Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 10395
dal 01/05 al 31/05 Golfo di Gaeta: Il Maggio dei Libri
letture: 3486
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 1448
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.622
visitatori:413
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
03
giugno
S. Carlo L.m.
Compleanno di:
sex alge1951
sex bertafilava
sex dextraleva
sex pagnolo
sex rosalia
sex rust
sex singlegirl
sex Veruschka
nel 1968: L'ideatore della pop.art Andy Warhol, viene ferito nel suo studio cinematografico di New York dall'attrice Valerie Solanas.
dw

Home » News » Webzine » Columna Infamiae » L 'armata "s'agapò".
martedì 18 agosto 2009
L 'armata "s'agapò".
Cancella il mito di «italiani brava gente» il filmato «La sporca guerra di Mussolini» basato sul massacro di molti civili a Domenikon, nel febbraio del '43: la Grecia come i Balcani o l'Etiopia
letture: 3853
Columna Infamiae: Andrà in onda su History Channel, domani alle 21, il documentario di Giovanni Donfrancesco La guerra sporca di Mussolini prodotto da Ga&A production. Il film indaga su un episodio supercensurato dell'ultima guerra in Grecia, l'eccidio di Domenikon, dove furono trucidati tutti gli uomini dai quattordici anni in su di quel paesino della Tessaglia, in risposta a un attentato della resistenza in cui morirono nove soldati italiani.
Fu un'interpretazione del tutto fuori dalle regole dei trattati internazionali, non occhio per occhio, ma testa per dente, come indicava in una circolare il generale Mario Roatta. Nell'eccidio del 16 febbraio 1943 i soldati italiani trucidarono 150 civili e i sopravvissuti, che all'epoca erano i bambini scampati al massacro, ricordano ancora i fatti di quella notte. A raccogliere le testimonianze e decidere di portare il caso in tribunale è Stathis Psomiadis che perse il nonno nell'eccidio. Il suo corpo lo riconobbero perché la madre, bambina anch'essa, gli diede le sue scarpine da tenere nella tasca della giacca e da quelle fu riconosciuto nella fossa comune dove tutti i corpi furono gettati.
Il giovane Stathis forse pensa che in Italia tutti questi fatti sono sconosciuti; certo non sa (e molti non sanno) che nel 1953 Guido Aristarco, semplicemente per aver pubblicato sulla rivista «Cinema Nuovo» la sceneggiatura di L'armata S'agapò di Renzo Renzi, film che raccontava dei fatti dell'esercito italiano in Grecia, subì insieme a lui un processo e il carcere per quaranta giorni, nella fortezza di Peschiera. L'accusa fu di «vilipendio delle Forze armate e dell'arma di cavalleria», la condanna a a sette mesi e alla rimozione del grado a Renzi e a sei mesi ad Aristarco (quando Pirro nel '56 scrisse Le soldatesse, intendendo con questo le prostitute inviate all'armata «S'agapò», potè farlo senza problemi, ma anche lui nel '50 aveva cercato di produrre un film sugli italiani in Grecia e gli fu impedito di farlo). Per «armata S'agapò» («ti amo», in greco) si intendeva l'esercito composto da quei soldatini italiani diciottenni arrivati in Grecia più per fare la corte alle ragazze che per combattere, come ancora ricordano i vecchi intervistati, e come ci raccontò anche Salvatores in Mediterraneo.
Ma a parte i diciottenni c'erano anche gli ordini dei generali e dei vertici militari. Il generale Benelli in primo grado, comandante in Grecia della divisione Pinerolo che parla di «salutare lezione» e propose l'encomio per l'azione punitiva. E questo fu il primo di una serie di episodi che segnarono il '43, lotta ai «ribelli» senza quartiere, secondo la circolare del generale Carlo Geloso, comandante delle forze italiane di occupazione, in cui si sanciva il principio della «responsabilità collettiva». Il movimento partigiano andava annientato a partire dalle comunità locali, bisognava fare terra bruciata, non lasciare mezzi di sostentamento.
Italia e Grecia appartenevano nel dopoguerra, secondo i piani degli alleati, a quel baluardo contro il comunismo per cui i crimini di guerra venivano cancellati e si spazzava via anche il ricordo della resistenza in Grecia con la dittatura dei colonnelli. Di questo, naturalmente, non si parla nel documentario, tranne che del fatto che i responsabili dell'esercito italiano, invece di essere messi di fronte alle loro responsabilità come i nazisti, furono nel dopoguerra dislocati in posti strategici dell'esercito o confluirono nei servizi segreti. Il documentario sottolinea più e più volte, invece, che non si fece menzione di questi avvenimenti perché si voleva sponsorizzare il volto umano dell'esercito italiano, il famoso «italiani brava gente» da contrapporre ai cattivi nazisti. Eppure perfino i tedeschi protestarono per il comportamento eccessivo degli italiani in Grecia, dove fecero terra bruciata di villaggi, requisirono viveri tanto da far scoppiare la carestia che costò la vita a più di quarantamila persone, un genocidio vero e proprio. E che si fecero notare in Africa orientale per l'uso vietato di gas e in Jugoslavia per le condizioni disumane delle deportazioni. Di tutto questo parla, tra l'altro, un libro appena uscito, «L'occupazione italiana dei Balcani, crimini di guerra e mito della brava gente (1940 - 1943)» di Davide Conti, ed. Odradek, che si contrappone al processo di rimozione avvenuto nel nostro paese.
Ora che anche la Grecia ha compiuto il sorpasso rispetto all'Italia (se non altro in fatto di salari, notizia di ieri) si allontana sempre di più l'epoca in cui Ciano poteva dire: «la Grecia è un paese così povero che non può da noi essere concupito». In ogni caso la marcia su Atene era stata proibita da Hitler, ma Mussolini voleva farsi largo nei Balcani per non essere da meno. Fu il famoso «Spezzeremo le reni alla Grecia», si sa come andò a finire.
Dei fatti della Grecia, studiati a lungo dalla storica Lidia Santarelli, docente presso la Columbia University negli Usa, vediamo nel film dati e materiali che emergono dall'oblio. A presentare il documentario è intervenuto anche un altro storico Filippo Focardi, dell'università di Padova e Sergio Dini presidente dell'associazione nazionale magistrati militari, procuratore militare a Padova: «I fatti di Dominikon - dice - sono un chiaro esempio di crimine di guerra che come tale può essere perseguito anche oggi, poiché le amnistie del dopoguerra compresa quella di Togliatti non comprendono tali crimini. Io stesso ho inviato una denuncia». Anche Stathis Psomiadis ha depositato una denuncia al tribunale greco. È stata archiviata, ma ora la presenterà presso la corte di giustizia europea, perché è meglio non lasciare buchi neri nella storia.
fonte: Il Manifesto   postato da: ulisse50  


