Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 17093
dal 01/05 al 31/05 Golfo di Gaeta: Il Maggio dei Libri
letture: 10163
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 8083
dal 23/07 al 26/08 Formia: IL CINEMA E IL MARE: 6 classici da rivedere
letture: 2257
dal 31/08 al 05/09 Sermoneta: Riapre l'antico castello di Ninfa
letture: 1330
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.623
visitatori:172
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
sabato
08
agosto
S. Domenico
Compleanno di:
sex lauracometa
sex popolla
sex schumy518
nel 1876: Thomas Alva Edison brevetta il ciclostile. Lo descrive come un sistema di matrici per la stampa.
nel 1899: Nello stato americano del Massachussetts viene brevettato il frigorifero.
nel 1978: Viene lanciata la sonda Pioneer Venus 2, che studierà l'atmosfera di Venere.
nel 1989: Lo shuttle Columbia decolla da Cape Canaveral per una missione militare segreta di 5 giorni.
nel 1992: Debutta tra i professionisti Lance Armstrong,che un anno dopo conquista il mondiale di ciclismo su strada:diventando il più giovane iridato della storia,non ha ancora 22 anni.
dw

Home » News » Webzine » Gastrosofia » Invito a cena con... i raggi X
giovedì 04 marzo 2010
Invito a cena con... i raggi X
A volte ritornano nella coscienza collettiva.
letture: 2810
Irradiated foods
Irradiated foods
Gastrosofia: Sapevate che esistoni i cibi irradiati tramite raggi gamma e X per prolungarne la conservabilità? Sapevate che esisteva un Codex Alimentarius, da cui dipende la nostra salute, che regola quanto irradiare? Il silenzio a tal proposito è sconcertante.
Tratto da: http://www.unblogindue.it/
A volte ritornano nella coscienza collettiva. Perché i cibi irradiati, in realtà, sono fra noi dal 1973, da quando in Italia è stato autorizzato il commercio di patate, cipolle e aglio conservati tramite raggi gamma o X. A far riaffiorare ora i timori del nucleare nel piatto, ci ha pensato il Codex Alimentarius, organismo tecnico della Fao e dell'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), che definisce gli standard di sicurezza degli alimenti. Non contenta dei 60 cibi irradiati in oltre 41 Paesi, la Commissione del Codex ha proposto ai 169 Stati aderenti dosi superiori di radiazioni rispetto agli attuali e contenuti 10 kiloGray, da applicare oltretutto su una più vasta gamma di prodotti.

"È un passaggio importante", commenta Alan Randell, segretario della Commissione. "Per i consumatori, vuol dire un più alto livello di sicurezza grazie alla protezione offerta dalle radiazioni, che eliminano parassiti e batteri resistenti ad altri trattamenti, e bloccano germinazione, putrefazione e ammuffimenti. I cibi irradiati si conservano, così, integri e più a lungo. E non contengono tracce di radioattività".

L'Europa resta scettica. Fragole e funghi freschi, come appena raccolti, per più di tre settimane; manzo succoso e roseo per 35 giorni; bulbi e tuberi senza germogli per l'eternità, e considerati equivalenti agli altri, non irradiati. Potenza dell'energia che, emessa da sorgenti radioattive come il Cobalto 60 e il Cesio 137 o da una corrente (o fascio) di elettroni, penetra rapidamente e in modo omogeneo fino al "cuore" dell'alimento.

Il suo bersaglio non è la sostanza commestibile inerte, bensì il materiale genetico delle cellule viventi, ovvero degli agenti patogeni, che viene distrutto. Poiché gli inquinatori non possono più riprodursi, la sterilità è garantita, e tutto questo senza la violenza del calore o della chimica, e in ogni punto del prodotto. Il quale non trattiene residui di radiazioni.

Ma queste rassicurazioni ufficiali non sono sufficienti per gli oppositori. In Europa, l'Aec (Associazione Europea dei Consumatori) e l'inglese The Food Commission hanno lanciato una Campagna contro la radioconservazione: "In un alimento bombardato coi raggi, potrebbe venire sconvolta la composizione chimica, con effetti secondari come la perdita di nutrienti e la formazione di sostanze innaturali", sostiene Milena Dominici, responsabile dell'alimentazione di Legambiente, che partecipa alla Campagna. "La tecnica non elimina virus, tossine e altri contaminanti, e può mascherare cattive condizioni igieniche nella lavorazione. Inoltre, è stata permessa prima che i Paesi fossero attrezzati per i controlli, e in mancanza di studi approfonditi. L'irraggiamento porta a una produzione industrializzata e centralizzata, a discapito dei piccoli produttori e della biodiversità: è voluto dalla lobby dell'industria nucleare che, saturato il mercato medico, preme per trovare altri sbocchi al suo business".

