Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 11785
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.635
visitatori:310
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
07
marzo
S. Perpetua m.
Compleanno di:
sex buonvento
sex Gidan9999
sex iocaws
nel 1854: Viene brevettata la macchina da cucire per asole.
nel 1876: Graham Bell riceve il brevetto per l'invenzione del telefono.
nel 1926: Si tiene il primo collegamento radiotelefonico transatlantico.
nel 1993: Ivan Lunardi,19 anni,vince la prova di coppa del mondo di salto del trampolino,a Lathi,in Finlandia.
dw

Home » News » Latina » Gaeta » Il david del Bronx
sabato 02 maggio 2020
Il david del Bronx
I luoghi nella Poesia di Dante Maffia
letture: 4605
Gaeta:
Federico Garcìa Lorca è il Poeta che più mi fa pensare a Maffìa. I due grandi Maestri d'Infinito sono irruenti,(...gli faccio , / vedere le cicatrici del cuore, degli occhi, del cielo... ), anarchici frombolieri, due David immortali del Bronx: "cantavano mostrando le loro cinture/con la ruota, l'olio, il cuoio e il martello//Novantamila minatori traevano l'argento dalle rocce,/i bambini disegnavano scale e prospettive."
Né Dante Maffia teme il Bronx: "Io il Bronx ce l'ho nell'anima.. "... si fermi qui./ Io so come rendere innocui i teppisti" . I due Immensi, nella loro Poesia appaiono rudi e fragili, nati per fare i poeti, per trarre dalle miniere della vita, non solo il bello, ma tutto il dolore del mondo. Importanti nella Poesia del Figlio della Sibaritide sono i luoghi; come, d'altronde, l'intero universo: cielo e terra; mari e monti; città e abissi metropolitani; spettri e sogni (Neve in sogno). Anche le cose, non solo i libri sono parte viva nella sua Poesia, è il poeta che parla non a un generico mondo, ma anche agli oggetti umili del suo quotidiano, così lo si può sorprendere a colloquio con una tazza col caffè :"sei sbreccata, vecchia zitella ormai/certo ricordo le prime volte,/ma i fiorellini azzurri ormai /ti sono sbiaditi./ Non farti sentire altrimenti per me si mette male// Smettila anche tu o finirai in cocci/Dì anche al caffè di tacere,/siamo tra nemici sospettosi e cattivi"
I luoghi di Maffìa non costituiscono mai approdi, nemmeno la sua Calabria, seppure amata al disopra di tutto, può dirsi rifugio, egli appartiene al mistero a un fluido romboidale destinato ad esplorare, in cerchi concentri , come Dante nell' Empireo e nell'Inferno, il logos dell'universo.
E' un Maestrale , a volte, violento , porta con sé nella sua solitudine e nel suo dolore i falchi che il grande Federico gli ha regalato, con essi si orienta e dibatte e in loro compagnia vola sulle Spiagge del Mulino. "Però sappiate che ho di fronte il mare,/Che posso vedervi ancora bambine/e ascoltare la voce dei vostri sogni/e che sono l'unico ospite/alla mensa di Federico/mentre brontola ai falconi/o mi legge i suoi versi. Questi versi di straordinaria e unica bellezza, dedicate alle sue due figlie, non solo a Rosa e che aprono la raccolta Neve Ardente con la prima parte titolata "Figlie" testimoniano in modo franco (come sa esserlo solo Maffìa) che sa di appartenere come figlio non tanto alla Calabria, ma si sente, come uomo e Poeta, di appartenere alla storia, al pari del grande Federico.
