Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 3423
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 6775
dal 04/12 al 08/12 Roma: Più Libri Più Liberi, gli eventi della Regione Lazio
letture: 1545
14/12 Formia: Incontro sull'epistolario di Franz Kafka a Milena Jesenská
letture: 91
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej
letture: 45
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 346
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.604
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
05
dicembre
II° Avvento S. Nicezio
Compleanno di:
sex tommaso1965
sex Umberto87
nel 1932: Il fisico tedesco Albert Einstein ottiene il visto per recarsi negli Stati Uniti, per sfuggire ai provvedimenti razziali del suo paese nei confronti degli ebrei.
nel 1971: Amarildo viene espulso per la decima ed ultima volta in serie A, Accade in Roma-Cagliari 2-2. Il focoso brasiliano ha meritato complessivamente 37 giornate di squalifica.
nel 1978: Viene approvato lo SME, il sistema monetario europeo.
dw

Home » News » Webzine » Scuola e società » Scuola italiana, l'anno che ve...
mercoledì 03 settembre 2008
Scuola italiana, l'anno che verrà
Grandi manovre in corso.
letture: 2647
Latina, la prima scuola della Città a Piazza Dante (F.to Sergio Andreatta)
Latina, la prima scuola della Città a Piazza Dante (F.to Sergio Andreatta)
Scuola e società: di Sergio Andreatta da www.andreatta.it
Il primo settembre chiama tutti a scuola, tutti esclusi gli alunni che per un'economia... turistica come è quella del Bel Paese potrebbero tornare a scuola, secondo un'ineffabile espressione della Gelmini, anche il 1 di ottobre. In Francia, dove le risorse turistiche e le possibilità di vacanza non sono minori, ma il clima è sicuramente più favorevole, ed anche in Israele, dove è invece decisamente più caldo, l'anno scolastico è già bell'e cominciato. Nel primo caso con grandi sovvertimenti per il taglio degli organici della primaria con quasi 12.000 maestri in meno non sostituiti dal turn-over e solo quattro giorni di funzionamento scolastico (mercoledì e sabato esclusi); con ossequioso rispetto della tradizione nel secondo. E da noi, dove si poteva sperare in un anno di tranquillità e di attesa, che cosa sta, invece, per accadere? Dopo la sbandierata e magnificata riforma della Moratti del 2003 ecco i tanti sussurri e gli incontrollati sussulti balneari in vista di una nuova manovra di riforma per il 2009. Ormai la politica della scuola non si concerta più con le categorie professionali e sindacali. Tutta perdita di tempo! Per le impostazioni nuove non si consultano più i pedagogisti, gli studiosi delle questioni, se non gli amicanti servi sciocchi della parte di turno. E così siamo già pronti a mandare al macero il significativo contributo di umanesimo integrale offerto da un Edgar Morin per le Indicazioni del Curricolo della scuola dell'infanzia e della scuola del primo ciclo prima ancora di averlo potuto sperimentare. Niente esperti, eppure quante chiacchiere fastidiose. Interviste, esternazioni, interventi a convegni estivi, con dissertazioni - da parte di presunti addetti ai lavori e non - su voto di condotta, maestro unico, docenti meridionali, culminato con il "botto finale", come qualcuno ha scritto, del recente decreto legge. "L'emergenza educativa" c'è e si vede, la vedono perfino i ciechi tanto da sembrare perfino superflui, se non tardivi, i pur alti richiami del Presidente della Repubblica e del Papa. Noi esperti lo avevamo denunciato dieci anni fa. Avevamo firmato appelli, contrastato il fenomeno con significativi progetti. Ma noi eravamo le voci clamanti nel deserto. Quindici anni fa io organizzavo già nella scuola di cui sono dirigente, la Direzione didattica del IV Circolo di Latina, un primo convegno sull'insorgente bullismo, dieci anni fa contrassegnavamo il nostro P.O.F. con l'emblematico motto "Per Regola e Progetto" a proclamare che non bastava il dinamismo dei progetti, pur importantissimi per lo sviluppo del micro-sistema, ma che occorreva richiamare in tutti il rispetto delle regole della civile convivenza, della sempre più incrinata e minacciata legalità. Come