Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 13/06 al 22/09 Pomezia: Arriva l'Estate 2019: Pomezia e Torvaianica in Festival
letture: 10233
dal 05/07 al 21/09 Formia: Siria, l'amore vince ogni paura
letture: 7862
18/10 Roma: Il Senato della Repubblica ospita il Premio Mondiale "Tulliola Renato Filippelli"
letture: 7773
18/10 Gaeta: L'ultimo buncker
letture: 2247
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.589
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
venerdì
20
settembre
S. Candida
Compleanno di:
sex Bobo85
sex DrCarla
sex tugi
nel 1946: La prima emittente televisiva a pubblicizzare un film è la WNBT.TV di New York. Il film è "The Jolston story", racconta la storia di un popolare cantante americano.
nel 1988: A Seul, Vincenzo Maenza ripete il trionfo di Los Angeles 84: è campione olimpico nella lotta, categoria 48 kg.
dw

Home » News » Webzine » Diritto e Giustizia » L'ircocervo costituzionale
venerdì 19 marzo 2010
L'ircocervo costituzionale
di Gaetano Azzariti
letture: 2042
.
.
Diritto e Giustizia: Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che "L'Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro".
.
.
"Modificare una costituzione non è impresa minore del costruirla per la prima volta": agli albori della civiltà giuridica occidentale era Aristotele a dirlo, eppure ancora non sembra ascoltato. Il dibattito sulla riforma della nostra costituzione, infatti, si sviluppa tutto entro una dimensione semplificata e superficiale, giocata esclusivamente in base alle convenienze politiche del momento. Ciò che sembra sfuggire è la natura stessa del testo che si vorrebbe cambiare: non una legge qualunque, bensì quell'insieme di norme che valgono a definire i principi fondamentali su cui si legittima una comunità politica e sociale. E' per questo che cambiare una costituzione, vuol dire cambiare la propria visione del mondo, almeno con riferimento ai rapporti politici dominanti, ai diritti e ai poteri dei singoli.
Ciò imporrebbe che il dialogo sulle riforme si incentrasse essenzialmente sugli "orizzonti costituzionali" dei diversi soggetti politici. Solo ove questi fossero tra loro compatibili si potrebbe utilmente tentare di giungere ad un nuovo compromesso costituzionale, modificando gli equilibri esistenti.
Ed è proprio su questo piano, trascurato dal dibattito politico e giornalistico, che si annidano le maggiori insidie: opposte sono infatti le finalità costituzionali che vengono perseguite, tramite un insieme composito di proposte che investono il piano costituzionale, ma anche quello dei regolamenti parlamentari e della legislazione ordinaria; diversi e distanti i modelli di società politica che si vogliono affermare. Da un lato, il tentativo di pervenire ad un ulteriore accentramento dei poteri e parallela compressione dei diritti e degli spazi di discussione democratica, dall'altro, un opposto disegno che tende a riconquistare un equilibrio tra i poteri che valga a diffondere diritti e spazi di partecipazione nella gestione della cosa pubblica.
Da una parte c'è l'insistenza sull'attribuzione di maggiori poteri al Premier e al Governo. Un dominio dell'esecutivo che appare già sin troppo invasivo, come ci ricorda orami quotidianamente il Presidente della Camera, nel tentativo di difendere un ruolo - ormai perduto - anche per il Parlamento. Un Parlamento che è stato ucciso dal peso dei decreti legge del Governo, dalle fiducie richieste dal Governo, dai maxiemendamenti proposti dal Governo, dalla ossessione decidente imposta dai regolamenti parlamentari, dalla sfigurazione della rappresentanza politica determinata dalle leggi elettorali. Eppure non contenti si vuole adesso un ulteriore rafforzamento dei poteri dell'esecutivo.
