TeleFree.iT
giovedì 29 dicembre 2016
A te, Gaeta!
Sembra che non sono presente, ma invece ci sono
letture: 1626
.
.
Gaeta: Cittadina luminosa, di sole, di arte, turismo e quanto altro, non sono le luminarie natalizie che la tiene sveglia nell'oscurità. Camminando per via indipendenza, talvolta piena o anche deserta, è un'attrazione indescrivibile, solo ma mai stanco, scruto nella lieve semioscurità delle scalinate, salgo per osservare una panoramica che mi piace osservare, da sempre.
Mi dirigo verso la marina di serapo per sentire la temperatura dell'acqua del mare, è tiepida, una passeggiata in spiaggia non fa mai male e camminare sulla sabbia per me non è poi così difficile, sono un uomo di mare, amo le mareggiate, amo le onde lunghe, amo il mare calmo soprattutto di sera. Amo il sorgere del sole che sveglia a poco a poco la città, amo il tramonto rosso. Di tanto in tanto vado a Gaeta medievale, poi passo davanti al Comune, vedo la fontana e dopo un po' raggiungo un bar nelle vicinanze per prendere un caffè. Non mi riconosce nessuno, perché utilizzo il camuffo, ovviamente non mascherato da carnevale anzi, appaio come un tipo che non si vuol far al momento riconoscere, senza parlare con nessuno, solo osservando la tendenza della politica gaetana e le problematiche della cittadinanza. Raramente vesto elegante, altrimenti comprenderebbero tutti chi sono, per questo vesto più da povero che da ricco, un bomber tipico anni 90' di colore grigio, jeans stracciati sulle ginocchia, capelli lunghi ma non troppo, la barba lo stesso, con un cappello semplice, non seguo la moda. Quando ho il giorno libero vengo a correre a Gaeta sulla spiaggia con la tuta blu, senza barba con i miei soliti occhialoni, con il solito cappello. Eppure vedo gente che mi conosce molto bene, chiederò scusa per il mio comportamento un po' bizzarro e maleducato, è un gesto d'amore per Gaeta che non l'ho mai abbandonata, come qualcuno pensa. Può sembrare assurdo, tuttavia sono tre anni che in qualunque modo sono presente almeno due volte la settimana, anche se non si nota, ma ci sono. Più di qualcuno mi avrebbe osservato da qualche parte, è vero non lo nego, nel pullman se ne parlava spesso. Ben presto tornerò alla ribalta, ho tante cose da dire, ovviamente dopo aver preso visione di alcune problematiche valutate negli ultimi periodi. Non pensate che mi candido a Sindaco, magari, direbbero i gaetani, realizzerò di più, sarò come un palo di traverso.

di: Emiliano Ziroli

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=120988