noi tanti altri inascoltati antesignani. E ora che i buoi sono scappati dalla stalla si tenta, anche in malo modo e con misure improvvisate se non pure demagogiche, di ricondurceli dentro. Quasi a dimenticare che non dipende tanto, o soprattutto, dalla scuola se l'educazione dei ragazzi e dei giovani va alla deriva, quanto dalla famiglia stessa che non sa più e non ha voglia di impegnarsi ad educare, dalla società, dalla televisione commerciale che propone continui, suggestivi e amorali condizionamenti consumistici, dalle mode giovanili imposte da tecniche di persuasione neanche tanto occulte. E' la caduta dei tempi, per Emile Cioran, e dei valori. Ed ecco così, dopo un dibattito giocato sotto l'ombrellone di una politica sempre più caratterizzata dall'uso furbesco dei media, dai colpi di flash di agenzia e dalle puntualizzazioni, il blitz di un decreto legge sulla scuola, proprio a poche ore dall'avvio dell'anno scolastico. Mentore primo il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, che in una intervista su "La Padania" del 12 agosto aveva già parlato di ritorno al voto per la valutazione degli apprendimenti, di blocco delle adozione dei libri di testo per almeno un quinquennio, di maestro unico... Intenti positivi alcuni, meno altri. L'inesperta ma volitiva giovane ministra dell'Istruzione Mariastella Gelmini, per cui l'introduzione del team di tre docenti alle elementari "non corrispondeva a esigenze pedagogiche e formative", passava immediatamente all'azione predisponendo il disegno di legge già varato dal governo il 1° agosto scorso e il decreto legge approvato in questi giorni. Niente confronto politico e sindacale, niente tempi lunghi propri dell'iter parlamentare delle leggi ordinarie. Insomma, nel segno dei tempi, la politica dei proclami vuole anche arrivare a provvedimenti rapidi e incisivi senza troppe mediazioni. Non mi meraviglio e non mi scandalizzo neanche più di tanto, anzi...perché, diciamocelo francamente, nel mondo della scuola erano via via entrati troppi interessi e privative in nome di presunte tutele. E il sindacalismo non è meno colpevole della politica nell'averci consegnato la scuola che abbiamo, nell'aver mortificato il merito e l'impegno, nel piattume della ricompensa a pioggia delle estenuanti contrattazioni integrative d'istituto imposta dalle RSU cui è impossibile per un dirigente scolastico controbattere. Questo governo i numeri parlamentari per imporre quello che vuole, nel bene e nel male, li ha tutti; ha perfino il confermato consenso dei suoi elettori non pentiti, come sembrerebbero assicurare i sondaggi puntualmente snocciolati, ma sono addirittura i suoi non sostenitori che, stufi delle intollerabili inerzie e dei paludosi esercizi sindacali, sembrano disposti ad aprire una linea di credito su alcune questioni di fondo. E così le misure anti-bullismo con la reintroduzione dell'educazione civica, allargata all'educazione stradale, e allo studio obbligatorio della Costituzione Italiana e le norme sul voto con il "5 in condotta" entreranno in vigore subito. Tornano i voti nella scuola primaria e secondaria di primo grado dove erano stati soppressi nel lontano 1977 con la legge n. 577 sulla spinta del clima antimeritocratico tipico del post-sessantotto. Dovrebbero tornare, e questo insisto a chiederlo io, le note di qualifica (le richiamate "pagelle") per gli insegnanti e la possibilità di una carriera diversa per merito distinto. Basta con lo scandaloso clima buonista e consenziente del "siamo tutti uguali", senza distinzioni tra chi lavora e chi no, tra chi tira la carretta e chi ci sale soltanto sopra per risparmiarsi ogni fatica di camminare. Giusto mi sembra il blocco imposto dei prezzi dei libri di testo e, perfino, la reintroduzione, fino al primo ciclo, di una divisa scolastica. Nel regolamento scolastico della mia istituzione questo c'è già dal 1994 (non il grembiule, però, ma una comoda tuta col logo) e tutti gli 800 alunni la portano con innegabili riscontrati benefici. Mentre sulla reintroduzione dal 2009, sia pure con gradualità cominciando dalle sole classi I, del maestro unico nella scuola primaria io avrei le