Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 3427
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 6779
dal 04/12 al 08/12 Roma: Più Libri Più Liberi, gli eventi della Regione Lazio
letture: 1549
14/12 Formia: Incontro sull'epistolario di Franz Kafka a Milena Jesenská
letture: 97
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej
letture: 50
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 350
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.604
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
05
dicembre
II° Avvento S. Nicezio
Compleanno di:
sex tommaso1965
sex Umberto87
nel 1932: Il fisico tedesco Albert Einstein ottiene il visto per recarsi negli Stati Uniti, per sfuggire ai provvedimenti razziali del suo paese nei confronti degli ebrei.
nel 1971: Amarildo viene espulso per la decima ed ultima volta in serie A, Accade in Roma-Cagliari 2-2. Il focoso brasiliano ha meritato complessivamente 37 giornate di squalifica.
nel 1978: Viene approvato lo SME, il sistema monetario europeo.
dw

Home » News » Webzine » Scuola e società » Due poltrone per un professore
mercoledì 25 giugno 2008
Due poltrone per un professore
Sono tanti i docenti che insegnano contemporaneamente nel pubblico e nel privato.
letture: 2142
Che sia così
Che sia così
Scuola e società: Niente di illegale, ma tante sono le conseguenze sugli studenti.

Ecco quali
a cura di Matteo Scarlino 18 Giugno 2008


"Cosa accadrebbe in America se un professore di Yale insegnasse a Stanford pagato da Yale?"
A porsi la domanda è uno dei membri di una commissione della Sapienza, incaricata di elaborare il regolamento per la concessione di nulla osta allo svolgimento di attività di docenza esterna alla facoltà di appartenenza. Lui stesso si è dato una risposta definendo "risibile" una situazione del genere. Cosa accadrebbe in Italia se un professore ordinario della Sapienza insegnasse contemporaneamente anche alla Luiss? La risposta non può essere altrettanto scontata.
Per capire perché basta andare alla Sapienza, per esempio a Scienze Politiche. Qui i professori che insegnano anche in una delle Università private romane sono tanti e nessuno, o quasi, dice niente. Perché? Semplice, non è illegale. Per farlo basta avere il nulla osta del consiglio di facoltà che puntualmente ad ogni seduta si ritrova a concederne in gran quantità. "Per di più all'unanimità e senza discussione alcuna", aggiungono i rappresentanti di Sinistra Universitaria che ai consigli di facoltà partecipano, ma che sui nulla osta non possono votare. E dire che proprio gli studenti (come vedremo) sono quelli che pagano le conseguenze maggiori di questa situazione contro cui anche alcuni importanti professori della Sapienza (il prorettore Frati e il preside di Scienze della Comunicazione Morcellini) nel corso della discussione che ha portato all'approvazione del regolamento si sono scagliati.

I dati: non solo alla Sapienza
Non si tratta però di una situazione circoscritta a Scienze Politiche. Ad esserne coinvolta è l'intera Sapienza o meglio l'intera Università italiana. Per capire di cosa stiamo parlando basta andare, ad esempio, a scorrere l'elenco dei professori della Luiss. Nelle facoltà di Giurisprudenza e Scienze Politiche dell'ateneo di Confindustria su un totale di 206 professori titolari di insegnamento, 90 insegnano contemporaneamente in atenei pubblici. La quota maggiore proviene da quelli romani (Sapienza, Roma3, Tor Vergata), ma da nord a sud, dall'Università di Torino a quella di Messina, tutte "prestano" docenti a strutture private. Una commissione ad hoc della Sapienza, incaricata di studiare il problema e proporre una bozza di regolamento, prima che nel 2006 venisse approvato il nuovo regolamento, ha quantificato in 469 i docenti dell'ateneo più grande d'Europa che insegnavano contemporaneamente in atenei privati.

