Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 14/09 al 20/12 Golfo di Gaeta: Circolo fotografico-culturale "l'altro sguardo"
letture: 10853
dal 03/10 al 03/02 Roma: Al Vittoriano arriva il mondo di "Andy Warhol
letture: 7734
dal 30/11 al 30/06 Scuola e società: Progetto del MIUR "Fisco e Scuola" con l'Ag. delle Entrate all'IIS Fermi-Filangieri di Formia
letture: 1419
dal 07/12 al 13/01 Minturno: Alunni della scuola media di SCAURI accolti nella rassegna d'arte "100 Presepi in VATICANO" (1)
letture: 979
dal 14/12 al 16/12 Palma Campania: Nasce Mangiatoia & Mangiatoria, la prima edizione a Palma Campania
letture: 1779
15/12 Gaeta: "Non ne sapevo niente". In guerra senza sapere nulla della guerra
letture: 474
15/12 Spettacoli e Cultura: Il balletto "IL FLAUTO MAGICO" al teatro comunale di Priverno
letture: 190
15/12 Golfo di Gaeta: La compagnia Imprevisti e Probabilità diretta da Raffaele Furno torna in scena a Formia
letture: 165
dal 15/12 al 12/01 Golfo di Gaeta: I concerti di solidarietà "I cuori battono ancora"
letture: 186
dal 27/12 al 28/12 Napoli: "O' Presepe e Pullecenella"
letture: 468
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici 1
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.553
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
sabato
15
dicembre
S. Ceriano m.
Compleanno di:
sex bernard
sex Byronbay
sex chiccabella
nel 1964: Il primo satellite italiano ed europeo, il San Marco I, viene lanciato con il vettore Scout. Verrà utilizzato per studi sull'atmosfera.
dw

Home » News » Archivi di TF » La "Batteria della Favorita"
domenica 18 novembre 2018
La "Batteria della Favorita"
letture: 6531
Data evento: giovedì 29 gen 2009
Il Bastione della
Il Bastione della "Batteria FAVORITA"
Archivi di TF: Nell'anno 1506 la città di Gaeta, ormai possesso degli spagnoli, venne visitata dal re Ferdinando "il Cattolico".
Memore dell'esperienza maturata due anni prima, quando le sue truppe avevano sottratto Gaeta ai Francesi dopo aver occupato la collina di Monte Orlando (in quel tempo fuori delle mura), il Sovrano ideò il disegno di cingere la città con nuove opere di fortificazione che impedissero alle artiglierie, ormai sempre più perfezionate e potenti, di battere dall'alto il centro abitato ed il castello.
Fece quindi gettare le fondamenta di quella poderosa cinta muraria che venne poi compiuta da suo nipote, l'imperatore Carlo V, e che da questi prese il nome.
In tal modo, negli anni dal 1516 al 1538, sorsero in linea ininterrotta diversi bastioni e cortine sovrastati dalle relative batterie di cannoni.
Tra questi, il Bastione con la Batteria "della Favorita".

img

Nei secoli successivi, le fortificazioni di Gaeta subirono diversi rimaneggiamenti e modifiche sulla base di mutate esigenze strategiche e di esperienze maturate durante gli assedi.
In particolare, nell'anno 1684, si rese necessaria un'opera accessoria alle mura dal lato di mare. Un accesso dalla strada principale della città venne fatto realizzare mediante la costruzione della rampa che unisce l'attuale via Faustina alla batteria della "Favorita".

img

Ancora oggi, sulla porta di accesso alla rampa, è collocata una lapide in lingua spagnola che ricorda la realizzazione dell'opera.

La traduzione di tale lapide è la seguente:

Nell'anno del Signore 1684
si eresse questa opera
governando questa
Piazza il Maestro di
Campo don Antonio de
Balensuela Marchese
di Prado cavaliere
dell'Ordine di Santiago,
senza spesa di Sua Maestà.


