Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 3767
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 7133
dal 04/12 al 11/12 Gaeta: La magia del presepe
letture: 170
14/12 Formia: Incontro sull'epistolario di Franz Kafka a Milena Jesenská
letture: 477
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej (1)
letture: 450
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 707
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.605
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
09
dicembre
S. Siro
Compleanno di:
sex antonellasch...
sex delotta
sex girasole74
sex silveroneil
sex unestatefa
nel 1955: A due anni e mezzo dal ritiro, Ray Sugar Robinson torna sul ring e stendealla 2a ripresa Carl "Bobo" Olson, riprendendosi la corona dei medi.
nel 1960: La Sperry inaugura un nuovo computer: si chiama "Univac 1107".
nel 1973: Va in scena a Londra l'opera rock "Tommy" con le musiche degli Who.
dw

Home » News » Webzine » Scuola e società » La Scuola laziale riflette su...
giovedì 10 aprile 2008
La Scuola laziale riflette su se stessa
Gli Stati generali della scuola regionale riuniti a Fiuggi dal direttore dell'U.S.R. Raffaele Sanzo.
letture: 2898
Raffaele Sanzo, direttore generale dell'USR del Lazio (foto e articolo Sergio Andreatta)
Raffaele Sanzo, direttore generale dell'USR del Lazio (foto e articolo Sergio Andreatta)
Scuola e società: da: www.andreatta.it di Sergio Andreatta
Gli Incontri Seminariali promossi dall'Ufficio Scolastico Regionale del Lazio, dal 31 marzo all'11 aprile, non sono alla ricerca della qualità scolastica perduta ma per mettere in risalto quella esistente, seppure a volte mortificata. Sono riuniti nella cittadina termale tutti i dirigenti delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, poco meno di mille persone, per una riflessione sullo stato generale delle cose ma anche per un'autoanalisi articolata e approfondita delle questioni e dei nodi di maggiore attualità. L'obiettivo dichiarato è quello della promozione di un miglioramento complessivo. Costituita una "cabina di regia" per la propulsione delle iniziative. Prevista la pubblicazione delle migliori pratiche (the best practices) didattiche sul sito regionale (www.lazio.istruzione.it/ ) e, successivamente, degli Atti del Convegno.
Giuseppe Alesi e Sanzo (sullo sfondo)
Giuseppe Alesi e Sanzo (sullo sfondo)
Una due-giorni di lavoro intenso, favorito dalla pioggia battente che costringe dentro i saloni dell'accogliente Silva Splendid Hotel. All'incontro dall'8 al 9 aprile cui partecipo, e che riflette la cadenza organizzativa di quello precedente e di quello successivo, partecipano tutti i dirigenti scolastici delle Direzioni didattiche, degli Istituti Comprensivi e delle Scuole Medie Statali delle Province di Latina, Frosinone, Viterbo e Rieti. Per ospitarli è stato necessario estendere la rete dell'accoglienza ad altri due hotel, il San Marco e il San Giorgio. Anche un'iniezione di fiducia, quindi, per la declinante economia alberghiera di Fiuggi. Oltre a Sanzo, vero regista e mattatore, sono presenti il dirigente dell'U.S.P. di Viterbo, non di altre province, alcuni funzionari ministeriali, alcuni ispettori. In realtà chiunque ricoprisse una funzione di spicco nella scuola del Lazio era invitato ad esserci per gli apporti possibili. Una partecipazione non obbligatoria, non accolta da tutti. Un direttore generale, al contrario, avvicinabile da tutti. Pare sia la prima volta che questo accade nella storia scolastica della nostra regione. Per una settimana, l'anche capo di gabinetto del Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni, vive praticamente insieme con i responsabili degli uffici e delle scuole, mettendosi in situazione di ascolto e offrendo lui stesso linee e prospettive di cammino per una scuola catalogata in discesa nei parametri valutativi dell'OCSE-PISA. Una scuola, quella del Lazio rappresenta all'incirca un decimo di quella italiana, che se non cambia rapidamente indirizzi, se non dimostra di sapersi riprendere con un sussulto di orgoglio, con una ricerca-azione innovatrice e implementatrice dall'interno, potrebbe finire col diventare tra breve inutile o di puro servizio assistenziale, più che formativo qualificato, per gli utenti. Ma è la stessa società più larga, con tutte le sue componenti, che è chiamata a riflettere sul ruolo della scuola oggi. Negando valore al merito, all'impegno la nostra si descrive come "una società senza qualità" parafrasando il titolo di un noto libro dello scrittore austriaco Robert Musil. La società italiana, a prescindere da chi governi l'altalena, sembra in arretramento di posizioni. Anche simbolicamente. La "contingenza" è ritenuta politicamente essenziale, l'esserci della persona, per il solo fatto di "esserci" senza ulteriori aggettivi qualificativi, il destinatario