Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 14467
dal 01/05 al 31/05 Golfo di Gaeta: Il Maggio dei Libri
letture: 7536
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 5479
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.623
visitatori:190
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
13
luglio
S. Enrico Imp.
Compleanno di:
sex agave81
sex brigitta
sex marinaclub
sex morro82
nel 1898: Guglielmo Marconi deposita il brevetto per la sua invenzione: la radio.
nel 1960: al velodromo olimpico di Roma,Antonio Maspes stabilisce il nuovo record mondiale dei 200 metri:11 secondi.
nel 1977: Un blackout di 25 ore lascia al buio la città delle mille luci: New York.
dw

Home » News » Latina » Gaeta » Disboscamento a Gaeta
sabato 23 maggio 2020
Disboscamento a Gaeta
Continua l'opera dell'amministrazione comunale nell'abbattimento dei pini.
letture: 3587
La vista dei pini da campi da tennis in Gaeta medievale
La vista dei pini da campi da tennis in Gaeta medievale
Gaeta: L'orrendo taglio di alberi effettuato ai filari di pini della zona campi da tennis, sia sui marciapiedi, tutti senza radici disturbanti il normale transito (ho le foto in merito) o all' interno in terra nuda dove non creavano nessun disturbo, ci pone tanti interrogativi e approfondimenti che non possiamo tacere, anche perché molti cittadini sono completamenti disorientati per come avvengono questi strani lavori in città, delle volte anche a mezzanotte.
Per spiegare esaurientemente come è perche' sono stati tagliati, in gran fretta in forma di presumibile reato, ci vorrebbero diverse pagine. Provo a fare il punto come ho potuto dedurre dalle informazioni raccolte nelle sedi competenti. Perche' un progetto come quello che dovrebbe avere realizzazione in. quella zona possa essere considerato in regola, necessita di tutte le autorizzazioni necessarie. Riguardo ai nulla osta di Enti quali le Sovrintendenza, la posizione del luogo impone che debba esserci parere favorevole da parte sia della Paesaggistica, che di quella architettonica archeologica di zona. Non ho avuto occasione di vedere il progetto approvato, ma da informazioni. fornitemi da coloro. che ne hanno preso. visione, la Sovrintendenza Paesaggistica ha dato parere favorevole al taglio alberi, probabilmente perche' male informata della esatta ubicazione di dove veniva proposto di effettuare il taglio alberi. Ha motivato ufficialmente tale parere favorevole perche' " di pubblica utilita'". Su questa singolare giustificazione un qualunque Ingegnere Ambientale con un minimo. di pratica, avrebbe da scrivere diverse pagine avverse e tutte supportate da moderni indirizzi di settore. Innanzitutto, qualunque testo di Urbanista moderno prescrive che il Centro Storico debba essere, quanto piu' possibile, libero dalla circolazione di macchine, che peggiorano ivi la qualita' della vita e non si fanno con gli intenti per cui esso e' stato creato a cominciare all'incirca dagli anni '60 del secolo scorso. Quindi a mio parere motivazione impugnabile. L' altro parere necessario, quello del Settore archeologico, come mi ha informato il tecnico comunale autore del progetto, non e' stato chiesto perche' riteneva la zona non facente parte del. Centro Storico, cosa non assolutamente vera e che rende il progetto, viziato in forma, incompleto, cosi' come si intende porlo in esecuzione. Il cantiere dove è stata effettuata l'eliminazione iniziale di questi preziosi pini, il cui altissimo, valore storico, paesaggistico, ambientale e' anche possibile calcolarlo venalmente da testi moderni che anch' io posseggo, e' completamente anonimo. Ci sono solo indicazione delle norme di sicurezza, ma chi ha autorizzato, chi ha firmato il progetto, tutti gli altri dati previsti e che dovrebbero essere di pubblica conoscenza oltre che di accertamento per i preposti, sono completamente mancanti. Perche', ci chiediamo tutti in citta' e a chi giova questo danno ambientale, che toglie l'amena passeggiata del Lungomare di uno delle sue attrattive piu' interessante? Dobbiamo tollerare ulteriormente queste "offese ambientali"? Cosa si prefigge con esse l'attuale Amministrazione, visto che danneggia molto il nostro turismo. Ci priverà di ulteriori punti di frescura estiva, che il turista apprezza all' aperto per godersi il panorama del Golfo? La logica distruttiva presente dietro questo strano progetto di "disboscamento della città", come siamo apostrofati da citta' vicine, che al Centro hanno conservato il loro verde, ci sfugge. Ma coloro che prendono queste deleterie decisioni per il nostro turismo, principale nostra economia, si rendono conto dei danni che stanno arrecando alla intera cittadinanza, talvolta, senza che questa ne sia completamente consapevole e giustificato con motivazioni false, che non reggono un minuto davanti a contrapposizioni giustificate da studi autorevoli, che oggi qualunque Istruzione qualificata e' in grado di offrire? Perche' si voglia effettuare una decisa politica antiambientalista, mentre ad esempio, la non molto lontana Terracina riesce ad avere molti contributi europei per avere preso posizione netta a favore dell'Ambiente, anche se di Amministrazione quasi simile alla nostra, sfugge alla normale comprensione. Spero qualcuno sappia darci una giustificazione, possibilmente in un Convegno pubblico dove si possa dibattere esaurientemente i diversi punti di vista, sperando che si tratti solo di questi.

