Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 30/11 al 30/06 Scuola e società: Progetto del MIUR "Fisco e Scuola" con l'Ag. delle Entrate all'IIS Fermi-Filangieri di Formia
letture: 11383
dal 09/02 al 25/05 Minturno: Rassegna cinematografica "Lo Sguardo delle Donne"
letture: 4687
dal 01/03 al 31/03 Gaeta: America Latina: Un nuovo piano Condor? (1)
letture: 2492
23/03 Golfo di Gaeta: 23M Marcia per il Clima e contro le grandi opere inutili.
letture: 512
31/03 Cisterna: Online il bando della quinta edizione del FILM FESTIVAL 2019
letture: 8260
dal 01/04 al 03/09 Sermoneta: Giardino di Ninfa e Castello di Sermoneta: tutte le novità per il 2019
letture: 3886
19/05 Cassino: Un viaggio su un treno storico a vapore che rievoca la nascita della prima alta velocità italiana (1)
letture: 1340
dal 11/07 al 14/07 Formia: Gusto e Arte nel Parco
letture: 4384
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.563
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
sabato
23
marzo
S. Turibio
Compleanno di:
sex franze
sex frattama
sex NEGRO
sex Oldseawolf
nel 1858: Eleazer Gardner di Philadelphia viene premiato per l'invenzione del filobus.
nel 1989: I fisici Fleischman e Pons annunciano di avere scoperto la fusione nucleare fredda.
nel 1994: Wayne Gretzky segna il suo gol numero 802 e diventa il cannobniere di tutti i tempi in National Hockey League.
dw