di ogni attenzione. In questa concezione, peraltro nobilmente umanitaria (umanesimo integrale), si lascia un pò sopire il valore dell'eccellenza. Non possiamo più permettercelo! Bisogna uscire da questa "notte buia", senza peraltro sottovalutare e disconoscere mai ciò che viene fatto ogni giorno da scuole con un'organizzazione dinamica complessa, dentro strutture precarie e spesso insicure, in contesti socioculturali di frontiera, con pochezza di finanziamenti. Rispetto agli altri suoi predecessori, il direttore Sanzo non proviene dai ruoli amministrativi, dalla schiera di quelli che muovono solo le carte sulle scrivanie e, purtroppo, poco o nulla capiscono dei processi educativi in atto nelle scuole e delle problematiche che si aprono di continuo sul territorio. L'autonomia scolastica se ha un significato è quello della risposta ai bisogni, una modalità per tentare di sciogliere più speditamente certi nodi gordiani. Il direttore generale dell'USR del Lazio proviene dai ruoli ispettivi, dopo essersi speso come docente in vari ordini di scuole, partendo dalle elementari. Chi più di lui, quindi, seppure sembri a volte eccessivamente energico e "caparbio" a suo stesso dire, dovrebbe essere in grado di capire e di offrire i competenti supporti ai "presidi"? Senza sconfinare nella tecnocrazia... Questa iniziativa interprovinciale serve a fare il punto, a dare imput, a sostenere le istituzioni, a programmare e a coordinare con sistematicità gli interventi sul territorio di una scuola che vuole investire, perché la società moderna deve investire, sull'inesauribile giacimento culturale della conoscenza. L'appuntamento di Lisbona 2010 ci pone dei traguardi precisi, già delineati in precedenza da vari Libri Bianchi della Commissione dell'UE tra cui quello famoso sull'istruzione e la formazione curato da Edith Cresson nel 1995. Come nel libro bianco lo scopo ambizioso di questo Seminario di Fiuggi mi sembrerebbe quello di mobilitare tutti gli attori chiave - prima gli operatori scolastici laziali ma poi anche sperabilmente le autorità locali e regionali, i partiti politici e la società civile - al fine di creare un senso comune di impegno e partecipazione sulla scuola della regione e chissà... In vista di questo appuntamento era stato avviato un progetto di rilevazione delle esigenze, anche per valutare l'impatto delle nuove Indicazioni per il Curricolo (prime ottemperanze di studio, ricerca, sperimentazione, sui primi effetti di ricaduta, sulle numerose criticità). Le segnalazioni dei dirigenti scolastici, organizzate in item, venivano monitorate e tabulate da un nucleo di valutazione andando ad offrire in sintesi nuova alimentazione per l'articolazione dei dibattiti. Seminario per... seminare, per continuare sempre a seminare come è nella specificità distintiva dell'educazione e della pastorale. A Fiuggi sono state seguite tante piste diverse e interconnesse tra loro, da quella dell'esame delle criticità più comuni, superando una visione di avvolgente e inerziale palude, all'autonomia organizzativa e didattica, alla sicurezza strutturale degli edifici, ai rapporti tra istituzioni scolastiche (la cui autonomia è garantita dal Tit. V della Costituzione) ed Enti locali che spesso la ignorano, alla tutela della privacy, al contenzioso nei suoi aspetti giuridici, alle prospettive economico-finanziarie. Nella suggestione dei rispettivi interessi i dirigenti hanno formato gruppi di confronto e, ponendosi in circle-time, hanno dato anima ai lavori sull'area prescelta, producendo contributi per gli intergruppi, slide di sintesi per l'assemblea generale e proposte e relazioni per la direzione generale. Nelle considerazioni conclusive il direttore Sanzo ha fatto riferimento alla necessità di una "cabina di regia" regionale, cui anche il sottoscritto è stato chiamato a far parte, che si riunirà a Roma già dal prossimo 21 aprile...Tante volte mi sono chiesto, e dopo quarantun anno di servizio mi sento anche legittimato ad esternarlo, che cosa volesse dire migliorare l'offerta, ottimizzare un servizio come questo. Non vorrà dire poter tagliare dei traguardi ambiziosi, congruamente prefissati, attraverso una nuova cultura pedagogica e metodologica? Non vorrà dire puntare realmente alla valorizzazione delle risorse umane? Non vorrà dire, forse anche, premiare differentemente, dietro valutazione delle prestazioni e dei risultati raggiunti, il miglior lavoro di tanti garantendo loro uno stipendio interessante, lasciando quello di base a chi è incapace di progredire professionalmente, arrivando pure a licenziare senza troppe tutele sindacali gli scansafatiche? Non vorrà dire, anche, che la scuola non può essere il protettorato dei raccomandati, di sindacalisti arruffoni, di persone senz'arte né parte? Se la conoscenza, il know-how, è il migliore