Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 3423
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 6775
dal 04/12 al 08/12 Roma: Più Libri Più Liberi, gli eventi della Regione Lazio
letture: 1545
14/12 Formia: Incontro sull'epistolario di Franz Kafka a Milena Jesenská
letture: 91
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej
letture: 45
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 346
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.604
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
05
dicembre
II° Avvento S. Nicezio
Compleanno di:
sex tommaso1965
sex Umberto87
nel 1932: Il fisico tedesco Albert Einstein ottiene il visto per recarsi negli Stati Uniti, per sfuggire ai provvedimenti razziali del suo paese nei confronti degli ebrei.
nel 1971: Amarildo viene espulso per la decima ed ultima volta in serie A, Accade in Roma-Cagliari 2-2. Il focoso brasiliano ha meritato complessivamente 37 giornate di squalifica.
nel 1978: Viene approvato lo SME, il sistema monetario europeo.
dw

Home » News » Webzine » Diritto e Giustizia » Europa 7: il Consiglio di Stat...
giovedì 18 dicembre 2008
Europa 7: il Consiglio di Stato si riserva sul risarcimento. Possibile un approfondimento tecnico
letture: 1861
Europa7
Europa7
Diritto e Giustizia: Ancora nessuna novità sul risarcimento danni avanzato da Europa 7. I giudici della VI sezione del Consiglio di Stato, presieduta da Giovanni Ruoppolo, si sono riservati di pronunciarsi sulla richiesta dell'emittente televisiva di Francesco Di Stefano , che nel 1999 vinse la gara per una concessione nazionale, ma non ha mai avuto le frequenze per trasmettere. Almeno fino a sei giorni fa, quando il ministero delle Comunicazioni le ha assegnato un canale, resosi disponibile grazie alla riorganizzazione dello spettro in banda VHF.
Nell'udienza di ieri, i legali di Europa 7 hanno ribadito la richiesta di risarcimento: fino a 3,5 milioni senza assegnazione di frequenze, fino a 2,160 milioni con le frequenze.

"...Il canale appena ottenuto dal ministero - ha spiegato Ottavio Grandinetti - garantisce una copertura di appena il 18-20% della popolazione".

"...Basti pensare - ha aggiunto Alessandro Pace - che sulla stessa banda la Rai dispone di sette frequenze, Europa 7 di una sola".

Quanto all'entità dei danni, Grandinetti ha citato il caso di La7: "...Quando fu venduta da Cecchi Gori a Telecom Italia nel 2001 perdeva 100 milioni, eppure fu pagata mille miliardi di lire. Per valutare il valore di un'emittente non basta vedere i dati di bilancio: a pesare è il biglietto di ingresso in un mercato chiuso com'e' quello televisivo in Italia".



L'Avvocatura dello Stato, rappresentata da Maurizio di Carlo, ha invece obiettato che la domanda di risarcimento è "inammissibile" e che l'assegnazione all'emittente del canale 8 in banda VHF "...ha pienamente ottemperato" alla sentenza con la quale lo stesso Consiglio di Stato il 31 maggio aveva chiesto al governo una nuova "risposta motivata" sulle frequenze per Europa 7, che tenesse conto anche della pronuncia della Corte di giustizia Ue sul caso.

"...Anzi - ha sottolineato Di Carlo - Europa 7 si trova oggi in una situazione di vantaggio perché, senza aver fatto investimenti di alcun genere, si trova a gestire una rete in grado di trasmettere su tutto il territorio nazionale".



Ma Di Stefano ha protestato: "Nel 1999 abbiamo vinto una Ferrari aggiudicandoci una frequenza che copriva l'80% del territorio e abbracciava il 95% della popolazione. Ora, a distanza di quasi dieci anni, ci danno una bicicletta".

"Tra l'altro - ha detto ancora l'imprenditore - noi potremmo iniziare a trasmettere solo nel luglio 2009 su un canale che copre a malapena il 10% del territorio e il 18% della popolazione".



Critiche respinte al mittente dal sottosegretario Paolo Romani: Europa 7, ha precisato, "...è stata trattata alla pari di tutti gli altri operatori televisivi nazionali" con l'assegnazione di un'unica frequenza che, "a regime in digitale, consentirà di coprire l'80% del territorio". Tra l'altro l'emittente "tra pochi mesi potrà, volendo, trasmettere anche in analogico con una vasta copertura pari a non meno del 70% della popolazione".



