Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 28/09 al 31/12 Scienza e Tecnologia: L'IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per "Giovani Ricercatori"
letture: 3480
dal 19/10 al 29/12 Fondi: FONDI (LT), Libri di testo: per chiedere i contributi c'è tempo fino al 30 dicembre
letture: 1136
dal 29/10 al 06/01 Pomezia: Le Mani della Terra - I Valori del Mare
letture: 3179
dal 06/11 al 31/12 Cisterna: IL CENTRO SPORTIVO SAN VALENTINO SI CANDIDA AI FONDI PER IL PIANO NAZIONALE "SPORT E PERIFERIE"
letture: 2493
dal 09/11 al 09/11 Cisterna: NASCE IL CANALE TELEGRAM "INFOPOLIZIA LOCALE CISTERNA"
letture: 2119
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 2103
dal 11/11 al 30/12 Cisterna: CISTERNA di Latina, COVID: IL COMUNE CERCA NEGOZI DA CONVENZIONARE PER LA CONSEGNA A DOMICILIO
letture: 1908
dal 12/11 al 22/12 Fondi: Il sindaco incontra i dirigenti: a Fondi le scuole restano aperte
letture: 1721
dal 13/11 al 30/12 Fondi: Mascherine e assembramenti: intensificati i controlli a Fondi
letture: 1725
dal 20/11 al 20/11 Fondi: Il Comune di Fondi tende la mano agli ambulanti: a novembre il mercato si terrà di venerdì
letture: 1330
dal 22/11 al 29/11 Formia: MARANOLA di FORMIA: Festival di Musica e Cultura Tradizionale
letture: 1761
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.628
visitatori:337
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
29
novembre
S. Livia
Compleanno di:
sex doghi
sex dragone
nel 1864: Truppe irregolari americane attaccano a tradimento e massacrano 163 pellirossa Cheyenne e Arrapaho accampati nei pressi del torrente Sand Creek, in Colorado.
dw

Home » News » Frosinone » Picinisco » "Antonia" l'ultimo romanzo di ...
lunedì 08 agosto 2011
"Antonia" l'ultimo romanzo di Maria Rosaria Valentini
II Festival delle Storie della Val di Comino, da www.andreatta.it
letture: 4169
Aurelio Picca (sx), M.R. Valentini (dx), scrittori al II Festival delle Storie - Picinisco
Aurelio Picca (sx), M.R. Valentini (dx), scrittori al II Festival delle Storie - Picinisco
Picinisco: Una trama fitta, popolata di tradizioni familiari e di personaggi che sono realmente esistiti fin da sembrare autobiografici ma anche un piccolo capolavoro letterario presentato in questi giorni al 2° Festival delle Storie della Val di Comino.
"Antonia" l'ultimo romanzo di Maria Rosaria Valentini.

"Das Schicksal gewährt uns unsre Wünsche, aber auf seine Weise, um uns etwas über unsere Wünsche geben zu können" (J.W. von Goethe).

© di Sergio Andreatta



La sera di venerdì 5 agosto sono a La Fucina di Picinisco. Una bella piazzetta antica, una quinta suggestiva per un salottino letterario segnato da un volatile percorso di odori che anticipano i sapori. Siamo vicino allo spiedo rovente di Loreto Pacitti di Casa Lawrence, gli arrosticini sopra a cuocere. Rispondono alle domande ficcanti di Vittorio Macioce, un giornalista de Il Giornale, Maria Rosaria Valentini, Aurelio Picca e uno di Zelig che preferisco non citare perché mi risulterebbe azzardato quotarlo come scrittore. E a me francamente stasera interessano gli scrittori, magari di vaglia più che di grido. La missione che continua a darsi questo II festival delle Storie è quella di portare scrittori, artisti, giornalisti (nella piazza principale Mario Giordano presenterà tra poco il suo "Sanguisughe", Mondadori) a raccontare le loro storie nei piccoli paesi della Val di Comino (Alvito, Atina, Broccostella, Picinisco, S. Donato. Settefrati e Vicalvi). Un'ambizione all'insegna (quasi fosse un negozio ed infatti in alcune bancarelle c'è anche la possibilità di acquistare libri e non soltanto quelli presentati) di letteratura, cinema, teatro, musica e scienza. Scelgo di parlar della Valentini perché le sue risposte mi sembrano particolarmente convincenti per la loro incisività come "colpi d'ascia", mi affascinano e non soltanto perché è del posto, nata a S. Biagio Saracinisco e con molte radici parentali nella stessa Picinisco. Certo il mio conterraneo Aurelio Picca da Velletri, "Se la fortuna è nostra" pubblicato da Rizzoli, ha già raggiunto una sua notorietà presso il lettore italiano ed è anche per questo che la mia scelta vira decisamente sulla Valentini, una laurea in germanistica conseguita a La Sapienza di Roma ma che da oltre vent'anni vive in Svizzera, per una straordinaria sintonia con la storia spaesata di tanti altri emigranti costretti all'esodo da questa Valle bellissima ma anche di lacrime per le scarse opportunità di lavoro e di successo personale che permette. Qui a Picinisco, nel 2009, per i suoi precedenti romanzi "Quattro mele annurche" (2005) e "Di armadilli e charango..." (2008) le era stato attribuito il premio europeo di narrativa "Giustino Ferri - David Herbert Lawrence". "Non ho voglia di parlare con gli altri, ma ho sempre solo voglia di parlare con me stesso, di vomitarmi addosso quello che vedo, racimolo, ricordo. Io mi rumino dentro...". E' l'inizio svelto delle 138 pagine di "Antonia", il romanzo edito da Gabriele Cappelli Editore, Mendrisio, 2010.