Tutto legale
In sostanza i professori sfruttano un vuoto legislativo che non li vincola ad un unico incarico. Da un punto di vista legislativo "non essendo proibita, tale prassi è lecita", spiega il professor Simoncelli che nei consigli di Facoltà di Scienze Politiche votando contro (fino a dicembre) o uscendo dall'aula (da gennaio) ha sempre manifestato il suo dissenso verso questa prassi. L'unico ostacolo che un professore deve superare è il regolamento d'ateneo. Quello della Sapienza, da noi preso in considerazione, vincola la concessione dei nulla osta da un lato alla stipula di convenzioni con gli atenei privati, dall'altro alla votazione da parte del consiglio di facoltà. Si tratta, sia nel primo che nel secondo caso, di vincoli formali perchè di fatto la Sapienza vanta convenzioni con quasi tutti gli atenei privati e poiché in Consiglio di facoltà, dove votano solo professori, quasi mai un docente voterà contro un suo collega, sapendo che nella seduta successiva potrebbe essere lui a richiedere il nulla osta.

Cosa ci guadagna La Sapienza?
I favorevoli a questa prassi pongono tre ragioni a giustificazione della loro scelta. Il primo è l'articolo 33 della Costituzione che recita che "L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento". Il secondo è legato alle possibilità di carriera dei ricercatori che insegnando nelle private possono arricchire il proprio curriculum. Dichiarazioni in questo senso sono state espresse dai professori Angelici e Lanchester, presidi di Giurisprudenza e Scienze Politiche della Sapienza, nel corso della seduta del 27 giugno 2006 del Senato accademico. Il terzo motivo è di ordine economico. Infatti le università private quando "ingaggiano" un professore della Sapienza sono tenute a versare all'università pubblica una quota non inferiore al 25% del costo annuo medio del docente, oltre a quanto eventualmente corrisposto al docente interessato.

Deontologia e concorrenza sleale
Nessuno è fuorilegge quindi. Ciononostante i motivi per essere contrari ci sono e sono deontologici da un lato e di concorrenza sleale tra università dall'altro. Su quest'ultimo punto a capire dove sia la "slealtà" ci aiuteranno dei numeri. "Ad un'Università pubblica un professore costa mediamente 100.000 euro", spiega il professor Simoncelli. "Un incarico dello stesso professore nell'università privata costa all'incirca 15.000 euro, ovvero quasi 7 volte meno. A tutto questo va poi aggiunto che le rette delle private arrivano a 4.000/5.000 euro l'anno. Bastano due calcoli per capire che ad un'Università privata occorrono 3/4 studenti per pagare un professore, mentre invece ad un'università pubblica, dove le tasse sono giustamente più basse (a Scienze Politiche vanno dai 700 ai 1500 euro, ndr), occorrono anche più di 100 studenti". Quelli che nelle università pubbliche sono i cosidetti Baroni, ovvero professori ordinari (quelli dal contratto più oneroso), nelle università private vengono inquadrati come professori incaricati (con contratto annuale e dal costo più basso), titolari di un insegnamento, il cui vincolo va rinnovato di anno in anno. In sostanza: Baroni nel pubblico, precari, dal nome di richiamo, nel privato.

I rilievi di Frati e Morcellini
Anche in sede di approvazione del regolamento si è discusso parecchio su questa concorrenza sleale. Basta andare a leggere la delibera del Senato Accademico nella seduta del 27 giugno 2006. In essa si trovano, fra gli altri, i rilievi dell'attuale prorettore (e probabile prossimo Rettore) Luigi Frati e del professor Mario Morcellini. Il primo faceva notare che "non è possibile che un docente, a cui La Sapienza corrisponde gli emolumenti stipendiali, insegni a basso costo in un'Università privata. Non è pensabile che un professore de La Sapienza faccia concorrenza all'Ateneo, senza che vi sia un minimo di regolamentazione. Accade di frequente che alcune Università private si avvalgano dei docenti de La Sapienza e poi risultano tra le prime nella classifica de Il Sole 24 ore". Sempre nella stessa seduta, sulla stessa falsariga c'era Morcellini che con maggior durezza faceva presente che "la Sapienza per anni ha cooperato perché si formulassero giudizi negativi sulle Università statali, cedendo forza lavoro a basso costo e con implicazioni deontologiche singolari".