E' difficile a questo punto ipotizzare i tempi per una decisione: i giudici di Palazzo Spada potrebbero anche chiedere un approfondimento tecnico per quantificare l'entità del danno da riconoscere eventualmente a Europa 7.



Il provvedimento, disposto in esecuzione della sentenza del Tar del Lazio, confermata dal Consiglio di Stato, è stato emanato dopo l'adozione del decreto contenente il nuovo Piano Nazionale di Ripartizione delle Frequenze, nell'ambito del quale, in esecuzione delle risultanze della Conferenza internazionale di Ginevra del giugno 2006, è stato definitivamente introdotto per la radiodiffusione televisiva l'obbligo della canalizzazione europea, da attuarsi entro il 30 giugno 2009.



Come informa una nota del ministero, "una nuova canalizzazione oltre che obbligatoria, è bene sottolineare, comunque già operante nelle diverse fasi di digitalizzazione delle aree tecniche previste dal decreto ministeriale del 10 settembre scorso, recante il calendario dello switch-off digitale".

In proposito il ministero, dopo il parere favorevole dell'Autorità, ha acquisito anche il consenso della Rai, con la quale sono in via di definizione le modalità di attuazione di tale operazione, anche in coerenza con il processo di conversione al digitale in corso.

Europa 7 dovrà attivare gli impianti a partire dal 1° luglio 2009 e non oltre il 30 giugno 2011.

Il ministero ha precisato "....di aver tenuto comunque conto degli interessi generali rilevanti quali, in primo luogo, una razionale ed efficiente allocazione delle risorse frequenziali e una disciplina, progressivamente formatasi, per la transizione alla tecnologia digitale. Grazie alla nuova amministrazione - conclude la nota - e in particolare nell'ambito del processo di razionalizzazione e modernizzazione del sistema radiotelevisivo portato avanti dal sottosegretario alle Comunicazioni Paolo Romani, si è finalmente posta la parola fine su una vicenda che, tra accuse e polemiche, si trascinava da quasi dieci anni".

*******************************************

Europa 7 e frequenze. Si continua a violare la legge? Interrogazione

Il Governo ha assegnato a Centro Europa 7 le frequenze televisive del canale 8 in banda VHF, dopo circa 10 anni di contenzioso che hanno coinvolto Tar, Consiglio di Stato e Corte di giustizia europea, che in definitiva hanno imposto il rispetto di quanto previsto nel 1999: le frequenze spettanti alla societa' devono coprire l'80% del territorio e tutti i capoluoghi di provincia. Ma il proprietario di Centro Europa 7, Francesco Di Stefano, ha dichiarato in un'intervista al quotidiano Il Sole 24 Ore: "nel 1999 ho ricevuto una concessione per coprire l'80% del territorio e il 95% della popolazione. Dopo quasi 10 anni, oggi mi hanno assegnato un canale che copre, effettivamente, il 18% della popolazione e il 10% del territorio". Davanti al Consiglio di Stato e' ancora pendente un procedimento attivato da Centro Europa7, che vedra' un'udienza conclusiva il 16 dicembre prossimo, per ottenere un risarcimento danni fino a 3,5 miliardi (se nessuna frequenza fosse stata assegnata) o fi
no a
2,160 miliardi se fossero state assegnate le frequenze previste.
La questione e' quella che per tutti questi anni ha opposto Rete 4 di Mediaset, che avrebbe dovuto cedere le frequenze per trasferirsi sul satellite e che non lo aveva mai fatto perche' mancava per l'appunto il piano di assegnazione delle frequenze.
Per questo motivo, con il senatore Marco Perduca, ho rivolto un'interrogazione al ministero dello Sviluppo Economico per sapere se quanto affermato da Francesco Di Stefano corrisponde al vero e, in caso positivo, se il ministro non intenda concedere immediatamente le frequenze dovute a Europa 7, evitando ulteriori strascichi giudiziari e costi alla collettivita', visto che l'eventuale, ma probabile, risarcimento sarebbe a carico delle casse pubbliche.

********************************************

Europa 7 - Dopo 10 anni si chiude la vicenda: assegnata la frequenza nazionale, Rete 4 è "salva" La RAI perde 1 frequenza

Sembra chiudersi il Caso Europa 7: la "tv che non c'è" ha ottenuto la frequenza nazionale ufficialmente assegnatagli nel 1999. Dopo una lunghissima battaglia combattuta a colpi di ricorsi, arrivati fino alla Corte di Giustizia Europea che aveva confermato i pronunciamenti del TAR, l'editore Francesco Di Stefano ha finalmente ottenuto ciò che sulla carta possedeva già: la possibiltà di trasmettere su una frequenza che copra l'intero territorio italiano.



