Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 21398
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 12384
dal 20/07 al 20/10 Roccasecca dei Volsci: ROCCASECCA dei VOLSCI (LT), per il 400° anniversario del Cardinale Massimo
letture: 2315
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.626
visitatori:310
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
21
settembre
S. Matteo Ap.
Compleanno di:
sex BiVi
sex deregibus
sex Emilio
sex gaiardo
sex lordByron
sex toto78
nel 1903: Viene proiettato il primo film western. La pellicola si intitola "Kit Carson".
nel 1958: Nel Milan esordisce in serie A Josè Altafini, in quel campionato segnerà 28 reti vincendo subito lo scudetto.
dw

Home » News » Latina » Suio » Una presenza templare a Suio, ...
sabato 25 marzo 2006
Una presenza templare a Suio, nel Lazio meridionale
La presenza dei templari a Suio in uno stemma della chiesa di S.Maria in Pensulis
letture: 6102
img
img
Suio: Suio è un piccolo paese di collina, in provincia di Latina, a 150 Km a sud di Roma, ai confini con la Campania e a 10 Km dal mare.
Antica contea, dagli inizi del secolo scorso è stato aggregato, insieme con il suo territorio, al comune di Castelforte, di cui ancora oggi è una frazione. A testimoniare la sua antica nobiltà, i ruderi del castello turrito ancora dominano la sottostante piana del Garigliano.
La zona ha origini più remote della stessa Roma: gli Aurunci, popolazione italica pre-romana, vi avevano edificato la loro città più importante, Vescia, ricordata da Tito Livio nelle sue storie, distrutta dai romani dopo la vittoria riportata sulla Lega Latina, di cui gli Aurunci, insieme con gli altri popoli del Lazio, facevano parte. Per assicurare la vittoria al suo esercito, il console romano Publio Decio Mure si immolò volontariamente agli dei in sacrificio umano: è quanto avvenne nelle campagne di Suio il giorno precedente la cruenta battaglia fratricida che vide contrapposti due eserciti, quello romano e quello latino, fino a poco tempo prima alleati e formati alla stessa scuola militare. La battaglia, denominata del Veseris dall'antico nome dell'attuale piana del Garigliano, assicurò ai Romani il dominio definitivo sul "Latium Novum", le attuali province di Latina e Frosinone a sud di Roma.

Dell'antica Vescia non si conosce neanche il sito esatto. Ma tre iscrizioni di epoca imperiale ne ricordano l'esistenza. La prima menziona un "Pagus Vescinus", che con un impegno finanziario volle dotarsi di un teatro; la seconda celebra Settimio Severo che "sua pecunia" lastricò la strada che da Minturnae, città sulla costa e sulla via Appia, conduceva ad "Aquas Vescinas"; la terza è un ex voto posto da due "servi dispensatores" al "Genio Aquarum Vescinarum" perchè fosse garantita la salute, la vittoria ed il ritorno di Antonino (=Caracalla) e Geta, suo fratello, figli di Settimio Severo, impegnati, nel 211-212 d.C., in una impresa bellica in Britannia. Torneranno entrambi, il primo per essere ricordato dalla Storia, il secondo, invece, per vedere il suo nome cancellato perchè colpito addirittura dalla "damnatio memoriae", dopo essere incorso nella dura legge della giustizia romana, perchè accusato di aver cospirato contro il fratello imperatore.

Aquae Vescinae: sono le sorgenti di acqua termale solfurea di cui Suio è ricca. Per i romani erano miracolose, al punto che, come abbiamo visto, persino l'imperatore si era interessato ad esse. E' ancora visibile qualche rudere delle antiche terme imperiali , opera di alta ingegneria per l'epoca, sul cui modello fu poi costruito il complesso gemello di Bath, in Inghilterra, ancora esistente. Di Suio, invece, esiste solo la descrizione degli scavi di inizio secolo, perchè l'ultimo conflitto mondiale, nella sua furia devastatrice, ha travolto tutto quanto era tornato alla luce.

Anche Lucano ammira la bellezza della zona e, nella Pharsalia, poeticamente canta "Umbrosae Liris per regna Maricae Vescinis impulsus Aquis", il Liri (=Garigliano) è sospinto dalle Acque Vescine attraverso i regni verdeggianti di Marica (ninfa a cui i boschi della zona erano sacri). Plotino, poi, pensava a Suio quando ideava la sua "Platonopoli".

Tramontato l'impero romano, la benedettina abbazia di Montecassino, nell'immediato retroterra, estese i suoi possedimenti fino a Suio e fece delle Acque Vescine un santuario per la cura del corpo e dell'anima.

