TeleFree.iT
lunedì 31 marzo 2014
La primavera di Gaeta
Raimondi e Motosega
letture: 4535
Gaeta: Marco Aurelio è stato uno dei più grandi imperatori di Roma. Oggi è solo un nik, un troll...peccato!!!
La primavera di Gaeta è finita nel 2012. Con Raimondi 85 marciapiedi ristrutturati, piazze rifatte, con addobbi per bambini ( piazza Tonti, Piazza Trieste, Piazza Ciaramaglia a Monte Tortona, Villa delle Sirene, Villa Green a Serapo, addobbi di Piazza XIX Maggio, piazze Trieste), parco giochi di via degli Eucalipti; strade asfaltate, comprese quelle di campagna, Protocollo ENI approvato. Progetto Avir (poi cancellato dalla giunta Mitrano) ; bando parcheggi sotterranei di Villa delle Sirene, di Piazza Caboto, di Piazza XIX Maggio.(Cancellati dalla giunta Mitrano. Riassetto del Waterfront in accordo con l'autorità Portuale; Ritorno Beni demaniali alla città dopo 148 anni. Stabilizzazione dei cantieri navali, prima abusivi: Ampliamento del porto turistico Flavio Gioia di ben 25 mila mq; approvato il secondo porto turistico della città zona Calegna-Piaja; rifatto il campo sportivo alla Piaja; stabilizzati i cantieri navali, prima abusivi;approvati tutti i piani di zona della città, escluso il B3; ottenuti dalla Regione con Marrazzo Presidente bel 26 milioni di euro per la ferrovia Formia- Gaeta, 19 dei quali cancellati dalla Polverini, che ci ha finanziato i partiti; Ristrutturazione Polveriera della Carolina e della Real Ferdinando, avviati i lavori per la batteria Cinquepiani con 700 mila euro, di cui 500 mila regionali.1.915. mila euro per la ristrutturazione del lungomare di Serapo, via Fontania, via Bologna ancora senza marciapiedi.Detto finanziamento è stato cancellato dalla Polverini.
Con De Filippis presidente dell'Istituto dell'Annunziata sono arrivati quattro milioni di euro per la ristrutturazione della Ipab,220 mila per la ristrutturazione del Monastero Omonimo, 190 mila euro per la Sorresca, 350 mila euro per la chiesa di Santa Lucia, tre milioni di Euro per la Cattedrale. Ora il Protocollo Eni è bloccato da questa giunta, i porti turistici sono fermi, come pure i cantieri navali da ristrutturare ed ammodernare.
Rispondo , perché tirato in causa nientemeno dall'Imperatore Marco Aurelio.
Da Assessore ho portato a Gaeta i Beni Sottratti alla camorra. Ora appartengono alla nostra comunità, ben 25 mila mq di terreni siti su " Il Colle", a Calegna nei pressi del Tribunale, 2.400 mq su Monte Lombone, oltre a due manufatti in via Iella, e un altro in buone condizioni su IL COLLE, per irstrutturale i quali, la Regione con Presidente Marrazzo ha stanziato 382 mila euro, come ci siamo interessati per ottenere 750 mila euro per la palazzina di case popolari da costruire sul C2. Ho partecipato a due bandi per le città con servitù militari, e ho portato a Gaeta 300 mila euro, con i quali sono stati illuminati i Bastioni Carlo V, quelli della Caserma Mameli, della Favorita. Oggi potete ammirarli, anche se infoltiti da erbacce. M'ero impegnato alla molrte per il recupero dei beni demaniali. Sono riuscito a portare a Gaeta la Caserma Sant'Angelo ( due ettari di fabbricato), l'Orto botanico Borbonico, la Chiesa di San Michele Arcangelo, la Palazzina degli Ufficiali. Ho richiesto 81 beni, molti dei quali sono a Gratis, non ho fatto in tempo, il tempo era scaduto, i soloni di oggi potrebbero accedervi, ma non so se conoscono le procedure e la strada che porta al MIUR e a Via Peschiera, o a Palazzo Barberini. Con Raimondi abbiamo firmato un protocollo per fare di Casa Tosti e della Caserma Gattola, case per giovani coppie, protocollo firmato con la presidenza Ater. Marco Aurelio, non ho fatto tutto quello che avevo promesso in campagna elettorale, è vero, Volevo far diventare pubblica l'acqua, come il comune di Aprilia. I regolamenti di Acualatina non lo permettevano se la metà dei comuni erano contrari, I comuni che facevano parte dell'assemblea dei sindaci erano tutti asserviti alla volontà di Cusani,escluso 5 comuni, tra i quali il nostro. Volevo che il Porto di Gaeta ritornasse proprietà del comune, volevo che l'acqua salata diventasse nostra, come lo era secoli fa, quando