Ciarli è un geologo melanconico e misantropo che recupera con ossessione, per auto-racconto, la sua storia da bambino, la storia della cugina Antonia, o forse più, la storia della sua famiglia. Storia di emigranti come tanti perché quando si è poveri e non si è rassegnati non si ha che una risorsa, quella di emigrare in cerca di fortuna. Una storia spezzata, dolorosa perché "la vita è sempre un colpo d'ascia", tagliente, senz'appelli. Una storia a lungo sovrastata, oltre la comprensione di Renzuccio e Angiolina, dalla figura incombente del padre di Antonia, una vera fabbrica di mentalità autoritarie direbbe Wilhelm Reich. In realtà la vera, assoluta protagonista è Antonia, la cugina di un anno più grande di Ciarli che vive e rivive di continuo nelle sue smaltate considerazioni, nata come è nata, cresciuta nell'antica San Biagio Saranicisco, povero borgo di pochi tetti e di ancor meno abitanti, i sassi della villetta comunale contati e calpestati insieme da scalzi, le cure della maestra Costanza, il bar di nonno Renzuccio, le attenzioni di nonna Angiolina. Le continue schermaglie con Ciarli che, come familistica "religio", sono servite a legarli di un cemento indissolubile per la vita, i due pastelli dominati e incontaminati di verde e di celeste dei panorami della Valle, pure abbastanza chiusi da quei domiciliari orizzonti. E' la storia dei grandi che la lasciano per emigrare in cerca di fortuna a Swansea, Galles, di sradicamenti e di ferite e di radicamenti nuovi, anche linguistici, tentati e quasi impossibili da raggiungere nel nuovo contesto. E' la diacronia reale di questa Valle che ancora quest'anno e per il futuro vivrà delle mille storie, più una, dei nipoti e dei pronipoti dei pionieri scappati a vivere in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda. Ma qui sono comunque rimaste le radici che fanno ancora dire loro, pur di terza o quarta generazione, con orgoglio "Songo 'taliano", sarà che qui c'è questo sole che lì è soltanto precario se non negato, il verde esplosivo dei boschi senza fine, l'acqua pura dei rii, il pomodoro e l'olio vergine d'oliva, la cantilena dei pellegrini che ad agosto puntualmente si mettono in viaggio per i sentieri selvatici che portano su al Canneto. Andata e ritorno. La mia bella casa a Picinisco è figlia di una di queste storie, tra i primi emigranti a fine ottocento a Londra. Così la casa dei miei vicini di destra (da Edimburgo) o di sotto (da Glasgow). Le storie si ripetono all'infinito con alcune varianti ed è bene che qualcuno, come la Valentini, nelle sequenze drammatiche e nelle prospettive della speranza le abbia sapute raccogliere prima della loro definitiva dispersione. Il critico Giorgio Barberi Squarotti definisce, e a ragione, il romanzo come molto bello, "... sia per l'ottima tenuta del linguaggio, della tensione narrativa, dell'intensità delle situazioni e degli eventi, sia per la sapienza nel fissare i personaggi e i luoghi". Maria Rosaria Valentini con questo suo libro attesta che la Valle di Comino, e Picinisco e i suoi dintorni in particolare, si confermano luoghi letterari per eccellenza. E la vita stessa, con i suoi molteplici spunti e le sue deprivazioni, che ne conferma il carattere. Ecco perché queste storie, almeno quelle più significative come quella di "Antonia", quasi ispirativo genius loci, non devono mai svanire in una folata di vento. L'invito quindi, ai tanti aspiranti alla scrittura, è quello di continuare a raccoglierle come parte integrante della propria esistenza precedente. Uno scritto di valore antropologico-culturale con una trama fitta, popolata di tradizioni familiari e di personaggi che sono realmente esistiti fin da sembrare autobiografici ma anche un piccolo capolavoro letterario di Maria Rosaria Valentini, sulla scia del più celebre "Vita" di Melania G. Mazzucco. "Das Schicksal gewährt uns unsre Wünsche, aber auf seine Weise, um uns etwas über unsere Wünsche geben zu können" (J.W. von Goethe,Le affinità elettive). Il destino esaudisce i nostri desideri, ma a modo suo, per poterci dare qualche cosa che è superiore ai nostri stessi desideri. © - Sergio Andreatta, Riproduzione riservata.

