Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 4143
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 7515
14/12 Formia: Incontro sull'epistolario di Franz Kafka a Milena Jesenská
letture: 875
14/12 Gaeta: Sabato 14 Marco Rizzo a Gaeta per i 70 anni della NATO
letture: 478
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej (1)
letture: 843
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 1094
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 440
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.605
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
12
dicembre
III° Avvento S. Amalia
Compleanno di:
sex ANDREASTORTI...
sex andrea_grign...
sex Balestriere
sex chiquita
sex cristianmc3
sex marinaioblue
sex milyprezzemo...
sex mosquiton
sex russulill
nel 1901: Gugliemo Marconi tramette con successo un segnale da un'antenna installata in Inghilterra, ad un ricevitore situato a Newfoundland in Canada.
nel 1949: A Parigi, Tiberio Mitri conquista il titolo europeo dei medi, battendo Jean Stock in 15 riprese.
dw

Home » News » Webzine » Diritto e Giustizia » Pioggia di denunce, i costrutt...
venerdì 17 aprile 2009
Pioggia di denunce, i costruttori sotto inchiesta
letture: 1351
immagini telecamere sequestrate dalla polizia
immagini telecamere sequestrate dalla polizia
Diritto e Giustizia: Il fascicolo degli inquirenti si ingrossa degli esposti dei cittadini. Le denunce sono decine e aumentano ora dopo ora. Parlano di allarmi sottovalutati, di crolli "assolutamente inspiegabili", oppure "annunciati". Gli inquirenti hanno già acquisito i video girati dalle tv locali subito dopo la scossa e le immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso delle banche o che guardano sulle strade. L'obiettivo è vedere come hanno reagito i palazzi, come hanno oscillato, come sono crollati. C'è poi il capitolo delle assicurazioni e delle loro indagini per eventuali risarcimenti dei danni
La procura dell'Aquila, che indaga sui crolli del terremoto, ha stilato un primo elenco di costruttori da interrogare nelle prossime ore: sono tutti quelli (una ventina) che hanno realizzato gli immobili sottoposti a sequestro. Gli interrogatori avverranno una volta acquisiti tutti i documenti utili a ricostruire la vita degli edifici e non appena saranno pronti i primi risultati delle perizie sui reperti sequestrati, in modo da poter muovere contestazioni specifiche.
Intanto, il fascicolo degli inquirenti si ingrossa degli esposti dei cittadini. Le denunce sono decine e aumentano ora dopo ora. Parlano di allarmi sottovalutati, di crolli "assolutamente inspiegabili", oppure di crolli "annunciati".

Anche un comitato di circa 80 giovani ospiti della struttura "Casa dello studente parte civile", ha presentato un esposto in procura: "Ho deciso di aderire per avere giustizia - spiega Marilena Faragasso, studentessa originaria di Agri (Cosenza) ad un inviato dell'agenzia ansa -; c'erano tante cose che non andavano e sono state prese alla leggera. Quanto da noi denunciato doveva costituire un campanello d'allarme, ma nessuno ci ha ascoltati". Quella notte Marilena dormiva nella casa dello studente e si è salvata scendendo in strada con un gruppo di giovani che si sono aiutati a vicenda.
In un altro degli esposti presentati agli inquirenti si legge: "Ho comprato una casa tre mesi fa, i soldi di una vita. Mi avevano detto, assicurato, che era antisismica, invece è crollata".

Numerose denunce, secondo quanto si è appreso, riguardano case costruite in cemento armato che sono crollate mentre altre, lì vicino, non hanno fatto una piega, o anche edifici regolarmente collaudati eppure lesionati in modo tale da renderli del tutto inagibili. Molto spesso, questi esposti sono corredati da foto e filmati di come era l'immobile prima del terremoto e, in alcuni casi, anche delle fasi di costruzione.

Accanto a questi, ci sono poi quei cittadini che hanno perso dei parenti nei crolli e che, durante il lungo sciame sismico che ha preceduto il terremoto del 6, avevano ricevuto più di una segnalazione di allarme da parte dei loro cari. Segnalazioni alle quali erano seguite altrettante rassicurazioni da parte di soggetti che vengano puntualmente indicati. Sono esposti, questi ultimi, carichi di rabbia per "una tragedia che si poteva evitare".
Tra chi ha denunciato la "sottovalutazione dei ripetuti allarmi" lanciati c'è una ragazza che piange il fratello morto nella Casa dello studente ed anche alcuni che hanno perso dei figli nello stabile crollato in via XX Settembre 79 (7 morti).
Gli investigatori hanno già sentito sommariamente alcune di queste persone, probabilmente la stessa ragazza.

Altre si apprestano invece a sentirne nelle prossime ore. Sono i costruttori che hanno realizzato gli immobili crollati.
Questo atto istruttorio è delegato in primis alla Gdf che ha già acquisito molti documenti relativi agli stabili: sulla base di queste carte e dei primi esiti delle perizie sui reperti raccolti verrà appunto chiesto conto a chi ha costruito case e palazzi della rispondenza alla normativa antisismica e dei materiali adottati.