 Columna Infamiae: I costi occulti di TIM ed Enel. Gli abusi ed i soprusi delle grande aziende di servizi.
letture: 3484
11 gennaio 2019 di CONTROMAFIE
Columna Infamiae: La foiba dimenticata, Debre Libanos L'ipocrisia del Potere. le foibe che i fascisti non ricordano. le loro (2)
letture: 2361
11 febbraio 2016 di Antonio Ciano
Insozzata la targa di una via intitolata a Sergio RamelliColumna Infamiae: Uno spettro si aggira (ancora) per Milano: gli Anni Settanta di Pietrangelo Buttafuoco Il Fatto quotidiano 29-04-2015 (6)
letture: 3152
29 aprile 2015 di Kalckreuth
Il marito della gemella di Vladimiro Guadagno, Renzie.Columna Infamiae: Renzino e il canone Rai. Ovvero come metterlo in quel posto a tutti, o quasi, gli italioti. Renzie e soci continuano a mettercelo in quel posto. E noi godiamo. (3)
letture: 2932
10 marzo 2015 di Michele Ciorra
Due anni fa l'ex senatore si rifugiò a Santo Domingo nei giorni in cui la Cassazione decideva la sua sorte. La condanna fu annullata con rinvio e ricomparveColumna Infamiae: "Arresto per Dell'Utri", ma è latitante A pochi giorni dalla sentenza definitiva sul concorso esterno in associazione mafiosa, l'ex senatore è irreperibile (1)
letture: 2374
11 aprile 2014 di TF Press
 Columna Infamiae: Fatta la legge trovato....
letture: 2576
07 ottobre 2013 di osservatricealatere
Voti rubati e venduti.Columna Infamiae: Attenti a destra, ma anche a sinistra! La vendita ed il furto di voti sono bipartizan! (8)
letture: 3102
24 febbraio 2013 di bluestrike
Odio gli indifferenti.Columna Infamiae: Odio gli indifferenti! Parafrasando Gramsci.
letture: 3261
04 gennaio 2012 di bluestrike
Crisi FincantieriColumna Infamiae: Fincantieri licenzia gli operai e assume il leghista condannato a 4 anni per tentata concussione Mentre a Sestri Ponente si protesta per posti di lavoro a rischio, viene deliberata la nomina nel consiglio di amministrazione di Alessandro Agostino, architetto fedelissimo di Bossi.
letture: 3174
16 ottobre 2011 di Fraccanario
Animali seviziatiColumna Infamiae: Macabro gioco a Napoli: cani e gatti seppelliti vivi O abbandonati in buche stradali per farli schiacciare da auto (3)
letture: 3074
12 ottobre 2011 di Fraccanario








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Donne che uccidono gli uomini
letture: 2752
22 agosto 2009
L 'armata "s'agapò".
letture: 3854
18 agosto 2009
Prete
Bergamo, al corteo di Forza Nuova il saluto fascista del prete lefebvriano (7)
letture: 2568
04 marzo 2009
Padre Pio, la fabbrica dei miracoli (a orologeria) (3)
letture: 3709
01 settembre 2008
Ulisse non è mai tornato a Itaca (2)
letture: 4299
20 giugno 2008
«Ultima cena» omosessuale in Austria
letture: 4770
08 aprile 2008
Il Tibet dalle strade di Pechino
letture: 4809
19 marzo 2008
I cani dei Torlonia (1)
letture: 5449
20 gennaio 2008
Giallo a Sabaudia
letture: 5310
09 gennaio 2008
Dentro alla monnezza, come a Nassyria.
letture: 5259
07 gennaio 2008