Home » News » Archivi di TF » Gaeta 1861 - Nascita della Mar...
venerdì 02 novembre 2018
Gaeta 1861 - Nascita della Marina Militare Italiana
letture: 6062
Data evento: mercoledì 12 nov 2008
Il fronte interno di mare delle fortificazioni di Gaeta. In primo piano il relitto dell'avviso borbonico Etna, affondato nel bombardamento del 22 gennaio 1861.
Il fronte interno di mare delle fortificazioni di Gaeta. In primo piano il relitto dell'avviso borbonico Etna, affondato nel bombardamento del 22 gennaio 1861.
Archivi di TF: Il 19 gennaio 1861, alle ore 16.30, la Squadra Navale francese che aveva impedito dal mare l'assedio della Piazzaforte Borbonica di Gaeta, levate le ancore, fece il saluto alla bandiera reale di Gaeta ed uscì dal porto dirigendosi verso ponente. La batteria Santa Maria rispose al saluto.
La Squadra Navale composta da naviglio dei Regni Sardo - Piemontese, delle Due Sicilie e della Marina Granducale Toscana, lo stesso giorno salpò da Napoli al comando del Vice Ammiraglio conte Pellion di Persano.
Giunse a sera a Mola di Gaeta, quando l'ultimo vascello francese lasciava la rada.
Il 20 gennaio la pirocorvetta a ruote Monzambano entrò con bandiera parlamentare nel porto di Gaeta per notificare il blocco alla Piazzaforte.
Dichiarato il blocco della Piazza, furono poste in crociera la pirofregata Costituzione e le pirocannoniere Ardita e Veloce. Poco dopo vi si aggiunsero le cannoniere Confienza e Vinzaglio.
L'ammiraglio Persano era sulla pirofregata Maria Adelaide e da esso dipendevano direttamente le altre due pirocorvette Carlo Alberto e Vittorio Emanuele nonché la pirocorvetta a ruote Monzambano e la fregata ad elica Garibaldi (ex Borbona), quest'ultima già provata per 3 ore continue a combattere il fuoco della Piazza nella giornata del 22 gennaio.
Quel giorno furono lanciati da queste navi oltre 4000 proiettili e tutte, all'infuori della Garibaldi, della Monzambano e della Veloce, riportarono parecchie avarie. Più danneggiata di tutte la Vinzaglio. Fra gli equipaggi si ebbero 5 morti e 9 feriti.
Il 24 gennaio la Squadra fu rinforzata dalle pirocannoniere Palestro e Curtatone venute da Genova e dalla Fieramosca, giunta da Napoli, cosicché il blocco si fece più completo ed efficace. Ai primi di febbraio arrivò anche il vascello ad elica Re Galantuomo, il piroscafo avviso Aquila e la pirofregata Fulminante, poi l'avviso a ruote Authion che per la sua velocità rese ottimi servizi nel recapito di ordini e di avvisi.
Attacco della pirofregata Garibaldi alle fortificazioni di Gaeta la notte dal 5 al 6 febbraio 1861. (Tempera del pittore Carlo Bossoli - 1861).
Attacco della pirofregata Garibaldi alle fortificazioni di Gaeta la notte dal 5 al 6 febbraio 1861. (Tempera del pittore Carlo Bossoli - 1861).
Per accelerare la resa di Gaeta, che resisteva strenuamente, il generale Cialdini, comandante delle truppe d'assedio, d'accordo con l'ammiraglio Persano, aveva intanto progettato di trasformare la cannoniera Confienza in brulotto minatore, affidandone il comando al capitano Di Saint Bon. E per procedere a tale trasformazione aveva fatto ricoverare quella nave nello scalo di Mola, richiedendo contestualmente a Napoli ed a Torino la maggior quantità possibile di polvere esplosiva.
Il Di Saint Bon, al momento opportuno ed in una notte senza luna, doveva guidare la nave fino a 300 - 400 metri dall'imboccatura del porto, dare velocità iniziale al brulotto e calcolare che l'accensione della miccia durasse fino a che il brulotto stesso urtasse contro la cortina interna delle mura del porto. La carica prevista era di 50 tonnellate di polvere e l'effetto sarebbe stato terribile.
Dalla breccia praticata sarebbero entrate le truppe da sbarco. Queste furono infatti opportunamente preparate, destinando allo scopo quattro battaglioni di bersaglieri, imbarcati ciascuno sopra una cannoniera e muniti di scale a corda.
Dalla prima cannoniera dovevano inoltre scendere a terra 24 artiglieri per inutilizzare i pezzi in batteria e 24 zappatori del genio opportunamente muniti di esplosivo per far saltare le porte e le serrande. Infine, come eventuale rinforzo, fu stabilito di far seguire una grossa barca con una compagnia di marinai.
Analogamente alla Confienza, un simile lavoro di trasformazione in brulotto si operava per la pirocannoniera Curtatone, destinata invece a demolire un punto più centrale delle mura del cosiddetto Fronte interno di mare.
Fortunatamente per la città e per la popolazione, i successivi eventi e la resa della Piazza fecero sospendere e poi abbandonare il progetto dei brulotti minatori.
Il 13 febbraio 1861, Gaeta capitolava e nelle prime ore del mattino del 14 le truppe piemontesi prendevano possesso della piazzaforte.
Il re Francesco II di Borbone, con la regina Maria Sofia, partiva da Gaeta imbarcandosi sulla corvetta francese Mouette. Il monarca, salutato con la salva reale di 21 colpi della Batteria Santa Maria e con il triplice ammainarsi della bandiera borbonica di Punta Stendardo, prendeva "la dolorosa via dell'esilio da quella terra che l'aveva visto nascere".
Con la resa della piazzaforte, nascevano così l'Italia e la Marina Militare Italiana che sotto le mura di Gaeta aveva avuto il battesimo del fuoco.
Il 17 marzo 1861 veniva proclamato il regno d'Italia, stato unitario, nazionale ed indipendente. La Marina Militare Italiana, già di fatto costituita, veniva ufficialmente istituita il 1° aprile 1861, fondendo in unico corpo le navi, gli equipaggi e le tradizioni delle Marine dei regni di Piemonte e Sardegna, del Regno delle Due Sicilie, del Granducato di Toscana, dello Stato Pontificio.




