TeleFree.iT
martedì 12 novembre 2013
Il difficile rapporto tra stampa, informazione e potere
letture: 3144
Formia:
Durante una delle ultime conferenze stampa del sindaco Sandro Bartolomeo si è parlato anche del rapporto del sindaco e delle istituzioni con la stampa e i blog d'informazione locali.
A sollevare la questione, figuratevi, è stato un certo PiccolinoMario, titolare di un blog "personale" (come lui stesso tiene a precisare nella home page del suo blog), da non confondere con una testata giornalistica. Lui stesso, nella home page, sottolinea come la sua "non è una testata giornalistica", e noi gli crediamo.
E allora perché un "non giornalista", uno che tiene a precisare e rimarcare di non essere un giornalista, partecipa a una conferenza stampa da giornalista? E come è possibile che in una conferenza stampa riservata ai giornalisti, un "non giornalista" viene trattato come un "giornalista"? E come è stato possibile tollerare insulti gravemente offensivi rivolti a tutti gli operatori dell'informazione, senza che nessuno dei presenti abbia sentito il dovere di prendere le difese della categoria?
Ma veniamo alla domanda del "non giornalista" che durante le conferenze stampa diventa "giornalista" accreditato e invitato formalmente dalle istituzioni:



Al 39esimo minuto del video della conferenza stampa del sindaco Bartolomeo il "non giornalista"/"giornalista" chiede:

"Io ho notato che la stampa è pur sempre un'organizzazione, soprattutto quando questa è extraconsiliare, e su questo stanno tessendo una storia tutta particolare. La stampa ha grosse responsabilità perché ho letto cose di una gravità unica. Io non le ho mai scritte. Questo non è giornalismo. Sindaco, cosa ritieni di fare contro questa stampa al soldo di personaggi lugubri?"

A porre questa domanda è colui che ha dato del camorrista a Delio Fantasia, della poco di buono a Graziella Di Mambro, del padrino a Michele Forte, del delinquente e aggressore a Limongi, del secondino a Francesco Carta, dello stronzo con rilievi criminosi a Furlan e ai giornalisti di H24notizie, che ha più volte sputtanato Paola Villa e le donne che entrano in politica, che non si fa alcuno scrupolo di pubblicare sul suo blog foto di persone che non desiderano essere riprese e, cosa ancora più indecente, pubblica foto di minori da lui inconsapevolmente ritratti e sbattuti online alla mercè del primo pedofilo di passaggio sul suo blog, ma soprattutto colui che accede indisturbato negli uffici e nell'aula consiliare di Formia senza avere alcun accredito e alcun titolo.



A porre la domanda sulla correttezza dell'informazione è colui che nell'ultimo consiglio comunale (cosa mai avvenuta a Formia), si è introdotto nell'emiciclo riservato agli amministratori ed ha interrotto, in piena seduta consiliare, l'intervento del consigliere Aprea, che già precedentemente aveva minacciato di manganellare, fino a scatenare l'inizio di una possibile rissa. A porre la domanda è colui che fino a oggi ha beneficiato della tutela e patrocinio del suo Principe, come lui chiama il sindaco di Formia. A porre la domanda, infine, è stato colui che da "non giornalista" dichiarato è divenuto il secondo, se non primo, portavoce ufficiale del sindaco di Formia.
Insomma, a sentir lui "la stampa ha grosse responsabilità" e il sindaco e gli amministratori comunali sarebbero vittime "di una stampa che scrive cose inaudite e al soldo di personaggi lugubri". Qualsiasi amministratore di sinistra avrebbe replicato duramente a queste accuse, soprattutto per non passare per il Berlusconi di turno. Ma si sa, a certi organi di stampa che rivendicano di non essere organi di stampa viene concesso tutto, almeno fino a quando restano ruffiani e baciapile. Ad altri solo minacce e querele.


postato da: Pasquino  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=106478