Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 28/09 al 31/12 Scienza e Tecnologia: L'IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per "Giovani Ricercatori"
letture: 3471
dal 19/10 al 29/12 Fondi: FONDI (LT), Libri di testo: per chiedere i contributi c'è tempo fino al 30 dicembre
letture: 1127
dal 29/10 al 06/01 Pomezia: Le Mani della Terra - I Valori del Mare
letture: 3171
dal 06/11 al 31/12 Cisterna: IL CENTRO SPORTIVO SAN VALENTINO SI CANDIDA AI FONDI PER IL PIANO NAZIONALE "SPORT E PERIFERIE"
letture: 2485
dal 09/11 al 09/11 Cisterna: NASCE IL CANALE TELEGRAM "INFOPOLIZIA LOCALE CISTERNA"
letture: 2111
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 2094
dal 11/11 al 30/12 Cisterna: CISTERNA di Latina, COVID: IL COMUNE CERCA NEGOZI DA CONVENZIONARE PER LA CONSEGNA A DOMICILIO
letture: 1899
dal 12/11 al 22/12 Fondi: Il sindaco incontra i dirigenti: a Fondi le scuole restano aperte
letture: 1713
dal 13/11 al 30/12 Fondi: Mascherine e assembramenti: intensificati i controlli a Fondi
letture: 1716
dal 20/11 al 20/11 Fondi: Il Comune di Fondi tende la mano agli ambulanti: a novembre il mercato si terrà di venerdì
letture: 1321
dal 22/11 al 29/11 Formia: MARANOLA di FORMIA: Festival di Musica e Cultura Tradizionale
letture: 1752
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.628
visitatori:326
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
29
novembre
S. Livia
Compleanno di:
sex doghi
sex dragone
nel 1864: Truppe irregolari americane attaccano a tradimento e massacrano 163 pellirossa Cheyenne e Arrapaho accampati nei pressi del torrente Sand Creek, in Colorado.
dw

Home » News » Frosinone » Picinisco » E nel clou del Pastorizia in F...
martedì 16 agosto 2011
E nel clou del Pastorizia in Festival,appare a Picinisco la Madonna Pastora
La Madonna Pastora ritorna alla luce dopo così tanto inspiegabile oblio (da: www.andreatta.it)
letture: 4788
Madonna Pastora da www.andreatta.it
Madonna Pastora da www.andreatta.it
Picinisco: Il riconoscente sentire dei pastori di Picinisco quando ascendevano con greggi e mandrie sui pascoli più alti dei loro monti, fin sulle cime delle Mainarde quasi a toccarlo quel limpido cielo...
E nel clou del Pastorizia in Festival, il 10 agosto, è apparsa a Picinisco la Madonna Pastora.