Estratto da un mio articolo pubblicato su www.anmigaeta.com


***
Pubblicato su TeleFree.it il 12 novembre 2008
***

postato da: carandin  


sciuscio con nino granataArchivi di TF: Intervista a Nino Cocchetto: ho salvato glie sciuscie Il principale esponente della tradizionale questua di Capodanno a Gaeta canta e racconta: "Ma quale re, io sono lo sgobbatore dello sciuscio gaetano".
letture: 4469
31 dicembre 2018 di Luca Di Ciaccio
Real Ginnasio - LiceoArchivi di TF: Il Real Ginnasio - Liceo "Vitruvio Pollione" Piccolo inserto di storia formiana (16)
letture: 8432
24 dicembre 2018 di Renato Marchese
D' Onorio e CairoArchivi di TF: Supplica alla Beata Vergine e ai Santi della città di Gaeta (31)
letture: 5911
18 dicembre 2018 di Logos
goaucheArchivi di TF: Mola e Castellone nei costumi di un tempo Piccolo inserto di storia formiana (3)
letture: 6364
16 dicembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: IL TRIONFO DELL'ARBITRIO (3)
letture: 3137
11 dicembre 2018 di Logos
veduta di Mola nel 1678Archivi di TF: Torquato Tasso e Felix Mendelssohn a Formia Piccolo inserto di storia formiana (8)
letture: 4351
10 dicembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: Gaeta/ Restauro della Real Ferdinando? Ennesima occasione sprecata!
letture: 2516
04 dicembre 2018 di Logos
il porto Capossele nel 1900Archivi di TF: Il porto di Formia Piccolo inserto di storia formiana (14)
letture: 4734
03 dicembre 2018 di Renato Marchese
corredoArchivi di TF: Il corredo nuziale Tradizione e costume della nostra terra (1)
letture: 3342
30 novembre 2018 di mneme
 Archivi di TF: Gaeta/ Restauro a San Domenico? Meglio autentiche rovine... (4)
letture: 3036
29 novembre 2018 di Logos








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
L'ingresso murato alla Camera
La Chiesa della Natività (o dell'Ulivo) e la Camera "Pro iustitiatis" (3)
letture: 6159
25 novembre 2018
Il Bastione della
La "Batteria della Favorita" (2)
letture: 6628
18 novembre 2018
GAETA - La Porta di Carlo V (sec. XVI)
La porta di Carlo V e la cappellina di S.Maria della Soledad (9)
letture: 5136
11 novembre 2018
L'ultimo frammento delle Opere Distaccate della Real Piazza di Gaeta
GAETA: salviamo "Gliu Staccate" (4)
letture: 4708
04 novembre 2018
Il fronte interno di mare delle fortificazioni di Gaeta. In primo piano il relitto dell'avviso borbonico Etna, affondato nel bombardamento del 22 gennaio 1861.
Gaeta 1861 - Nascita della Marina Militare Italiana (8)
letture: 6063
02 novembre 2018
O Madre portentosa che sei del ciel Regina...
SCONTENTO DEI GAETANI... per la celebrazione a mare della Madonna di Porto Salvo (20)
letture: 5866
23 agosto 2013
in memoriam ....
Ciao Walterino (11)
letture: 4261
05 agosto 2013
Croce all'ingresso del Cimitero di Gaeta
Sul cimitero di Gaeta (15)
letture: 3813
25 settembre 2012
Ernesto Prudente
Il grande amico Ernesto Prudente ci ha lasciati (5)
letture: 4127
24 settembre 2012
I Santi Cosma e Damiano venerati a Gaeta fin dal IX secolo. Statue conservate nella Chiesa degli Scalzi.
Un particolare ed eccezionale evento per la nostra Città (18)
letture: 5999
17 agosto 2012


Commenti: 8

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2019 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2019 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it