Pubblica e privata: a chi la priorità?
Quali siano queste "implicazioni deontologiche singolari" è facile intuirlo. Essendo infatti l'incarico nella privata soggetto a verifica e rinnovabile ogni anno, il professore avrà tutto l'interesse a dare il massimo nella privata, magari anche a discapito della sua attività nell'Università pubblica. Non è un caso che da un sondaggio condotto da Studenti Magazine sul sito studenti.it, l'85% degli studenti intervenuti ritiene ingiusto che i professori insegnino contemporaneamente in un'università pubblica e privata. Si legge in una testimonianza di uno studente di Perugia: "avevo bisogno di andare al ricevimento di un professore. Ci ero andato negli orari prestabiliti e sorpresa delle sorprese mi venne detto che il professore non c'era perchè impegnato nell'altra università dove insegna, la Luiss a Roma. Io pago le tasse che servono a pagare il suo lauto stipendio e lui ha una doppia attività: non è giusto".

Un nostro test: i risultati
Per verificare la deontologia dei professori abbiamo provato a testarne alcuni dal duplice incarico. Ci siamo finti da un lato studenti di una privata e dall'altro studenti di una pubblica. Abbiamo quindi inviato delle mail ai professori aventi ad oggetto la richiesta di informazioni su un ricevimento. In 5 giorni su 14 professori contattati a Carla (studentessa dell'università privata) hanno risposto in 9, mentre a Nunzio (studente dell'università pubblica) in 8. Se da un punto di vista quantitativo la differenza è quasi inesistente, lo è invece sui contenuti di alcune risposte. Un professore della facoltà di Scienze Politiche alla Sapienza e di Giurisprudenza della Luiss a Carla risponde "di prendere un appuntamento con la sua segreteria", mentre a Nunzio (università pubblica) dice di "rivolgersi ai suoi collaboratori". C'è poi il professore che alla privata risponde in prima persona e alla pubblica fa rispondere dai suoi collaboratori che danno appuntamento per un ricevimento di gruppo.
Una professoressa con duplice incarico alla Luiss e a Siena invece si supera. Alla finta studentessa dell'ateneo di Confindustria risponde con orario e luogo del ricevimento. Allo studente della pubblica invece risponde chiedendo: "a quale corso e a quale facoltà fa riferimento la sua richiesta?".
Vengono in mente le parole pronunciate proprio dall'allora presidente di Confindustria Montezemolo in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss lo scorso dicembre. "L'assenteismo che è l'emblema dell'inefficienza e del cattivo funzionamento della pubblica amministrazione, nel pubblico impiego è del 30% superiore rispetto alle grandi imprese industriali". Per quanto riguarda l'ambito universitario una delle spiegazioni a questo lassisismo l'abbiamo trovata.

Leggi l'intervista al professor Paolo Simoncelli della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Roma La Sapienza, contrario ai nulla osta per incarichi in università private.
Da studenti.it

