Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 4497
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 7872
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej (1)
letture: 1205
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 1452
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 802
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.605
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
16
dicembre
Compleanno di:
sex luciana
sex nonnotore
sex PepeNero
sex polpo58
sex thebest
sex virgicos
nel 1631: Spaventosa eruzione del Vesuvio in Campania. 6 paesi vengono distrutti e oltre 4000 persone muoiono.
dw

Home » News » Webzine » Columna Infamiae » FS, il ritardo ora è denaro
mercoledì 26 gennaio 2011
FS, il ritardo ora è denaro
Il meccanismo di pagamento delle Regioni incentiva i treni locali a rallentare ancora
letture: 2343
Pendolari FS
Pendolari FS
Columna Infamiae: Dal "Il Fatto quotidiano" del 25.01.2011
di Daniele Martini

Poveri pendolari. Non bastava la sporcizia, la mancanza di puntualità, il sovraffollamento. Ora si scopre che i treni regionali vanno sempre più piano non per colpa dei mezzi troppo vecchi, dell'inadeguatezza delle linee o del destino cinico e baro. Secondo diversi esperti, e in particolare quelli di Assoutenti, la causa è un'altra e si chiama "contratto di servizio" o, come dicono alle Ferrovie, "contratto a catalogo". In base a questo tipo di intesa, tra i parametri usati per calcolare il prezzo che le Regioni devono corrispondere a Trenitalia (Fs) per i treni locali, il fattore tempo è diventato determinante. Più tempo ci vuole per percorrere una linea, più il prezzo sale.
SICCOME LA DURATA di un determinato percorso non è stabilita da un'autorità terza, neutrale tra Regioni e Ferrovie, ma dalle Ferrovie stesse attraverso la società Rfi (Rete ferroviaria italiana), è forte il sospetto che quest'ultima possa essere tentata di allungare i tempi così da consentire alla consorella Trenitalia di incassare più soldi. Prima non funzionava così: fino al 2009 per determinare il prezzo di ogni convoglio si faceva riferimento soprattutto alla lunghezza della tratta. Ci sono anche altri elementi che assieme al tempo concorrono a stabilire il prezzo base dei treni, dai posti a sedere al coefficiente di riempimento dei vagoni. Con un'offerta inferiore a 150 posti a treno, per esempio, il prezzo orario è di circa 518 euro l'ora e sale fino a 811 euro quando i posti disponibili sono oltre 600. Poi ci sono le maggiorazioni: più 18 per cento per i festivi (sabato compreso), i notturni (più 16 per cento), l'età dei vagoni (più 10 per cento se hanno meno di 12 anni o se restaurati di recente), il load factor (l'indice di riempimento) che comporta una maggiorazione del 10 per cento, se i posti occupati sono meno del 20 per cento di quelli offerti. Sarà una coincidenza, ma di fatto, da un po' di tempo, soprattutto da quando il sistema dei contratti è cambiato, i treni regionali sono sempre più lenti. Gli esempi sono mille. Nell'estate di 16 anni fa il tempo medio ufficiale di percorrenza di un regionale tra Bolzano e Verona era di 108 minuti, nell'inverno 2010 è salito a 121 minuti (+12 per cento), tra Firenze e Roma l'incremento è stato di 37 minuti (+ 18,5 per cento), tra Roma e Ancona 22 minuti (+ 9,5 per cento), tra Roma e Sulmona 12 minuti (+7,5 per cento), tra Avezzano e Roccasecca 13 minuti (+12). L'incremento è stato repentino soprattutto negli ultimi mesi: 10 per cento medio dal 2008 al 2010 tra Roma e Firenze, 2 per cento tra Bolzano e Verona, 2,5 tra Roma e Ancona, più 5 Roma-Sulmona, più 2,5 Avezzano-Roccasecca. In ballo ci sono tanti soldi. I tecnici hanno