Gaeta dominava i mari. Il Porto dà allo Stato 500 milioni all'anno, più le accise. A noi non rimane un centesimo. Ho avuto incontri con esponenti politici, ma la questione importa poco ai partiti nazionali. Ho avuto incontri con un deputato della lega nord di Genova, era interessato personalmente, ma le regioni dove la Lega governa non hanno porti. I porti sono quasi tutti nel Centro Sud. Avrei voluto un nuovo piano regolatore, ma soldi non ce n'erano. Maestà l'imperatore deve sapere che il sottoscritto, non ha mai chiesto un centesimo per il suo assessorato, né ha chiesto rimborsi per le spese di viaggi che ero costretto a pagare per andare a Roma o a Latina.Viaggiavo con il Birg. Pare che qualcosa ho portato alla nostra città. Non ho aumentato le tariffe cimiteriali di un centesimo, ho fatto pagare alle Confraternite migliaia di euro che dovevano al comune. Abbiamo dato la caccia agli evasori che non pagavano la Tarsu, a quelli che non pagavano l'ICI sulle aree fabbricabili. Non abbiamo messo tasse, solo il 10 per cento impostaci dallo Stato per la Tarsu, in 5 anni. Abbiamo azzerato il bilancio, checche ne dica Motosega, che di bilanci se ne intende.Maestà Imperiale, volevo anche dimettermi per motivi di salute della mia congiunta, ho tirato diritto, con sacrifici immensi. Per due mesi, di fila, sono stato al Goretti per curare mia moglie. Penso di aver guadagnato la pagnotta. Ha vinto Motosega? Sono contento, darà molto alla città, ne sono convinto.Porterà lavoro, ossigeno, aria pura, dirigenti condannati dalla magistratura,ditte e progetti firmati da esterni. Darà migliaia di euro ad associazioni amiche.Quella politica ha portato l'Italia alla rovina. Oggi, qualcuno che ha fatto quella politica vuole tornare alla Lira che ha affamato il sud, io preferirei il Follaro.
L'Avir è stata cancellata; i bandi per i parcheggi sotterranei annullati. Stanno usando roncole e accette. LaTarsu è aumentata del 55%, l'addizionale Irpef è al massimo, e così tutte le tasse comunali. Casa Tosti è ancora lì,senza essere ristrutturata. Ma non era un pericolo per la scuola?
Imperatore, oggi ho altro per la testa, faccio il contadino, quando passo dalla Piaia per raggiungere la valle dei 25 Ponti, vedo il campo sportivo, l'Isola ecologica nei pressi del Todis, vedo seccate le arance selvatiche che ho fatto impiantare dirimpetto la >Pia, vedo l'illuminazione pubblica, fino alla raffineria, vedo che l'eternit sui capannoni ex Arbatax non c'è pià; vedo via Montebello asfaltata, cpome vedo illuminati i due palazzi dei pescatori, e lo spazio antistante quello vicino la chiesa di San Carlo, dove" c'assummeie"come abbiamo illuminato mezza Gaeta. Il popolo ci ha castigati? Ora si tengano Motosega, darà lavoro e prosperità alla città. Molti negozi stanno chiudendo le serrande, le squadre di Gaeta giocano a Sperlonga, a Formia, a Itri ,; abbiamo perso il Tribunale, l'Ospedale,la Compagnia dei carabinieri,e la dignità. Noi abbiamo portato a Gaeta la Direzione Sanitaria, abbiamo fatto intitolare Formia -Gaeta la stazione formiana.Marco Aurelio, mi sa che devi nominare un altro Console, questo non vale e non conta. Il suo mentore è fondano. Ti ho detto tutto. Una scuola!!! Da Assessore potevo fare di più? Forse, ho fatto quello che ho potuto. Mi scuso con i gaetani. Ora faccio il contadino e il Brigante, frequento gli archivi storici inesplorati, sempre per dare dignità alla nostra città. Andiamo in giro in Italia ed anche all'estero, invitati dai nostri connazionali, per raccontare la Questione Meridionale. Altri la stanno sputtanando. Un inchino ad uno dei più grandi imperatori dell'antica Roma. Raimondi è stato un grande sindaco, persona colta, coraggiosa, rispettato negli ambienti politici ed istituzionali. Oltre ai lavori di ordinaria amministrazione, ha firmato il protocollo ENI che non veniva firmato dal 1988, allora proposto da Gino Valente. allora presidente del Consorzio Industriale. Potrebbe dare lavoro a mille persone. E'fermo.Mia figlia è disoccupata. La giunta Raimondi non ha fatto clientele.

di: Antonio Ciano

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=108631