mie motivate perplessità, così pure sulla riduzione dell'orario delle lezioni a 24/27 ore settimanali. Questi ultimi due provvedimenti, seppure io non ami venerare i feticci che pure esistono numerosi e intoccabili anche all'interno della scuola italiana, mi sembrerebbero ispirati soltanto da logiche tremontiane di austerity. Nel mio circolo didattico, già solo per questo, si andrebbero a perdere 4-5 posti di lavoro al primo anno di messa a regime e così successivamente per almeno altri due anni. Un drastico ridimensionamento, un impoverimento di qualificate risorse umane e professionali di ben 12-15 operatori, tra docenti, assistenti amministrativi e collaboratori scolastici prospettato in un triennio e poi chissà (moltiplicando x 4.000 si può disporre già di un primo dato a valenza nazionale)... E gli esuberi che fine farebbero, gli insegnanti a tempo indeterminato ritornerebbero a fare i supplenti itineranti o sarebbero destinati ad altre amministrazioni? E sicuramente, oltre il discapito di varie disfunzioni che si potranno registrare sul livello delle qualità, i soldi così recuperati non andrebbero ad adeguare a livello europeo gli stipendi, ora da fame, dei fortunati che rimarrebbero in carriera. Ma è un discorso più ampio della sola funzionalità del sistema che coinvolge la solidarietà verso tutti gli operatori, oltre i docenti gli ATA, e che mi preoccupa fortemente e a cui i sindacati della scuola hanno già annunciato di opporsi, in particolare la Flc-Cgil che ha già annunciato di voler "fare muro" contro il ritorno del maestro unico. Si dice che il maestro unico sia il maestro degli anni Cinquanta e Sessanta (ricordate l'Alberto Sordi maestro nel film "Bravissimo"o quello di "Scuola elementare" di ALberto Lattuada?) e che pensare di reintrodurlo nella scuola di oggi sia grottesco, oltre che deflagrante per le consolidate migliori qualità della scuola primaria. Si evoca la pluralità, la contitolarità degli insegnanti, il miglioramento dei risultati e la riduzione degli atteggiamenti magistrali selettivi. Soltanto commenti e giustificabili difese di parte, secondo me, e non, certo, verità apodittiche. Mi sembra infatti impossibile che, per una linea dettata dall'emendamento degli sprechi evidenti (es. contemporaneità), non possa esistere nessun altra forma di buona organizzazione alternativa ai pur apprezzati moduli di tre docenti (team) introdotti dalla L. n. 148 del 1990 e che io ho sperimentato per primo a Sezze I Circolo, introdotto ante-litteram, valorizzato e valutato positivamente. Dare il senso e il valore di una religione immutabile ad un'organizzazione vorrebbe dire inchinarsi ai feticci esistenti. Peraltro, e lo sappiamo tutti nell'ambiente, i risultati analizzati dalle indagini internazionali promosse dalla IEA (International Association for the Evaluation of Educational Achievement) con l'OCSE-PISA ci descrivono una scuola primaria italiana che funziona bene, come anche la scuola dell'infanzia di cui ricorre proprio quest'anno il suo quarantennale (1968-2008). Successi quasi unici nel panorama scolastico italiano. E, allora, verrebbe consapevolmente da chiedersi perché l'attuale politica non si accontenti di apportare soltanto i miglioramenti necessari all'ottimizzazione del servizio pubblico del I settore ma voglia andare oltre fino ad uno stravolgimento così sbrigativo e radicale del sistema? In realtà già da cinque anni in molte scuole primarie italiane convivono con i team altri moduli organizzativi, ad es.diadici con un insegnante prevalente, che hanno garantito lo stesso buoni risultati di significativo apprendimento agli alunni sia pure nella continuazione di gravi squilibri esistenti tra scuole del Nord, di un ottimo Centro non secondo ad esso, e di un Sud mappato dalle indagini INVALSI a pelle di ghepardo, con poche isole di eccellenza e tanta mediocrità vasta e diffusa. © - Sergio Andreatta

di: Sergio Andreatta


VG sezione Turismo dell'Istituto Filangieri di FormiaScuola e società: Il Filangieri di Formia in stage presso il TTG di Rimini La formazione è stata svolta dalla prof.ssa Di Micco Caterina con il Tour Operator D'Anella Nicoletta Katia.