Come ricorderete la "promozione" di Europa 7 a tv nazionale era rimasta bloccata fino ad ora dalla mancanza di un'ottava frequenza nazionale, così la piccola tv di Di Stefano sarebbe dovuta subentrare al posto di Rete 4 che nel '99 non aveva ottenuto la concessione. La vincenda è stata una delle maggiori prove di arroganza del sistema politico italiano (nella sua interezza) che ha sempre evitato di affrontare la questione rispettando le regole, cioè togliendo la frequenza alla terza rete Mediaset.

Ora però la soluzione è arrivata, è proprio il caso di dirlo, "dal cielo", o meglio dall'etere: ad Europa 7 è stata assegnata la frequenza UHF 8. Tecnicamente si tratta della banda di trasmissione utilizzata da Raiuno che, a seguito di una nuova canalizzazione che rispettasse gli standard europei stabiliti dalla Conferenza Internazionale di Ginevra del 2006, ha finalmente lo "spazio" per un'ottava frequenza nazionale. Piccolo intoppo, si fa per dire, Europa 7 potrà attivare gli impianti a partire dal 1 luglio 2009 e dovrà farlo non oltre il 30 giugno 2011.

postato da: fu  


 Diritto e Giustizia: Prescrizione. Manlio Cerroni e la malafede dei giornalisti. Un indagato/imputato prescritto non è un colpevole salvato, ma un soggetto, forse innocente, NON GIUDICABILE, quindi, NON GIUDICATO!!!
letture: 1327
10 novembre 2018 di CONTROMAFIE
I poveri abbandonatiDiritto e Giustizia: Giornata mondiale della povertà L'attenzione agli ultimi
letture: 1612
13 giugno 2017 di marcellino
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Sito specifico dedicato al processo telematico https://avvfrancescofuscofondiitalia.wordpress.com/
letture: 1300
19 dicembre 2016 di Francesco Fusco
La morte di un ordine voluta da Papa FrancescoDiritto e Giustizia: Padre Manelli: archiviate le accuse contro il fondatore dei Francescani dell'Immacolata
letture: 1976
22 novembre 2016 di sweda
In questo modo, il pignorato non tornerà mai in possesso del proprio appartamentoDiritto e Giustizia: Agli immigrati le case pignorate
letture: 1441
29 ottobre 2016 di marinta
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico francesco fusco
letture: 1266
23 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Polizze assicurative responsabilita' civile e infortuni avvocato
letture: 1456
12 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è ... telematicoDiritto e Giustizia: Nuovo codice dell'amministrazione digitale in G.U. del 13/09/16, n. 214
letture: 1444
14 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fusco 01/09/16Diritto e Giustizia: Modifiche al processo amministrativo telematico
letture: 1669
01 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fuscoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico http://www.pergliavvocati.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=239
letture: 1528
23 agosto 2016 di Francesco Fusco








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Le verità del Sole.
Così l'eolico e il solare fanno scendere la nostra bolletta (6)
letture: 2899
14 gennaio 2012
Primi al Mondo
L'Italia sceglie il sole ora nel fotovoltaico siamo primi al mondo (6)
letture: 3553
10 gennaio 2012
Il settore rimane il più dinamico ed in crescita.
Arriva il pannello solare che produce caldo, freddo ed energia elettrica in piena autonomia, (4)
letture: 3782
27 dicembre 2011
Il sole sempre più frendly
Il fotovoltaico si vernicia (1)
letture: 3333
23 dicembre 2011
Energia che ci salva
La prima cella solare con efficienza superiore al 100% (10)
letture: 3433
21 dicembre 2011
Ref. 1-2
Cosa cambia REF. 1-2? (1)
letture: 3440
14 giugno 2011
Cosa cambia REF 3.
Cosa cambia REF 3?
letture: 3467
14 giugno 2011
Ref 4
Cosa cambia Ref 4? (1)
letture: 3460
14 giugno 2011
Il sottomarino per tutti
Il sottomarino per tutti Nuovo turismo!
letture: 5003
29 marzo 2011
nucleare vicino
Nucleare: problemi a centrale slovena. Per ora non riparte
letture: 3619
27 marzo 2011


Commenti: 2

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2019 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2019 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it