di Sergio Andreatta



"Nel cielo abbiamo una Madre. Il cielo è aperto, il cielo ha un cuore", molti secoli prima che papa Benedetto XVI pronunciasse queste stupende parole, il 15 agosto 2005, questo sembrava essere già il riconoscente sentire dei pastori di Picinisco quando ascendevano con greggi e mandrie sui pascoli più alti dei loro monti, fin sulle cime delle Mainarde quasi a toccarlo quel limpido cielo... Il mestiere del pastore con quello del boscaiolo, del contadino e dell'artigiano, fino a metà del secolo scorso era il più diffuso e condiviso tra gli strati popolari di questo bel villaggetto montano dell'Appennino Centrale Abruzzese, già del Regno di Napoli fino al 1861, esattamente in provincia di Terra di Lavoro fino al 1927. A Picinisco si potevano censire oltre 60.000 capi di ovini, tra pecore e capre, e le famiglie traevano la loro principale fonte di reddito, la loro economia e anche il prestigio del loro status sociale principalmente dalla pastorizia e dal numero dei capi governati in gregge. I pastori, specie i garzoni (oggi sono per lo più stranieri: rumeni, macedoni, albanesi...), praticavano un lavoro duro, faticoso, che li portava, pur esentandosi da distanti transumanze per la ricchezza di pascoli in luogo, per lunghi periodi fuori di casa. Le principali famiglie pastorali di Picinisco (nelle dinastie dei Crolla, degli Andreucci, dei Pia, dei Pacitti, dei Perrella,...), alcune delle quali di chiara origine pastorale sarda (es. i Vacca,...), trasudavano di benessere mentre tra i pastori non era infrequente attestare la presenza di giovani capaci anche di apprezzate espressioni artistiche, sia musicali con zampogne e organetti sia di manipolazione del legno lavorato a punta di coltello e su modelli che talvolta ci ricordano assai da vicino forme di più antica civiltà nella produzione di oggetti di notevole valore, come le conocchie di legno o di canna per filare la lana o la canapa o la ginestra. Di regola intagliati dai giovani pastori, questi oggetti venivano offerti in dono alle ragazze del paese ed erano, allora, rocche di legno, decorate con figurine di uomo o di donna o di animali o di fiori, che serbano chiare impronte di un'arte minore tramandatasi di padre in figlio. I giovani pastori erano anche in grado di produrre cucchiai, forchette, mestoli, zoccoli e altri utensili della suppellettile casalinga e pastorale. Durante le lunghe assenze in attesa dei fidanzati le ragazze nelle loro case provvedevano, intanto, al ricamo della dote e, se capaci - promuovendo una piccola imprenditoria in proprio - cucivano e tessevano anche tappeti per altri committenti. Il senso religioso era molto sentito ed espresso, un vera koinè, un comun denominatore antropologico tipico della sociosfera, un carattere contraddistintivo senza il quale un soggetto era sottoposto al patimento di una sorta di scomunica non canonica, non erogata ma che affliggeva e permeava socialmente tutta la sua esistenza in quanto estraneo alla chiesa, alle sue affermazioni (definizioni dogmatiche), ai suoi sentimenti che erano poi di tutti. Così pochi, se non nessuno aveva la forza di opporsi alle convenzioni e di resistere, sia pure per altra convenienza, alla condivisione di quel sentire comunitario. Benestanti e capaci, maggiormente con la decadenza dell'aristocrazia economica dei notai Bartolomucci, di indirizzare anche le sorti politiche del paese, i pastori si erano via via dimostrati nei secoli, come pure attestano numerosi documenti, capaci di oblazioni, anche consistenti, per grazia ricevuta o per sua richiesta verso la chiesa locale sottoposta all'officio dell'abate e dei canonici di S. Maria (già attivi e riconosciuti da una bolla papale fin dai tempi antichi di papa Pasquale II novecento anni fa). Culto mariano antichissimo, dunque, perfino antecedente a quello della stessa Madonna di Canneto... Un giorno, dopo una devastazione più forte delle altre, il villaggio al fine di assicurare migliori strategie difensive alla popolazione, sarebbe stato spostato dal colle del Castello, ad ovest dietro l'abbazia, sopra il soprastante sperone roccioso, con l'edificazione di una robusta torre difensiva funzionale al controllo dei movimenti sulla Valle del Canneto (Var-romana) che mette in comunicazione il Lazio con gli Abruzzi e con l'insediamento intorno al castello del primo nuovo nucleo abitato. Ma col tempo anche l'antica Abbazia di S. Maria avrebbe perso d'importanza, trasformata in chiesa cimiteriale a seguito del decreto sull'igiene pubblica del 1809 di Gioacchino Murat che prevedeva che i cimiteri fossero posti fuori dei paesi (quindi qui non più su Via S. Croce), e di conseguenza il centro religioso principale sarebbe stato definitivamente trasferito nella più centrale chiesa collegiata, officiata dal medesimo abate, intitolata a S. Lorenzo levita."Trionfatore degli idoli / di Cristo invitto atleta / e in terra e in ciel t'inneggiano / col popolo che canta: / Lorenzo in tutti i secoli / dei martiri sei fior. / Vanto tu sei dei popoli / e dei leviti onor. / Vanto tu sei dei popoli / e nostro protettor./ La fiamma che in te vincere / seppe cocenti ardori / della crudel graticola / avvampa i nostri cuori. / Lorenzo in tutti i secoli / dei martiri sei fior. / Vanto tu sei dei popoli / e dei leviti onor. / Vanto tu sei dei popoli / e nostro protettor..." /. Così canta ancora il popolo sotto le volte dell'antica chiesa, e canterà durante la processione che si snoda per le vie medioevali del centro storico, in occasione della festa patronale da dieci anni concomitante con l'ultimo giorno della Rassegna del Pastorizia in Festival, quando dalla mano del sindaco viene quest'anno svelata la statua di una Madonna pastora. La devozione patronale al santo diacono non ha mai intaccato e affievolito il millenario e antecedente culto alla Madre di Dio... L'apparizione della Madonna Pastora emoziona e numerose acclamazioni di meraviglia la salutano. Si tratta di un'antica statua del sec. XVIII (foto e articolo di Sergio Andreatta), recuperata nei locali della "Congrega" della chiesa matrice vera miniera di altre sorprese promesse (tra cui una Madonna del latte con bimbo che succhia al seno nudo della madre,...). La statua rappresenta una bellissima madonna, bellissima e florida donna del popolo, immaginiamo delle Fontitune, che fiera nel suo capo eretto sorregge il suo delizioso bimbetto nudo dalle guance vermiglie che a sua volta accarezza tra le sue mani una pecorella: la Madonna Pastora, appunto, ritornata alla luce dopo così tanto inspiegabile oblio per opera e volontà dell'abate don Antonio Molle, parroco di Picinisco e Settefrati. Nel vivo apprezzamento culturale per la riscoperta tradizione, sia pure immaginabile ancora una volta come invenzione di un devoto momento, e con l'applauso del popolo dei fedeli e non. Un'immagine che trasmette un'iniezione di fede o comunque un senso pacato di devozione popolare, allontanandosi dalla drammaticità tipica di altre opere pur presenti sotto le tre navate della chiesa come la statua dell'Addolorata. Con la rappresentazione iconografica offerta, piuttosto idealizzata malgrado l'insolita raffigurazione dell'introduzione dell'agnello, ha voluto l'artista costruire e dare dimostrazione di una grande adesione e partecipazione al culto mariano del popolo piciniscano di tre secoli fa. Ma ancora oggi la statua mantiene tutta la sua freschezza nell'efficacia espressiva dei tratti del volto tipica dei tempi in cui dominava la teocrazia, il timor di Dio ("Avverti che Dio ti vede" sta inciso su alcune lapidi sparse nei vicoli e in una fontana di sorgente, Fonte Scopella, fuori del paese) e la società nell'establishment dei suoi valori metafisici non era ancora corrosa dalle insinuazioni del materialismo, del secolarismo e dell'odierno consumismo che, nella caduta o nell'avanzare dei tempi a seconda delle personali e ispirative visioni, impregnano oggi di complessità e precarietà le condizioni delle nostre quotidiane esistenze. © - Sergio Andreatta, Riproduzione riservata, 2011.