Dalla sua lettura si deduce che l'opera non fu realizzata a spese dello stato, bensì di altro soggetto che, a tutt'oggi, non si è in grado di indicare.

img
Durante i numerosi assedi che la Piazzaforte di Gaeta sostenne, la "Favorita" svolse sempre con notevole efficacia compiti di fiancheggiamento e di difesa del porto, pur essendo una batteria ridotta per numero di pezzi d'artiglieria.
Anche durante l'Assedio del 1860/61 contribuì alla difesa della Piazza con artiglierie ad un solo ordine scoperto, composte con tre cannoni lisci da 60.
La storia della "Favorita", fino agli ultimi eventi bellici, è strettamente connessa al retrostante Palazzo Reale.
L'antico Palazzo Reale sito nella stessa via Faustina, ove esiste attualmente la scuola elementare "Mazzini", sorgeva in una contrada una volta detta "Vetrera" perché vi esisteva una piccola fabbrica di oggetti di vetro. Era appartenuto al marchese Gattola ed era poi passato, come dote, alla famiglia Transo; fu acquistato dal Reale Governo nel 1835.
Qui il re Carlo III di Borbone si unì in matrimonio con la regina Amalia di Walburgo nel 1738; qui abitò il Pontefice Pio IX nel suo esilio del 1848-49; qui risiedevano i Reali di Borbone durante i loro soggiorni a Gaeta; qui vissero i loro ultimi giorni come Sovrani di Napoli il re Francesco e la regina Maria Sofia di Baviera, donna bellissima e leggendaria per il suo coraggio.
Un ponte in ferro, demolito intorno al 1961, collegava il Palazzo Reale alla "Favorita", che, verosimilmente, proprio a questo ponte deve la sua denominazione. Era, infatti, la batteria "favorita" dai Reali e dai loro ospiti, quando si recavano a passeggiare sugli spalti.

Si riportano, a proposito, due brani particolarmente significativi tratti dalla "Narrazione del soggiorno nella Real Piazza di Gaeta del Sommo Pontefice Pio IX" di Giovanni Blois (1854):

"Poco dopo il Santo Padre piacquesi di passeggiare lungo il cammino di ronda, attraversando diverse batterie; uscì dal ponte che per un balcone del Real Palazzo mette fra la Batteria Favorita e l'altra Ferdinando II e giunse fino all'estrema Batteria S. Maria. Osservava frattanto e contemplava quanto dinanzi ai suoi occhi si offriva: salì ancora sopra alcuni affusti, per iscovrire i navigli ancorati nel Porto e le molteplici opere di fortificazione. Per la medesima via ritornò alla Reggia ...";
"Sua Santità ... indi ritiratosi in unione di S.M. la Regina e le Reali Principesse attese dalla Reggia il ritorno della truppa dal campo, situandosi sul ponte, d'onde ben la vedeva defilare, con marziale contegno e sveltezza e piena di soave ardore , perché aveva tra le fila i belli angioletti, i cari Principini!"
.

Con l'Assedio del 1860/61 e la conseguente caduta del Regno delle Due Sicilie, Gaeta entrò a far parte dell'Italia unita.
Il Palazzo Reale divenne sede del Comando della Fortezza e del Presidio Militare, mentre la "Favorita" conservò caratteristiche di batteria fino al termine della Prima Guerra Mondiale.

Nel 1927 Gaeta venne cancellata dal novero delle Piazzeforti e nel contempo fu prescelta come principale base navale militare del Tirreno. Il Palazzo Reale e la "Favorita" divennero degna sede del Comando Marina fino al nefasto armistizio dell'8 settembre 1943.
Durante il mese di ottobre 1943 il Palazzo Reale venne distrutto dalle mine delle truppe di occupazione tedesche, nell'ambito delle distruzioni sistematiche operate dalle stesse nei confronti delle opere militari e civili cittadine.
Iniziò così per la "Favorita" un lungo periodo di abbandono e di degrado progressivi.

Per alcuni anni, dal 1997 al 2000 circa, il bastione "Batteria della Favorita" è stato curato dal Gruppo di Gaeta dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia che ne aveva iniziato la bonifica ed il restauro.

img

Poi motivazioni di ordine diverso, soprattutto economiche, hanno costretto l'ANMI a rinunciare all'iniziativa e sulla "Favorita" sono ritornati abbandono, degrado, erbacce e spazzatura. Non va inoltre sottovalutata la possibilità che si possano ripetere i pericolosi distacchi di pietre e calcinacci già verificatisi anni addietro.

