Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 12111
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 4494
dal 02/04 al 04/05 Salute e Benessere: REGINA ELENA e SAN GALLICANO attivano TELEMEDICINA
letture: 320
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.619
visitatori:220
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
07
aprile
S. Ermanno
Compleanno di:
sex annina72
sex baby2030
sex dmstudio
sex gigiorosa
sex laterzasergi...
sex quarnaroserg...
sex sergiola3
nel 1795: Viene istituito il sistema metrico.decimale. L'unità di lunghezza è il metro, quella di massa il chilogrammo.
nel 1983: In Egitto viene ritrovato il più antico scheletro umano, risale ad 80.000 anni fa.
nel 1991: La nazionale italiana di hokey ghiaccio,vince i mondiali gruppo B e viene promosa nell'elite mondiale. Da allora non è più retrocessa,guadagnandosi 10 salvezze consecutive.
dw

Home » News » Webzine » Salute e Benessere » Bruciamo pellet radioattvi?
sabato 02 gennaio 2010
Bruciamo pellet radioattvi?
dopo 23 anni continua l'inquinamento da Chernobyl
letture: 1994
Salute e Benessere: 31.12.09 Fonte: http://www.vglobale.it
Dopo 23 anni la nube di Chernobyl è ancora contaminante
Il gruppo di ricerca della Sezione di Fisica medica ambientale ed epidemiologica dell'Università degli Studi di Perugia continua lo studio sull'identificazione della presenza di altri radionuclidi nel pellet. E con l'allestimento di un piccolo orto-studio verificano il loro ritorno ai vegetali
di Stefania Petraccone
Durante la tavola rotonda sulla Qualità dell'aria, tenutasi durante l'ultima Convention Arg Bergamo, la dott.ssa Daniela Saetta ha esposto un'attenta analisi sugli ultimi studi effettuati sul pellet dopo il caso scoppiato a giugno quando fu sequestrato, dalla magistratura di Aosta, un campione di pellet proveniente dai paesi dell'Est considerato radioattivo.
Infatti in tale campione, proveniente dalla Lituania, fu riscontrato un valore di concentrazione di attività di Cesio-137 (Cs-137) pari a 320 Bq/kg (Becquerel al chilogrammo), e nelle ceneri di combustione i valori in concentrazione di attività furono di 40.000 Bq/kg.

Il pellet è un combustibile utilizzato per stufe di ultima generazione, recentemente immesso in commercio in sostituzione dei ceppi di legno. È ricavato dalla segatura essiccata e poi compressa in forma di piccoli cilindri del diametro di 6-8 mm. L'uso del pellet nelle stufe domestiche comporta, rispetto alle stufe tradizionali, una serie di vantaggi di tipo ecologico, energetico e di gestione dell'impianto di riscaldamento grazie alla elevata resa termica (superiore all'80%), al bassissimo residuo finale di ceneri (0,58%) e il basso costo.

Abbiamo rivolto alla dott.ssa Saetta alcune domande per capire meglio questo interessante argomento di cui oggi se ne parla sempre meno.

Anche il vostro laboratorio ha effettuato analisi sui campioni di pellet in esame, cosa avete riscontrato?

Appena scoppiato il «caso» i laboratori di radiometria sono stati allertati e sono scattati i controlli. Le Autorità competenti, i commercianti di pellet, i privati e gli operatori del settore ambientale si sono subito attivati e hanno richiesto all'Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell'ambiante), all'Università, e altri Enti di effettuare le misure radiometriche. Anche il nostro Laboratorio, che dagli anni 80 è impegnato nel campo della radioattività naturale e artificiale ed effettua misure su varie matrici, ha subito iniziato una serie di indagini radiometriche su vari campioni di pellet e relative ceneri di combustione. Le misure svolte in questo periodo su campioni di varia provenienza hanno spesso evidenziato una presenza del radionuclide Cs-137, in particolare nei campioni provenienti dai Paesi dell'Est.

Perché i campioni presentavano un'elevata concentrazione di radiocesio?

Il fenomeno del turnover del radiocesio viene seguito oramai da un trentennio dai ricercatori della nostra Sezione come pure dai centri di ricerca della radioattività ambientale nei vari Paesi.

