Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.636
visitatori:406
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
21
settembre
S. Matteo Ap.
Compleanno di:
sex BiVi
sex deregibus
sex Emilio
sex gaiardo
sex lordByron
sex toto78
nel 1903: Viene proiettato il primo film western. La pellicola si intitola "Kit Carson".
nel 1958: Nel Milan esordisce in serie A Josè Altafini, in quel campionato segnerà 28 reti vincendo subito lo scudetto.
dw

Home » News » Webzine » Una lettera diretta al figlio ...
martedì 22 dicembre 2009
Una lettera diretta al figlio Giulio in crisi
È sulla falsariga di quella scritta da Celli, ma con una tesi esattamente opposta
letture: 3354
Webzine: Giulio, figlio mio, l'altro giorno mi hai telefonato alle 8 di sera per dirmi quanto ti angosciasse la verifica di greco della mattina dopo. Venivi da una settimana nera per te, in cerca come sei di un difficile equilibrio tra i genitori separati, gli amici e l'amore in conflitto, lo studio e lo sport ormai inconciliabili.
Forse per la prima volta, a diciott'anni, tutto ti è sembrato troppo pesante per le tue spalle. Mi hai detto che non stavi bene, che avevi provato a studiare tutto il pomeriggio, ma senza riuscirci. Avevi il mal di testa e il cuore nero. "Papà, domani non vado - hai concluso - non voglio giocarmi mesi di studio solo perche' la verifica arriva in un momento no. La recuperero' la settimana prossima quando il momento buio sara' passato e finalmente mi potrò concentrare sullo studio".
Ti ho risposto di no. Ti ho detto che quando scappi la prima volta, nella vita, prima o poi ce ne sara' sicuramente una seconda. E poi una terza. Dopo un po', diventa il tuo modo di vivere. Dopo, non è mai colpa tua. Dopo, c'è sempre un buon motivo per scappare, una persona con cui e' meglio non confrontarsi, un appuntamento importante al quale non presentarsi.
Ti ho detto che mancavano ancora quattro ore alla mezzanotte. Quattro ore per provare a fare del tuo meglio. Anche se non avevi fame, ti ho suggerito di prendere un pezzo di cioccolato, un po' di pane e di metterli vicino a Senofonte. E di stringere i denti. "Fa' quello che puoi - ho insistito - e domattina vai alla tua verifica a testa alta. Non importera' il voto. Se sara' un 5, lo festeggeremo perche' sara' un 5 che avrai preso senza darti per vinto. Ti sara' costato fatica e dolore, ma sara' il piu' bel 5 della tua vita, molto meglio di un qualsiasi 8 preso la settimana successiva. Ma se prenderai un 6 o un 7, quello sara' il piu' bel voto della tua vita. Te lo sarai guadagnato contro ogni pronostico e te ne ricorderai per sempre".
Questa volta mi hai ascoltato.
La mattina ero in riunione quando e' arrivato il tuo messaggio. La stanza era piena di colleghi alle prese, insieme a me, con l'ennesima emergenza aziendale di quella che sembra una storia infinita. Non ce l'ho fatta ad aspettare. L'ho aperto e l'ho letto.
C'era scritto: "Ho preso 7 e mezzo. Incredibile. Grazie. Senza di te non ce l'avrei mai fatta". Mi sono emozionato.
La mattina dopo ho letto su un giornale la lettera che un'ex collega (ci eravamo incrociati per poche settimane in Omnitel, io Direttore Marketing, lui Direttore del Personale) aveva scritto a suo figlio. Adesso questo ex-collega, dopo una carriera importante, guida un'Universita' (finanziata coi soldi degli imprenditori italiani e quindi anche con i miei) che dovrebbe formare i giovani dirigenti dell'Italia di domani.
Vedi, Giulio, in questa lettera c'era scritto esattamente l'opposto di quello che ti avevo detto poche ore prima.
Diceva a suo figlio di andarsene dall'Italia. Diceva che per un giovane di talento non vale piu' la pena di lavorare nel nostro paese. Che la mediocrita', il clientelismo, la rissa istituzionalizzata come unico strumento di confronto, l'impunita' sono ormai l'unica legge e che le regole del gioco sono ormai talmente alterate che non vale nemmeno piu' la pena di provarci.
Tu sai quanto io ami il nostro Paese. Continuo ad emozionarmi ogni volta che per lavoro o per piacere lo attraverso da nord a sud. Però continuo ad incazzarmi ogni volta che vedo il suo potenziale sprecato. Continuo a discutere, spesso ad accapigliarmi con Ministri, burocrati e Presidenti vari (quasi tutti a Roma si fanno chiamare cosi...) .
Continuo a non capire perche' la nostra struttura pubblica sia al tempo stesso così ipertrofica e così assente, perchè i meccanismi legislativi siano così ridondanti e perche' ogni volta che si parla con i sindacati italiani sembra che l'istinto di autoconservazione dell'apparato prevalga sempre sull'interesse dei lavoratori. Continuo a non capire perche' le nostre televisioni siano invase da pessimi esempi per voi giovani e nascondano in maniera quasi scientifica quanto di piu' bello produce il nostro paese...
Sono tante le cose che mi mandano in bestia, almeno tante quante quelle che fanno arrabbiare il mio ex-collega, ma nonostante tutto continuo a lottare ogni giorno, proprio perche' del mio Paese vedo i difetti, che non sono pochi e non sono piccoli.
Fra non molto toccherà a te, ai tuoi amici, di raccogliere il testimone. Le sfide che vi attendono sono enormi, ma forse non più grandi di quelle che hanno affrontato i vostri nonni, che ereditarono un Paese distrutto dalla guerra, diviso, penalizzato da un'alfabetizzazione incompiuta e ancora alle prese con un'identità nazionale incerta.
Certo, le esperienze all'estero sono importanti nel mondo globalizzato e integrato di oggi: come fai a competere con inglesi, francesi, tedeschi, ma anche cinesi, indiani e arabi, se non sai come ragionano? Loro vengono da decenni a casa nostra per carpire i segreti di un modello che ha punte di eccellenza riconosciute ovunque, meno che da noi.
A te, Giulio, ai tuoi compagni della generazione del '90, dico che il vostro futuro è qui, nel vostro Paese. A te, Giulio, dico che se non siete orgogliosi del vostro Paese, anche quando avete legittimi motivi per criticarlo, è difficile essere orgogliosi di voi stessi. La sfida è rimanere per cambiarlo, questo Paese, dove serve, col tempo che ci vuole fosse anche un sempre. Ci sara' tanto da fare, figlio mio, e tocca a voi.
Noi, in effetti, ci meritiamo un bel 5.
Ti abbraccio,
Papa.

