Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 30/11 al 30/06 Scuola e società: Progetto del MIUR "Fisco e Scuola" con l'Ag. delle Entrate all'IIS Fermi-Filangieri di Formia
letture: 20281
dal 20/03 al 21/06 Formia: Progetto di eccellenza del FAI all'istituto Filangieri
letture: 8184
dal 01/04 al 03/09 Sermoneta: Giardino di Ninfa e Castello di Sermoneta: tutte le novità per il 2019
letture: 12881
dal 13/06 al 14/07 Formia: L'evento dei venti
letture: 982
dal 13/06 al 22/09 Pomezia: Arriva l'Estate 2019: Pomezia e Torvaianica in Festival
letture: 802
dal 19/06 al 20/06 Gaeta: "Gaeta Passion Flair Competition": torna la gara internazionale a colpi di shaker
letture: 1162
dal 21/06 al 22/06 Roma: Giornata Mondiale dello yoga
letture: 138
dal 11/07 al 14/07 Formia: Gusto e Arte nel Parco
letture: 13277
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.572
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
19
giugno
S. Giuliana F.
Compleanno di:
sex AntonioCelle...
sex bacchilide
sex dolcevita195...
sex dolcevita195...
sex gdo
sex marevivosaba...
sex tatoo
nel 1953: Gli Stati Uniti eseguono la condanna a morte nei confronti di Julius ed Ethel Rosenberg, giudicati colpevoli di cospirazione per avere ceduto segreti atomici all'Unione Sovietica.
nel 1981: Alla sua uscita "Superman II" fissa a circa 10 miliardi il record di incasso per un solo giorno di programmazione cinematografica.
nel 1983: "Azzurra" vince la prima prova di qualificazione all'America's Cup contro la Francia.
dw

Home » News » Avellino » Ariano Irpino » Annuale congresso Biogen ad Ar...
venerdì 19 ottobre 2018
Annuale congresso Biogen ad Ariano Irpino.
Prolusione dell'Emerito Professore Aldo Masullo
letture: 1286
Ariano Irpino: Rapporto tra i saperi
Io sono profondamente grato all'amico Ortensio. Egli mi ha espresso gratitudine per il dono della mia adesione al suo invito. In realtà il dono lo fa lui a me, convocando tanti autorevoli amici ad ascoltare le mie semplici parole. Confesso che fa un effetto curioso sentir parlare di sé, come se si fosse un altro. Di quest'altro me Ortensio ha parlato generosamente; ed io, l'io che sono, l'io che ha con emozione ascoltato, lo ringrazia e ringrazia tutti voi. Non mi resta ora che far cenno a qualche momento della mia vita intellettuale, che in un certo modo risponde alla domanda di Ortensio.
Proprio nella presente sessione dello straordinario convegno annuale di Biogem si è posta ancora una volta, ma con una speciale sensibilità, la vexata quaestio del rapporto tra i saperi, o più precisamente tra i saperi cosiddetti scientifici e i saperi cosiddetti umanistici. Debbo confessare. L'ispirazione riformatrice, che più tenacemente mi ha accompagnato nella mia azione accademica, è stata l'affermazione dell'unità della cultura come criterio organizzativo del lavoro universitario. Purtroppo in questo campo ho avuto solo scacchi.
A proposito delle lotte politiche per l'università, debbo dire che l'amicizia tra Ortensio e me non è nata in un caffè o in un salotto mondano, ma nelle aule del Senato. Per dare determinatezza biografica al mio discorso, ricordo che in alcuni intensi anni della nostra storia politica Ortensio è stato il Ministro dell'Università mentre io mi trovavo a far parte della Commissione senatoriale della Pubblica Istruzione. Perciò lui ed io abbiamo avuto non poche occasioni d'incontro nel vivo di una incisiva trasformazione dell'istruzione superiore, sui cui problemi confrontavamo, sempre utilmente, i nostri punti di vista. In Ortensio si coglieva, allora come oggi, quel senso della vita profondo e insieme concreto, che a molti accademici e ancor più a molti politici manca.
Ora qui, alludendosi alla difficile domanda sull'unità della cultura, il termine "cultura" è ancora una volta entrato in gioco. Ortensio ha rievocato la risposta crociana. Raramente però si ricorda che il termine deriva dal verbo latino colo, colere, che significa coltivare. Banalmente si dice che gl'insegnanti coltivano i ragazzi. Ma anche i contadini coltivano: per esempio, cavoli o patate! In verità "coltivare", colere, prima che coltivare significa avere cura, avere a cuore. Il contadino coltiva in quanto ha a cuore la sua terra, dalla cui fecondità dipende la sua vita. Il vero insegnante ha a cuore la vita mentale dell'allievo. Essenzialmente, coltivare è avere cura.