letture: 1777
21 ottobre 2019 di ElioRusso
Facciata del Ministero Pubblica Istruzione in Via Trastevere-ROMAScuola e società: Richiesta emanazione legge per nomina a tempo indeterminato.dei docenti precari I docenti precari scrivono al Dott. Bussetti Marco, Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca
letture: 2322
13 aprile 2019 di descartes
Il Dir. Scol. Prof.ssa Rossella MontiScuola e società: Convegno all' IPIA "E. Fermi" di Formia sede associata dell'I.I.S. "Fermi - Filangieri"
letture: 2272
29 marzo 2019 di ElioRusso
Studenti dell'IIS Fermi-FilangieriScuola e società: Al Filangieri il Progetto "Economicamente" promosso da ANASF (Associazione Nazionale dei Consulenti Finanziari) vedrà coinvolti circa 100 alunni dell'Istituto I.I.S Fermi Filangeri di Formia.
letture: 2824
11 febbraio 2019 di ElioRusso
L'IIS Fermi-FilangieriScuola e società: Progetto del MIUR "Fisco e Scuola" con l'Ag. delle Entrate all'IIS Fermi-Filangieri di Formia Si svolgerà nell'a.s. 2018-2019
letture: 21608
01 dicembre 2018 di ElioRusso
Prof. C. Di Micco-Dott.ssa E. Bozzella-Dir. Scol. R. MontiScuola e società: Alternanza Scuola-Lavoro al Filangieri Cerimonia conclusiva di Fine Anno
letture: 3673
11 giugno 2018 di ElioRusso
Dirigente Rossella Monti-Presidente Mauro Cernesi-Prof. Di Micco C. - Dott. Palmaccio M.Scuola e società: Parte lo Stage Aziendale per gli studenti dell'I.T.E. "G. Filangieri" di Formia Firmato oggi il Protocollo d'Intesa e il C.T.S. con l'Ordine dei Dottori Commercialisti di Cassino
letture: 1919
15 ottobre 2017 di ElioRusso
Erano solo invenzioni?Scuola e società: Lezioni gender Impossibile esonerare i figli
letture: 1371
23 maggio 2017 di marinta
studenti della 3 G TURISMOScuola e società: Gli Studenti del FILANGIERI di Formia Apprendisti Ciceroni 25ª Edizione Giornate FAI di Primavera
letture: 1865
26 marzo 2017 di ElioRusso
Grimaldi Lines - Cruise RomaScuola e società: Formia / Alternanza scuola-lavoro stage Formativo con la Grimaldi Lines -Cruise Roma - dell'Istituto Tecnico Economico Filangieri di Formia
letture: 2159
17 febbraio 2017 di ElioRusso








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 2719
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2146
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 1732
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1466
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2206
15 dicembre 2017
Giorgio_Bozza, Camminare nella propria anima
Giorgio Bozza, Camminare nella propria anima
letture: 2253
11 dicembre 2017
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.
Entri dal cancello con l'istinto della fuga...
letture: 1756
12 ottobre 2017
Samaritana al pozzo, opera di Giorgia-Eloisa Andreatta, 2017
"La Samaritana al pozzo", iconografia di Giorgia-Eloisa Andreatta
letture: 2892
15 marzo 2017
La Cascina Antica, luogo del martirio
Il martirio della ragazzina
letture: 1847
08 luglio 2016
Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi
Ho giurato sulla Costituzione (9)
letture: 2161
20 maggio 2016