Intanto Brunetta di questo non ne parla, forse perchè LAVORANO TROPPO

postato da: mneme  


VG sezione Turismo dell'Istituto Filangieri di FormiaScuola e società: Il Filangieri di Formia in stage presso il TTG di Rimini La formazione è stata svolta dalla prof.ssa Di Micco Caterina con il Tour Operator D'Anella Nicoletta Katia.
letture: 1777
21 ottobre 2019 di ElioRusso
Facciata del Ministero Pubblica Istruzione in Via Trastevere-ROMAScuola e società: Richiesta emanazione legge per nomina a tempo indeterminato.dei docenti precari I docenti precari scrivono al Dott. Bussetti Marco, Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca
letture: 2322
13 aprile 2019 di descartes
Il Dir. Scol. Prof.ssa Rossella MontiScuola e società: Convegno all' IPIA "E. Fermi" di Formia sede associata dell'I.I.S. "Fermi - Filangieri"
letture: 2272
29 marzo 2019 di ElioRusso
Studenti dell'IIS Fermi-FilangieriScuola e società: Al Filangieri il Progetto "Economicamente" promosso da ANASF (Associazione Nazionale dei Consulenti Finanziari) vedrà coinvolti circa 100 alunni dell'Istituto I.I.S Fermi Filangeri di Formia.
letture: 2824
11 febbraio 2019 di ElioRusso
L'IIS Fermi-FilangieriScuola e società: Progetto del MIUR "Fisco e Scuola" con l'Ag. delle Entrate all'IIS Fermi-Filangieri di Formia Si svolgerà nell'a.s. 2018-2019
letture: 21608
01 dicembre 2018 di ElioRusso
Prof. C. Di Micco-Dott.ssa E. Bozzella-Dir. Scol. R. MontiScuola e società: Alternanza Scuola-Lavoro al Filangieri Cerimonia conclusiva di Fine Anno
letture: 3673
11 giugno 2018 di ElioRusso
Dirigente Rossella Monti-Presidente Mauro Cernesi-Prof. Di Micco C. - Dott. Palmaccio M.Scuola e società: Parte lo Stage Aziendale per gli studenti dell'I.T.E. "G. Filangieri" di Formia Firmato oggi il Protocollo d'Intesa e il C.T.S. con l'Ordine dei Dottori Commercialisti di Cassino
letture: 1919
15 ottobre 2017 di ElioRusso
Erano solo invenzioni?Scuola e società: Lezioni gender Impossibile esonerare i figli
letture: 1371
23 maggio 2017 di marinta
studenti della 3 G TURISMOScuola e società: Gli Studenti del FILANGIERI di Formia Apprendisti Ciceroni 25ª Edizione Giornate FAI di Primavera
letture: 1865
26 marzo 2017 di ElioRusso
Grimaldi Lines - Cruise RomaScuola e società: Formia / Alternanza scuola-lavoro stage Formativo con la Grimaldi Lines -Cruise Roma - dell'Istituto Tecnico Economico Filangieri di Formia
letture: 2159
17 febbraio 2017 di ElioRusso








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
corredo
Il corredo nuziale (1)
letture: 3558
30 novembre 2018
Le dimissioni di Renzi
Referendum ha vinto il no, Renzi si è dimesso ed adesso? (34)
letture: 1598
05 dicembre 2016
Don Fabio Gallozzi
Carissimi amici fratelli e sorelle, Pace a voi. (6)
letture: 2335
24 maggio 2016
Marco Pannella
Ho preso in mano la Croce e non riesco a staccarmene (6)
letture: 1901
20 maggio 2016
Morte di un giornalista ucciso dai solfati di Assad
Foto rivelatrici vere dell'orrore del regime di Assad, per non farsi ifinocchiare
letture: 1469
23 febbraio 2016
Francesco
Ecco la lettera autografa scritta da papa Francesco ad Antonio Socci. (2)
letture: 1609
22 febbraio 2016
Smuovete la Chiesa
Blitz del Papa nella periferia romana per visitare malati in stato vegetativo
letture: 1502
15 gennaio 2016
Denise
Ciao Denise (5)
letture: 3146
21 dicembre 2015
Azz......
Azz....quanti nik-name..... (3)
letture: 1701
06 dicembre 2015
Papa Francesco in Africa
Ecco come commentano i "veri cristiani"seguendo l'insegnamento del Vangelo (1)
letture: 1759
27 novembre 2015


Commenti: 1

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2019 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2019 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it