di: Sergio Andreatta


Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,Picinisco: Arandora Star, la cattiva memoria. 2.07.1940, ore 6,58: un grave misfatto, più che solo un increscioso incidente, di W. Churchill.
letture: 2647
22 luglio 2019 di Sergio Andreatta
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.Picinisco: Entri dal cancello con l'istinto della fuga... I nomi delle molte vittime incisi su una lapide.
letture: 2252
12 ottobre 2017 di Sergio Andreatta
Dom Edmer abate di PiciniscoPicinisco: La benedizione delle case, emigrazione da un rito. Come accetta questo rito una società multietnica, multireligiosa e diffusamente laicizzata?
letture: 2503
03 aprile 2016 di Sergio Andreatta
Orso marsicano (Corpo Forestale)Picinisco: Picinisco, tutti pazzi per l'orso Lorenzo di Sergio Andreatta da www.andreatta.it (anche per le foto). Poco prima di mezzanotte scende in paese un orso bruno marsicano.
letture: 5756
17 agosto 2013 di Sergio Andreatta
I Ciacca di PiciniscoPicinisco: Quando le pietre di un piccolo mondo antico tornano a parlare A I Ciacca, antico borgo rurale di Picinisco, rinasce una barbatella di speranza.
letture: 3907
13 agosto 2013 di Sergio Andreatta
Picinisco, Cascata sul fiume MelfaPicinisco: Spettacolo Melfa Tra balzi e cascatelle spettacolari i giochi d'acqua del fiume Melfa nel territorio di Picinisco.
letture: 4736
10 luglio 2013 di Sergio Andreatta
Aurelio Picca (sx), M.R. Valentini (dx), scrittori al II Festival delle Storie - PiciniscoPicinisco: "Antonia" l'ultimo romanzo di Maria Rosaria Valentini II Festival delle Storie della Val di Comino, da www.andreatta.it
letture: 4169
08 agosto 2011 di Sergio Andreatta
regione lazioPicinisco: La Regione Lazio non rispetta la cultura popolare della Valle di Comino Duro Comunicato Stampa dell'ing. Giancarlo Ferrera: penalizzata la tradizione, il turismo e l'economia estiva della Valle.
letture: 3252
04 luglio 2011 di Sergio Andreatta
Religiosità di Luigi GiannettiPicinisco: RELIGIOSITA', un libro di fotografia di Luigi Giannetti Quando il più profondo legame comunitario, il sentimento religioso di un paese, Picinisco, diventa un'opera d'arte.
letture: 6159
08 agosto 2009 di Sergio Andreatta
Picinisco 2009, Il sentiero della ragazza perdutaPicinisco: Picinisco. Il sentiero della ragazza perduta Per ritrovarsi bisogna prima un po' perdersi...
letture: 5382
04 agosto 2009 di Sergio Andreatta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
De rerum natura
Peste di Atene e Covid 19
letture: 3666
29 maggio 2020
Il saggio del prof. J. Kelly
Peste e Progrom nel XIV secolo
letture: 2055
08 aprile 2020
Covid 19 e Peste Nera
La peste Nera (1)
letture: 1821
30 marzo 2020
Latina, Monumento a Eunice Kennedy
Monumento a Latina per Eunice Kennedy
letture: 3617
15 dicembre 2019
L'Ambasciatrice indiana a Roma e il Sindaco Damiano Coletta
La Comunità Sikh dona 550 piante a Latina
letture: 3496
15 dicembre 2019
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 3201
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2647
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 2172
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1967
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2698
15 dicembre 2017