Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 1916
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 5241
24/11 Formia: Le Vie di Bacco 2019
letture: 779
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.603
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
20
novembre
S. Benigno V.
Compleanno di:
sex andrimail
sex cirrus
sex movie
sex topogigio
nel 1914: Negli Stati Uniti diventa obbligatoria la fotografia sui passaporti.
nel 1945: Il vecchio Primo Carnera, ex campione del mondo di boxe, perde un match a Milano contro Luigi Musina. La Gazzetta scrive: "I campioni imbattibili esistono solo nelle favole".
nel 1990: Completata la missione segreta nello spazio, rientra sulla Terra in Florida, la navetta spaziale Atlantis.
dw

Home » News » Archivi di TF » Il brigantaggio: Usi e costumi...
lunedì 26 novembre 2018
Il brigantaggio: Usi e costumi dei fuorilegge
letture: 5374
Data evento: sabato 01 nov 2003
Archivi di TF: Meno di due secoli fa, più di una località laziale era considerata "off-limits" per i viaggiatori, in quanto pullulava di briganti: per sopravvivere, spesso le bande sequestravano nobili ed ecclesiastici richiedendo poi un riscatto, oppure assalivano i viaggiatori, per i quali, in qualche folle caso, il temuto e periglioso incontro con i banditi costituiva un evento così emozionante da essere ricercato appositamente, onde goderne appieno la pittoresca componente.

Gli attacchi alle carrozze, infatti, erano generalmente snobbati dai fuorilegge più esperti, quasi sempre consapevoli del magro bottino che ne avrebbero ricavato.

Contrariamente a quanto si potrebbe credere infatti, i briganti, più che gli inermi viaggiatori, eliminavano innanzi tutto i nemici e le spie, talvolta rivendicando l'omicidio con un comunicato. È il caso dell'assassinio di un pastore, Francesco Rossi, sul cui corpo fu trovato un biglietto con questo messaggio: Adamo Lauretti ed Antonio Mastroluca castigatori di fucile ammazzano quante spie trovano, questa è la prima. Va anche chiarito il fatto che nessun capobrigante avrebbe ammesso mai all'interno della propria banda il parente di uno sbirro o di una spia.

Ben presto mitizzati e celebrati come giustizieri, i briganti ispirarono numerosi versi, romanzi (si pensi allo Stendhal de "La badessa di Castro") e ballate popolari, e costituirono una ricchissima fonte di ispirazione per pittori e incisori dell'epoca.

Bartolomeo Pinelli, stravagante e raffinato artista, trascorse infatti un periodo della sua vita nei boschi e nelle grotte, in compagnia dei briganti: fu così che, con il consenso di questi ultimi, riuscì a immortalare moltissimi di loro, cogliendoli durante momenti di vita familiare, ma anche e soprattutto nel corso delle varie "malefatte".

Dall'opera di Pinelli si evince chiaramente anche il fatto che i briganti dell'epoca erano profondamente religiosi, talora quasi bigotti, al punto di ricoprirsi di medaglie ed immagini sacre o di pregare il loro santo protettore ed effettuare penitenze e digiuni prima di ogni impresa. È noto, tuttavia, che esisteva anche, a nord del Lazio, un gruppo di fuorilegge profondamente anticlericali, che combatteva la Chiesa perché la riteneva responsabile in tutto e per tutto della miseria dei popoli.

Altresì noto, in quanto ben tramandato, è il "look" tipico dei briganti, costituito dal cappello a cono alto, con le tese strette e cinto da nastri multicolori, unito a giacche e gilet di velluto ornati da bottoni d'argento e alle immancabili ciocie ai piedi. Solitamente, i briganti portavano i capelli lunghi ed erano affascinati da anelli e orecchini, che indossavano in gran quantità.

L'abbigliamento del brigante fece ben presto moda, estendendosi anche ai giovani paesani, che, a detta di un cronista dell'epoca, amavano sostare nelle piazze indossando cappello a pan di zucchero con coppola alta, ornamento di colorati lacci e crini intrecciati in replicati giri con fiocchetti dei medesimi, le zazzere di lunghi capelli vicino le orecchie ed anche una certa allacciatura a fascia con gli spaghi delle ciocie nello streto del piede sopra il malleolo.