Nell'Albo specifico mondiale sono registrati 250 grandi impianti, che ogni anno irradiano più di 250 mila tonnellate di alimenti; in Europa, invece, se ne contano solo 12. L'irraggiamento è concesso quasi dappertutto per sterilizzare le spezie.

Nel Vecchio Continente, la Direttiva CE 3/1999 ha esteso la pratica anche a erbe aromatiche secche e condimenti vegetali, e cinque Stati membri (Francia, Belgio, Italia, Gran Bretagna, Olanda) lo ammettono per ulteriori prodotti ancora.

Nel villaggio globale, gli alimenti irradiati, di ogni provenienza, circolano liberi. E senza essere individuati, perché le etichette rivelatrici, obbligatorie nella Ue dal 2000, si trovano sugli imballi all'ingrosso e spariscono nel prodotto sfuso o confezionato. Con pericolo di frode, ovvero del riciclaggio di ingredienti avariati, come la frutta, che magari ritorna "sana" dopo una passata ai raggi ed entra poi nella composizione di marmellate o altro. Certo, col valore aggiunto dell'irradiazione dalla Francia possono arrivare in continuazione formaggio Camembert e fragole; dal Belgio, cosce di rana surgelate; dai Paesi nordici, gamberetti sgusciati e corn flakes; da quelli extracomunitari, ananas, papaia, mango e datteri. E Argentina, Paesi dell'Est europeo, Giappone e Cina, espongono ai raggi polli, pesci, frutti di mare, cereali, grano, farina, riso, legumi, cacao e caffè.

L"oscar" dell'irradiazione va attribuito agli Stati Uniti, che dal '60 sfruttano così i residui delle centrali nucleari e vantano 2 mila supermercati e 7 mila ristoranti che danno prodotti "al raggio". Negli Usa, quasi tutto può essere legalmente trattato, compresi uova, manzo, piatti pronti e surgelati. E col consenso della Food and Drug Administration, preposta alla sicurezza alimentare, nonché dei cittadini, convertiti dalle diffuse tossinfezioni mortali, come quella dovuta agli hot dog "avvelenati" dal batterio Listeria. Educare i consumatori, perché accettino le prove scientifiche a favore dell'irradiazione, è la chiave di volta proposta dai 28 relatori del primo congresso mondiale in tema, organizzato a Chicago dal National Food Safety & Toxicology Center dell'Università del Michigan. Morton Satin dell'Università A&M del Texas ha chiesto l'istituzione di un Consiglio Internazionale sull'irradiazione dei cibi, rivolto ai bisogni di tutte le parti coinvolte. Gerald Moy, del Programma di Sicurezza Alimentare dell'Oms, ha dichiarato: "Data la sua capacità unica di distruggere i patogeni nei cibi solidi, l'irradiazione potrebbe essere uno dei contributi più significativi per la salute pubblica, come la pastorizzazione del latte". Ha rincalzato Elsa Murano, sottosegretario per la sicurezza alimentare del governo statunitense: "Per ottenere lo stesso risultato, dovremmo unire diversi trattamenti. Perciò ci stiamo muovendo per accelerare la tecnologia, ancora complessa e poco economica e i cui costi ricadono sui consumatori".

Viene da chiedersi se non potremmo fare a meno del nucleare commestibile. "L'irradiazione è necessaria per le derrate ad alta contaminazione e robuste, come le spezie esotiche o la frutta secca", risponde Luciano Cecchi, responsabile dell'Istituto di Scienza delle Produzioni Alimentari del Cnr a Milano. "Invece, nei prodotti delicati, come gli ortaggi, l'energia di legame dell'irradiazione, superiore a quella dei costituenti del prodotto, può distruggere le vitamine. Tutto dipende dalle dosi: benché sia difficile esagerare, in quanto, passata una certa soglia, si generano inconvenienti, come nelle patate che diventano purè. La Commissione Europea per l'irraggiamento dei cibi ha stabilito livelli per tutti i tipi di alimenti. Nell'ultima riunione abbiamo istituito un gruppo di lavoro per trovare strumenti in grado di scoprire e misurare l'irraggiamento in ogni prodotto, poiché non c'è un metodo univoco e non ne esistono per la carne. Ora è possibile rilevare le modifiche nelle ossa del pollo o lo zucchero cristallizzato nella frutta dovuti alle radiazioni, ma a costi elevati. All'intensità dell'applicazione è collegata la formazione di radicali liberi, nocivi ma di vita breve, perché si disperdono nell'acqua dell'alimento, e di un chetone probabile cancerogeno, rintracciato nei grassi".

