Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 3423
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 6775
dal 04/12 al 08/12 Roma: Più Libri Più Liberi, gli eventi della Regione Lazio
letture: 1545
14/12 Formia: Incontro sull'epistolario di Franz Kafka a Milena Jesenská
letture: 91
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej
letture: 45
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 346
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.604
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
05
dicembre
II° Avvento S. Nicezio
Compleanno di:
sex tommaso1965
sex Umberto87
nel 1932: Il fisico tedesco Albert Einstein ottiene il visto per recarsi negli Stati Uniti, per sfuggire ai provvedimenti razziali del suo paese nei confronti degli ebrei.
nel 1971: Amarildo viene espulso per la decima ed ultima volta in serie A, Accade in Roma-Cagliari 2-2. Il focoso brasiliano ha meritato complessivamente 37 giornate di squalifica.
nel 1978: Viene approvato lo SME, il sistema monetario europeo.
dw

Home » News » Webzine » Diritto e Giustizia » Il giuramento quale sacramento...
mercoledì 14 gennaio 2009
Il giuramento quale sacramento del potere politico
A proposito di una recente pubblicazione
letture: 2733
.
.
Diritto e Giustizia: «Che cos'è il giuramento, di che cosa ne va in esso, se esso definisce e mette in questione l'uomo stesso come animale politico? Se il giuramento è il sacramento del potere politico, che cosa, nella sua struttura e nella sua storia, ha reso possibile che esso fosse investito di una simile funzione? Quale livello antropologico in ogni senso decisivo è in esso coinvolto, perché tutto l'uomo potesse, nella vita e nella morte, essere in esso e da esso chiamato in causa?» (p. 5).
Il sacramento del linguaggio
Il sacramento del linguaggio
Questi sono i quesiti che Giorgio Agamben pone a sé stesso e ai suoi lettori.
La sua affascinante indagine attorno al giuramento trasporta il lettore in un viaggio storico, antropologico e filosofico.
Lo spunto utilizzato da Agamben per avviare la propria archeologia filosofica è un libro di Paolo Prodi, Il sacramento del potere: «il declino irreversibile del giuramento nel nostro tempo non può che corrispondere, secondo Prodi, a una "crisi che investe l'essere stesso dell'animale come animale politico"» (p. 3).
Dalla crisi contemporanea del 'politico' Agamben si pone immediatamente sul filo dell'antico. Il giuramento è analizzato soprattutto dal punto di vista etimologico e grammaticale: «Conviene prestare attenzione ai verbi che esprimono la funzione del giuramento [...]. Tanto in Licurgo che in Ierocle, il giuramento non crea, non pone in essere, ma mantiene unito (synechō) e conserva (diatēreō) ciò che qualcos'altro (in Ierocle, la legge; in Licurgo, i cittadini o il legislatore) ha posto in essere» (p. 6). Il giuramento per questa sua caratteristica di non porre in essere si situa, enigmaticamente, tra la sfera civile, i cittadini hanno posto delle leggi su cui giurare, e quella religiosa, Dio è il verbo, il nomos che pone in essere: «L'ipotesi è, cioè, che l'enigmatica istituzione, insieme giuridica e religiosa, che designamo con il termine "giuramento", diventi intelleggibile solo se la si situa in una prospettiva in cui essa chiama in causa la stessa natura dell'uomo come essere parlante e come animale politico» (p. 16).
Ecco che lentamente, Agamben, sposta il problema del giuramento sulle tematiche del linguaggio, del suo senso e delle modalità di significazione.
Agamben ci mette sull'avviso di non commettere l'errore di attribuire al giuramento categorie giuridiche, religiose e semantiche che utilizziamo nel nostro presente. È sua l'idea che, essendo il giuramento una istituzione antichissima, preceda tutte le categorie cognitive che oggi utilizziamo per definire la realtà che ci circonda. Il termine è talmente antico e radicato che può benissimo dirsi come fondamento di tutti i termini che verranno poi, nella storia, ad essere utili all'uomo che deve suddividere tassonomicamente il mondo perché non più capace di governare il linguaggio.
«Ogni giuramento giura sul nome per eccellenza, cioè sul nome di Dio, perché il giuramento è quell'eperienza di linguaggio che tratta tutta la lingua come un nome proprio. La pura esistenza - l'esistenza del nome - non è né il risultato di una constatazione, né una deduzione logica: è qualcosa che non può essere significato, ma solo giurato, cioè affermato come nome» (p. 73).
Nell'atto del giuramento la persona coinvolta giura, come abbiamo visto sul nome, ma immediatamente affianca alla professione di fede, lo spergiuro, ad esempio: Io giuro davanti a Dio che governerò bene il paese, che io sia maledetto se ciò non accadrà. Agamben dedica diversi paragrafi per definire meglio questa ambiguità del giuramento.
Esso infatti chiama a testimonianza Dio, o gli dei, per avallare il giuramento, ma chiama ancora Dio, o gli dei, per punire chi commette spergiuro - vale ricordare che nell'ebraismo e nel cristianesimo basta pronunciare il nome di Dio invano per spergiurare. «In un caso, il nome del dio esprime la forza positiva del linguaggio, cioè la giusta relazione fra le parole e le cose ("potente giuramento sia testimone Zeus"), nel secondo una debolezza del logos, cioè lo spezzarsi di questa relazione. [...] Il nome del dio, che significa e garantisce la commettitura fra le parole e le cose, si trasforma, se questa si spezza, in maledizione. Essenziale è, in ogni caso, la cooriginarietà di benedizione e maledizione, che sono costitutivamente compresenti nel giuramento» (p. 50).
«Il giuramento ci presenta, piuttosto, in unità ancora indivisa ciò che siamo abituati a chiamare magia, religione e diritto, che risultano da esse come le sue frazioni» (p. 59).
Il problema del giuramento sta in questa sua caratteristica di portare con sé tutto lo scibile umano, sacro e profano.
Errore delle 'scienze moderne', rispetto ad un termine così arcaico, è stato quello di scindere, parcellizzare, ciò che mai avrebbe dovuto essere diviso. L'errore appartiene alla religione, nel caso analizzato da Agamben quella cristiana, che ha contravvenuto ad un principio evangelico che vieta il giuramento - non si pronuncia il nome di Dio invano, «malgrado il perspicuo divieto di ogni forma di giuramento dei Vangeli (Mt. 5, 33-37 e Iac. 5, 12)» (p. 8) - «tecnicizzando giuramento e maledizioni in istituti giuridici specifici» (p. 90) - si veda il diritto canonico; e appartiene allo jus essendo esso «legato alla maledizione» (ibidem) - colui che non rispetta la legge sarà punito.
«Quando il nesso etico - e non semplicemente cognitivo - che unisce le parole, le cose e le azioni umane si spezza, si assiste infatti a una proliferazione spettacolare senza prcedenti di parole vane da una parte e, dall'altra, di dispositivi legislativi che cercano ostinatamente di legiferare su ogni aspetto di quella vita su cui sembrano non avere più alcuna presa» (p. 97).
Giorgio Agamben non problematizza solo i fondamenti della cultura occidentale, religione e diritto, ma propone anche di guardare ad una 'esperienza di parola' per tentare una svolta nel corso della storia del mondo:
«Alle origini della cultura occidentale, in un piccolo territorio ai confini orientali dell'Europa, era apparsa un'esperianza di parola che, tenendosi nel rischio tanto della verità che dell'errore, aveva pronunciato con forza, senza né giurare né maledire, il suo sì alla lingua, all'uomo come animale parlante e politico» (p. 98).
Quell'esperienza si chiama filosofia.

