TeleFree.iT
venerdì 21 novembre 2014
La replica degli studenti del Liceo Classico a Formialibera
letture: 4051
Formia: Gli studenti del Liceo Classico "V. Pollione" di Formia sono indignati per la falsità e le calunnie rivolte al nostro dirigente scolastico, Pasquale Gionta, accusato di fatti non veri e da persone che non conoscono la VERITA'.
NOI NON DOBBIAMO GIUSTIFICARE NESSUNO MA, ESSENDO GLI UNICI A CONOSCERE LA VERITA', CHE NON ABBIAMO IN PRECEDENZA RESO NOTO PROPRIO PER EVITARE STRUMENTALIZZAZIONI, OGGI SIAMO COSTRETTI A CHIARIRE A TUTTI COME SONO ANDATE EFFETTIVAMENTE LE COSE.
Non capiamo a volte, come i giornalisti siano cosi cattivi, ottusi e maliziosi da voler inquadrare a tutti i costi le azioni della comunità o, nel nostro caso, degli studenti come qualcosa sempre connessa alla politica.
Intanto ricapitoliamo i fatti. All'inizio di marzo di quest'anno (non 2 anni fa!) si è sviluppato un incendio nella palestra del Liceo classico che ha coinvolto l'intero edificio. Solo dopo otto giorni, grazie all'intervento del dirigente, del personale impegnato e, soprattutto, dei tecnici del comune di Formia, è stato possibile riaprire l'istituto e riprendere l'attività scolastica. Tuttavia, la palestra e la biblioteca sono rimaste inagibili, perché l'Amministrazione provinciale di allora non ha ritenuto (o non ha voluto?) portare a termine l'opera di bonifica totale dell'edificio.
Il consiglio di Istituto (di cui facciamo parte anche noi studenti) ha subito inviato una mozione all'Amministrazione provinciale affinché portasse a conclusione i lavori di ripristino dell'agibilità dei due locali ancora chiusi. Successivamente il dirigente ha ripetutamente sollecitato un intervento risolutore del problema, per telefono, con lettere, recandosi di persona a Latina e con un incontro presso il comune di Formia alla presenza dell'allora dirigente provinciale del settore scuola e del sindaco, mentre i docenti di Educazione fisica e noi studenti eravamo costretti a svolgere le lezioni in spazi inadeguati.
A tutte queste numerose richieste, però, non è mai stata data alcuna risposta concreta. Con l'inizio del nuovo anno scolastico, noi studenti abbiamo avvertito l'esigenza di sostenere le richieste del dirigente, riunendoci in assemblea pubblica in piazza della Vittoria.
Durante questa assemblea, abbiamo deciso di intraprendere una forma di lotta manifestando il nostro malcontento per due giorni consecutivi. Abbiamo contattato autonomamente e, senza strumentalizzazioni di alcun genere, esponenti politici di Formia, tra cui il Sindaco e un suo assessore, perché si facesse da mediatore con la provincia al fine di accertare, in modo tangibile, che era stata avviata la gara di appalto per i lavori della palestra del Vitruvio. Questa certezza non siamo riusciti ad ottenerla. Il giorno successivo una delegazione di studenti ha contattato il neo-consigliere provinciale, Michele Forte, esponendogli i problemi e i disagi collegati all'assenza della palestra, e chiedendogli aiuto. Nessuno era a conoscenza del nostro contatto con Michele Forte, meno che mai il dirigente scolastico. Nella stessa giornata il consigliere provinciale ci ha ricontattato informandoci che il giorno seguente sarebbe venuto a scuola insieme alla dott.ssa Papadia, nuova dirigente del settore scuola della provincia. E così è avvenuto. Avute le assicurazioni da noi richieste, abbiamo posto fine alla nostra protesta. I lavori di ripristino della palestra sono iniziati il 17 novembre scorso. Il giorno seguente il consigliere Forte si è presentato in Istituto, insieme con la dott.ssa Papadia e altri tecnici della provincia, e ha indetto (il consigliere, non il preside!) una conferenza stampa per dare pubblicità all'inizio dei lavori. Il dirigente scolastico ha preso atto della volontà di risolvere il problema della palestra e della biblioteca da parte della nuova amministrazione provinciale. A questo punto, il dirigente ha sentito il dovere istituzionale di ringraziare il consigliere Forte e l'amministrazione provinciale, così come aveva ringraziato pubblicamente il sindaco di Formia quando, a marzo scorso, aveva consentito con il suo intervento la riapertura dell'Istituto.
Perché i blogger parlano solo adesso che sono iniziati i lavori?
Perché nessuno è intervenuto quando per mesi siamo stati senza palestra?
Dov'erano quando noi studenti, insieme ai docenti e al preside, ci siamo battuti per l'autonomia del Liceo?
Coloro che parlano senza conoscere i fatti offendono le istituzioni e gettano fango sulla propria città.
Il Preside riveste un ruolo istituzionale e voler strumentalizzare il suo comportamento dopo che abbiamo combattuto insieme per i nostri diritti è offensivo. Siamo intervenuti per onestà intellettuale e siamo orgogliosi di avere un dirigente scolastico in grado di dialogare con le istituzioni mettendo da parte il colore politico dei suoi rappresentanti.

Gli studenti del Liceo Classico "V. Pollione"

postato da: coccia_tosta  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=113412