In Italia ci sono troppo pochi i controlli. "Nei cibi irradiati, il ciclobutanone, tossico, e i radioliti, frammenti di molecole spezzate, sono presenti in quantitativi modesti, gli stessi riscontrabili con altri trattamenti", spiega Flavio Paoletti, dell'Istituto Nazionale di Ricerca per l'Alimentazione e la Nutrizione, "perciò l'irradiazione non sembra aver conseguenze negative sui nutrienti, se non lievi perdite di vitamine A, B e C. L'innalzamento dei limiti potrebbe peggiorare le qualità organolettiche soprattutto dei prodotti ricchi d'acqua e grassi: per verdure, formaggi e latte, il procedimento non è conveniente come per carni e pollami che vengono ripuliti da tenia, salmonelle e altri germi. Tuttavia sono ancora pochi gli studi in materia, circa 80, per cui il Comitato Scientifico Europeo è costretto a rifarsi sempre alla stessa casistica". E da noi? La Direzione Salute e Tutela dei Consumatori (DG-Sanco) della Ue, nella relazione 9131/2003 spiega che in Italia "non esistono controlli a livello di importazione di prodotti di origine vegetale che potrebbero essere trattati con radiazioni ionizzanti, non sono stati effettuati analisi o campionamenti e non c'è un laboratorio ufficiale. Pertanto non è possibile individuare gli alimenti irradiati".

Fonti: Repubblica, Wikipedia

postato da: Delirium  


Dal gelato alle torte a Rimini torna Sigep, fiera della golaGastrosofia: Dal gelato alle torte a Rimini torna Sigep, fiera della gola Dal 19 al 23 gennaio, tra sfide gastronomiche e business
letture: 1795
13 gennaio 2013 di SteveRogers
PastaGastrosofia: Export agroalimentare da record, boom del made in Italy sulle tavole estere
letture: 1817
05 gennaio 2013 di SteveRogers
Capodanno, le 'dritte' per il vino di Enoteca ItalianaGastrosofia: Capodanno, le 'dritte' per il vino di Enoteca Italiana Come non far brutta figura al cenone negli abbinamenti
letture: 2339
29 dicembre 2012 di SteveRogers
Dolcetti alla castagna e pannaGastrosofia: Castagne, vino e tradizione: l'autunno a Merano
letture: 2005
19 ottobre 2012 di SteveRogers
VinoGastrosofia: Coldiretti contro Ue: 20 milioni di bottiglie di falso vino Da polveri miracolose etichette prestigiose da Chianti a Barolo
letture: 1890
19 ottobre 2012 di SteveRogers
Cesto di tartufi bianchi di San Giovanni d'AssoGastrosofia: A San Giovanni d'Asso regna il tartufo bianco Tour gastronomici e progetti istituzionali per la valorizzazione e la salvaguardia del prezioso tubero
letture: 1974
24 settembre 2012 di SteveRogers
Gastrosofia: Il pranzo natalizio per le lettrici che vorranno gustare un pranzo natalizio a casa
letture: 3203
20 dicembre 2011 di braun
UvaGastrosofia: E' l'ora del vino novello, da oggi si stappano 6 milioni di bottiglie
letture: 2309
06 novembre 2011 di Capitan
Vino rossoGastrosofia: Vendemmia: grazie a maltempo avremo vini rossi d'eccellenza Coldiretti, temperature più basse favoriscono polifenoli
letture: 2366
08 ottobre 2011 di Capitan
VinoGastrosofia: Italia primo produttore al mondo di vino, sorpassata la Francia Secondo i dati Coldiretti gli Usa diventano il primo mercato mentre le esportazioni in Cina aumentano del 146%
letture: 2543
11 giugno 2011 di Capitan








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Una manifestazione di egiziani copti emigrati in Europa.
I cittadini Cristiani saranno messi alla porta in Egitto?
letture: 2062
10 ottobre 2011
Profughi eritrei
Marchiati a fuoco e incatenati senz'acqua
letture: 2144
05 dicembre 2010
Divieto di balneazione
Nel 2009 ben il 14% delle infrazioni per scarichi illegali e cattiva depurazione sono campane.
letture: 2844
04 marzo 2010
Irradiated foods
Invito a cena con... i raggi X
letture: 2811
04 marzo 2010
Rosarnesi vecchi e nuovi in piazza
L'Egitto cerca di ribaltare la sua posizione debole e bacchetta l'Italia.
letture: 2810
12 gennaio 2010
Nello Rega, Raffaele Gerardi
Poligamia al femminile
letture: 2950
05 gennaio 2010
Aggressione al Cavaliere
La rete si chiede: è autentica l'aggressione a Berlusconi? (3)
letture: 2897
23 dicembre 2009
Derek
Volete che Amanda Knox esca di galera? E Rocco Barnabei? (1)
letture: 2845
06 dicembre 2009
Una donna con il niqâb
Egitto, l'imam anti-niqâb fa togliere questo tipo di "velo" ad una studentessa
letture: 3569
06 ottobre 2009
Morti a seguito delle frane nel Messinese
Frane nel Messinese
letture: 2763
02 ottobre 2009