Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 11794
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 4653
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.608
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
23
gennaio
S. Emerenziana V.m.
Compleanno di:
sex arsanov
nel 1799: I giacobini napoletani proclamano la Repubblica Partenopea.
nel 1974: "Tubular Bells" di Mike Oldfield riceve il disco d'oro. La sua musica era stata utilizzata per i crediti del film "L'Esorcista".
nel 1982: Ivan Lendl vince il Masters di New York battendo John McEnroe 6-4,6-4,6-2.
dw

Home » News » Latina » Gaeta » O' guappo, la sciantosa e o' C...
martedì 10 agosto 2004
O' guappo, la sciantosa e o' Capitano.
Con Merola e Magliozzi va in scena la sceneggiata gaetana
letture: 2264
sceneggiata gaetana
sceneggiata gaetana
Gaeta: Bastava poco per trasformare una delle estati gaetane più bolse e desolate degli ultimi anni in una esemplare sceneggiata. E quel poco è andato in scena domenica sera, festa paesana della Madonna di Portosalvo, sul palco di piazzetta della Sirene.

Insomma, quando il sindaco di Gaeta, Capitano Massimo Magliozzi, è salito sul palco delle festa insieme a Mario Merola e a una bella sciantosa di origine cubana, solo allora la morente identità gaetana ha ritrovato il suo giusto tono drammaturgico: tra la sceneggiata e la patacca.
Sullo stesso palco dove si è appena conclusa la santa messa, quell'autentico mostro sacro della bassa provincia italiana che è Mario Merola si esibisce e canta, mette in scena la Napoli di emigranti e carcerati, madri piangenti e mandolini, di ragù e di malavita, la napoletanità da melodramma eccessivo e trionfante che molti napoletani amano e molti stessi napoletani sensibilmente detestano. E infatti per lo show di Merola c'è il tripudio dei napoletani in vacanza, nella Gaeta che anni fa Michele Serra definì come "sorta di protettorato turistico settentrionale della capitale del Meridione". Così, tra un tuppe tuppe marescia' e una strizzata d'occhio alla marca di vino che sponsorizza la serata, Merola chiama in scena "o' sindaco". E o' sindaco, in elegante completo beige e camicia a quadretti ma senza fascia tricolore, puntualmente arriva.

La scena è degna delle migliori sceneggiate. Del genere: o 'guappo, la sciantosa e o' Capitano. Il pubblico, osannante per Merola ma assai più freddo per il sindaco, sembra non capire. Qualche applauso, generale mormorio, niente fischi o pernacchie. Ma il sindaco sul palco non è un trauma per i napoletani in vacanza (cioè tre quarti della piazza), già abituati allo zoo della politica e all'irruenza naturale. «Che bello guaglione che è il sindaco», dice Merola, quasi offrendo uno dei suoi tipici pizzicotti sulla guancia al primo cittadino. Infatti il sindaco, che ora afferra il microfono con mimica fintamente impacciata, è il più merolesco di tutti, disarticolato e senza mediazioni com'è, quasi surreale. Il suo discorsetto di saluto suona come il celebre brano de O' Zappatore: «Felicissima sera, a tutti sti signuri incravattati, a chesta comitiva accussi allera, d'uommene scicche e femmine pittate. Chesta è 'na festa 'e ballo... e 'j ca' so sceso a copp' o sciaraballo, senza cerca 'o permesso abballo j 'pure». Poi Merola gli chiede: «Sindaco, com'è chesta città?». E quello, tossicchiando: «E' bella, perché i gaetani sono belli fuori e sono belli dentro (applauso) e noi stiamo facendo del tutto per renderla ancora più bella». E trova il tempo, il buongustaio Merola, pure per fare pubblicità al ristoratore Mario 'la Saliera', altro personaggio da sceneggiata gaetana, tornato dopo le sue liti politicanti e i suoi guai giudiziari alle pizze margherita e ai fritti misti. Cosicché, anche il rito tribale - politico della mangiata riacquisti il suo eroe.

Difatti, sul palco della sceneggiata, a metà strada tra gli ex-voto e le bottiglie di vino, Magliozzi è perfetto, quasi più a suo agio che sulla poltrona del consiglio comunale. Sarebbe semplicistico ridurre la sua apparizione nei classici termini di una strumentalizzazione della festa, di un gesto di arroganza mediatica. D'altronde in questa estate di grave crisi turistica e di giunta comunale a pezzi, il Capitano Magliozzi è ridotto come il Merola di un'altra celebre sceneggiata, Guapparia: «Ero 'o cchiu' guappo 'e vascio a Sanità, mo e aggio perso tutta a guapparia». Ma contro il sindaco e la sua claque non c'è ferocia, anche nelle stanche discussioni tra gaetani, autolesionisti e autoironici come sono gli abitanti di questa terra che è già meridionale. Lo stesso pubblico di Merola ne percepisce subito l'ambiguità, capiscono che anche Magliozzi ha, come tutti, le tasche piene di trucchi e di patacche.

L'arte della sceneggiata è da sempre il luogo dell'economia del vicolo, della paccottiglia, delle tonalità smodate, della vita di espedienti. E lo stesso Magliozzi sembra Mario Merola quando nei suoi ruspanti comizi esalta il sole e il mare e promette meraviglie come se fossimo in certe televendite da mobilificio campano anni ottanta. Compreso ieri sera quando, col vero Merola affianco e il braccio teso verso il pubblico perplesso, annunciava «vi faremo ancora più belli di quanto siamo già!».

Se al posto di Merola ci fosse stato Totò, altro grande simbolo partenopeo ma assai più sopraffino, forse avremmo assistito a uno scambio di battute come quello (geniale) tra lui e un certo Jimmy il Fenomeno nel film "Gambe d'oro" del 1957. Totò: «Una faccia da fesso come la tua non l'ho mai vista». Jimmy: «Grazie». Totò: «Prego, non c'è di che».

