Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 11862
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 4245
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.618
visitatori:219
utenti:1
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
sabato
04
aprile
Compleanno di:
sex cine
sex impallara
sex leslie
sex mazellan
sex PEPPE61
sex Pinolo
sex pulcinoeffe7...
nel 1932: Viene isolata la vitamina C. La scoperta ha richiesto 5 anni di ricerche.
nel 1983: La navetta spaziale Challenger, compie il viaggio inaugurale nello spazio.
dw

Home » News » Latina » Golfo di Gaeta » Max Condreas tra poesie e racc...
sabato 19 maggio 2018
Max Condreas tra poesie e racconti
Il 18 maggio presso Fuori Quadro a Formia una serata di letture e amicizia con soci e amici di deComporre APS
letture: 2957
Max Condreas
Max Condreas
Golfo di Gaeta: Ecco l'intervento di Simone Lucciola, chiamato a parlare delle opere in versi e prosa dell'amico Max.
"Cominciamo da questi versi, estratti dalla raccolta poetica "Origami impazziti" di Max Condreas:

Mi stanca ricomporre
i mosaici delle
vite degli
altri,
preferisco
di gran lunga
rincorrere il festante
tripudio
delle lucertole
sopra la sabbia,
tutte intente
a saggiare
i benefici
del sole.

Mente. In realtà Max Condreas conosce a menadito i mosaici delle vite degli altri, per due precisi motivi: il primo è che un attento e appassionato osservatore dei paradossi e delle idiosincrasie del prossimo; il secondo è che li guarda da un punto di vista privilegiato perché ristretto a una data e determinata porzione di spazio,quindi prolungato e raffrontato sistematicamente con il relativo doppio riavvolto nel tempo in flashback.
In altre parole: non vi fate ingannare da questo passaggio dal sapore vagamente ungarettiano né dalla solitudine che si prende la parte del leone all'interno della sopracitataraccolta, perché si tratta di un solivagare - ideale o reale - circoscritto a determinate ore e a momenti designati della giornata, mentre l'uomo che scrive è conclamatamente non solo un animale sociale e interattivo - come la prefazione di Sandra Cervone non manca di sottolineare - ma anche un pendolo organizzativo che scandisce il tempo senza scarto di secondi, quindi - ripeto - un vivisezionatore chirurgico di qualsiasi fenomeno incroci il suo campo visivo e/o uditivo, a prescindere dal fatto che che respiri o meno.
È un dato che salta fuori con più chiarezza nei racconti di "Ad alto degrado sociale", tra le cui pagine un amico che conosce il nostro da almeno cinque lustri - come il sottoscritto, tanto per citarne uno a caso - può rilevare senza rabdomanzia l'insiemistica da cui si attinge come serbatoio narrativo: luoghi, eventi, atmosfere e persone fisiche, il cui essere realmente esistenti o esistite è praticamente fuori discussione, il tutto filtrato poi attraverso un distorsore nichilista che ottiene l'effetto di aumentare, se possibile,l'imbarazzo dell'ovvia e immancabile agnizione finale. Alda Teodorani - un'autrice che a sua volta gioca da sempre con l'ambiguità tra l'invenzione letteraria e la vita vissuta - parla,in questo caso e a ragion veduta,di un «esercizio stilistico» e di un «divertito espediente condito di omaggi agli amici più cari o alle persone in qualche modo importanti della vita del narratore», aggiungendo che «il narrare è pieno di maschere, sta a voi interpretarle ma soprattutto prima scorgere e poi vedere lo sguardo e l'oscuro baluginio che queste maschere celano, ma che da esse filtrano e possono essere raccolti da uno sguardo attento».
Ora, è probabile che il mio campo visivo sia stato troppo acuminatoin questo senso dalla reiterata esposizione alle radiazioni della zona Condreas, ma va da sé che se uno dei personaggi del libro viene indicato nel testo con il mio specifico nome di battaglia (tra l'altro opera dello stesso Condreas) e sfoggia in poche pagine tutte le mie peggiori abitudini e magagne psicologiche e comportamentali, c'è poco da sperare che il racconto in questione, che è un notturno corale in interni, non sia ambientato nella proiezione letteraria del mio habitat notturno corale in interni, che è per definizione un bar che chiude quando ce ne andiamo; così come la città di Max è per definizione una Formia che è tutt'altro che un ormeggio sicuro, e il quartiere "ad alto degrado sociale" è per definizione - anche superficialmente giornalistica - la periferia di Scacciagalline da cui Max effettivamente proviene, e di cui conosce al meticoloso millimetro strade, case, cunicoli, botole, ruderi, detriti e passaggi segreti, nonché segreti tout court. Aggiungiamo pure che all'interno di questo insieme - che percepisce più o menocome un'isola piratesca - lui sarebbe in grado di giocare in qualsiasi momento a mosca cieca e ritrovare lo stesso il tesoro. Ed ecco cosa ci sarebbe nel forziere:

Al riparo da
sguardi d'accusa,
ben protetto
da inferriate
e divieti,
il vecchio battello
aspetta paziente
il fortunale più giusto
che possa
disincagliare
lo scafo
e prestargli
vendetta.
Faccio parte
della poco nobile
ciurma
che vorrebbe
vederlo salpare
alla volta
delle mura
del Tempo,
sul pennone più alto
la nera bandiera
col teschio,
i cannoni
già pronti
a far fuoco.
Dalle tasche bucate
il sogno mi sfugge,
rimbalza sull'acqua
e s'adagia
sul divano
di pietre.