Forse a Suio erano ubicate "chelle terre per chilli fini che li contene" a cui un contadino faceva riferimento allorchè, chiamato come testimone in un giudizio per l'attribuzione di una proprietà, nel suo dialetto (e non in latino - lingua ufficiale - evidentemente a lui sconosciuta) rese una deposizione, fedelmente trascritta: è il primo documento in volgare, la Postilla Amantina, l'inizio della nuova lingua italiana. Ma se "chelle terre" non erano proprio a Suio, sicuramente erano nelle vicinanze, perchè il Monastero di Montecassino che quelle proprietà "trenta anni li possette" estendeva il suo dominio su tutta una zona che, nei punti estremi, non dista più di 50 km da Suio. Ai tempi di Federico II era di Suio un consigliere imperiale, tale "Tommaso da Suio", contemporaneo dei più noti Taddeo da Sessa (città campana a 20 km da Suio) e Pier delle Vigne. Siamo ai tempi delle crociate e dei Templari. E proprio a quest'Ordine appartiene la croce scolpita in rilievo su una pietra posta all'inizio della scalinata di accesso all'antico tempio di S. Maria in Pensulis, chiesa ai piedi di Suio.

La chiesa, ridotta oggi ad una masseria in evidente degrado ed abbandono, era una bella costruzione "in pensulis", pensile, cioè in alto rispetto al piano di campagna. Edificata a lato della menzionata strada di Settimio Severo, ancora oggi esistente anche se non più lastricata, sorgeva su edifici preesistenti, come testimonia la sovrapposizione di stili, particolarmente evidente sul lato posteriore, dove si nota un'opera poligonale, sicuramente resto di una villa imperiale. Nelle campagne circostanti, a conferma delle origini romane, sono stati rinvenuti sarcofagi strigilati del I-II secolo d.C. La chiesa era a tre navate, senza abside e transetto, con copertura a capanna, ed era ornata da un bel rosone che ancora oggi campeggia sul portale della navata centrale. Al di sotto della chiesa, a livello del piano di campagna, vi sono corridoi con volta a botte, che dovevano essere o re i magazzini per i prodotti agricoli o stalle per gli animali. Una grossa macina in pietra, rinvenuta a poca distanza dalla chiesa, testimonia l'esistenza di un mulino.

E, come già detto, una croce templare in rilievo è scolpita su una pietra dalla forma a semicerchio, quasi una lunetta, oggi posta all'inizio della gradinata di accesso alla chiesa.

Che interpretazione dare? Non ci sono elementi storici per asserire la sicura presenza di templari a Suio, ma l'ipotesi non è da scartare del tutto. Vediamo perchè.

1 - Il Garigliano rappresentava una via d'acqua importante per arrivare dal mar Tirreno all'entroterra cassinate, dove sorgeva l'abbazia di S. Benedetto. E' documentato che questa via sia stata seguita anche da pirati saraceni che fino al X secolo imperversavano nella zona, al punto che, per assicurare il possesso della regione alla cristianità fu necessario approntare un esercito e sconfiggere i saraceni nella battaglia del Garigliano del 910 d.C. Dopo quella battaglia, la zona fu dotata di sistemi di difesa, quali torri e castelli. Costituitosi l'Ordine dei Templari, questi avrebbero potuto avere l'incarico di presidiare e difendere uno dei centri più importanti del cristianesimo.

2 - I papi avevano la loro residenza ad Anagni, non distante da Montecassino. La loro difesa era affidata ai Cavalieri del Tempio. Templari, quindi, erano presenti nella zona e potevano essere presenti anche nella terra di S. Benedetto. I Cavalieri del Tempio erano ad Anagni anche quando il Nogaret si rese autore del famoso "schiaffo". Lo stesso Nogaret sarà il più spietato accusatore dell'Ordine, evidentemente convinto che la milizia templare poteva rappresentare un'insidia per la corona di Francia, in quanto era ubbidiente al papa e del tutto indipendente dal re di Francia, al punto da resistere al disegno di questi di affidare al proprio fratello la Gran Maestria. Sbarazzarsi dei Templari con le accuse più infamanti significava stroncare la minaccia di un possibile fronte interno sul suolo francese ed indebolire ulteriormente il papato nei confronti della corona. Al papa, senza più un esercito, non rimaneva altro che la sola forza morale di cui il Nogaret, già scomunicato per l'oltraggio di Anagni, non si curava. Ma la stessa forza morale non sarebbe stata più tanto incisiva se tutta l'organizzazione ecclesiale e clericale veniva di riflesso discreditata dalle gravi infamie di cui i Templari erano accusati.