Degl'intellettuali Ortensio ha criticato la colpevole indifferenza. Essi, per dirla con il celebre titolo del pamphlet di Julien Benda, "tradiscono". Nel loro altisonante parlare, spesso di minuzie e frivolezze, non sempre si curano della serietà della vita.
Soltanto l'avere a cuore, che è la cura dell'umanità di ogni uomo, può salvarci tutti. Oggi invece cresce il disimpegno. Nel nostro tempo ci si agita molto, si scatenano ostilità, si urlano invettive. Manca la passione della relazione entro cui gl'individui si riconoscono e cooperano. Ben pochi hanno veramente a cuore la vita, la quale sempre più viene vissuta come un fugace scorrere d'immagini. La società è sempre meno presenza del pubblico, sempre più spettacolo pubblicitario. Nelle comunicazioni di massa si ostentano luccicori di felicità per propagandare prodotti di lusso, mendacemente e per profitto, certo non per amore della vita autentica, per far venire in ognuno alla luce il desiderio della cura di sé.
Per proseguire il discorso sul rapporto tra le due culture comincerò da una pagina del bel libro, Il cosmo della mente, opera in solido del fisico Antonio Ereditato e del biologo Edoardo Boncinelli. Vi si legge: «Il cervello umano è l'unico oggetto dell'universo che si può studiare sia da dentro che da fuori».
Tutti capiamo cosa voglia dire che il cervello si può studiare da fuori: lo studiano così l'anatomico, che apre il cervello come un'arancia e ne esamina la struttura, e il neurologo che ne saggia sperimentalmente le connessioni funzionali di neuroni e sinapsi. Il cervello viene osservato come una cosa spaziale che cambia nel tempo.
Ma cosa vuol dire studiarlo dal di dentro? Nessuno potrebbe negare che qualcosa avviene in lui, nel suo cervello, quando per esempio si rende conto di provare insopprimibile fastidio per un seccatore oppure straordinario piacere per l'interesse intellettuale di una ricerca scientifica in corso. Però in questi casi il dato della mia esperienza non è la cosa cervello che mi sta davanti mentre la esamino, bensì lo stato d'animo che provo. Mentre la cosa cervello può essere vista ed esaminata, come da me, da qualsiasi altra persona, il mio stato d'animo invece lo provo io, e nessun altro può provarlo.
E' evidente che, quando si parla di cervello, il da fuori e il di dentro non sono il da fuori e il di dentro di una scatola. Innanzitutto, già come cosa materiale, il cervello non è una scatola, ma un polipaio di miliardi di cellule vive, connesse per scambiarsi informazioni. Ma poi, come gli stessi Boncinelli ed Ereditato precisano, nel linguaggio naturalistico si usa "cervello" come sinonimo di "mente", dunque sensazioni, emozioni, pensieri, tutte cose, il cui essere è, per così dire, privatissimo. La realtà di una sensazione è il suo essere avvertita da me, come di un'emozione il suo essere provata da me, e di un concetto il suo essere concepito da me. Questo è il di dentro del mio cervello. Di esso può parlare solo il mio stesso cervello e nessun altro.
Insomma il cervello di cui si parla è una cosa del vivente. Il cervello di cui parlo io, ed io soltanto posso parlare, cioè il mio cervello, non è una cosa ma un movimentarsi di vissuti.
Ben noto è il termine tedesco erleben. Con esso, mediante la proclitica intensiva er-, il vivere in senso forte, il vivere di cui si ha senso, appropriata coscienza, viene distinto dal leben, dal vivere meramente fisico. Da erleben deriva il sostantivo Erlebnis. Con esso s'intende nel parlare comune un'esperienza. Ma così ne va perso il significato più proprio. L'esperire, come il divenire empeiros dei Greci o l'experiri dei Romani (la radice per- segnala il moto di attraversamento), è il percorso mentale per capire a fondo un evento che ci ha coinvolti. Il passo dell'esperienza è la mossa del naufrago dantesco, il quale, "uscito fuor del pelago a la riva, / si volge a l'acqua perigliosa e guata". La pienezza della coscienza di ciò che ci è capitato è sempre postuma. In altri termini, immediato è il vissuto, l'Erlebnis, mentre temporalmente e logicamente mediata è l'esperienza, la Erfahrung. Ogni episodio della nostra vita è la storia di una coscienza, maturata insieme con la sua storia. Qui sta la specificità dell'umano, la sua differenza da ogni altra forma di vita animata. Riconoscere ciò non è un'offesa al mio caro cane, o al gatto, o a qualsiasi altro vivente non umano, per la semplice ragione che io non sono mai stato cane, gatto o altro animale, e non ho vissuto ossia non ho conosciuto dall'interno la loro vita. Quindi non posso dirne nulla.