Il sostituto procuratore Fabio Picuti ha fatto il punto ieri sera con tecnici e investigatori: il lavoro primario, al momento, è quello di ricostruire il modo in cui gli immobili hanno reagito al sisma. Per questo gli inquirenti hanno già acquisito i video girati dalle tv locali subito dopo la scossa e le immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso delle banche o che guardano sulle strade. L'obiettivo è vedere come hanno reagito i palazzi, come hanno oscillato, come sono crollati. "Sarà molto utile ai nostri periti", si limita a dire il pm.

Uno degli altri aspetti della "madre di tutte le inchieste" è poi quello che riguarda il rischio di infiltrazioni mafiose.
Il presidente della Regione, Gianni Chiodi, ha ribadito ieri che "non esiste l'equazione Abruzzo uguale mafia", ma gli investigatori stanno comunque prendendo ogni contromisura affinché i tentacoli della piovra stiano lontani dall'affare miliardario della ricostruzione.
Il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, ha annunciato la creazione di una apposita task force di supporto al procuratore dell'Aquila e proposto una lista di grandi aziende "pulite" che dovranno avere il ruolo di organizzatori di quello che c'è da fare. Un monitoraggio in questo senso è già stato avviato dalla Guardia di Finanza, mentre un occhio particolare è riservato ai detenuti al 41 bis, il carcere duro, nei penitenziari abruzzesi: il sospetto, affermano gli investigatori, è che possano costituire un "punto di riferimento" sul territorio per le organizzazioni mafiose e che possano veicolare informazioni e "direttive" anche attraverso i colloqui con i familiari.

E poi c'è il capitolo delle assicurazioni private:le grandi compagnie si stanno muovendo, stanno cercando una verità sulla città dell'Aquila che è venuta giù di colpo. E hanno ingaggiato periti, ingegneri, architetti. Anche investigatori privati. Svolgono indagini parallele e autonome da quelle della magistratura. Vogliono scoprire quali sono i danni del terremoto e quali i danni del cemento che non è cemento. Si muovono con rapidità, in attesa delle richieste stratosferiche di risarcimento che riceveranno nelle prossime settimane e nei prossimi mesi da enti pubblici e privati.
Il primo compito dei periti è quello di accertare i danni, capire se è meglio abbattere una struttura lesionata oppure ricostruirla. L'altro compito è verificare se gli edifici assicurati erano costruiti come vuole davvero la legge, perché non si risarciscano gli sciacalli del cemento dis-armato e delle leggi calpestate.

[Aprileonline]

**********************************************

L'Aquila: è pronto l'elenco dei costruttori da interrogare

Prevenzione: parla Michele Fina, assessore alla Protezione civile della Provincia.


La procura dell'Aquila, che indaga sui crolli del terremoto, ha stilato un primo elenco di costruttori da interrogare nelle prossime ore. Sono tutti quelli che hanno realizzato gli immobili sottoposti a sequestro.
''Mio fratello non doveva morire cosi''', denuncia una giovane che ha perso il fratello nel crollo della Casa dello studente. E intanto gli inquirenti hanno acquisito i video girati dalle tv locali subito dopo la scossa e le immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso.


L'assessore Fina e i Vigili del fuoco
"Proprio ieri, mentre giravamo tra le tendopoli, i Vigili del fuoco ci hanno confermato che la momento della devastante scossa del 6 aprile, nella città de L'Aquila loro erano solo in 12. Capisco che i terremoti non si possono prevedere, ma un maggior dispiegamento di forze, in caso di grave calamità naturale, sarebbe stato opportuno". L'assessore alla Protezione civile della Provincia dell'Aquila, Michele Fina (foto) non ha voglia di far polemica. Ma neanche di non dire come stanno le cose in merito alla tragedia che ha colpito L'Aquila e provincia. "Domenica 30 marzo abbiamo avuto una scossa del 4° grado della scala Richter, secondo me non serviva un ulteriore terremoto per disporre una maggior presenza di Vigili del fuoco" dice l'assessore.


Il calendario delle scosse

In effetti era da dicembre che a L'Aquila si registravano scosse continue. La popolazione aveva paura, tanta paura. Cercava di continuare a condurre una vita regolare. Ma non era per nulla semplice. La terra tremava di continuo e la gente era abbastanza provata.


Il 4° grado del 30 marzo
Poi, quando il 30 marzo l'intensità dell'ennesimo terremoto ha raggiunto il 4° grado della scala Richter, la pericolosità della situazione è stata percepita quasi da tutti in città.

30 marzo, Casa dello studente

Alla Casa dello studente la gravità della situazione non era stata sottovalutata. Quantomeno dagli studenti. Carmela Tomassetti il 30 marzo aveva chiesto e ottenuto il sopralluogo di un architetto. Roberta gli ha indicato la ragnatela di crepe lungo la parete che dava sul corridoio. Chezia quella al 4° piano, a fianco dell'ascensore. Guido quel pilastro imbalsamato col nastro arancione nel salone. Ma l'architetto, come racconta Carmela, "guardò il tutto, e disse che non c'era pericolo". Anche Roberta, un'altra sopravvissuta al crollo dello studentato, conferma la versione: "Tutti hanno risposto alle perplessità dicendoci che 'L'Aquila trema, ma non crolla'. Ma noi ogni volta che notavamo una nuova crepa la mostravamo al custode. Ed anche all'architetto che è venuto per ben 2 volte, ma ci ha sempre risposto che si trattava di 'crepe d'assestamento'".