In foto potete vedere la vista gradevole e particolare che i restanti pini sul marciapiede dei campi da tennis offrono. Una bella piazza cui essi potrebbero fare da corona darebbero qualifica notevole all'accoglienza del nostro Centro Storico. A lato della piazza sorge l'ultimo Palazzo della Reale dinastia Borbonica, che ha avuto la nostra citta' seconda Capitale del loro Regno e per oltre un decennio perfino prima Capitale.

Riusciremo a salvarli, come pure i platani davanti piazza Mazzoccolo? Se ci riusciamo avremo rimesso la ragione al Governo della citta'. Altrimenti questo periodo Amministrativo sara' considerato dagli storici come il piu' incomprensibile, per avere soprattutto agito in controtendenza, privando i quasi furtivamente di circa sessant'anni di arricchimento botanico, di cui nessuna persona o amministrazione normale si sarebbe sognato di privarci senza valide ragioni. Tutte quelle voci puerili che sento non reggono ad alcuna valida dimostrazione di infondatezza e diffuse ad arte solo per mera propaganda elettorale. Ma quello che perdiamo in qualita' della vita, in miglioramento del turismo di élite, che potrebbe anche essere internazionale, solo chi ha progetti accorti per la citta' lo avverte. Cerchiamo di considerare questi preziosi alberi rimasti come ultimi nostri figli maggiori, necessitati di tutela. Quel marciapiede, sottostante di essi, necessita di accorta manutenzione e rimessa in sesto.

Stavo preparando un piccolo progetto per essi, che avrebbe tolto loro il pretesto di tagliare perche' rendevano disagevole il transito. Ma coloro che NON amano lavori fatti con esperienza, sapendolo mi hanno prontamente preceduto nella loro eliminazione. Era il loro intento malsano e lo hanno avviato. Riusciremo a salvare quello che resta e smascherare eventuali imbrogli a danno della città? Dipende da come riusciamo ad agire e informare coloro che devono controllare il rispetto di leggi, regolamenti, disposizioni varie, che richiedono profonda conoscenza della materia senza cui tutto il lavoro per risolvere le complesse problematiche del mondo di oggi, fatto in alto, risulta vano. Solo conoscendolo, aggiornando, non agendo per calcolo personale, la città potrà trovare nuovi posti di lavoro. Ho provato personalmente a farlo in diversi settori. Molti conoscendo l'impegno personale disinteressato, si sono spesso congratulati. Ho collaborato e penso continuerò a collaborare esclusivamente perche' ognuno e' legato alla propria citta' natale, ma la politica, quella affaristica, degli impreparati, di quelli che non hanno ideali consolidati a usano il potere quasi come godimento e a uso esclusivamente di tornaconto personale, sta rovinando il mondo.

Una ragazzina di sedici anni dà lezioni di futuro ai grandi della Terra. Puo' parlare liberamente, forse perche' non deve difendere interessi, non e' legata se non alla verita'. La conferma che il nostro Papa Francesco la pensa allo stesso modo e' la prova che il mondo di oggi e' malato. La "cura" che stanno effettuando i nostri amministratori va assolutamente in controtendenza. Mi permetto di dire che non hanno capito niente del mondo di oggi. Concludo tristemente riferendo il gesto di una nostra consigliere regionale. Si è dimessa dalla carica dopo ottanta giorni dall'essere stata eletta con la dichiarazione "Qui sono tutti loschi affari".