L'incidente di Chernobyl si è verificato nel 1986 ma tra i radionuclidi rilasciati in aria ve ne sono alcuni il cui tempo di dimezzamento è tale che l'ambiente resterà contaminato per svariato tempo! Basti pensare che il Cs-137 è un radionuclide che ha un tempo di dimezzamento di circa 30 anni!

Ciò significa che a distanza di 30 anni, l'attività iniziale in una matrice contaminata, è ridotta soltanto del 50%. Per questo motivo gli studiosi sanno che è necessario seguire attentamente nel corso degli anni il fenomeno anche in riferimento al turnover dei radionuclidi, e, nel nostro caso, del radiocesio.

Lei parla di «turnover» del radiocesio, ma che cosa è?

Il cesio si «muove» negli ecosistemi contaminati e passa da una matrice all'altra: dall'aria ricade nelle acque, e da queste torna ai vegetali, ai suoli, agli animali, all'uomo. Se il «fallout» (ricaduta) interessa i suoli si deposita in essi e poi, favorito dalle piogge, passa dagli strati superficiali a quelli più profondi e diviene chimicamente disponibile per l'assorbimento radicale da parte delle piante. Ora che a distanza di anni dal disastro nucleare di Chernobyl il cesio è affondato nei terreni, può essere captato («uptake») anche dalle radici delle piante ad alto fusto e, favorito da meccanismi di competizione con lo ione potassio (per simile comportamento chimico, occupando lo stesso gruppo nella tavola periodica), viene metabolizzato da esse.

Che ruolo svolge il suolo in tutto questo?

Un ruolo importantissimo! Innanzitutto la contaminazione è diversa a seconda che il suolo sia coltivato o non coltivato. Nel suolo coltivato il continuo rimescolamento fa sì che il cesio sia distribuito in modo piuttosto omogeneo nei vari strati; se il suolo non è coltivato invece il cesio ha il tempo di affondare dagli strati superficiali a quelli profondi. Ma i fattori che rendono il suolo una potenziale fonte di rilascio sono molteplici: la composizione del suolo in percentuale argillosa e componente organica, il pH ecc.

Sostanzialmente si instaura tra i suoli e l'apparato radicale dei vegetali un equilibrio di scambio, mantenuto dal cosiddetto «pool ionico labile» del suolo che serve a fornire gli elementi biodisponibili per le radici.

Dunque è per il ritorno dal suolo alle piante che il radiocesio è stato riscontrato nel pellet?

Certo, perché il legno utilizzato per la produzione è contaminato. Infatti il campione «incriminato» proveniva dalla Lituania che, come tutti i Paesi dell'Est vicini al luogo dell'incidente nucleare, risente maggiormente della contaminazione ambientale.

Quindi sono i legnami provenienti dall'Est ad essere contaminati?

Sì, ma non soltanto questi. Dopo l'incidente la «nube radioattiva», costituita sia da radionuclidi in forma gassosa che sottoforma di aerosol particolato (alcalino o alcalino-terrosi), si è spostata, sospinta dai venti e, seguendo il destino dettato dalle condizioni atmosferiche e dai venti anche di bassa quota, ha potuto raggiungere anche Paesi lontani dal luogo dell'esplosione. Le precipitazioni abbondanti nei giorni successivi all'incidente di Chernobyl hanno fatto sì che con la pioggia fossero «eluiti» nelle regioni sottostanti i radionuclidi contenuti nella nube radioattiva. Il risultato finale è stato una contaminazione definita «a macchia di leopardo» ossia nella zone limitrofe a Chernobyl e nei Paesi raggiunti dalla nube. Peraltro la contaminazione riguarda, come detto, varie matrici e non soltanto il pellet.

Quali sono gli obiettivi del vostro studio sui pellet? E quali le prospettive future?

Oggi le nostre misure sono volte a identificare la presenza di altri radionuclidi nel pellet.

Inoltre la nostra ricerca non si limita solo alla misura di campioni di pellet e relative ceneri ma abbiamo approntato un piccolo orto-studio nel quale, come molti privati hanno l'abitudine di fare, si usano le ceneri residue della stufa come concimanti. Ciò ci permetterà di verificare il ritorno ai vegetali dal momento che nella stima della dose efficace impegnata uno dei principali contributi proviene dall'ingestione.