I briganti erano per lo più ritenuti dai popolani protettori e vendicatori dei torti subiti dalle autorità, se non altro perché, dovendo scegliere tra i due mali, essi non potevano prescindere dal dato di fatto che tutti i provvedimenti della giustizia per reprimere il brigantaggio facevano gran danno soprattutto alle popolazioni rurali: in ogni caso, i piccoli furti dei briganti a danno di pastori e contadini erano effettuati quasi esclusivamente per la sopravvivenza.

Talvolta i banditi erano però schizzinosi: un tale raccontò infatti di aver visto comparire 5 persone armate e gli domandarono s'aveva il pane e dettogli che aveva il granoturco, dissero che non gli piaceva e partirno.


***
Pubblicato su TeleFree.it l' 1 novembre 2003
***


di: Simone Lucciola


sciuscio con nino granataArchivi di TF: Intervista a Nino Cocchetto: ho salvato glie sciuscie Il principale esponente della tradizionale questua di Capodanno a Gaeta canta e racconta: "Ma quale re, io sono lo sgobbatore dello sciuscio gaetano".
letture: 4685
31 dicembre 2018 di Luca Di Ciaccio
Real Ginnasio - LiceoArchivi di TF: Il Real Ginnasio - Liceo "Vitruvio Pollione" Piccolo inserto di storia formiana (16)
letture: 9037
24 dicembre 2018 di Renato Marchese
D' Onorio e CairoArchivi di TF: Supplica alla Beata Vergine e ai Santi della città di Gaeta (31)
letture: 6061
18 dicembre 2018 di Logos
goaucheArchivi di TF: Mola e Castellone nei costumi di un tempo Piccolo inserto di storia formiana (3)
letture: 6654
16 dicembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: IL TRIONFO DELL'ARBITRIO (3)
letture: 3306
11 dicembre 2018 di Logos
veduta di Mola nel 1678Archivi di TF: Torquato Tasso e Felix Mendelssohn a Formia Piccolo inserto di storia formiana (8)
letture: 4551
10 dicembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: Gaeta/ Restauro della Real Ferdinando? Ennesima occasione sprecata!
letture: 2721
04 dicembre 2018 di Logos
il porto Capossele nel 1900Archivi di TF: Il porto di Formia Piccolo inserto di storia formiana (14)
letture: 4976
03 dicembre 2018 di Renato Marchese
corredoArchivi di TF: Il corredo nuziale Tradizione e costume della nostra terra (1)
letture: 3548
30 novembre 2018 di mneme
 Archivi di TF: Gaeta/ Restauro a San Domenico? Meglio autentiche rovine... (4)
letture: 3251
29 novembre 2018 di Logos








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News correlate:
img
Il brigantaggio: La repressione papale (4)
letture: 4070
30 ottobre 2003
Il brigantaggio: Alessandro Massaroni
letture: 6585
03 novembre 2003
Il brigantaggio: Antonio Gasparoni
letture: 7101
02 novembre 2003
Il brigantaggio: Domenico Tiburzi
letture: 4697
01 novembre 2003
Il brigantaggio: Fra Diàvolo
letture: 3214
09 novembre 2003

News dello stesso autore:
Il brigantaggio: Usi e costumi dei fuorilegge
letture: 5375
26 novembre 2018
Resti della villa di Mamurra a Gianola di Formia (foto di Diego Caruso)
Lucio Mamurra
letture: 6914
19 novembre 2018
Usi e costumi dei formiani all'epoca della fondazione della città
letture: 2991
12 novembre 2018
La fondazione di Formia ad opera degli Ausoni
letture: 2769
05 novembre 2018
Formia tra storia e leggenda
letture: 10872
18 agosto 2018
Amerigo Verardi
Amerigo Verardi e Doncas dal vivo al Portanova Club di Itri
letture: 2529
14 dicembre 2011
Retrospettiva di Italo De Simone (12)
letture: 4854
11 ottobre 2010
A portrait of Lello Franzini (12)
letture: 4221
21 luglio 2009
È USCITO ORA LAMETTE 3!!!! ABBIATELO!
letture: 2769
07 maggio 2005
Fortunato Assaiante ­ La luna sporca (Helicon, 2004)
letture: 2938
15 luglio 2004