Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 28/09 al 31/12 Scienza e Tecnologia: L'IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per "Giovani Ricercatori"
letture: 3470
dal 19/10 al 29/12 Fondi: FONDI (LT), Libri di testo: per chiedere i contributi c'è tempo fino al 30 dicembre
letture: 1126
dal 29/10 al 06/01 Pomezia: Le Mani della Terra - I Valori del Mare
letture: 3171
dal 06/11 al 31/12 Cisterna: IL CENTRO SPORTIVO SAN VALENTINO SI CANDIDA AI FONDI PER IL PIANO NAZIONALE "SPORT E PERIFERIE"
letture: 2484
dal 09/11 al 09/11 Cisterna: NASCE IL CANALE TELEGRAM "INFOPOLIZIA LOCALE CISTERNA"
letture: 2109
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 2092
dal 11/11 al 30/12 Cisterna: CISTERNA di Latina, COVID: IL COMUNE CERCA NEGOZI DA CONVENZIONARE PER LA CONSEGNA A DOMICILIO
letture: 1898
dal 12/11 al 22/12 Fondi: Il sindaco incontra i dirigenti: a Fondi le scuole restano aperte
letture: 1713
dal 13/11 al 30/12 Fondi: Mascherine e assembramenti: intensificati i controlli a Fondi
letture: 1716
dal 20/11 al 20/11 Fondi: Il Comune di Fondi tende la mano agli ambulanti: a novembre il mercato si terrà di venerdì
letture: 1321
dal 22/11 al 29/11 Formia: MARANOLA di FORMIA: Festival di Musica e Cultura Tradizionale
letture: 1752
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.628
visitatori:306
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
29
novembre
S. Livia
Compleanno di:
sex doghi
sex dragone
nel 1864: Truppe irregolari americane attaccano a tradimento e massacrano 163 pellirossa Cheyenne e Arrapaho accampati nei pressi del torrente Sand Creek, in Colorado.
dw

Home » News » Frosinone » Picinisco » RELIGIOSITA', un libro di foto...
sabato 08 agosto 2009
RELIGIOSITA', un libro di fotografia di Luigi Giannetti
Quando il più profondo legame comunitario, il sentimento religioso di un paese, Picinisco, diventa un'opera d'arte.
letture: 6158
Religiosità di Luigi Giannetti
Religiosità di Luigi Giannetti
Picinisco: da: www.andreatta.it
Religiosità, un fotobook di Luigi Giannetti