3 - Federico II fu spinto, pena la scomunica, ad indire la crociata. Ma sappiamo quanto egli temporeggiasse, perchè non convinto della bontà dell'impresa (in Sicilia non erano forse suoi sudditi fedeli proprio quei "mori" che si intendeva andare a combattere in Terra Santa?) In questo temporeggiare è possibile immaginare che, per dimostrare le sue buone intenzioni, abbia iniziato a destinare al Tempio beni che potessero procurare i mezzi necessari per una guerra. In questa sua elargizione, magari su suggerimento proprio di Taddeo e Tommaso, suoi consiglieri originari entrambi della zona, avrebbe potuto ben inserire tra i beni destinati al Tempio anche possedimenti di Suio, la cui ricchezza agricola è ancora oggi riconosciuta.

Sono delle ipotesi di fanta-storia: magari nessun documento verrà mai alla luce per indicare la presenza templare a S. Maria in Pensulis.

Rimane un fatto: in un pomeriggio di un giorno di ferie, quando il caldo ti spinge dal mare verso la campagna alla ricerca di un po' di frescura tra gli alberi abbondanti di invitanti frutti della bella stagione, scoprire per caso un simbolo della nostra tradizione è un'emozione intensa. Nonostante la melodia delle cicale, l'allegro scorrere di un vicino ruscello e i profumi della campagna, ritornare ai libri a trovare lumi e conferme è una gioia immensa. Non sta forse scritto che ritrovare la dracma smarrita dà la stessa felicità che si prova nel Regno dei Cieli?

Mneme

postato da: mneme  


La copertinaSuio: "ZOLFO" presentato a Suio Forma Presente l'autore Dario Di Mambro
letture: 1707
13 novembre 2018 di infopress
Artisti a SuioSuio: Quattro artisti di fama internazionale a Suio per un Natale particolare
letture: 3928
31 dicembre 2014 di descartes
ladri di frescoSuio: La telenovela del Bagno Fresco
letture: 7355
05 luglio 2012 di PD_Castelforte
Suio: Finalmente l'ADSL a Suio (5)
letture: 2677
02 agosto 2011 di TF Press
Suio: Successo di pubblico e di critica dell'edizione 2011 del Premio Suio Terme (1)
letture: 2796
27 luglio 2011 di TF Press
Suio: Intossicati dai gas nocivi: due morti rinvenuti nelle pozze termali di Suio (8)
letture: 9146
20 luglio 2011 di badboy
 Suio: Premio Suio Terme 2011 Presenta Simona Ventura, premio assegnato a Giancarlo Giannini, ospiti, Pupi Avati, Roberto Vecchioni (2)
letture: 9623
20 luglio 2011 di badboy
SSD SuioSuio: Rinasce la SSD Suio
letture: 3411
29 aprile 2011 di TF Press
Suio: Premio Suio Terme 2010 (1)
letture: 3761
02 agosto 2010 di badboy
 Suio: "Premio Suio Terme" Il 3 agosto 2010
letture: 3828
26 luglio 2010 di mneme








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
covid-19
Coronavirus, la quarantena dei bambini. I consigli della neuropsicologa (1)
letture: 1876
05 aprile 2020
corredo
Il corredo nuziale (1)
letture: 3933
30 novembre 2018
Le dimissioni di Renzi
Referendum ha vinto il no, Renzi si è dimesso ed adesso? (34)
letture: 1908
05 dicembre 2016
Don Fabio Gallozzi
Carissimi amici fratelli e sorelle, Pace a voi. (6)
letture: 2697
24 maggio 2016
Marco Pannella
Ho preso in mano la Croce e non riesco a staccarmene (6)
letture: 2199
20 maggio 2016
Morte di un giornalista ucciso dai solfati di Assad
Foto rivelatrici vere dell'orrore del regime di Assad, per non farsi ifinocchiare
letture: 1775
23 febbraio 2016
Francesco
Ecco la lettera autografa scritta da papa Francesco ad Antonio Socci. (2)
letture: 1888
22 febbraio 2016
Smuovete la Chiesa
Blitz del Papa nella periferia romana per visitare malati in stato vegetativo
letture: 1844
15 gennaio 2016
Denise
Ciao Denise (5)
letture: 3479
21 dicembre 2015
Azz......
Azz....quanti nik-name..... (3)
letture: 1990
06 dicembre 2015


Commenti: 6

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2020 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2020 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it