di: Sergio Andreatta


Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,Picinisco: Arandora Star, la cattiva memoria. 2.07.1940, ore 6,58: un grave misfatto, più che solo un increscioso incidente, di W. Churchill.
letture: 2648
22 luglio 2019 di Sergio Andreatta
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.Picinisco: Entri dal cancello con l'istinto della fuga... I nomi delle molte vittime incisi su una lapide.
letture: 2252
12 ottobre 2017 di Sergio Andreatta
Dom Edmer abate di PiciniscoPicinisco: La benedizione delle case, emigrazione da un rito. Come accetta questo rito una società multietnica, multireligiosa e diffusamente laicizzata?
letture: 2503
03 aprile 2016 di Sergio Andreatta
Orso marsicano (Corpo Forestale)Picinisco: Picinisco, tutti pazzi per l'orso Lorenzo di Sergio Andreatta da www.andreatta.it (anche per le foto). Poco prima di mezzanotte scende in paese un orso bruno marsicano.
letture: 5757
17 agosto 2013 di Sergio Andreatta
I Ciacca di PiciniscoPicinisco: Quando le pietre di un piccolo mondo antico tornano a parlare A I Ciacca, antico borgo rurale di Picinisco, rinasce una barbatella di speranza.
letture: 3908
13 agosto 2013 di Sergio Andreatta
Picinisco, Cascata sul fiume MelfaPicinisco: Spettacolo Melfa Tra balzi e cascatelle spettacolari i giochi d'acqua del fiume Melfa nel territorio di Picinisco.
letture: 4737
10 luglio 2013 di Sergio Andreatta
Madonna Pastora da www.andreatta.itPicinisco: E nel clou del Pastorizia in Festival,appare a Picinisco la Madonna Pastora La Madonna Pastora ritorna alla luce dopo così tanto inspiegabile oblio (da: www.andreatta.it)
letture: 4789
16 agosto 2011 di Sergio Andreatta
regione lazioPicinisco: La Regione Lazio non rispetta la cultura popolare della Valle di Comino Duro Comunicato Stampa dell'ing. Giancarlo Ferrera: penalizzata la tradizione, il turismo e l'economia estiva della Valle.
letture: 3253
04 luglio 2011 di Sergio Andreatta
Religiosità di Luigi GiannettiPicinisco: RELIGIOSITA', un libro di fotografia di Luigi Giannetti Quando il più profondo legame comunitario, il sentimento religioso di un paese, Picinisco, diventa un'opera d'arte.
letture: 6159
08 agosto 2009 di Sergio Andreatta
Picinisco 2009, Il sentiero della ragazza perdutaPicinisco: Picinisco. Il sentiero della ragazza perduta Per ritrovarsi bisogna prima un po' perdersi...
letture: 5382
04 agosto 2009 di Sergio Andreatta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
De rerum natura
Peste di Atene e Covid 19
letture: 3666
29 maggio 2020
Il saggio del prof. J. Kelly
Peste e Progrom nel XIV secolo
letture: 2055
08 aprile 2020
Covid 19 e Peste Nera
La peste Nera (1)
letture: 1821
30 marzo 2020
Latina, Monumento a Eunice Kennedy
Monumento a Latina per Eunice Kennedy
letture: 3617
15 dicembre 2019
L'Ambasciatrice indiana a Roma e il Sindaco Damiano Coletta
La Comunità Sikh dona 550 piante a Latina
letture: 3496
15 dicembre 2019
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 3201
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2648
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 2172
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1967
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2698
15 dicembre 2017