Nella gaia domenica della "madonna nostra", che parte dalle parrocchiane in novena e arriva fino al figlio di Mario Merola che mentre inizia a cantare una sua "Ave Maria" invita il pubblico ad "accendere tutti i telefonini" così per creare atmosfera, si saldano i sentimenti del sacro e quelli del profano, il colto e l'istintivo. Per non parlare del rito della processione (perfettamente affrescato nelle inquadrature in soggettiva, a tratti lombrosiane, di Ciano su TMO), secolare esempio di incrocio tra religione e operetta. Certamente quello a cui la festa è andata meglio è il signor Ciccariello, quello del vino. Il quale ha sapientemente invitato il suo amico Merola, e ha pure messo in vendita le bottiglie speciali di vino bianco con la sua foto. E Merola ha ricambiato la cortesia: «Quando bevi il vino Ciccariello, lievati 'o cappiello!». Dunque, Ciccariello, nella grande sceneggiata gaetana, recita "l'uomo ricco che ama il popolo" e, da buon fedele, si è accattato la Madonna e l'ha generosamente offerta ai suoi concittadini. Il sindaco gaetano furbescamente ci si è aggrappato, lui che sta imparando a utilizzare l'arma della visibilità, svezzato dalle tivù di quartiere e dalle feste paesane. Non calcola che di fronte ad un'amministrazione che fa troppe chiacchiere e pochi fatti possa scatenarsi lo stesso effetto-boomerang in atto per il suo idolo politico, Silvio Berlusconi. Ovvero: l'insopportabilità del personaggio da parte della sua stessa "gente" diventa direttamente proporzionale alla sua ingordigia mediatica e televisiva. Per dirla come la direbbe Merola: scetatevi vagliu' che l'aria è doce...

di: Luca Di Ciaccio


Partito ComunistaGaeta: Ritardo pagamenti, solidarietà ai dipendenti Ecocar: Il PC rilancia la proposta di azienda pubblica.
letture: 367
20 gennaio 2020 di Benedetto Crocco
On. Raffaele TranoGaeta: Area Eni strategica per il porto, Trano auspica l'interesse di enti pubblici In vendita quasi 60.000 mq nel retroporto, presto all'interno della Zls
letture: 370
19 gennaio 2020 di Raffaele Trano Portavoce M5S
Presentazione libroGaeta: Presentazione libro "Comprendimi" Di Laura Palumbo
letture: 1243
12 gennaio 2020 di DavideMalaguarnera
Gaeta: Da Vicenza a Gaeta condoglianze e solidarietà al capitano dei CC Luca Bordin L'ex brillante comandante del Norm dell'allora Compagnia di Gaeta ha perso la madre, Carmela Guarino, genitrice di ben nove figli.
letture: 2757
30 dicembre 2019 di Flaminio
Acqua torbida e costosa.Gaeta: Torbidità e rincari, "regalo di Natale" da Acqualatina ed Amministrazioni comunali.
letture: 3226
24 dicembre 2019 di Benedetto Crocco
Gaeta, il golfo e il porto commerciale.Gaeta: Scandalo "pet-coke". Privati ed Autorità Portuale sotto accusa da parte del PC.
letture: 3380
22 dicembre 2019 di Benedetto Crocco
alberi per il futuroGaeta: Alberi per il futuro. Il dono di Raffaele Trano alla città di Gaeta
letture: 3406
14 dicembre 2019 di Raffaele Trano Portavoce M5S
Un momento dell'incontroGaeta: Il Vescovo tra i pazienti oncologici del Dono Svizzero di Formia Incontro voluto dalla LILT Gaeta/Sudpontino. L'ALIS di Santi Cosma e Damiano ha donato una carrozzella da trasporto pazienti.
letture: 3382
12 dicembre 2019 di Sandra Cervone
Gaeta: Il capitano della Benemerita LUCA BORDIN cavaliere del lavoro L'INSTANCABILE UFFICIALE SI ERA DISTINTO, TRA L'ALTRO, QUALE COMANDANTE DELL'ALLORA NORM DEI CC DI GAETA
letture: 2973
10 dicembre 2019 di Flaminio
Marco Rizzo - Segretario Generale del Partito ComunistaGaeta: Sabato 14 Marco Rizzo a Gaeta per i 70 anni della NATO
letture: 2378
09 dicembre 2019 di Benedetto Crocco








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
locandina compromessi sposi
I compromessi paesani
letture: 3336
30 gennaio 2019
gaeta
Luminarie e scion scion (1)
letture: 3271
06 gennaio 2019
sciuscio con nino granata
Intervista a Nino Cocchetto: ho salvato glie sciuscie
letture: 4781
31 dicembre 2018
gaeta
"Storie di un paese di mare", la Gaeta minima che tutti sanno ma nessuno vede
letture: 2156
25 ottobre 2018
scimmie
La via formiana allo spinello (5)
letture: 2138
18 ottobre 2018
antonio ciano
La verità su TMO e il Masaniello dell'etere
letture: 4283
05 ottobre 2018
scissure
Famiglie, nudisti e rave party: la doppia vita di una spiaggia
letture: 6898
28 settembre 2018
gaeta
L'estate del nostro scontento
letture: 2347
06 settembre 2018
Sdoganiamo Gigione! (2)
letture: 2253
04 settembre 2018
massimo magliozzi
E Gaeta si consegnò alla destra, ma tornò alla vecchia Dc. (6)
letture: 2576
02 settembre 2018


Commenti: 1

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2020 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2020 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it