Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 14/09 al 20/12 Golfo di Gaeta: Circolo fotografico-culturale "l'altro sguardo"
letture: 5219
dal 01/10 al 26/10 Roma: San Remo Festival Cafe.
letture: 1818
dal 03/10 al 03/02 Roma: Al Vittoriano arriva il mondo di "Andy Warhol
letture: 1930
21/10 Gaeta: Giornata del Buon Gioco
letture: 297
22/10 Musica e dintorni: "Pillole di counseling" senza controindicazioni...
letture: 226
25/11 Formia: Le Vie di Bacco
letture: 1236
dal 19/10 al 21/10 Avellino: Sagra della Castagna di Salza Irpina - XXXV Edizione
letture: 1945
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.549
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
21
ottobre
S. Orasola m.
Compleanno di:
sex associazione...
sex ladestraterr...
sex lello1948
sex permigliorar...
sex torino
nel 1520: Durante la circumnavigazione della Terra, Ferdinando Magellano scopre uno stretto che battezza: "Di Tutti i Santi".
nel 1879: Dopo 14 mesi di esperimenti riesce a far funzionare il prototipo della lampadina elettrica. Il filamento incandescente resta acceso per 13 ore e mezza.
nel 1925: Viene presentata la cellula fotoelettrica. Un congegno che misurando la luce naturale permette di accendere o spegnere quella artificiale.
nel 1950: Nasce a Riga Uljana Semionova. Crescerà fino a 2.11 m. Vincerà due ori olimpici con la nazionale sovietica di basket e tutte le coppe possibili con la Daugawa Riga.
nel 1969: Si spegne il poeta della beat.generation, lo scrittore Jack Kerouac.
dw

Home » News » Webzine » Voglio ricordare ed onorare un...
venerdì 31 agosto 2012
Voglio ricordare ed onorare un "vero" Sindaco...
Angelo Vassallo, il "Sindaco-pescatore", a due anni dalla sua "uccisione per legalità". Un italiano di "sani principi", l'antitesi dei nostri amministratori locali.
letture: 2950
Data evento: mercoledì 05 set 2012
Angelo Vassallo
Angelo Vassallo
Webzine: Il 5 settembre prossimo ricorre il secondo anniversario dell'omicidio di Angelo Vassallo, il Sindaco di Pollica (SA) "ucciso per legalità" nel 2010.
Il
Il "Sindaco-pescatore"
Non era un "politico di professione", come siamo abituati a conoscerli in Italia, bensì un cittadino comune. Il suo "mestiere" infatti non era il politico, ma il "pescatore". La sua politica era mettere al servizio della collettività tutto quello che aveva appreso e intuito nella sua vita con il suo lavoro e nel contatto con il suo territorio e la sua gente. Aveva capito che "il luogo in cui si vive" è fonte di ricchezza per tutti e un bene da tutelare, non da sfruttare selvaggiamente e a vantaggio di "pochi". Aveva capito che la tutela dell'ambiente e del territorio non è un freno, ma il volano per lo sviluppo economico e il futuro del Paese. Aveva capito che per amministrare non bisogna gestire intrallazzi e truccare appalti, ma sono necessarie legalità e sana politica. Ed è proprio per questo che è stato ucciso: perché in Italia la politica non è fatta di sani principi e valori.
Con questo articolo intendo contribuire a mantenerne viva la memoria, perché il suo esempio di "Primo Cittadino serio e onesto" non cada nell'oblio (come le indagini sul suo omicidio...), perché non sia dimenticato dalle persone, almeno quelle oneste (tanti suoi "colleghi politici" invece non lo ricordano o "non vogliono ricordarlo"...), ma anzi, perché possa essere un riferimento da imitare, anche e soprattutto per coloro che aspirano a candidarsi alle prossime elezioni comunali a Formia "con buoni propositi"...
Auspicherei che nella nostra città gli venisse intitolato anche qualcosa per ricordarlo (strade, locali, ecc.), ma non credo che ciò possa avvenire, almeno con amministratori simili agli attuali, che sono praticamente la sua "antitesi"... Essi, infatti, dopo aver riempito di vuote e vane promesse le orecchie dei "Cittadini onesti" durante le campagne elettorali, svolgono la loro azione amministrativa facendo solo i "fatti" per loro, i loro parenti e gli intramontabili "amici degli amici", infischiandosene di calpestare eventualmente diritti collettivi e di stuprare il territorio. Ed è questa in realtà la "vera antipolitica", quella che poi fa alimentare anche la criminalità organizzata, con cui ormai troppo spesso risulta connivente perché condivide gli stessi interessi...