investimento possibile bisognerà pure sostenerla, chiedersi come si possa riuscire a trasmettere i saperi giusti, come far apprendere e rinforzare le competenze, come riuscire ad elaborare una cultura, non soltanto pedagogica, nuova. Ogni scuola si chieda e proclami qual è la teoria dinamica che sottende, legittima e sostiene i suoi percorsi formativi. O la pedagogia nel 2008 è morta? Da troppo tempo, ormai, ci interroghiamo sulla necessità di una scuola moderna, efficace ed efficiente nei percorsi, positiva nei risultati secondo una valutazione di sistema e la soddisfazione crescente dell'utente. Eppure grandi miglioramenti non si sono visti in questi ultimi anni. Vuol dire che siamo, forse, incapaci da soli, noi operatori scolastici, di far scoccare la scintilla dell'innovazione? Che cosa osta, ad esempio, ad un maggior impegno di orario lavorativo e di intensità da parte del docente? Un pactum scelleris basato sulla consapevolezza del mediocre stipendio che giustificherebbe una mediocre prestazione? La demotivazione, professionale ed economica, in uno scenario sociofamiliare connotatosi anche come più complesso, può essere diventata più forte della stessa motivazione? Quali sono gli obiettivi realistici, ragionevoli, stimolanti e raggiungibili verso cui un docente, e la squadra di cui fa parte integrante, tende? Sono obiettivi su misura dei bisogni di sviluppo psicoaffetivo ed intellettuale dello studente che ha in cura, ma nello stesso tempo anche obiettivi di interesse per una società civile che non voglia farsi fotografare come decadente? Obiettivi misurabili e misurati? Premiabili e premiati? Bisognerebbe fare tutti, signori miei, meno retorica su ampie idee di riforma e noi anche sulle pagine cartacee dei voluminosi P.O.F. (Piani dell'Offerta Formativa) spesso attuati soltanto nelle intenzioni. Bisognerebbe instaurare un obbligo di formazione-autoformazione in progress dello stile professionale che vada a potenziare competenze e autostima, a modulare le prestazioni docenti sulla soddisfazione di bisogni sempre nuovi dell'utenza modulandole sul cambiamento dei contesti. Ma per non causare ulteriore demotivazione e favorire il distress, per elevare la qualità dei prestatori e delle prestazioni bisognerebbe anche retribuire meglio chi dà e fa di più. Non sarebbe ora di mandare in discarica, a Malagrotta, tutte le vetero-idee di pseudo-egualitarismo proclamate negli anni del post-'68 e ancora sopravviventi? Bisognerebbe professare scientificamente i metodi della didattica e dell'organizzazione del lavoro, in questo caso della professionalità docente, nel rispetto dei principi dell'autonomia, seppure secondo un'idea di gestione integrata con gli Enti Locali chiamati ad essere coprotagonisti a tutti gli effetti. Bisognerebbe senza ulteriori temporeggiamenti, anche sull'evidenza delle percentuali di voto alle ultime elezioni, por mano alla riforma degli Organi collegiali, superando arretrate idee di partecipazione di massa nella gestione delle scuole. Nella discontinuità della politica al governo bisognerebbe, infine, recuperare una linea di continuità bipartisan nel tornaconto esclusivo di un Paese, non interessato da una sterile dialettica tra cristo e barabba. La mancanza di intesa sul necessario (le riforme essenziali) tra forze politiche antagoniste "c'est douleur non pareille" per il Paese. Per Francois Rabelais il dolore-malattia era dovuto alla "faulte d'argent", ma la mancanza d'intese porta alla fine alla mancanza di finanza o al mal uso clientelare della poca di cui si dispone per far fronte ai problemi. No, l'Italia non può essere lasciata andare alla deriva, neanche educativa. E i sindacati, in questo bisogno di ribaltamento di logica, di posizionamento e di concorso di contributi nuovi e creativi, sapranno tutelare finalmente l'etica di un miglioramento non più differibile, sapranno supportare un'idea di concertabile cambiamento o non si trincereranno ancora una volta nella difesa ad oltranza dei loro lobbistici poteri?... All'alba del mio secondo giorno di permanenza a Fiuggi, meglio in ora ancora decisamente antelucana, comincia a fischiare un merlo nel giardino dell'hotel cui si aggiunge un cuculo, quindi il vibrante rumore di un camion che passa a raccogliere le immondizie cittadine...Voci, suoni e rumori diversi, completamente slegati fra loro. Quali e come sono le voci di un'autonomia scolastica ancora incompiuta? Così disparate e opposte anche tra noi, addetti ai lavori, al punto che non sappiamo aprirci a una sinergia vincente con la politica e con il territorio? Il coinvolgimento delle realtà locali e la stretta interconnessione per alcune decisioni sono, al contrario, un fattore-chiave per aumentare non soltanto la capacità di percezione ma, soprattutto, di soluzione dei problemi delle nostre scuole.