Dove ogni riferimento al vecchio canto popolare anarchico Il Galeone non è puramente casuale, e la "ciurma anemica"sono un po' tutti questi suoi personaggi semiveri"in sfascio con la vita" e in rotta verso un orizzonte indefinito e malcerto, che però - fosse pure l'ultima spiaggia, anzi il lido estremo - rappresenta pur sempre una possibile o per la verità impossibile alternativa a una "galera infame". Del resto, la situazione di domicilio coatto dell'umanità indicata come "ad alto degrado sociale"- cioè a ben guardare quella fetta dei viventi semplicemente poco o per nulla incline a conformarsi alle regole imposte dalla società, dalla clessidra del Tempo e dalla vita stessa - ricorre infatti ossessivamente come punto di intersezione sia nel MaxCondreas poeta che nel narratore Max, che dopo lungo elucubrare inquadra infine una possibile via di fuga nel tragitto della corriera ATP per Maranola dirottata dal folle omicida Guido nel penultimo racconto "L'autobus". Una soluzione a tinte ridanciane e grottesche, ma in fin dei conti anche puramente onirica come tutte le scappatoie ideali, nonostante il gran dispendio di morti e feriti in salsa splatter/noir. Un eccidio, questo, che tradisce i gusti cinematografici dell'autore,del tutto compatibili con quelli dei suoi personaggi (?)Mimmo e Antonio Milos, eche dietro una gratuità apparente come quella del sesso esplicito e pornografico di cui i Racconti della periferia traboccano, si rivela comunque stoicamente necessario con buona pace di tutti, perché se vuoi fare una frittata due uova le devi rompere: anche se una manciata di minuti dopo ti si carbonizza in un vapore nero,maleodorante e inconsistente perché ignori - come sempre ignorerai - l'odiatoricettario Artusi che ne illustra i tempi e le modalità di cottura senza ammissione di polemica bastiancontraria".

(Simone Lucciola)

di: Sandra Cervone


Iannotta, D'Urso, Buommino e MallozziGolfo di Gaeta: Luigi Buommino, un maestro a tutto ... legno Un maestro a tutto tondo.
letture: 128
04 aprile 2020 di Michele Ciorra
MichelagneloGolfo di Gaeta: O giorno da segnare con una bianca pietruzza! Accettazione di manoscritto
letture: 298
02 aprile 2020 di Michele Ciorra
Golfo di Gaeta: Mauro Pietro Paolo Montacchiesi poeta, critico e italianista scrive su Carmen Moscariello Analisi critica: Carmen-Donna; Carmen in Letteratura.
letture: 1298
31 marzo 2020 di computer
Golfo di Gaeta: Coronavirus, casi positivi alla comunità "L'Aquilone": il drammatico appello del sindaco Villa
letture: 1540
22 marzo 2020 di SaverioForte
Partito ComunistaGolfo di Gaeta: Gravi rischi per i lavoratori. Sospendere subito le attività produttive locali.
letture: 1845
18 marzo 2020 di Benedetto Crocco
Uomo solo (foto presa dal web)Golfo di Gaeta: Questi punti radi Le poesie di Pasquale Pane
letture: 2694
08 marzo 2020 di Sandra Cervone
Golfo di Gaeta: Il sindaco di Ventotene, Gerardo Santomauro, illustrerà le finalità del maxi contributo stanziato dal Cipe, 70 milioni di euro
letture: 2165
05 marzo 2020 di TeleUniverso
Golfo di Gaeta: Che fine ha fatto la "Marina di Cicerone"?
letture: 2218
12 febbraio 2020 di TeleUniverso
VigorelliGolfo di Gaeta: Anche Illuminiamoci di musica, aiuta i Daini del Circeo! Intervista all'ex sindaco di Ponza, Piero Vigorelli...
letture: 2510
28 gennaio 2020 di fabcol
.Golfo di Gaeta: NUOVI MOVIMENTI... GIOVANILI . (2)
letture: 6839
25 gennaio 2020 di Kocis








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Fratellanza e Pace!
Un Ponte di Parole 2020
letture: 395
02 aprile 2020
La copertina del libro
Sulle ali della fantasia
letture: 741
30 marzo 2020
Il logo dell'associazione
Violenza domestica ai tempi del coronavirus
letture: 1239
26 marzo 2020
Scrivere aiuta!
Combattere l'isolamento... SCRIVENDO! (1)
letture: 2354
18 marzo 2020
Uomo solo (foto presa dal web)
Questi punti radi
letture: 2694
08 marzo 2020
Peppe Marino con l'inseparabile chitarra
Navigando tra mare e musica... con Peppe Marino che oggi compie 70 anni!
letture: 3546
15 dicembre 2019
Un momento dell'incontro
Il Vescovo tra i pazienti oncologici del Dono Svizzero di Formia
letture: 3555
12 dicembre 2019
parte della mostra
DONNE IN ROSA E CANCRO AL SENO
letture: 3143
17 novembre 2019
Nastro Rosa 2019
"Vivi il Rosa, Proteggi la tua Vita: la Prevenzione non è solo un accessorio"
letture: 2826
12 novembre 2019
Aiutando gli altri aiuti te stesso
Corso di formazione per volontari ospedalieri
letture: 2007
31 ottobre 2019