calcolato che su una linea dove corrono 15 coppie di treni (30 treni al giorno) con meno di 150 posti, ogni minuto di percorrenza in più comporta un aggravio di spesa per le Regioni di circa 78 mila euro all'anno. Siccome i treni sono migliaia e i tempi di percorrenza sono aumentati su moltissime linee, è facile supporre che gli incassi di Trenitalia siano cresciuti parecchio. Quanto è impossibile dirlo con esattezza, perché Fs non intendono fornire questi dati che considerano riservati, in particolare non vogliono darli al Fatto, giudicato un "giornale non obiettivo". OVVIAMENTE le Ferrovie respingono con sdegno il sospetto di fare la cresta sui treni locali. Sostengono che il fattore tempo sta alla base del prezzo concordato con le Regioni perché il costo del trasporto ferroviario è determinato soprattutto dal costo del personale, i capitreno e i macchinisti. Più tempo ci vuole per collegare un posto a un altro e più lavoro è necessario ed è ovvio che salga il prezzo del servizio. I tecnici dell'Assoutenti obiettano, però, che il costo del lavoro è il 60, al massimo il 70 per cento del totale, il resto è usura delle macchine, pulizie, ammortamenti , energia, manutenzioni. E se è vero che il costo del lavoro aumenta in funzione del tempo, gli altri costi, invece, dovrebbero essere determinati esclusivamente dalla lunghezza delle tratte. Far crescere quindi anche questi ultimi in relazione al tempo è un'operazione che secondo questi esperti provocherebbe "un indebito beneficio" a Trenitalia. Tornando all'esempio di prima (15 coppie di treni con meno di 150 posti), ogni 78 mila euro all'anno incassati da Trenitalia per ogni minuto di percorrenza in più, 23 mila sarebbero "indebiti". Le Fs sostengono pure che i tempi di percorrenza spesso crescono perché le Regioni vogliono più fermate, magari per venire incontro alle richieste dei pendolari, e le fermate portano via tempo . Anche perché proprio nel 2008 le stesse Fs hanno introdotto una nuova disciplina per le soste obbligatorie in stazione sulle linee minori, portandole da 30 secondi a un minuto tondo. Di fatto, allungando i tempi di percorrenza, le Fs ottengono anche un altro vantaggio: evitano le sanzioni per gli eventuali ritardi. Con tempi di percorrenza più lunghi, infatti, è molto più difficile che un treno accumuli ritardi ed è molto più facile schivare le multe. DI FRONTE a queste realtà, alcune Regioni, dopo esser state indotte dal governo Berlusconi ad affidare i servizi ferroviari a Trenitalia senza gara per 6 anni rinnovabili per altri 6, cominciano a rendersi conto che non è stata affatto una buona idea e vorrebbero fare marcia indietro. Finché lo Stato ha continuato a trasferire senza battere ciglio i finanziamenti necessari per pagare i treni, non si sono fatte troppi scrupoli, ma ora che il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, con la legge di Stabilità ha tagliato i fondi impedendo che le Regioni potessero partecipare al gettito delle accise sul gasolio da autotrazione (quasi 1 miliardo e 200 milioni di euro), il quadro per loro è cambiato completamente e in peggio. Per onorare i contratti con Trenitalia, le Regioni sono state messe di fronte a due strade assai poco gradevoli e popolari: aumentare le tariffe in media del 30 per cento rispetto al 2010 e ridurre i servizi del 15. Per questo stanno ragionando di ripensare i contratti con le Fs. La Conferenza delle Regioni, cioè l'organismo politico che le rappresenta, lo ha già scritto chiaro e tondo in un documento: "La manovra finanziaria è una novità che determina consequenziali effetti in termini di validità ed efficacia o quanto meno di rinegoziabilità dei contratti".