Poiché la "contesa" con il legislativo, a questo punto, è vinta (francamente è difficile immaginare un ulteriore indebolimento di un Parlamento cui, ormai, hanno sottratto l'anima), il nuovo fronte è chiaramente un altro: si tratta ora di invadere le competenze degli organi di garanzia, che ancora non appaiono essere stati sconfitti dall'armata governativa. Dunque, elezione diretta del Premier al fine di sottrarre al Presidente della Repubblica il suo ruolo di arbitro del grande gioco politico: il passaggio ventilato a una forma di governo presidenziale è oggi più che mai la frontiera più avanzata del nuovo assolutismo. Ridefinizione, poi, dei rapporti tra politica a magistratura, ove i gravi problemi della giustizia non sono affrontati al fine di rafforzare le istanze garantistiche e di difesa dei diritti dei cittadini, bensì esclusivamente in base al presupposto che le sfere della politica devono essere tenute ben separate ("immuni") da ogni possibile interferenza con la giustizia. Anche in questo caso è il rafforzamento dell'autonomia del politico - e in esso in particolare del Governo e di chi lo presiede - ad essere il faro della riforma costituzionale perseguita.
A fronte di questa visione costituzionale se ne intravede un'altra distinta, incompatibile, opposta: quella che tende a frenare la degenerazione prodotta dalle trasformazioni del sistema politico e dei partiti, dalla legislazione ordinaria e dalle modifiche dei regolamenti parlamentari che si sono succeduti negli ultimi due decenni. Un tentativo di pervenire ad un nuovo "equilibrio" istituzionale, ridando ruolo al legislativo, come sede del compromesso politico, della rappresentanza e centro della legislazione. La riduzione del numero dei parlamentari, da differenziazione dei poteri delle due Camere, la limitazione dei poteri del Governo in Parlamento, la riacquisizione di un minimo di dialettica tra maggioranza e opposizioni nel corso dell'attività legislativa, la stessa modifica della legge elettorale, sono tutte misure (costituzionali, regolamentari e ordinarie) che possono rianimare un potere parlamentare, il quale, secondo i principi del costituzionalismo democratico moderno, dovrebbe godere di un suo primato e si afferma essere il principale controllore politico dei governi in carica. Ma anche l'efficienza del sistema giudiziario può essere immaginata per rafforzare i controlli, oltre che sui diritti dei cittadini, anche sul Governo e sull'esercizio del potere. Sebbene questo oggi nessuno ha il coraggio di dirlo e dunque non vi è traccia di un rafforzamento per via costituzionale dell'autonomia e indipendenza dell'ordine giudiziario. Così come non è facile scorgere tracce di proposte che tendano a rafforzare i poteri di garanzia del Capo dello Stato, che in una fase di turbolenze istituzionali come quelle che abbiamo vissuto, e ancora vivremo, sarebbe invece opportuno immaginare. In chiave di nuovi equilibri democratici, appunto. Questa seconda appare, dunque, una prospettiva costituzionale monca, ma non assente nel dibattito corrente.
Una domanda sorge allora spontanea: la strategia dell'amore, ovvero quella dell'inciucio, saranno in grado di conciliare le due distinte visioni costituzionali? La mia risposta è la seguente: in natura tutto è possibile, ma la costituzione che nascerà in questo caso sarà un mostro immondo, anzi - per tornare ad Aristotele - un ircocervo. Quella figura mitologica che il padre della filosofia classica utilizzava per dimostrare come fosse possibile sapere di cosa si parla (la riforma costituzionale, nel nostro caso), senza però poter risalire alla sua essenza.