di Sergio Andreatta


L'importanza di una foto è tutta nell'immagine, nella cura dei dettagli, nella tensione della ricerca, nella grande passione spesa dall'autore. "Lo sa lei come la chiamano adesso le dignità professionale: immagine. E che cosa crede che sia l'immagine? [ ... ] E' un prodotto [ ... ] e questo prodotto è più importante di chi lo produce". Paradossalmente il significato di questa frase di Alberto Moravia, tratta da La donna leopardo, rispecchia il valore e l'importanza che si dà oggi all'immagine-apparenza, nel caso di una bella donna, importanza che per altri versi si può attribuire ad una foto che vale per quello che ha prodotto e saputo esprimere, o meglio sa promuovere, attraverso i filtri della senso-percezione, nel giudizio estetico e nell'interiorità di chi la osserva e la legge. Per un fotografo professionista, ma anche per uno "dilettante" appassionato, l'immagine costituisce veramente una sorta di "dignità professionale". Una foto, a ben vederla, non si gode infatti soltanto epidermicamente o una volta per sempre per poi concludere, quasi a chiudere in fretta un sipario, con un "Oh, che bella!". Una foto è specchio di un soggetto, di un oggetto, di un'azione... e quel che specchia va letto avendo sempre presente l'intento voluto della narrazione. Ecco perchè una fotografia non è mai da considerarsi un prodotto finito finché continua a dialogare con qualcuno come, per restare in tema, la statua di gesso che interagisce con la devota nella Chiesa di S. Lorenzo di Picinisco. Non lo è mai, prodotto finito, particolarmente un fotogramma digitale dal quale si possono ricavare molteplici alternative e variazioni. La fotografia, se non è casuale, è ideazione di un percorso che diventa progetto registico se prevede una sequenza di scatti, lungo le fil rouge tematico dell'autore, così in ogni libro di fotografia ed anche in questo. Un libro sulla religiosità poi è un libro sulla più intima essenza di una comunità e delle persone che la compongono, un tentativo - forse riuscito o forse no - di una rappresentazione metafisica attraverso la raccolta e la selezione di segni e di significanti che si ritiene meritevoli di esser colti e fissati estrapolandoli dalla caduta del tempo con uno scatto fotografico. Un tentativo effimero, forse, di "eternazione". In "Religiosità' noi non troviamo tutti i segni e i significanti reperibili sul luogo in materia religiosa ma solo quelli che, facendo uno scarto, hanno semanticamente interessato l'autore. Impressioni ed espressioni scelte arbitrariamente, quindi, da Giannetti. E in questo contesto anche una fotografia che può sembrare brutta da sola può diventare, all'interno di una sequenza, una fotografia significativa, l'ineliminabile anello di una catena. Probabilmente la religiosità di Picinisco è anche altro da questo campionario esibito, se non altre liturgie nella loro ripetizione, altri momenti, altre persone, altri stati d'animo. La religiosità di Picinisco non è neanche unica, in quanto fenotipica di altri paesi dei dintorni, diversamente contaminata una volta l'anno, il 20 di agosto, da quella dei molti pellegrini diretti in torme al Santuario della Madonna del Canneto, ma è comunque una rappresentazione della memoria collettiva da salvare. Quanto è stato rappresentato in "Religiosità", ma non tutto è sempre completamente rappresentabile, coglie bene il senso del legame religioso superstite nella comunità valligiana. Dico superstite perché una generazione fa Giannetti avrebbe sicuramente archiviato altro, e altro ancora potrebbe nella prossima per quell'erosione e rarefazione continua del sentimento religioso, per quel rimodellamento che risente meno delle nuove utopie pubblicitarie e più della crisi dei valori in atto. Questa diacronia fotografica, quasi un'evolutiva stratigrafia dell'essere religioso piciniscano, sarebbe di grande interesse antropologico culturale. Un vescovo amico mi chiese una volta che cosa io ritenessi utile a rivitalizzare l'adesione religiosa nella sua diocesi. E io gli risposi lapidariamente, forse troppo in fretta e senza approfondire per metterlo in riflessione:" Meno miti e riti e più partecipazione alle vicende della gente", toccando però così senza volerlo l'essenza stessa di una religione: i miti e i riti. E quella che poteva sembrare una bella risposta in realtà non lo era affatto perché non si può immaginare una partecipazione al sentimento religioso (religio = legame comunitario) senza una condivisione, a un qualche livello, di una mitologia delle origini (genesi) e la reiterata pratica di un rito liturgico. Con la rievocazione fin alle sue origini (mito) di un percorso di salvezza e sulla ripetitiva perpetuazione, regolare e cadenzata, di una liturgia della promessa si mantiene e si rianima ogni culto. Il mito e il rito attraggono, sono come il vento (spirito) che alimenta il fuoco. Se si capisce questo si capisce anche perché una chiesa (particolarmente quella cattolica italiana rispetto a quella sudamericana della cosidetta "teologia della liberazione" ad esempio) non possa che essere nella sua autoreferenzialità, malgrado ogni dissimulazione in proposito, più conservatrice ("alla destra" per schemi di pensiero) che progressista ("alla sinistra"). Questo è nello stesso suo DNA costitutivo giacché ogni cambiamento (es. sulle questioni bioetiche) è visto con sospetto stravolgente, se non demonizzato. Quella di Giannetti, dunque, si presenta come il diario di un viaggio nella religiosità del suo paese. Sarebbe facile aggiungere diario interiore, metafisico, in realtà questo suo diario fotografico, di 70 scatti rigorosamente in bianco e nero (alcuni software consentono oggi una conversione controllata e il viraggio da colori al bianco e nero) e quindi dotati di maggiore presa come già nel precedente libro (Pastorizia), mi appare più fisico ed estetico