postato da: mario2010  


 Columna Infamiae: I costi occulti di TIM ed Enel. Gli abusi ed i soprusi delle grande aziende di servizi.
letture: 3274
11 gennaio 2019 di CONTROMAFIE
Columna Infamiae: La foiba dimenticata, Debre Libanos L'ipocrisia del Potere. le foibe che i fascisti non ricordano. le loro (2)
letture: 2145
11 febbraio 2016 di Antonio Ciano
Insozzata la targa di una via intitolata a Sergio RamelliColumna Infamiae: Uno spettro si aggira (ancora) per Milano: gli Anni Settanta di Pietrangelo Buttafuoco Il Fatto quotidiano 29-04-2015 (6)
letture: 2981
29 aprile 2015 di Kalckreuth
Il marito della gemella di Vladimiro Guadagno, Renzie.Columna Infamiae: Renzino e il canone Rai. Ovvero come metterlo in quel posto a tutti, o quasi, gli italioti. Renzie e soci continuano a mettercelo in quel posto. E noi godiamo. (3)
letture: 2769
10 marzo 2015 di Michele Ciorra
Due anni fa l'ex senatore si rifugiò a Santo Domingo nei giorni in cui la Cassazione decideva la sua sorte. La condanna fu annullata con rinvio e ricomparveColumna Infamiae: "Arresto per Dell'Utri", ma è latitante A pochi giorni dalla sentenza definitiva sul concorso esterno in associazione mafiosa, l'ex senatore è irreperibile (1)
letture: 2236
11 aprile 2014 di TF Press
 Columna Infamiae: Fatta la legge trovato....
letture: 2414
07 ottobre 2013 di osservatricealatere
Voti rubati e venduti.Columna Infamiae: Attenti a destra, ma anche a sinistra! La vendita ed il furto di voti sono bipartizan! (8)
letture: 2927
24 febbraio 2013 di bluestrike
Odio gli indifferenti.Columna Infamiae: Odio gli indifferenti! Parafrasando Gramsci.
letture: 3117
04 gennaio 2012 di bluestrike
Crisi FincantieriColumna Infamiae: Fincantieri licenzia gli operai e assume il leghista condannato a 4 anni per tentata concussione Mentre a Sestri Ponente si protesta per posti di lavoro a rischio, viene deliberata la nomina nel consiglio di amministrazione di Alessandro Agostino, architetto fedelissimo di Bossi.
letture: 2982
16 ottobre 2011 di Fraccanario
Animali seviziatiColumna Infamiae: Macabro gioco a Napoli: cani e gatti seppelliti vivi O abbandonati in buche stradali per farli schiacciare da auto (3)
letture: 2923
12 ottobre 2011 di Fraccanario








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Cani pericolosi
Un branco di cani randagi terrorizza il quartiere: "Affamati e pericolosi"
letture: 1062
07 dicembre 2019
Poltronista
I trasformisti della poltrona
letture: 1924
28 agosto 2019
Alex Britti
Concerto di ALEX BRITTI a Itri: auto "invadono" il quartiere Madonnella, parcheggio selvaggio
letture: 3121
23 luglio 2019
La perdita d'acqua
Acquedotto urbano colabrodo (1)
letture: 2950
11 luglio 2014
L'hotel Grotta di Tiberio
Sequestrato l'hotel Grotta di Tiberio di Armando Cusani.
letture: 3427
09 giugno 2014
Scalingi
Sospeso il Sindaco di Sperlonga Rocco Scalingi (2)
letture: 4413
04 giugno 2014
Sereno Variabile e Osvaldo Beliacqua
"Sereno Variabile" ad Itri, Campodimele e Lenola
letture: 4006
10 ottobre 2013
IL consigliere Forte
Il consigliere Forte: "Le rivelazioni sui rifiuti del boss Schiavone? Una merda"
letture: 3826
14 settembre 2013
In archivio i festeggiamenti della Madonna della Civita
letture: 5344
23 luglio 2013
Il Maresciallo Persico
Sigilli a Residenza Campoli
letture: 6965
21 luglio 2013