L'umano è possibile oggetto di scienza in quanto vivente e non altro. Il vissuto invece non è oggetto: esso è, per così dire, la soggettività stessa della vita nel suo viversi, nel suo sapersi mentre vive.
Se si tiene fermo questo punto di vista, s'intende facilmente l'unità della cultura, pur nella varietà dei suoi sempre nuovi momenti e delle sue innumerevoli forme. Essa è "cura", l' "avere a cuore", cioè l'attività mentale nella sua massima maturità evolutiva. E' l'attuale culmine della vita irresistibilmente impegnata a trattare di sé. Tutto ciò potrebbe anche dirsi "spirito", in un significato però che non ha nulla a che vedere con le ontologie spiritualistiche e, tanto meno, con le fantasticherie spiritistiche, e richiama semmai l'idea hegeliana del Geist, che è la storia della coscienza nel suo continuo attualizzarsi.
Certamente, per quel che ci risulta, non c'è attività mentale senza cervello. Tuttavia l'attività mentale non è il cervello (infatti per amara celia si può ammettere che ci sono anche cervelli che non pensano!). Così la digestione non è lo stomaco, la visione non è l'occhio, né alcuna funzione è l'organo che la rende possibile.
Scienza è costruzione di un qualche sapere delle cose dall'esterno, dal loro darsi alla osservazione dell'uomo. Umanesimo invece è costruzione di sapere dall'interno, il porre attenzione e cura al sentire, al provare, al pensare dell'uomo. Scienza è il calcolare le cose che si presentano alla osservazione, da fuori. Umanesimo è l'avventurarsi nel labirinto del vissuto, ad incontrare le rappresentazioni mentali delle cose, da dentro.
Il cervello è un essere ambiguo. E' una macchina naturale, e come tale è osservabile dall'esterno, scientificamente. Ma è anche la macchina, grazie ai cui calcoli c'è coscienza ed io so di essere, così come ogni uomo sa di sé. E' per il lavoro di questa macchina che, per quanto le diverse coscienze personali siano l'un l'altra irriducibili, noi siamo capaci di costruire sistemi con cui comunicare tra viventi umani.
Così, se scientifico è occuparsi del cervello dell'uomo, umanistico è occuparsi dell'uomo del cervello. Il cervello oggetto di scienza è una cosa che ci sta davanti, sotto i nostri occhi, in ogni modo fuori, in un luogo dello spazio, esterno a quello occupato dal corpo dell'osservatore. Ben diversamente, l'umanista è interessato al cervello come mente: egli infatti esplora l'anima, riattraversa cioè sensazioni, emozioni, pensieri vissuti. Chi può far questo, se non l'uomo stesso, non un qualsiasi uomo, ma l'unico, irripetibile uomo che quelle sensazioni e quelle emozioni ha provate, e quei pensieri ha concepiti, insomma dal di dentro? Mentre i saperi scientifici sono osservazioni, calcoli, inferenze, i saperi umanistici sono miti, arti, meditazioni. Comunque gli uni, dal di fuori, e gli altri, dal di dentro, sono saperi con cui l'uomo non cessa mai di occuparsi di sé: l'intero cosmo infatti è la rappresentazione umana di ciò che esiste, è appunto "il cosmo della mente".
In conclusione, molti e assai vari sono i saperi, ma la cultura è una, perché uno è ciò, di cui da fuori o da dentro tutti i saperi si occupano, hanno cura.
La cosiddetta intelligenza artificiale, emulando tecnicamente il cervello naturale nel suo ruolo di central processing unit, governa anch'essa pezzi complessi di funzionanti esistenze e addirittura impara a produrne di nuovi. Ma il suo rapporto con i suoi stessi prodotti è un esclusivo di fuori. Ben altrimenti, quando il severo scienziato, applicandosi ad un pezzo di esistente, lo osserva da di fuori, nel suo gesto non c'è soltanto il di fuori della cosa. C'è primariamente l'interesse intellettuale che spinge: la passione del conoscere, il gusto di comprendere. C'è insomma la coscienza nell'incessante attualizzarsi della sua storia, la vita che dal di dentro si sa.