CHERNOBYL RIMANE RADIOATTIVA ANCOR PIU' DEL PREVISTO
http://www.progettohumus.it/

di: Giorgio Libralato


Struttura ospedaliera nella CapitaleSalute e Benessere: REGINA ELENA e SAN GALLICANO attivano TELEMEDICINA Ripa di Meana: "La nostra priorità sono i pazienti fragili e nocovid, a loro rivolgiamo la massima attenzione e rimoduliamo l'offerta di numerosi servizi, uno è il teleconsulto."
letture: 320
04 aprile 2020 di descartes
Milly Carlucci moderatrice dell'eventoSalute e Benessere: Proteine e sport: l'elisir di giovinezza per una vita lunga e sana Carni Sostenibili partner della Longevity Run
letture: 2776
07 maggio 2019 di simonilla
Antiparassitari, diserbanti e pesticidi.Salute e Benessere: Le schifezze contenute nel grano estero che arriva con le navi nei nostri porti.
letture: 1580
21 settembre 2017 di marinta
Ospedale IFOSalute e Benessere: Sperimentazioni cliniche di Fase I in oncologia: quali i nuovi scenari? Al Regina Elena interviene Lillian Siu, esperto mondiale nello sviluppo ed applicazione clinica di nuove molecole farmacologiche
letture: 1948
31 agosto 2017 di descartes
Glifosate birra  Salute e Benessere: Le birre tedesche impregnate di pesticidi
letture: 2022
29 agosto 2017 di marinta
Ricordarsi della sigla E951Salute e Benessere: Ve lo ricordate l'aspartame? Ora lo spacciano come dolcificante naturale
letture: 1646
01 luglio 2017 di lunios
Dettagli: come bloccare la crescita di cellule staminali tumorali del polmoneSalute e Benessere: Scoperto un nuovo meccanismo alla base dello sviluppo dei tumori polmonari La rivista Oncogene pubblica i risultati di uno studio condotto nei laboratori di Sapienza Università di Roma in collaborazione con l'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena
letture: 1919
06 aprile 2017 di descartes
INCONTRO SpecialistiSalute e Benessere: istituto Regina Elena: successo e partecipazione all'HappyNeuroHour 2017 ALLENARE IL CERVELLO PER TAGLIARE IL TRAGUARDO NELLO SPORT, NELLA VITA, NELLA MALATTIA
letture: 1779
14 marzo 2017 di descartes
Locandina dell'EventoSalute e Benessere: 8 marzo agli IFO: "LEZIONE DI MAKE UP" dal progetto "Insieme più belle", seconda edizione presso atrio principale degli Istituti. #ifoxladonna
letture: 1245
05 marzo 2017 di descartes
LOGO DELL'iNIZIATIVASalute e Benessere: ROMA, giornata mondiale contro il cancro Il 4 febbraio si celebra in tutto il mondo la giornata mondiale contro il cancro
letture: 1492
03 febbraio 2017 di descartes








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
pericolo rifiuti radioattivi
Discarica Borgo Montello Latina infrazione europea conferimento tal quale
letture: 2809
16 settembre 2012
Festa del clima e del lavoro globale - global work party
letture: 2848
09 ottobre 2010
Incontro su nucleare e incidente Chernobyl con professor Bandazhevsky
letture: 3235
08 settembre 2010
Contro le centrali nucleari e per l'indipendenza dell'OMS, da Chernobyl
letture: 2794
07 luglio 2010
Come si vive in uno stato dove non c'è libertà di informazione? (1)
letture: 2878
05 giugno 2010
Incontro sulle centrali energetiche
letture: 3362
05 giugno 2010
Io supporto il Fatto Quotidiano di Marco Travaglio
letture: 2922
05 giugno 2010
Manifestazione unitaria contro gli impianti nocivi
letture: 3428
29 maggio 2010
Turbogas Pontinia udienza 4 giugno al consiglio di stato
letture: 3288
29 maggio 2010
Pontinia, Fontana di Muro, Gricilli e l'atlante delle sorgenti della provincia di Latina
letture: 3757
29 maggio 2010