Riporto qui di seguito alcune sue citazioni, in più alcuni articoli scritti all'indomani del suo omicidio e alcuni links, per illustrare la sua opera svolta e il suo "pensiero".

Onore a Te, Angelo, e grazie, da un Cittadino che ama la "vera Politica" (quella sana e con la "P" maiuscola) e le persone e i Cittadini che la praticano!


"Lo Stato siamo noi. Sono i paesi che fanno il Paese: la vera ricchezza è il luogo in cui si vive. La malattia della politica è la lontananza dalle nostre comunità e dall'operosità delle nostre donne e dei nostri uomini."

"Rispetto dell'ambiente e legalità. Queste sono le risorse del domani, per la costruzione di una nuova felicità e una nuova economia."

"Vivo e servo i cittadini da sindaco pescatore. Ma devo constatare che i nemici dello Stato e delle Pubbliche Istituzioni mangiano del suo pane e vivono dei sacrifici della gente che lavora."

(Angelo Vassallo)


_____________________________________________

Quando "Fortapasc" non ha confini.
(di Nico Piro Tg3)

"Noi dobbiamo fare le cose che non si vedono, quelle che non portano voti subito, non perdiamo tempo dietro a piazze e spettacoli. Noi dobbiamo prima costruire le fogne e tenere il mare pulito". Parlava così Angelo Vassallo. Era la seconda metà degli anni '90 e per un giovane cronista arrivare a Pollica (famosa ormai nel mondo con il nome della sua frazione marina, Acciaroli) era più difficile di quanto lo sia oggi. Non per via delle strade, che sono sempre le stesse, ma perché il Cilento non era null'altro che un paradiso di bellezze naturali, lasciate ad uno sviluppo turistico sciatto e trascurabile, tutto costruito sull'idea delle seconde case, quelle che all'economia locale non lasciano nulla, a volte nemmeno gli stipendi di qualche muratore. Eppure i cronisti regionali arrivavano a Pioppi per parlare con Angelo, il sindaco-pescatore, che magari ti invitava a tornare nella stagione giusta per uscire insieme a pesca di gamberi. Venivano per parlare con un sindaco che faceva "curiosità" perché perseguiva "solitario" un'altra idea di sviluppo, perché voleva una cittadina epicentro di un turismo di qualità, con le fogne che non scaricano a mare, le spiagge pulite, il porto turistico dove i posti barca si assegnano in trasparenza e soprattutto dove l'economia non si "costruisce" a scapito dell'ambiente, tra abusivismi "di necessità" (quella di intascare...) e: "Marescia' che volete che sia, è una verandina!...", motivetti sin troppo ascoltati nella spirale "voto di scambio-illegalità" (piccola o grande che sia), lungo la quale il sud ormai si avvita. E negli anni Angelo ci è riuscito, tra bandiere blu e classifiche fatte di vele o di stelle, ha trasformato Pollica-Acciaroli-Pioppi in un motore del turismo di qualità nel salernitano, quasi al livello della blasonata costiera amalfitana che dal Cilento si vede all'orizzonte; sviluppo accompagnato dalla crescita di un'economia che "non ha fatto pagare dazio all'ambiente". La notizia dell'uccisione di Angelo Vassallo mi è arrivata stamattina al telefono e mi ha piegato in due. Non solo perché Angelo era una bella persona, mite, sorridente, efficientista senza ricorrere ai toni alti del decisionismo tanto di moda oggi, anche quando parlava con un giovanissimo cronista di una testata locale. La notizia mi ha shockato perché, quella che a tutti appare come un'esecuzione di camorra è avvenuta non a Scampia, non a Forcella, non cioè in un territorio segnato dalla presenza criminale, stabilmente sotto il tacco dei clan, ma invece in quel Cilento rurale e marittimo dove i fichi ancora si seccano al sole, la vita oltre ai sapori sono "slow" e dove la microcriminalità è un evento da prima pagina. Bisogna farlo capire a chi, diversamente da me, non è salernitano e quei luoghi non li conosce, sommando insieme morti ammazzati e sud insieme come se l'addizione fosse sempre la stessa. Le indagini faranno chiarezza, ci diranno la verità, ma se fosse confermato quello che sostengono anche importanti fonti giudiziarie come tanti colleghi dei vecchi tempi con i quali ci siamo sentiti al telefono, beh il quadro sarebbe quello soffocante di un "Fortapasc" globale. "Fortapasc" come il titolo del film sul giornalista trucidato, Giancarlo Siani, l'abusivo, "O' cacazz' ", il giornalista-giornalista, non il giornalista-impiegato, quello che voleva scrivere di camorra fino a che la camorra non l'ha zittito. Il giornalista che per Castellamare di Stabia coniò il titolo di "Fortapasc", l'avamposto assediato da Gionta, Bardellino, Nuvoletta. La storia di Angelo Vassallo ci racconta che quel "Fortpasc" non c'è più, che la camorra come una metastasi inarrestabile colonizza le cellule sane di un corpo chiamato sud, spingendolo verso un futuro incognito - nella peggiore delle ipotesi, quello di una zona franca dove non c'è possibilità di scampo per quelle realtà e per quegli uomini che voglio e creano uno modello di sviluppo diverso. Angelo Vassallo c'era riuscito a vincere la sua scommessa, forse per questo l'hanno ammazzato come Giancarlo Siani e come tanti altri, in macchina, sotto casa. Speriamo solo che i media si ricordino al di là di domani di questa storia e di quello che ci dice su quel pezzo di Campania che fino a stamattina credevamo libero dalla camorra e che ci faceva ancora sperare.