E' evidente che, se l'osservazione è dal di fuori, il sapere sempre trascende il semplice operare sulla cosa. Esso prende forma solo dal di dentro di una vita vissuta. Così anche il sapere scientifico si ritrova attivo umanesimo.
Grazie!


Aldo Masullo

postato da: computer  


 Ariano Irpino: A Salza Irpina l'ultimo appuntamento con "Alla Corte di Re Michele" Il 12 novembre si chiudono le celebrazioni per i 100 anni dalla morte di Michele Capozzi con il concerto dei Pratola Folk.
letture: 1401
10 novembre 2017 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: La "Fiera caccia, pesca, natura e spettacolo" si presenta ad Avellino Martedì 28 marzo, a Palazzo Caracciolo, la conferenza stampa dedicata all'evento con cui si riaprirà il Centro Fieristico Fiere della Campania.
letture: 1382
24 marzo 2017 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: Arrivano le scuole al Fiere della Campania Alla "Fiera caccia, pesca, natura e spettacolo" gli alunni degli istituti scolastici potranno partecipare a speciali percorsi didattici
letture: 1290
16 marzo 2017 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: Al Fiere della Campania la mostra "Gioielli a sei zampe" Alla "Fiera caccia, pesca, natura e spettacolo" un imperdibile mostra dedicata agli insetti e al loro coloratissimo mondo.
letture: 3194
09 marzo 2017 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: Fiera caccia e pesca ad Ariano Irpino: numerose le adesioni
letture: 1442
02 marzo 2017 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: Carnevale Castelveterese, torna l'antica tradizione A Castelvetere sul Calore, in provincia di Avellino, il 26 e 28 febbraio, si accende la voglia di far festa con il carnevale più colorato della Campania.
letture: 1362
21 febbraio 2017 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: Riapre il Centro Fieristico Fiere della Campania Dopo la forzata chiusura, la struttura fieristica di Ariano Irpino torna ad ospitare eventi di grande rilievo. Primo appuntamento il 31 marzo con la "Fiera caccia, pesca, natura e spettacolo".
letture: 1014
07 febbraio 2017 di simone8888
 Ariano Irpino: Si rinnova il successo della Fiera del Baratto e dell'Usato ad Ariano Irpino Il Centro Fieristico Fiere della Campania si prepara alla chiusura estiva salutando i visitatori con un altro evento di grande successo.
letture: 2182
03 giugno 2015 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: Conto alla rovescia per la Fiera del Baratto e dell'Usato di Ariano Irpino La Fiera, in programma sabato 30 e domenica 31 maggio, presso il Centro Fieristico Fiere della Campania.
letture: 2086
28 maggio 2015 di UffstampaDama
 Ariano Irpino: Al via alla terza edizione della Fiera del Baratto e dell'Usato ad Ariano Irpino Torna in Irpinia l'atteso evento organizzato dall'Associazione Bidonville dedicato al riuso dei vecchi oggetti.
letture: 1973
19 maggio 2015 di UffstampaDama








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Annuale congresso Biogen ad Ariano Irpino.
letture: 1287
19 ottobre 2018
Obiettivi e finalità del Premio "Tulliola-Renato Filippelli" XXV Edizione
letture: 1692
19 ottobre 2018
Bando Premio "Tulliola Renato Filippelli" 2018-19
letture: 2523
07 ottobre 2018
Premio "Tulliola Renato Filippelli" XXIV Edizione
letture: 3539
08 ottobre 2017
La poesia di Carmen Moscariello di Giuseppe Iuliano
letture: 1891
28 maggio 2017
"Alla ricerca della luce"
letture: 1775
21 maggio 2017
Sud, un mondo che va rispettato di Carmen Moscariello (2)
letture: 1841
09 maggio 2017
Omaggio alla poesia di Corrado Calabrò di Carmen Moscariello
letture: 1507
05 maggio 2017
Firenze- Pianeta Poesia "Destini sincronici" ne parla la scrittrice Franca Bellucci
letture: 1657
01 maggio 2017
"La camorra che occupa sempre più spazi" Di Carmen Moscariello
letture: 2099
27 aprile 2017