TeleFree.iT
mercoledì 06 dicembre 2017
Il popolo italiano venduto alle multinazionali dallo Stato Tricolore
letture: 2636
Ormai è legge.
Ormai è legge.
Politica: .

di Gianni Lannes
img

Effetto gregge. Un crimine "legalizzato". L'ennesima norma fuorilegge entrerà in vigore il 12 dicembre prossimo.


Il governo ed il parlamento italiano, hanno appena legalizzato un altro crimine. Dati sensibili della popolazione italiana passati senza consenso delle persone alle multinazionali straniere: ormai è legge in Gazzetta Ufficiale.



img




img



Infatti compare a sorpresa nella legge europea 2017, pubblicata il 28 novembre in Gazzetta Ufficiale, la possibilità di usare i dati personali degli italiani, senza consenso, a scopo di ricerca scientifica. In ballo ci sono grossi interessi delle multinazionali tecnologiche, come risulta dal recente accordo con l'IBM siglato a Boston il 31 marzo 2016, alla presenza di Matteo Renzi e Ivan Scalfarotto.


Tutti i nostri dati personali, a partire da quelli sanitari potranno finire nelle grinfie lucrative delle multinazionali, senza bisogno del consenso dell'interessato e senza nemmeno doverlo avvisare.



img



Il tutto a sorpresa, è stato autorizzato da due articoli, il 24 ed il 28, inseriti nel calderone della "legge europea 2017" (la numero 167, con cui l'Italia recepisce obblighi comunitari: "REGOLAMENTO (UE) 2016/679 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE") uscita in Gazzetta ufficiale il 27 novembre 2107.


--

Riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=IBM

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/vediMenuHTML?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2017-11-27&atto.codiceRedazionale=17G00180&tipoSerie=serie_generale&tipoVigenza=originario

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX%3A32016R0679



Altra Informazione

postato da: marinta  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=122848