Maffià non ama nessuna accademia, nessun tessuto di seta, né i salotti e i mandolini, egli è schivo, uno di quei venti padroni del cielo e della terra, sa di esserlo, ma non è felice, né si accontenta di essere un dio. E' un vento che scompiglia. Parte la sua vita dal Castello di Roseto Capo Spulico, qui da piccolo ha brindato con i torrioni merlati del castello che l'accolsero fanciullo, da qui leggeva il suo futuro nelle mani del cielo, già con corona d'argento, con dentro un dolore così grande da fargli desiderare di preferire i fondali limpidi di quel suo mare, e orientava a piacimento la direzione dei venti, accarezzava nella disperazione delle ferite aperte da chi troppo presto gli era stato rapito, i granelli di sabbia della sua spiaggia che erano la sua dote, il suo tesoro di perle.
Tra stelle e comete, guerre e ribellioni, nenie e racconti della sua gente maturò l'incanto per la vita e per l'amore. Già all'alba, spuntando appena il sole si lasciava attraversare da scie di luci e di rimpianti, a cavalcioni sulle ruote del vecchio Mulino e le spighe di mare erano il suo canto. Sulla sua guancia di bambino portava già stampate due lacrime che saranno eterno tatuaggio alla sua anima: "La Calabria che lo scirocco sferza/non so se venendo o andando verso il mare./La campagna ora arsa ora verde/con pompamagna di vigneti e ulivi/è sempre qui, ingombra la mia anima,/la tesse e la distesse nei giulivi/pomeriggi d'estate, negli inverni amari/e tristi d'ore interminabili./La Calabria che pretende amore/-e non sa bene se sia donna o falco-/io la sradico, la esalto, la sotterro,/la benedico e maledico e poi/la invoco: madre, tomba, cielo,/condanna, luce che non tramonta mai".
Dante Maffia è pellegrino, nessun luogo può calmare il suo dolore, né braccia che possano dare tregua alla sua inquietudine, se non l'abbraccio delle ombre invocate che non l'abbandonano, forse le uniche che gli fanno compagnia.
E' Ulisse senza la sua Itaca.
I suoi approdi non sono da Nausica , sanno di ruggine amara di esiliato che non sa dove dirigere la sua nave.
Ed ecco che si profila nella sua vita la città di Torino, terra di esiliati, (quanti sono i meridionali che nella Città della Fiat hanno costruito il loro "destino", seppelliti là dove non volevano morire), città con false promesse come L'America per gli altri raminghi emigrati meridionali:" Torino della mia infanzia / era la culla dell'ordine e della ricchezza / e presentarsi a me con quella schifezza / di bidoni consunti, di giornali vecchi, / su cui c'erano vistose cacche di topi / mi fece male" (Mi meravigliai). "Per le strade di Torino", avventurarsi per quelle strade... l'orrore dei bidoni dove anche lì ,nella città della ricchezza ,i poveri continuano a frugare e la nebbia e le ombre che attediano l'animo fino a temere che tutto è morto, solo rimangono i lamenti dei morti che invocano il mare e il tepore del dolce cielo natio. E' una città di fronte alla quale il Poeta inorridisce, dalla quale il Poeta fugge," :Cantilene di sporcizia, di cadute a picco/sulla vertigine dello sballo. Nei letti caldi/dei più la consolazione del televisore", dove l'anima si accartoccia, dove la solitudine è cosi immensa da creare una itinerante astenia, un'assenza di appartenersi, se non il sentirsi vivo solo in furiosi assalti sessuali, sempre nelle strade occasionali e nella notte che dopo la furia lasciano il pianto e il vuoto. Continua tortuoso , come in un labirinto di mostri il vagare per via Po, Porta Nuova, corso Unione Sovietica, corso Galileo Ferraris, via Lagrange, via Spano, via Roma, via Tunisi, via Novara, le Molinette, il vecchio stadio, i Murazzi, il ghetto ebraico, via Cibrario, la collina di Superga, E' come se il Poeta nel voler ostinatamente puntualizzare, voglia anche distruggere ogni ricordo, meglio morire che vedere ciò che i suoi occhi hanno visto e, ancora, insiste, Porta Palazzo, via Paoli, Un lungo inganno che persiste. "E" la fatica delle "camminate" per le strade della città.