... Aveva tolto il porto ai privati, combatteva l'abusivismo e le speculazioni, sosteneva "Slow Food" e non gradiva nemmeno le cicche di sigaretta per strada. Era il simbolo di un'altra Campania possibile. Il suo assassinio ci ricorda come la politica possa diventare il principale obiettivo delle mafie quando dimostra di essere onesta. Quelle mafie che infiltrano le istituzioni, l'economia, il lavoro, la società.
Mafie che non bussano più alle porte della politica, perché è la politica che bussa alla loro: si offrono voti all'aspirante sindaco o parlamentare in cambio di un lasciapassare negli affari che le amministrazioni gestiscono (soprattutto locali), favorendo il crimine che li ha protetti nella corsa al potere, quando non arrivano a inserire nelle liste elettorali uomini di fiducia, pronti a fare i loro interessi...

(da Il Manifesto, settembre 2010)

... Vassallo viene raccontato come uno tosto, ecologista convinto e convinto sindaco antidroga. Capace di prendere a schiaffi personalmente i ragazzini che vedeva trafficare con la "roba" (dicendo loro: "Qui non si spaccia!"). Capace con la sua giunta di non rilasciare concessioni edilizie da anni e di far demolire un bagno abusivo sulla spiaggia. Ma questa zona è un gioiellino prezioso per il suo mare, l'accoglienza e la pulizia (cinque "Vele blu" da Legambiente e mezzo mondo che viene qui a villeggiare o in barca). Sei frazioni in tutto per duemilacinquecento residenti, che d'estate diventano ventimila persone pur senza grandi strutture ricettive. Un pezzettino di paradiso ancora tutto da "costruire, cementificare, sfruttare" e dove magari riciclare anche un bel po' di denaro. Un bel bocconcino per i boss della camorra...
(da Avvenire, settembre 2010)