Il testo della Dichiarazione dei costituzionalisti sul tentativo di delegittimazione della Costituzione repubblicana

Dichiarazione dei professori ordinari di diritto costituzionale sullo stato di forte tensione tra le istituzioni e il tentativo di delegittimazione della Costituzione repubblicana




I sottoscritti professori ordinari di diritto costituzionale e di discipline equivalenti, fortemente allarmati per lo stato di grave contrapposizione istituzionale tra il Presidente del Consiglio dei Ministri e il Presidente della Repubblica, nel sottolineare la correttezza del Presidente Napolitano nell'esercizio delle sue funzioni di garanzia in conformità con la nostra Costituzione e con la prassi repubblicana, manifestano la propria preoccupazione per ogni tentativo di ulteriore ampliamento dei poteri del Governo in materia di decretazione d'urgenza, che già di per sé non trovano l'eguale nella prassi delle altre democrazie costituzionali nonché per il tentativo di delegittimazione in atto della vigente Carta costituzionale e del suo spirito democratico.



Gianni Ferrara, Gaetano Azzariti, Massimo Luciani, Alessandro Pace, Cesare Pinelli, Giuseppe Ugo Rescigno, Federico Sorrentino, Gustavo Zagrebelsky, Enzo Cheli, Michele Scudiero, Adele Anzon, Michela Manetti, Stefano Sicardi, Francesco Bilancia, Alessandro Pizzorusso, Lorenzo Chieffi, Massimo Villone, Vittorio Angiolini, Paolo Caretti, Roberto Romboli, Antonio D'Andrea, Sandro Staiano, Saverio Regasto, Roberto Borrello, Renato Balduzzi, Marco Ruotolo, Mario Dogliani, Alfonso Di Giovine, Antonio Saitta, Alberto Lucarelli, Enzo Balboni, Antonio D'Atena, Fulco Lanchester, Sergio Lariccia, Maurizio Pedrazza Gorlero, Mario Demuro, Antonio Ruggeri, Mario Fiorillo, Stefano Grassi, Antonino Spadaro, Barbara Pezzini, Enrico Grosso, Antonio Saitta, Augusto Cerri, Giancarlo Rolla, Saulle Panizza, Franco Bassanini, Antonio Zorzi Giustiniani, Paolo Carnevale, Margherita Raveraira, Maria Cristina Grisolia, Ferdinando Pinto, Giovanni Cocco, Riccardo Guastini, Guerino D'Ignazio, Maria Agostina Cabiddu, Luigi Ventura, Giovanni Di Cosimo, Ernesto Bettinelli, Roberto Pinardi, Gladio Gemma, Giuditta Brunelli, Andrea Pugiotto, Omar Chessa, Anna Marzanati, Silvio Gambino, Raffaele Bifulco, Alessandro Torre, Salvatore Prisco, Gian Candido De Martin, Rolando Tarchi, Roberto Miccù, Giovanni Serges, Roberto Bin, Massimo Carli, Carmela Salazar, Tania Groppi, Paolo Giangaspero, Antonio Cantaro, Pasquale Costanzo, Marcello Cecchetti, Andrea Giorgis, Marina Calamo Specchia, Paolo Cavaleri, Antonio D'Aloia, Umberto Allegretti, Massimo Siclari, Sara Volterra, Vincenzo Cocozza, Roberto Toniatti, Pietro Ciarlo, Salvatore Bellomia, Francesco Rigano, Pasquale Ciriello, Carmine Pepe, Sergio Bartole, Lorenza Carlassare, Andrea Manzella, Roberto Zaccaria, Stefano Merlini, Francesco Rimoli, Stefano Maria Cicconetti, Maurizio Oliviero, Mauro Volpi, Luigi D'Andrea, Francesco Cerrone, Silvia Niccolai, Angela Musumeci.

Fonte: www.costituzionalismo.it

di: Costantino D'Onorio De Meo


 Diritto e Giustizia: Prescrizione. Manlio Cerroni e la malafede dei giornalisti. Un indagato/imputato prescritto non è un colpevole salvato, ma un soggetto, forse innocente, NON GIUDICABILE, quindi, NON GIUDICATO!!!
letture: 1251
10 novembre 2018 di CONTROMAFIE
I poveri abbandonatiDiritto e Giustizia: Giornata mondiale della povertà L'attenzione agli ultimi
letture: 1547
13 giugno 2017 di marcellino
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Sito specifico dedicato al processo telematico https://avvfrancescofuscofondiitalia.wordpress.com/
letture: 1240
19 dicembre 2016 di Francesco Fusco
La morte di un ordine voluta da Papa FrancescoDiritto e Giustizia: Padre Manelli: archiviate le accuse contro il fondatore dei Francescani dell'Immacolata
letture: 1896
22 novembre 2016 di sweda
In questo modo, il pignorato non tornerà mai in possesso del proprio appartamentoDiritto e Giustizia: Agli immigrati le case pignorate
letture: 1378
29 ottobre 2016 di marinta
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico francesco fusco
letture: 1213
23 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Polizze assicurative responsabilita' civile e infortuni avvocato
letture: 1394
12 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è ... telematicoDiritto e Giustizia: Nuovo codice dell'amministrazione digitale in G.U. del 13/09/16, n. 214
letture: 1379
14 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fusco 01/09/16Diritto e Giustizia: Modifiche al processo amministrativo telematico
letture: 1605
01 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fuscoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico http://www.pergliavvocati.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=239
letture: 1465
23 agosto 2016 di Francesco Fusco








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
.
Intercettazioni: Le regole matte della legge-bavaglio
letture: 2534
05 settembre 2010
.
Risarcimento del terzo trasportato e massimale (1)
letture: 2830
03 settembre 2010
.
Prescrizione Mills: "cosa" significa giuridicamente...
letture: 3136
01 settembre 2010
.
Il reato di diffamazione meriterebbe una modifica...
letture: 2597
30 agosto 2010
.
Portabilità del numero: la Corte di Giustizia Europea dice la sua
letture: 3184
21 agosto 2010
.
Codici, biliardo e tarocchi storia di un demolitore di miti
letture: 3538
19 agosto 2010
Prof. Franco Cordero
Le parole della nuova destra e l'arte dell'arrembaggio
letture: 2992
17 agosto 2010
.
Deontologia forense fai da te (2)
letture: 3378
16 agosto 2010
.
Solleciti per canone RAI già pagato
letture: 3274
15 agosto 2010
Il \
l Transito di Maria nella tradizione siro-occidentale
letture: 3279
15 agosto 2010