TeleFree.iT
mercoled├Č 13 maggio 2020
Minturno, tempi lunghi per la bonifica delle discariche abusive
La zona cmq va messa in sicurezza.
letture: 3137
Diavolangelo
Diavolangelo
Minturno: Come ben sappiamo e come anche noi abbiamo segnalato, anche alle autoritÓ competenti, il vasto territorio del comune di Minturno Ŕ costellato da una miriade di discariche abusive - si va dalle lastre di amianto ai classici rifiuti solidi urbani - presenti addirittura anche in pieno centro cittadino ed il caso pi¨ eclatante Ŕ quello di Piazza Caio Mario, in Scauri, ove su un piccolo spazio privato aperto ed accessibile da chiunque, in fondo alla centralissima via Roma, vi Ŕ depositato di tutto e di pi¨.
Qui, ribadiamo, su un minuscolo appezzamento di terreno, peraltro pavimentato, da "millenni" sono stoccati rifiuti urbani di varia natura: si va dalla immondizia propriamente detta ad ingombranti ed inservibili materassi che, di certo, lo "sversatore seriale", di una zona probabilmente non lontana dal luogo del "delitto" in continua perpetrazione, ha ben pensato di smaltire bypassando le procedure previste da regolamenti e leggi vigenti.
Ebbene, da par nostro, ci siamo peritati di notiziare chi di dovere al fine di sollecitare la dovuta bonifica dei luoghi visto lo stante ed osceno degrado in cui versa quella che Ŕ, nonostante tutto, una delle zone pi¨ belle e frequentate della frazione balneare minturnese ma ci Ŕ stato risposto che non Ŕ possibile procedere d'imperio in quanto trattasi di una proprietÓ privata e che il titolare della stessa Ŕ stato pi¨ volte sollecitato, dovrebbe essere un non indigeno, ad effettuare la bonifica ma continua a fare, sembrerebbe, "orecchie da mercante".
Ebbene, per quanto ci risulta e non vorremmo sbagliarci, le autoritÓ comunali potrebbero e dovrebbero procedere d'imperio perchÚ, al di lÓ del fatto puramente estetico, la discarica, che proprio mini non Ŕ, Ŕ anche frequentata da grosse pantegane, animaletti, si fa per dire, non proprio belli a vedersi e portatori di patologie, per gli umani, non proprio secondarie.
E si tenga presente che a pochi metri di distanza dal luogo incriminato vi Ŕ una villa comunale, una nota e frequentata gelateria e, soprattutto, un parco giochi per bambini.
Che dire? Magari una denuncia all'autoritÓ giudiziaria potrebbe sortire l'effetto desiderato e non Ŕ detto che noi, dopo aver assunto le dovute informazioni, non la si faccia.
Al di lÓ di quanto, da tempo immemorabile, andiamo scrivendo anche su un noto e letto blog locale.
A risentirci!

di: Michele Ciorra

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=124377