TeleFree.iT
giovedì 20 settembre 2018
Quando a insultare era don Antonio Cairo
Dov'era la solidarietà dei vertici della Chiesa locale durante gli anni di aggressioni del parroco di San Nilo a chiunque osasse criticarlo?
letture: 4735
don antonio cairo
don antonio cairo
Gaeta: (ANSA) - ROMA, 17 SET - L'arcivescovo di Gaeta, mons. Luigi Vari, ha espresso "piena solidarietà" al sacerdote don Antonio Cairo che, davanti alla parrocchia santuario di San Nilo Abate a Gaeta (Latina) dove è parroco, è stato oggetto di minacce. "Da diversi anni don Antonio Cairo è oggetto di offese e attacchi, anche su internet e sui social network, in cui si oltrepassa il limite della dignità - sottolinea il vescovo Vari - e del rispetto personale". L'arcivescovo di Gaeta si dice "seriamente preoccupato" per la sicurezza di don Antonio. Secondo la ricostruzione del vescovo il parroco è stato criticato e aggredito per le feste, in particolare quella di San Nilo.
L'arcidiocesi di Gaeta - mette in chiaro mons. Vari - "non contribuisce alla realizzazione delle feste delle comunità parrocchiali" e "la realizzazione delle feste non toglie risorse ai poveri che sono serviti dalle comunità parrocchiali, ma spesso diventa occasione per destinare maggiori risorse a favore delle iniziative di carità".

_________________________________

Una piccola e parziale compilation...


AGOSTO 2011
Don Antonio Cairo scrive a Telefree per ricordare ai commentatori e all'allora sindaco Raimondi che "possiamo morire anche domani mattina". Queste le parole: "Lasciateci lavorare in pace. Poi sul fatto che avrebbe affermato il sindaco sulla mia presenza provvisoria a san Nilo ha ragione; non siamo eterni come non sono eterni tutti coloro che commentano su Telefree. Possiamo morire anche domani mattina".


LUGLIO 2012
Don Antonio Cairo dichiara: "Gaeta è una città imbruttita da pettegolezzi e maldicenze prive di fondamento. Ma ci sarà la giustizia divina".


AGOSTO 2012
Don Antonio Cairo su Facebook, dopo le polemiche sui cambiamenti alla processione della Madonna di Portosalvo voluti dall'arcivescovo D'Onorio: "Molti commentatori di Telefree sono uomini e donne senza attributi, ruffiani, viscidi, opportunisti, insipidi, doppiafaccia". E aggiunge: "Mi meraviglia che molti cristiani autori di offese, calunnie e ingiurie contro me e il vescovo saranno in processione".


SETTEMBRE 2012
Don Antonio Cairo insulta su Facebook il quotidiano Latina Oggi e i gestori del sito Telefree dopo gli articoli sulla "lobby niliana" degli stabilimenti balneari sponsor: "TeleFree è diabolico, credo che sia il caso chiuda i battenti perchè di questo passo sarà lo sfogo di chi non è in pace con la vita e, di conseguenza, va creando solo problemi agli altri. Tra l'altro bisogna vedere lo stato di pace interiore proprio dei gestori... poveri loro!".


OTTOBRE 2012
Don Antonio Cairo attacca su Facebook alcuni esponenti politici gaetani: "Mi convinco sempre più che per alcuni nostri amministratori ci vuole uno psicologo e, perchè no, uno psichiatra. Sarei curioso di capire cosa frulla nel loro cervello. La capa non funziona. C'è chi pensa ai preti che fanno fuochi di artificio per rallegrare la città, quando le proprie parole sono spettacoli pirotecnici di falsità e di menzogne".


DICEMBRE 2012
Nell'omelia di una messa a San Paolo alla presenza dei bambini don Antonio Cairo dice: "Io sono nato a Gaeta ma molti gaetani che seminano zizzania vorrebbero che io non fossi mai nato".


AGOSTO 2016
Il nuovo arcivescovo Vari ordina lo stop ai festeggiamenti di San Nilo nei giorni del lutto dopo il terremoto di Amatrice. Don Cairo obbedisce solo in parte e conferma i fuochi d'artificio. Gli ultras niliani si scatenano contro testate e pagine web che riportano la notizia, da Gaetaspia a Sei di Gaeta se, da Gaetachannel ad H24Notizie. "State esagerando, piantatela!", "Non sanno quando è ora di finirla!", "Avete passato il segno", "Vergognatevi". Ma volano anche insulti personali, fino a toni più espliciti e minacciosi, come questo sulla pagina di Gaetaspia: "Sappiate che se non la finite con questa storia, qualcosa succederà".


SETTEMBRE 2016
Don Antonio Cairo scrive sulla pagina Facebook di Gaetaspia: "Credo abbiate qualche problema serio, vi serve una consulenza psicologica". E ancora: "La tua kapa non è stabile. Hai bisogno di un buon psicologo e, se cristiano, un ritiro di trenta giorni in un monastero", "Prima o poi qualcuno vi farà chiudere, ve lo dico io, se continuate così".


GIUGNO 2017
Don Antonio Cairo si presenta alle 5 di mattina nell'affollata sede del comitato elettorale di Mitrano, per abbracciare il sindaco a pochi minuti dall'annuncio della sua rielezione, e aggredisce fisicamente chi stava riprendendo in diretta con il telefonino la scena.
>> IL VIDEO DELL'AGGRESSIONE IN DIRETTA




postato da: mn  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=123405