Chiuse 2 scuole una settimana prima del 6 aprile
Sempre dopo la scossa del 30 marzo, il sindaco de L'Aquila decise anche di chiudere due scuole e di spostare il pressing anche sulla Protezione civile.


La lettera della giunta comunale al governo del 1° aprile
Così il 1° aprile la giunta comunale, all'unanimità, ha inoltrato al governo una richiesta dello stato d'emergenza. Un documento che già il giorno successivo era sulle scrivanie di Palazzo Chigi. Ma che non è mai stato esaminato.
L'amministrazione aquilana chiedeva al governo 15 milioni di euro per intervenire subito sugli edifici scolastici. Ma soprattutto di "disporre i mezzi indispensabili ad affrontare la situazione con la necessaria prontezza, per garantire la pubblica incolumità e la continuità dei servizi pubblici erogati".

Il 2 aprile, la Commissione grandi rischi
La lettera arriva a aPalazzo Chigi, ma il governo non risponde. Interviene, però, il sottosegretario Bertolaso che invia gli esperti della Commissione grandi rischi a L'Aquila.
E proprio questi esperti - il 2 aprile, 4 giorni prima della scossa fatale, misero nero su bianco che "non c'era alcun allarme in corso", "non è prevista una crescita di magnitudo", e che era garantita "l'attività di costante monitoraggio".


L'assessore: una sottovalutazione c'è stata
Anche alla luce di tutto ciò, oggi, col senno di poi, l'assessore Fina dice che "la Commissione grandi rischi ha sottovalutato la gravità della situazione. Non si trattava di evacuare la città, ma quantomeno si potevano dispiegare più vigili del fuoco, e disporre dei controlli accurati degli edifici pubblici".

[IlSalvagente]

postato da: fu  


 Diritto e Giustizia: Prescrizione. Manlio Cerroni e la malafede dei giornalisti. Un indagato/imputato prescritto non è un colpevole salvato, ma un soggetto, forse innocente, NON GIUDICABILE, quindi, NON GIUDICATO!!!
letture: 1334
10 novembre 2018 di CONTROMAFIE
I poveri abbandonatiDiritto e Giustizia: Giornata mondiale della povertà L'attenzione agli ultimi
letture: 1619
13 giugno 2017 di marcellino
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Sito specifico dedicato al processo telematico https://avvfrancescofuscofondiitalia.wordpress.com/
letture: 1309
19 dicembre 2016 di Francesco Fusco
La morte di un ordine voluta da Papa FrancescoDiritto e Giustizia: Padre Manelli: archiviate le accuse contro il fondatore dei Francescani dell'Immacolata
letture: 1981
22 novembre 2016 di sweda
In questo modo, il pignorato non tornerà mai in possesso del proprio appartamentoDiritto e Giustizia: Agli immigrati le case pignorate
letture: 1451
29 ottobre 2016 di marinta
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico francesco fusco
letture: 1272
23 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Polizze assicurative responsabilita' civile e infortuni avvocato
letture: 1464
12 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è ... telematicoDiritto e Giustizia: Nuovo codice dell'amministrazione digitale in G.U. del 13/09/16, n. 214
letture: 1449
14 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fusco 01/09/16Diritto e Giustizia: Modifiche al processo amministrativo telematico
letture: 1675
01 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fuscoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico http://www.pergliavvocati.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=239
letture: 1535
23 agosto 2016 di Francesco Fusco








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Le verità del Sole.
Così l'eolico e il solare fanno scendere la nostra bolletta (6)
letture: 2908
14 gennaio 2012
Primi al Mondo
L'Italia sceglie il sole ora nel fotovoltaico siamo primi al mondo (6)
letture: 3559
10 gennaio 2012
Il settore rimane il più dinamico ed in crescita.
Arriva il pannello solare che produce caldo, freddo ed energia elettrica in piena autonomia, (4)
letture: 3789
27 dicembre 2011
Il sole sempre più frendly
Il fotovoltaico si vernicia (1)
letture: 3342
23 dicembre 2011
Energia che ci salva
La prima cella solare con efficienza superiore al 100% (10)
letture: 3441
21 dicembre 2011
Ref. 1-2
Cosa cambia REF. 1-2? (1)
letture: 3446
14 giugno 2011
Cosa cambia REF 3.
Cosa cambia REF 3?
letture: 3474
14 giugno 2011
Ref 4
Cosa cambia Ref 4? (1)
letture: 3468
14 giugno 2011
Il sottomarino per tutti
Il sottomarino per tutti Nuovo turismo!
letture: 5012
29 marzo 2011
nucleare vicino
Nucleare: problemi a centrale slovena. Per ora non riparte
letture: 3624
27 marzo 2011