Il Poeta- Ulisse ha vagato per tutto il mondo. Alcune Nazioni Il Giappone, L'Africa l'hanno accolto come un dio, riconoscendogli la sua grandezza di Poeta e oratore.
Poi venne New York .
Mai si sentì più dolorosamente estraneo alla vita e, sempre di più, nel suo cuore piuma, dopo piuma creò un nido sullo strapiombo del Castello tra mare e cielo, qui nel suo infinito avanzare incontrava i suoi morti . Aveva sulla sua nave alzato uno stendardo, con disegnata la Rosa dei venti, era la sua bacchetta per l'orchestra: li dirigeva in un concerto di violini e pommedije narrate da donne col fazzoletto nero in testa, a coprire pudiche i loro capelli neri , e le mani logorate dal lavoro: "Me rassegn?allu sciullaminte, alli scuncizze/ntusinghese sbròded'u fùche da poguedìje...Tutta l'America contrapposta al suo cuore: "Non riesco a scrollarmi di dosso/il rumore/fatto di mani alzate a chiedere soccorso. Un livido schiocco di serpi anelava alla gloria,/ e su ogni facciata di grattacielo si udiva/lo scorrere della pietà che ansimava./ Non ho più le mani, né gli occhi,/ma solo un riflesso di luna rubato al Central Park" .
La Sibartite lo tenne stretto, non lo lasciò mai andare e lui, in tutto il mondo, rese celebre la sua Calabria e il suo dialetto. Quale meraviglia di musicalità sono quei versi calabresi in "Neve in sogno" un monumento di fedeltà, un desiderio di appartenenza, un urgenza di gridare al mondo che forse un paradiso ci potrebbe essere su questa terra, se solo gli uomini smettessero di essere bastardi. Ed ecco nei ricordi di New York, mentre dolore e ribellione lo assalgono, trova salvezza da una depressione malefica che lo assale appollaiato su tralci d'uva , schiva disgustato un materialismo volgare, la fame insaziata e insaziabile di ricchezze. Il Poeta trova questa estrema orgia di possesso, il volgare abbuffarsi di cibo più spregevoli della povertà. Quest'America umilia , è arrogante, rapace insaziabile dove i poveri,: quelli americani, perché anche in America ci sono i poveri, non hanno nulla da invidiare a quelli calabresi: "Poi fare i conti con l'estensione del corpo,/cercare se nelle fibre le sensazioni restano/in strascichi limpidi o come zecche nascoste/Il deposito dei ricordi è situato/in una radura scomoda dell'ansa delle ossa/Forse niente resterà a guardia del senso/e la vita si risolverà nei passi nella voce/nel desiderio di stringere una mano. Ecco dunque il diario di bordo di un viaggio che il tempo macina ingordo/allucinato o stanco o nero di fuliggine.
Il Poeta è terrorizzato di essere abbandona da quel Maestrale che l' ha reso signore di se stesso, ha terrore di perdere "il mistero" che ha alimentato la sua poesia nei vicoli di Roseto, dove affascinato, fin da bambino succhiava la "Neve in sogno". E nella America l' allucinogena luce al neon che lo rendono ombra e nuvola, pronta a scomparire, un cuore che batte in dolore tra vite desolate. Il poeta si ritrae terrorizzato da questa società levigata per apparire, il cui unico profumo che conosce non è di viole e margherite, men che mai il profumo del mare e l'ardore del Maestrale, a New York l'unico profumo è quello dei dollari, sugli altare gli americani non mettono fiori, ma, maledetti dollari. Ritrarsi e conservare il mistero della vita è il suo unico grido, unico segno che gli rimane è urlare il suo dolore, fuggire da New York.
"Un fiume che viene cantando/nei dormitori delle periferie, ed è argento, cemento o brezza/nell'alba ingannevole di New York/Esistono le montagne. Lo so./E le lenti per la sapienza./Lo so. Ma io non sono venuto a vedere il cielo./Sono venuto a vedere il torbido sangue./Il sangue che porta le macchine alle cateratte/ e lo spirito alla lingua del cobra. Tutti i giorni ammazzano in New York / quattro milioni di anitre, /cinque milioni di porci,/duemila colombe per il piacere degli agonizzanti...