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/articolo-11823.htm

postato da: Spillo  


Bando Regione LazioScienza e Tecnologia: Game for Tourism, al via il bando Valorizzare il territorio del Lazio attraverso un videogame, c'è tempo fino al 30 settembre
letture: 577
15 settembre 2021 di simonilla
Webzine: Champions al via! Dove arriveranno le italiane?
letture: 952
14 settembre 2021 di TF Press
Susanna Celsi con il suo cane Webzine: Amami come se fossi tuo, giornata mondiale del cane
letture: 2617
26 agosto 2021 di simonilla
Scriviamo! Quelle parole che non abbiamo mai avuto il coraggio o la gioia di rivelare...Narrativa e Poesia: Le parole che non ti ho detto III edizione 2021 curata da deComporre Edizioni (1)
letture: 6918
11 maggio 2021 di Sandra Cervone
CarabinieriCronaca: Notizie di Cronaca
letture: 6584
08 maggio 2021 di simonilla
Le organizzazioni turistiche laziali incontrano il Ministro GaravagliaWebzine: Le organizzazioni turistiche laziali incontrano il Ministro Garavaglia
letture: 5514
22 aprile 2021 di simonilla
La copertinaNarrativa e Poesia: Fogli di un diario le poesie di Paolo Tabarro (recensione di Eleonora Mazzotti)
letture: 5532
19 aprile 2021 di Sandra Cervone
FranceschiniWebzine: Unità d'Italia, Franceschini: cultura motore della ripartenza
letture: 3295
17 marzo 2021 di simonilla
Alessandro SallustiEditoriale: Scienziati e pm indaghino. Ma in guerra si combatte Sei casi, su alcuni milioni, di effetti collaterali gravi in persone vaccinate con AstraZeneca...
letture: 3134
16 marzo 2021 di Emiliano Ziroli
Istituto di ORTOFONOLOGIASalute e Benessere: ROMA, SALUTE. L'AUTISMO NON È SOLO NUMERI MA FAMIGLIE E OPERATORI, IDO: DOVEROSO INFORMARLI 13 MARZO QUARTO CORSO CON FOCUS SU TRATTAMENTI RIABILITAZIONE
letture: 3257
11 marzo 2021 di descartes








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Via Lavanga angolo Piazza Santa Teresa
Questa foto... (5)
letture: 2324
17 agosto 2010
Miracolo a Formia!!!!! (28)
letture: 4091
12 marzo 2010
Asfalto elettorale (1)
letture: 2237
07 marzo 2010
Berta
Incredibile ma vero!!! (18)
letture: 4646
14 febbraio 2010
Birbone di un barbone borbone! (6)
letture: 3470
29 gennaio 2010
Fine Trasmissioni
Bollettini e lettere «minatorie»
letture: 3137
14 gennaio 2010
Il tribunale chiede di indagare su Di Pietro (2)
letture: 3218
08 gennaio 2010
Buon Natale (soprattutto a chi non ci crede). (4)
letture: 3100
24 dicembre 2009
Una lettera diretta al figlio Giulio in crisi
letture: 3355
22 dicembre 2009
"Non ha ucciso lui Chiara Poggi" (1)
letture: 4018
17 dicembre 2009