Alcuni links:
www.fondazionevassallo.it

http://www.unita.it/italia/vassallo-ricchezza-egrave-luogo-dove-si-vive-1.159782

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/salerno/notizie/cronaca/2010/23-agosto-2010/vassallo-pd-sindaco-pescatore-l-unica-speranza-lega-1703623318008.shtml

postato da: taurus  


Mjriam Masciandaro a Radio circuito solareMusica e dintorni: "Pillole di counseling" senza controindicazioni... Sbarcano a Radio Circuito Solare!
letture: 226
18 ottobre 2018 di fabcol
La copertina del nuovo discoMusica e dintorni: A Natale Raffella Carrà torna con un nuovo disco
letture: 1489
04 ottobre 2018 di simonilla
locandina Lazio ti porta al cinemaCinema e Teatro: La Regione Lazio ti porta al cinema Cinema scontato e biglietti omaggio
letture: 1445
03 ottobre 2018 di simonilla
Claudio Baglioni, direttore artistico del Festival di SanremoSpettacoli e Cultura: Sanremo Giovani, prorogati i termini per partecipare
letture: 1241
02 ottobre 2018 di simonilla
Il nuovo sottopassoWebzine: Chiude il passaggio a livello di via Bergamo
letture: 1103
28 settembre 2018 di simonilla
Il tabellone dei ritardi di ieriCronaca: Disagi circolazione ferroviaria, arrivano i rimborsi l Gruppo FS Italiane si scusa con i viaggiatori che hanno subito forti ritardi. Rimborso integrale per viaggiatori del FR9540 e per treni AV Trenitalia arrivati con oltre 180'
letture: 1228
08 settembre 2018 di simonilla
LentezzaWebzine: Elogio della lentezza. (8)
letture: 2115
03 settembre 2018 di lince
Storia del territorio: La Via Appia: una grande strada concepita, costruita e sviluppata come una moderna autostrada Studio propedeutico alla ricerca di strade romane e preromane nel basso Lazio tra Terracina e il fiume Liri (1)
letture: 2171
11 agosto 2018 di Agostino Di Mille
Famiglia cristiana: La morte di un giornale cattolicoSpazio Aperto: La morte di un giornale cattolico - Se Famiglia Cristiana e padre Spadaro perdono la testa È una vera e propria isteria, alimentata da una concezione del cristianesimo solo orizzontale: la salvezza eterna ha lasciato il posto alla soluzione dei problemi terreni.
letture: 2468
26 luglio 2018 di Nuccio
M.MMusica e dintorni: Illuminiamoci d'Estate! Con... Mjriam Masciandaro.
letture: 2088
25 giugno 2018 di fabcol








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Propaganda elettorale
Una campagna elettorale che non cambia.
letture: 2371
13 maggio 2018
Cabine elettorali
Elezioni "senza fari"... (1)
letture: 1895
23 aprile 2018
consiglio comunale
Una presa di coscienza
letture: 1065
22 aprile 2017
Auguri, Formia. (2)
letture: 2089
05 giugno 2015
Fiaccolata
L'impegno "quotidiano" contro le mafie e le camorre. (1)
letture: 2168
31 maggio 2015
Rifiuti pericolosi a Forte Emilio Savio.
Rifiuti pericolosi a Forte Emilio Savio scaricati con la "complicità" delle istituzioni
letture: 2470
29 ottobre 2014
Lavoro stagionale in Scandinavia
Un "altro mondo" esiste, ma non è Rosarno, è... la Scandinavia!
letture: 2194
04 luglio 2013
Urna elettorale
Il voto "libero e incondizionato". (1)
letture: 3100
28 maggio 2013
Angelo Vassallo
Voglio ricordare ed onorare un "vero" Sindaco...
letture: 2951
31 agosto 2012
Deutscheland
Imitare il modello tedesco? Ecco i suoi dieci punti di forza. (2)
letture: 2471
27 agosto 2012