungo nel corpo. Le grandi quantita' che abbiamo trovato dimostrano che l'esposizione e' tutt'ora in corso''.
30/07/2009 13:22
fonte: ANSA   di: Giorgio Libralato

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=71688