fin nelle colte espressioni delle facce dei co-protagonisti. E dico coprotagonisti (personaggi in cerca di un autore, il Giannetti appunto) che si muovono intorno ad un soggetto, ad una trama, secondo una coralità quasi teatrale (conditio sine qua non in questo caso) che era assente nella precedente opera, "Pastorizia", più inebriata dalla bellezza del paesaggio e più emblematica della condizione di lavoro un tempo più diffusa per queste montagne. Pastorizia e Religiosità sono in fondo i due caratteri che meglio contraddistinguono sicuramente questa piccola, ma non chiusa, comunità della Val di Comino. Dalla commistione di queste due condizioni non è nata, ab ovo, come altrove ho scritto, la stessa pastorale cristiana? Oggi non è difficile "mettere in luce", specie con la fotografia, qualche aspetto del modo di essere, di apparire e di esistere di una persona o di una comunità. Realizzare progetti fotografici innovativi oggi è alla portata, se non proprio di tutti, di una moltitudine di fotografi di varia bravura, anche promossi dalle nuove tecnologie avanzate messe a disposizione dal progresso ma la chiave del successo progettuale di Giannetti, della sua straordinarietà, sta nella conoscenza delle persone e nell'osservanza (non soltanto osservazione) dei loro sentimenti. Nella non invadenza dello scatto, nel delicato rispetto oggi così conclamato, coscientizzato perfino in un diritto, della privacy di ognuno. "Donne che osservano enormi crocefissi con naturalezza estrema - annota Gabriele La Porta direttore di RAI NOTTE - come se si trattasse di passanti. Bambini che esaminano le statue della processione come enormi e intoccabili giocattoli magici. Anziani che ripetono gesti e posture per l'ennesima volta, e lo fanno con attenzione, con affetto profondo. Donne velate, donne che preparano la processione, donne che discorrono beate sulle panche della chiesa, chierichetti con occhi fondi e arie incredibilmente sveglie...". E' questo il prevedibile campionario dei personaggi e degli interpreti del copione. Diego Mòrmorio, critico e storico della fotografia dell'Accademia delle Belle Arti di Napoli, che nella presentazione avvenuta nella Chiesa di San Rocco di Picinisco sabato 1 agosto 2009 davanti ad un folto pubblico ha parlato a lungo della fisica della luce come mezzo di scrittura fotografica, nella presentazione tenta anche, peraltro in modo insufficiente ed inesaustivo, un'interpretazione antropologica del fenomeno religioso, ricordando la potenza del legame (inclusione) e il rischio dell'esclusione (scomunica o s-comunità direi). Ancora una volta cita il noto episodio della morte di Socrate "colpevole di non riconoscere gli dei che la città riconosce e di introdurre altre nuove divinità". Benedetto Croce, con forti legami parentali da queste parti (Alvito), com'è noto, insisteva sul concetto del "perché non possiamo non dirci cristiani". Parola di un liberale laico. "... anche quando a livello della coscienza ci sentiamo lontani dai culti religiosi del luogo in cui siamo cresciuti, a livello inconscio ne veniamo attratti più o meno nella stessa forma in cui si manifesta l'attrazione di Luigi Giannetti, che giustamente parla di "una Picinisco interiore": di "un luogo dell'anima, luminoso ed oscuro, odiato e amato al tempo stesso". Io, senza valicare il limite, mi fermerei però alla Picinisco religiosa dove la differenza tra "religioso" ed "interiore" potrebbe essere, secondo me Sergio Andreatta, tutta nella metafora di una mela dove l'interiorità è rappresentata dalla polpa infotografabile (se non ricorrendo ad uno spaccato) e la religiosità dalla buccia. Questo dà anche il limite della fotografia, più che della fede in sè rispetto alla sua manifestazione. Nicola Giuseppe Smerilli, docente di scenografia all'Accademia delle Belle Arti di Roma, è di poche parole tanto da sembrare reticente, confessa di essere rimasto sorpreso dall'accoglienza della comunità sotto l'ombra del grande albero, l'enorme platano amico e guardiano della piazza migliaia di volte, vestito nella sua curata divisa verde o spogliato, fotografato da Giannetti, da me e da tutti coloro che salgono a Picinisco accompagnati da una fotocamera qualsiasi, fosse pure solo quella del cellulare. Ma la reticente essenzialità di Smerilli ha un significato preciso che troviamo estenuato nella presentazione (Pensare la fotografia): "E' facile parlare e scrivere di buona composizione, - scrive il prof. Smerilli - di equilibrio formale, di grana, di toni, di regole... che se pure importanti sono la grammatica, la base indispensabile su cui ogni fotografo costruisce un proprio percorso di ricerca. Difficile è invece parlare e scrivere del senso più profondo della fotografia, di quello che quanti operano in questo campo intendono trasmettere con il loro lavoro... Raccontare la fotografia per chi come me la fotografia la fa credo sia un atto di grande arbitrarietà... La fotografia... non ha bisogno di conferme, è lì che aspetta solo di essere guardata, per recuperare il senso di ciò che l'autore ha deciso di cogliere nell'istante dello scatto, lasciando che ciò che ha dentro si materializzi in quella specifica immagine". Gli onori di casa sono stati fatti doverosamente dal sindaco di Picinisco, ing. Giancarlo Ferrera, un grande appassionato dei valori di questo territorio e delle sue notevoli risorse naturalistiche (P.N.A.L.M.). Un sindaco perfino "campanilista" in senso buono - dichiara - che non trascura mai di dare smalto a queste bellezze e a queste tradizioni secolari non bastevoli, però, da sole a frenare l'emorragia migratoria verso la Scozia e il Canada. Ma il sindaco non è l'unico grande estimatore delle opere fotografiche di Luigi Giannetti testimone privilegiato e custode di tutto ciò che di saliente accade nella ormai depauperata comunità piciniscana. © - Sergio Andreatta

