TeleFree.iT
domenica 16 settembre 2018
Percorsi di Lettura/1
Paolo Maurensig - La variante di Luneburg
letture: 3661
Data evento: giovedì 25 ago 2005
Archivi di TF: In una cultura moderna dominata dal multimediale c'è ancora spazio per i libri?
Inizia con questo topic una serie di interventi su testi ed autori a me familiari. Ho deciso di battezzarli "percorsi di lettura" perché vorrebbero avere la pretesa di avvicinare gradatamente il lettore verso testi di una certa valenza, senza tuttavia intimorirlo. Io mi incammino... vi aspetto?
La citazione
"Ero agli inizi e mi trovavo dunque nella fase più bella di tutte le cose che si intraprendono: quella del puro sogno. Non sapevo allora quale prezzo l'arte debba pagare alla vita, quale esoso tributo l'ideale debba versare alla materia..."
P. Maurensig - "La variante di Luneburg"

La trama
Due uomini si sfidano in un'insolita partita a scacchi... si prolunga negli anni, le sue sorti rimangono incerte, le posizioni dei contendenti si invertono. In questo giuoco viene coinvolto Hans, un ragazzo poco più che maggiorenne con il sacro fuoco dello scacchista nelle vene. Sarà lui a riaprire le sorti di quell'incontro, a darne la svolta fatale...

Perché cominciare di qui?
Perché si tratta di un libro accattivante che racchiude dentro se un notevole germe letterario. Ha la modernità di un thriller, ma non vi è ancora traccia dell'intreccio esasperato che caratterizza le sue opere più recenti di Maurensig. Perciò credo sia più corretto parlare di un sano fascino del mistero: nulla ha a che fare con l'esoterismo, nulla con il poliziesco. Impronte identificative della pseudo - letteratura attuale. Eredità del romanzo di Eco.

L'approfondimento
Il romanzo moderno si caratterizza infatti per i suoi continui colpi di scena, gli obbligati deus ex machina che costringono il lettore a voltare pagina alla ricerca del capoverso decisivo... la telenovela si è trasferita sulla carta! Oppure è divenuto tecnicistico, attraverso minuziose ricostruzioni storiche e scientifiche, troppo semplicistico per essere ricompresso nella saggistica, troppo inespressivo per essere ascritto nell'alveo letterario. Oppure lacrimevole e dispensatore di consigli... (coelho)
Questo libro invece si lascia leggere, pur essendo un tantino ridondante. Il suo stile lucido, scintillante, la sua continua ricerca di un italiano appropriato alla narrazione dei fatti, ne fanno un testo di buon livello. Ma non basta. Perché questo stile non è fine a sé stesso: esso accompagna le mosse sulla scacchiera, dove non sono bianco ed il nero che si rincorrono, ma la vita e la morte, l'eroe e l'antieroe... ed è proprio qui l'anima del romanzo: in quella tensione, che non è la tensione di un semplice giallo, ma la tensione dell'esistenza stessa... e la sua ambientazione affatto stocastica nella Vienna dei grandi scrittori è una scelta ben precisa, un corollario quasi necessario... ma su questi aspetti avremo modo di tornare in presa diretta!

L'autore e l'opera
Paolo Maurensig Nasce a Gorizia nel 1943. Fotografo, esordisce con "La variante di Luneburg (1993 - Adelphi) vincendo il premio Strega. Successivamente pubblica Canone Inverso (Mondadori 1996) che diventa subito un film per la regia di R. Tognazzi, L'ombra e la meridiana (Mondadori 1998), Venere Lesa (mondadori 1998), L'uomo scarlatto (Mondadori 2001). Si è poi gettato nell'agone politico al fianco di Riccardo Illy scrivendo a due mani Polietica, un saggio. Lo scorso anno è apparso in libreria "Il guardiano dei Sogni".
Per chi non lo ha ancora letto spero di aver scatenato un po' di sana curiosità...è un libro che si divora in due giorni!!!


***
Pubblicato su TeleFree.it il 25 agosto 2005
***

di: Antonello Fronzuto

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=16761