Recentemente però è giunta notizia che il Comune di Gaeta ha acquisito dal Demanio la proprietà di questo bene, sul quale negli ultimi anni sono state anche tentate operazioni speculative e di occupazione abusiva. Ci si augura che, rispondendo questa notizia al vero, si possa al più presto rivedere quest'antico e storico angolo di Gaeta recuperato alla fruizione e ad un decoroso riutilizzo per la Città.


***
Pubblicato su TeleFree.it il 29 gennaio 2009
***

postato da: carandin  


Archivi di TF: IL TRIONFO DELL'ARBITRIO (3)
letture: 2154
11 dicembre 2018 di Logos
veduta di Mola nel 1678Archivi di TF: Torquato Tasso e Felix Mendelssohn a Formia Piccolo inserto di storia formiana (8)
letture: 3573
10 dicembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: Gaeta/ Restauro della Real Ferdinando? Ennesima occasione sprecata!
letture: 2310
04 dicembre 2018 di Logos
il porto Capossele nel 1900Archivi di TF: Il porto di Formia Piccolo inserto di storia formiana (14)
letture: 4554
03 dicembre 2018 di Renato Marchese
corredoArchivi di TF: Il corredo nuziale Tradizione e costume della nostra terra (1)
letture: 3236
30 novembre 2018 di mneme
 Archivi di TF: Gaeta/ Restauro a San Domenico? Meglio autentiche rovine... (4)
letture: 2931
29 novembre 2018 di Logos
largo PaoneArchivi di TF: Largo Domenico Paone Piccolo inserto di storia formiana (22)
letture: 5150
27 novembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: Il brigantaggio: Usi e costumi dei fuorilegge
letture: 4887
26 novembre 2018 di Simone Lucciola
L'ingresso murato alla Camera Archivi di TF: La Chiesa della Natività (o dell'Ulivo) e la Camera "Pro iustitiatis" (3)
letture: 6035
25 novembre 2018 di carandin
San Nilo e Islam nel LazioArchivi di TF: San Nilo e Islam nel Lazio (1)
letture: 1270
24 novembre 2018 di Albino Cece








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
L'ingresso murato alla Camera
La Chiesa della Natività (o dell'Ulivo) e la Camera "Pro iustitiatis" (3)
letture: 6035
25 novembre 2018
Il Bastione della
La "Batteria della Favorita" (2)
letture: 6532
18 novembre 2018
GAETA - La Porta di Carlo V (sec. XVI)
La porta di Carlo V e la cappellina di S.Maria della Soledad (9)
letture: 5027
11 novembre 2018
L'ultimo frammento delle Opere Distaccate della Real Piazza di Gaeta
GAETA: salviamo "Gliu Staccate" (4)
letture: 4602
04 novembre 2018
Il fronte interno di mare delle fortificazioni di Gaeta. In primo piano il relitto dell'avviso borbonico Etna, affondato nel bombardamento del 22 gennaio 1861.
Gaeta 1861 - Nascita della Marina Militare Italiana (8)
letture: 5917
02 novembre 2018
O Madre portentosa che sei del ciel Regina...
SCONTENTO DEI GAETANI... per la celebrazione a mare della Madonna di Porto Salvo (20)
letture: 5796
23 agosto 2013
in memoriam ....
Ciao Walterino (11)
letture: 4176
05 agosto 2013
Croce all'ingresso del Cimitero di Gaeta
Sul cimitero di Gaeta (15)
letture: 3726
25 settembre 2012
Ernesto Prudente
Il grande amico Ernesto Prudente ci ha lasciati (5)
letture: 4046
24 settembre 2012
I Santi Cosma e Damiano venerati a Gaeta fin dal IX secolo. Statue conservate nella Chiesa degli Scalzi.
Un particolare ed eccezionale evento per la nostra Città (18)
letture: 5896
17 agosto 2012


Commenti: 2

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2018 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it