Luigi Giannetti (Photos e Progetto grafico), Religiosità, Picinisco, 2009, Editing: Grafiche del Liri (Isola Liri - FR).

Con il patrocinio della Regione Lazio (Assessorato Sviluppo Economico, Ricerca, innovazione e Turismo), del Comune di Picinisco, della Pro Loco di Picinisco. Con il sostegno economico di Ilaria Scala.

All'inizio saluto aperitivo di Lorenzo Pelosi.

Video a cura di Marco Schirinzi, nel sottofondo musicale un contributo compositivo (Amore e Psiche) di Giacomo Ferrera.

In conclusione Concerto d'archi con musiche barocche e moderne di un noto quartetto pugliese.

Tra le numerose Autorità presenti quelle religiose: mons. Dionigi Antonelli, pubblicista, apprezzato storico locale e già rettore del Canneto; don Antonio Molle attuale rettore del Santuario della Madonna del Canneto e abate della Collegiata di S.Lorenzo in Picinisco; il benedettino archivista dell'Abbazia di Montecassino; il monaco bibliotecario dell'Abbazia di Casamari.

Con un riconoscente omaggio l'Autore dedica l'opera al prof. Erino Rendina.

di: Sergio Andreatta


Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,Picinisco: Arandora Star, la cattiva memoria. 2.07.1940, ore 6,58: un grave misfatto, più che solo un increscioso incidente, di W. Churchill.
letture: 2647
22 luglio 2019 di Sergio Andreatta
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.Picinisco: Entri dal cancello con l'istinto della fuga... I nomi delle molte vittime incisi su una lapide.
letture: 2252
12 ottobre 2017 di Sergio Andreatta
Dom Edmer abate di PiciniscoPicinisco: La benedizione delle case, emigrazione da un rito. Come accetta questo rito una società multietnica, multireligiosa e diffusamente laicizzata?
letture: 2503
03 aprile 2016 di Sergio Andreatta
Orso marsicano (Corpo Forestale)Picinisco: Picinisco, tutti pazzi per l'orso Lorenzo di Sergio Andreatta da www.andreatta.it (anche per le foto). Poco prima di mezzanotte scende in paese un orso bruno marsicano.
letture: 5756
17 agosto 2013 di Sergio Andreatta
I Ciacca di PiciniscoPicinisco: Quando le pietre di un piccolo mondo antico tornano a parlare A I Ciacca, antico borgo rurale di Picinisco, rinasce una barbatella di speranza.
letture: 3907
13 agosto 2013 di Sergio Andreatta
Picinisco, Cascata sul fiume MelfaPicinisco: Spettacolo Melfa Tra balzi e cascatelle spettacolari i giochi d'acqua del fiume Melfa nel territorio di Picinisco.
letture: 4736
10 luglio 2013 di Sergio Andreatta
Madonna Pastora da www.andreatta.itPicinisco: E nel clou del Pastorizia in Festival,appare a Picinisco la Madonna Pastora La Madonna Pastora ritorna alla luce dopo così tanto inspiegabile oblio (da: www.andreatta.it)
letture: 4788
16 agosto 2011 di Sergio Andreatta
Aurelio Picca (sx), M.R. Valentini (dx), scrittori al II Festival delle Storie - PiciniscoPicinisco: "Antonia" l'ultimo romanzo di Maria Rosaria Valentini II Festival delle Storie della Val di Comino, da www.andreatta.it
letture: 4169
08 agosto 2011 di Sergio Andreatta
regione lazioPicinisco: La Regione Lazio non rispetta la cultura popolare della Valle di Comino Duro Comunicato Stampa dell'ing. Giancarlo Ferrera: penalizzata la tradizione, il turismo e l'economia estiva della Valle.
letture: 3252
04 luglio 2011 di Sergio Andreatta
Picinisco 2009, Il sentiero della ragazza perdutaPicinisco: Picinisco. Il sentiero della ragazza perduta Per ritrovarsi bisogna prima un po' perdersi...
letture: 5382
04 agosto 2009 di Sergio Andreatta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
De rerum natura
Peste di Atene e Covid 19
letture: 3666
29 maggio 2020
Il saggio del prof. J. Kelly
Peste e Progrom nel XIV secolo
letture: 2055
08 aprile 2020
Covid 19 e Peste Nera
La peste Nera (1)
letture: 1821
30 marzo 2020
Latina, Monumento a Eunice Kennedy
Monumento a Latina per Eunice Kennedy
letture: 3617
15 dicembre 2019
L'Ambasciatrice indiana a Roma e il Sindaco Damiano Coletta
La Comunità Sikh dona 550 piante a Latina
letture: 3496
15 dicembre 2019
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 3201
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2647
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 2172
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1967
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2698
15 dicembre 2017