Di Carmen Moscariello

postato da: computer  


la copertinaGaeta: Rinasce la Gazzetta di Gaeta Dopo oltre 25 anni ritorna la storica rivista culturale gaetana, fondata nel 1860. Ogni numero un tema: il primo dedicato agli assedi.
letture: 2038
16 febbraio 2021 di mn
La copertina di Gaeta: Il nuovo libro di Pasquale Vaudo dedicato al personaggio del Cireneo Recensione di Claudia Manildo pubblicata su Avvenire/Gaeta7 del 14 feb 2021
letture: 2348
14 febbraio 2021 di Sandra Cervone
On. Raffaele TranoGaeta: Porto di Gaeta e Zls, incontro con il presidente dell'Authority Musolino
letture: 2844
09 febbraio 2021 di RaffaeleTrano_press
Partito ComunistaGaeta: Gaeta sotto i 20 mila residenti dopo 60 anni: il fallimento del governo delle destre e del PD.
letture: 1808
26 gennaio 2021 di Benedetto Crocco
On. Raffaele TranoGaeta: Torrente Pontone, più vicino lo Stato d'Emergenza La protezione civile regionale sta raccogliendo le schede di dettaglio
letture: 1777
14 gennaio 2021 di RaffaeleTrano_press
ITE Gaeta: Istituto Tecnico Economico Fermi di Gaeta: Open Day 2020 Una scuola aperta al territorio, all'Europa, al futuro.
letture: 1665
14 gennaio 2021 di Sandra Cervone
Il Liceo Scientifico FermiGaeta: Il Liceo Scientifico "Enrico Fermi" di Gaeta amplia l'offerta formativa Tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.iisfermigaeta.edu.it
letture: 1798
13 gennaio 2021 di Sandra Cervone
 Gaeta: Carmen Moscariello Vince il Premio della Critica a Iesi. Concorso: "L'arte in versi"
letture: 1444
11 gennaio 2021 di computer
Gaeta: Carmen Moscariello: "Pizia non dà più oracoli" Pubblicata dicembre 2020 Accolta con entusiasmo dalla critica togata l'ultima opera in versi di Carmen Moscariello, Gangemi Editore
letture: 1503
11 gennaio 2021 di computer
Tato IllianoGaeta: "Ti sveglio alle 6" : con Tato Illiano su Radio Spazio Blu intervista al batterista/conduttore
letture: 1903
07 gennaio 2021 di Sandra Cervone








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Carmen Moscariello Vince il Premio della Critica a Iesi.
letture: 1444
11 gennaio 2021
Carmen Moscariello: "Pizia non dà più oracoli" Pubblicata dicembre 2020
letture: 1503
11 gennaio 2021
Pizia non dà più oracoli di Carmen Moscariello, Gangemi Editore.
letture: 1776
04 gennaio 2021
Aldo Masullo il Perturbante. Di Carmen Moscariello
letture: 1657
05 dicembre 2020
Aldo Masullo e "Il Giordano Bruno Sorgente di Fuoco" di Carmen Moscariello
letture: 2644
03 novembre 2020
" Modigliani .L'anima dipinta" di Carmen Moscariello Gangemi Editore "Eletto Libro dell'anno 2020"
letture: 3015
22 ottobre 2020
XXVII Edizione Premio Mondiale Tulliola-Renato Filippelli 2020
letture: 2868
20 settembre 2020
Destini Sincronici: Amelia Rosselli e Rocco Scotellaro opera di Carmen Moscariello
letture: 4833
22 giugno 2020
Copertina del romanzo
Il romanzo di Tommaso Campanella di Dante Maffìa
letture: 4622
14 giugno 2020
Il david del Bronx
letture: 4606
02 maggio 2020