di: Costantino D'Onorio De Meo


 Diritto e Giustizia: Prescrizione. Manlio Cerroni e la malafede dei giornalisti. Un indagato/imputato prescritto non è un colpevole salvato, ma un soggetto, forse innocente, NON GIUDICABILE, quindi, NON GIUDICATO!!!
letture: 1327
10 novembre 2018 di CONTROMAFIE
I poveri abbandonatiDiritto e Giustizia: Giornata mondiale della povertà L'attenzione agli ultimi
letture: 1612
13 giugno 2017 di marcellino
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Sito specifico dedicato al processo telematico https://avvfrancescofuscofondiitalia.wordpress.com/
letture: 1300
19 dicembre 2016 di Francesco Fusco
La morte di un ordine voluta da Papa FrancescoDiritto e Giustizia: Padre Manelli: archiviate le accuse contro il fondatore dei Francescani dell'Immacolata
letture: 1976
22 novembre 2016 di sweda
In questo modo, il pignorato non tornerà mai in possesso del proprio appartamentoDiritto e Giustizia: Agli immigrati le case pignorate
letture: 1441
29 ottobre 2016 di marinta
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico francesco fusco
letture: 1266
23 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Polizze assicurative responsabilita' civile e infortuni avvocato
letture: 1456
12 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è ... telematicoDiritto e Giustizia: Nuovo codice dell'amministrazione digitale in G.U. del 13/09/16, n. 214
letture: 1444
14 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fusco 01/09/16Diritto e Giustizia: Modifiche al processo amministrativo telematico
letture: 1669
01 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fuscoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico http://www.pergliavvocati.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=239
letture: 1528
23 agosto 2016 di Francesco Fusco








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
.
Intercettazioni: Le regole matte della legge-bavaglio
letture: 2577
05 settembre 2010
.
Risarcimento del terzo trasportato e massimale (1)
letture: 2867
03 settembre 2010
.
Prescrizione Mills: "cosa" significa giuridicamente...
letture: 3186
01 settembre 2010
.
Il reato di diffamazione meriterebbe una modifica...
letture: 2642
30 agosto 2010
.
Portabilità del numero: la Corte di Giustizia Europea dice la sua
letture: 3236
21 agosto 2010
.
Codici, biliardo e tarocchi storia di un demolitore di miti
letture: 3603
19 agosto 2010
Prof. Franco Cordero
Le parole della nuova destra e l'arte dell'arrembaggio
letture: 3037
17 agosto 2010
.
Deontologia forense fai da te (2)
letture: 3413
16 agosto 2010
.
Solleciti per canone RAI già pagato
letture: 3330
15 agosto 2010
Il \
l Transito di Maria nella tradizione siro-occidentale
letture: 3326
15 agosto 2010