TeleFree.iT
martedì 17 marzo 2020
Sanità ed ospedali romani chiusi tra sinistra e destra
letture: 1908
Ospedale
Ospedale
Lazio: Si parla molto in queste ore della possibile riapertura dell'ospedale romano "Forlanini". L'ospedale, insieme ad altri due suoi "confratelli" è stato oggetto di una serie di provvedimenti strani da parte di giunte di centro denstra e centro sinistra che hanno tentato in tutti i modi la vendita di questi complessi immobiliari, o comunque non l'hanno bloccata definitivamente.
Rimetterli in esercizio secondo la Regione Lazio richiederebbe spese ingenti e tempi lunghi. Nei giorni scorsi si era espressa in favore della riapertura la Sindaca di Roma Virginia Raggi. "Bisogna fare il possibile per riaprirli", aveva dichiarato all'agenzia Agi.
"Del Forlanini, che insiste sul territorio di Monteverde- Gianicolense-Portuense, (quadrante sud-ovest) ospedale d'eccellenza per le malattie respiratorie - scrive Francesca Perri - veniva decretata la chiusura già nei primi anni 2000 , con il pretesto/presunto efficientamento del Servizio Sanitario Regionale. L'ospedale faceva parte del complesso San Camillo/Forlanini/Spallanzani. Tutti i servizi sono stati via via spostati al San Camillo, lo Spallanzani è diventato Istituto di riferimento Regionale per le malattie Infettive ed è un'Azienda a sé. Il disegno di chiusura già chiaro nel 2005, si è poi completato il primo Luglio del 2015, giunta Zingaretti! Anche qui, Comitati di cittadini nascevano spontaneamente negli anni, perché oltre a sperimentare sulla loro pelle, la riduzione dei Servizi Sanitari, che di fatto si è verificata, intuivano che ci fosse un disegno più terra-terra, ossia la vendita dell'immobile per sanare in parte il deficit regionale. Infatti, il Forlanini è stato lasciato al degrado e all'abbandono per anni, fino a farlo diventare un ricettacolo di sbandati...". Saltata l'alienazione il Forlanini sarebbe ora destinato ad organizzazioni non governative.

postato da: nessuna  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=124277