Non pensiamoci e cerchiamo di salvare gli alberi rimasti. Senza di essi, quello che nascerà in via Annunziata sara' piu' triste, privo di valore storico stratificato, senza alberi vetusti e residenze Reali in consonanza. Se dovessimo vedere altri esemplari di costosissime Sterlitie Banks e altre essenze non mediterranee, avremo l' ennesima prova che sotto il cambiamento dei connotati della citta', c'è un progetto preciso, lo stesso che ha costretto la consigliere regionale a dimettersi. Ho detto tutto il piu' velatamente possibile.

Sotto un "contorno" invidiabile e gradito da tutti i turisti, da cartolina. Ci auguriamo che non debba essere sacrificato per tanti pranzi succulenti e costosi, che decreteranno la festa della loro invereconda eliminazione.

Damiano Di Tucci

postato da: enrico90  


Partito ComunistaGaeta: Area ex stazione: uno sfregio siglato PD, Forza Italia, Lega e FdI. Sempre uniti se c'è da banchettare.
letture: 826
07 luglio 2020 di Benedetto Crocco
Gaeta: Destini Sincronici: Amelia Rosselli e Rocco Scotellaro opera di Carmen Moscariello Giuseppe Baldassarre parla dell'opera della Poetessa Carmen Moscariello. L'opera è stata presentata a a Firenze, alla Casa di Dante. per iniziativa di Pianeta Poesia, l'opera dellaMoscariello
letture: 3084
22 giugno 2020 di computer
Le parole che non ti ho detto...Gaeta: Quelle lettere contro la solitudine Un invito gratuito alla scrittura che ha centrato gli obiettivi
letture: 2655
19 giugno 2020 di Sandra Cervone
Partito ComunistaGaeta: Caos spiagge: aumento prezzi, mancanza di sicurezza, lavoro a rischio.
letture: 3588
09 giugno 2020 di Benedetto Crocco
Partito ComunistaGaeta: 2 Giugno - La Repubblica ai Lavoratori. Una grande manifestazione nazionale. MARTEDÌ 2 GIUGNO h 11 - 13. A ROMA in PIAZZA SAN SILVESTRO e IN TUTTE LE REGIONI D'ITALIA
letture: 3460
31 maggio 2020 di Benedetto Crocco
Partito ComunistaGaeta: Rifiuti e non solo: il PC rilancia la petizione per una gestione pubblica.
letture: 3175
28 maggio 2020 di Benedetto Crocco
PARTITO COMUNISTAGaeta: Covid-19 e spiagge: proposta per gestione pubblica degli arenili liberi. CONTROLLO ARENILI LIBERI, LOTTA ALLA DISOCCUPAZIONE, ACCESSIBILITA' DELLE SPIAGGE
letture: 2978
11 maggio 2020 di Benedetto Crocco
Cosimino MitranoGaeta: Sostegno a lavoratori e piccole attività? No, sprechi e sentinelle.
letture: 2606
02 maggio 2020 di Benedetto Crocco
 Gaeta: Il david del Bronx I luoghi nella Poesia di Dante Maffia
letture: 4324
02 maggio 2020 di computer
Partito ComunistaGaeta: Cassaintegrazione Acqualatina: bilanci sistemati sulla pelle dei lavoratori e con soldi pubblici.
letture: 2565
29 aprile 2020 di Benedetto Crocco








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
La vista dei pini da campi da tennis in Gaeta medievale
Disboscamento a Gaeta
letture: 3588
23 maggio 2020
Locandina
Due serate culturali a Gaeta, per questo Week- end.
letture: 2732
19 luglio 2019
Gaeta Medievale
Seconda Edizione del Festival dell'ambiente a Gaeta
letture: 2055
11 luglio 2019
Banner concerto
Siria, l'amore vince ogni paura
letture: 8336
04 luglio 2019
Pini tagliati in piazza Di Liegro
La "desertificazione" della città di Gaeta (1)
letture: 3687
05 giugno 2019
Monumento a Jose Gervasio Artigas
Le luminarie di Gaeta fanno poca luce
letture: 2237
13 novembre 2018
La fontana artistica dedicata a San Francesco
La fontana artistica di Gaeta, opera interessante ma necessitante di qualche correttivo (4)
letture: 2872
04 novembre 2016
Ingresso stabilimento balneare militare
Abuso di... demanio pubblico (13)
letture: 2568
04 novembre 2015