Sergio Andreatta, dirigente scolastico, carodirettore@quartocircolo.it

di: Sergio Andreatta


VG sezione Turismo dell'Istituto Filangieri di FormiaScuola e società: Il Filangieri di Formia in stage presso il TTG di Rimini La formazione è stata svolta dalla prof.ssa Di Micco Caterina con il Tour Operator D'Anella Nicoletta Katia.
letture: 1781
21 ottobre 2019 di ElioRusso
Facciata del Ministero Pubblica Istruzione in Via Trastevere-ROMAScuola e società: Richiesta emanazione legge per nomina a tempo indeterminato.dei docenti precari I docenti precari scrivono al Dott. Bussetti Marco, Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca
letture: 2326
13 aprile 2019 di descartes
Il Dir. Scol. Prof.ssa Rossella MontiScuola e società: Convegno all' IPIA "E. Fermi" di Formia sede associata dell'I.I.S. "Fermi - Filangieri"
letture: 2277
29 marzo 2019 di ElioRusso
Studenti dell'IIS Fermi-FilangieriScuola e società: Al Filangieri il Progetto "Economicamente" promosso da ANASF (Associazione Nazionale dei Consulenti Finanziari) vedrà coinvolti circa 100 alunni dell'Istituto I.I.S Fermi Filangeri di Formia.
letture: 2828
11 febbraio 2019 di ElioRusso
L'IIS Fermi-FilangieriScuola e società: Progetto del MIUR "Fisco e Scuola" con l'Ag. delle Entrate all'IIS Fermi-Filangieri di Formia Si svolgerà nell'a.s. 2018-2019
letture: 21614
01 dicembre 2018 di ElioRusso
Prof. C. Di Micco-Dott.ssa E. Bozzella-Dir. Scol. R. MontiScuola e società: Alternanza Scuola-Lavoro al Filangieri Cerimonia conclusiva di Fine Anno
letture: 3675
11 giugno 2018 di ElioRusso
Dirigente Rossella Monti-Presidente Mauro Cernesi-Prof. Di Micco C. - Dott. Palmaccio M.Scuola e società: Parte lo Stage Aziendale per gli studenti dell'I.T.E. "G. Filangieri" di Formia Firmato oggi il Protocollo d'Intesa e il C.T.S. con l'Ordine dei Dottori Commercialisti di Cassino
letture: 1923
15 ottobre 2017 di ElioRusso
Erano solo invenzioni?Scuola e società: Lezioni gender Impossibile esonerare i figli
letture: 1376
23 maggio 2017 di marinta
studenti della 3 G TURISMOScuola e società: Gli Studenti del FILANGIERI di Formia Apprendisti Ciceroni 25ª Edizione Giornate FAI di Primavera
letture: 1870
26 marzo 2017 di ElioRusso
Grimaldi Lines - Cruise RomaScuola e società: Formia / Alternanza scuola-lavoro stage Formativo con la Grimaldi Lines -Cruise Roma - dell'Istituto Tecnico Economico Filangieri di Formia
letture: 2163
17 febbraio 2017 di ElioRusso








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 2729
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2150
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 1736
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1471
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2216
15 dicembre 2017
Giorgio_Bozza, Camminare nella propria anima
Giorgio Bozza, Camminare nella propria anima
letture: 2264
11 dicembre 2017
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.
Entri dal cancello con l'istinto della fuga...
letture: 1760
12 ottobre 2017
Samaritana al pozzo, opera di Giorgia-Eloisa Andreatta, 2017
"La Samaritana al pozzo", iconografia di Giorgia-Eloisa Andreatta
letture: 2899
15 marzo 2017
La Cascina Antica, luogo del martirio
Il martirio della ragazzina
letture: 1851
08 luglio 2016
Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi
Ho giurato sulla Costituzione (9)
letture: 2163
20 maggio 2016


Commenti: 5

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2019 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2019 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it