Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 13301
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 7883
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 10055
dal 30/09 al 02/12 Golfo di Gaeta: Dal 30 settembre il Concorso Teatrale Deviazioni Recitative
letture: 6494
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 5789
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 4370
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 3941
dal 18/11 al 26/11 Golfo di Gaeta: Settimana Nazionale Nati per Leggere nel Sud Pontino (2)
letture: 325
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 4474
23/11 Minturno: "Il Sud Pontino ha sete! Il servizio idrico integrato e l'emergenza idrica: le difficoltà dei cittadini!"
letture: 338
dal 24/11 al 26/11 Formia: Spettacolo teatrale e pranzo pro-TELETHON e Ailu
letture: 1117
25/11 Gaeta: Confronto nazionale sul centenario della Rivoluzione d'Ottobre
letture: 96
26/11 Formia: Le Vie di Bacco
letture: 252
28/11 Gaeta: Visita del Rabbino Capo di Roma Dott. Riccardo di Segni
letture: 274
dal 01/12 al 10/12 Formia: Arthink lancia il contest #VinylArthink: musica da guardare con una mostra
letture: 311
26/12 Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 707
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.516
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
23
novembre
S. Clemente P.
Compleanno di:
sex cadan
sex costantino
nel 1835: Viene brevettata la macchina per la manifattura di ferri da cavallo.
nel 1889: Nella città americana di San Francisco, fa la sua prima comparsa il juke-box.
nel 1994: Didier Auriol, su Toyota, trionfa nel mondiale Rally.
dw

Home » News » Webzine » FAVENS HÆRESIM - L'equivocità ...
lunedì 13 novembre 2017
FAVENS HÆRESIM - L'equivocità magisteriale come deliberata premessa dell'errore.
letture: 740
Guai andare contro!
Guai andare contro!
Webzine: .

di Cesare Baronio
img
Ormai è chiaro: l'equivocità del «magistero» di Bergoglio è voluta, ed è premessa alla sua lettura in chiave eretica da parte di coloro che egli considera come veri interpreti del proprio pensiero.


Scrive a tal proposito Sandro Magister, su Settimo cielo:


«Le novità [Bergoglio] le introduce sempre a piccole dosi, seminascoste, magari in un'allusiva nota a piè di pagina, come ha fatto con l'ormai famosa nota 351 dell'Esortazione postsinodale Amoris lætitia, salvo poi dire con candore, interpellato in una delle sue altrettanto famose conferenze stampa in aereo, che quella nota nemmeno se la ricorda».


E ancora:


«Ma questo è appunto ciò che fa oggi il primo papa gesuita della storia: mette in moto "processi" dentro i quali semina le novità che vuole prima o poi vittoriose, nei campi più diversi, come ad esempio nel giudizio sul protestantesimo. [...] Lascia che corrano le interpretazioni più disparate, sia conservatrici che di progressismo estremo, senza mai condannarne esplicitamente nessuna. L'importante per lui è "gettare il seme perché la forza si scateni", è "mescolare il lievito perché la forza faccia crescere", sono parole di una sua omelia di pochi giorni fa a Santa Marta» (1).



Questo procedimento eversivo si compone di tre fasi: preparazione dolosa, enunciazione equivoca ed interpretazione tendenziosa.


I. La preparazione richiede che sia chiaro fin dall'inizio ciò che si vuole ottenere, e che di questa volontà siano al corrente Bergoglio ed un numero ristretto di complici, i quali a loro volta dovranno organizzare gli interventi di un più vasto gruppo, indicandone la tempistica, specificandone l'esatto tenore e le modalità di divulgazione mediatica. Contestualmente a questa operazione preparatoria, si dovrà far sì che vi siano già richieste e proposte coerenti, formulate da teologi ed intellettuali e per lo più rivolte alla nomenklatura cattolica, organizzando conferenze, pubblicando interventi su riviste per gli addetti ai lavori, tenendo convegni e giornate di studio.


II. L'enunciazione dev'essere fatta in modo volutamente equivoco, per mezzo di espressioni vaghe, meticolosamente coniate evitando l'uso della terminologia propria alla materia - teologica, morale, liturgica, canonica - e deve inserirsi in un più ampio contesto che da un lato distragga l'attenzione dalla proposizione ambigua, e dall'altra sembri autorizzare l'interpretazione ortodossa di questa. Sarà utile se la parte più controversa e velenosa dell'enunciato sia occultata in una nota a piè pagina, oppure in una citazione parziale di un testo, o in una sua traduzione incompleta.


III. L'interpretazione ad mentem Bergollei da parte dei complici è preparata con cura, orchestrata per dare l'impressione che venga da persone di diversa autorità, cultura, formazione e collocazione ideologica. A quest'opera di esegesi devono contribuire membri della Gerarchia, personalità di spicco del mondo ecclesiale, docenti di Atenei, portavoce di movimenti laicali, preti delle periferie esistenziali, opinion makers acattolici ecc. Risulterà particolarmente utile se parte di questi attori sarà espressione di organi collegiali, di assemblee, di commissioni, in modo da attribuir loro maggior credibilità ed autorevolezza. Non sarà a questo scopo inopportuno inserire anche qualche voce estremista, cui dare una certa enfasi, in modo da consentire poi una simulata mediazione. Ed anche una opposizione artefatta, che screditi qualsiasi seria critica per l'inconsistenza delle argomentazioni o per l'impresentabilità di chi le formula.



Ammissione ai Sacramenti dei divorziati risposati


Se pensiamo alle modalità che hanno portato all'Esortazione Apostolica Amoris Lætitia, siamo in grado di vedere queste fasi perfettamente realizzate, sin dallo stadio preparatorio del Sinodo per la Famiglia.


Aveva iniziato il Card. Martini il 7 Ottobre 1999, in occasione del Sinodo per l'Europa, a metter in discussione la disciplina che esclude i concubinari dai Sacramenti. E parecchi altri Vescovi di tutto il mondo di fatto ammettevano già i divorziati alla Comunione.


Fu il Card. Kasper al Concistoro del 2014 a perorare la causa bergogliana prima del Sinodo. Alle sue proposte, palesemente eterodosse, avevano risposto molti membri di spicco della Gerarchia, pensando di aver così scongiurato l'accettazione delle tesi di Kasper da parte dell'Episcopato.



«A quel drammatico concistoro seguirono due sinodi che misero a nudo forti divisioni dentro la gerarchia della Chiesa. Ma nella mente di Francesco il copione era già scritto. Ed quello che ora si legge nella Amoris lætitia, il cui clou è precisamente il capitolo ottavo, redatto nella forma vaga ed ondivaga tipica di Jorge Mario Bergoglio quando vuole aprire e non chiudere un processo, ma che appunto fa ora dire a Kasper e ai tedeschi, con sicurezza assoluta, di avere ormai "il vento in poppa"» (2).



I problemi iniziarono con l'Instrumentum laboris, nel quale si trovano enunciate le innovazioni volute da Bergoglio, e che suscitarono un'immediata protesta (3 e 4). Non possiamo dimenticare nemmeno la lettera che tredici Porporati scrissero al Papa:



«A un certo numero di padri il nuovo processo sembra configurato per facilitare dei risultati predeterminati su importanti questioni controverse» (5),



meritando la zelante e pronta censura di Andrea Tornielli, ancora prima che le Loro Eminenze decidessero di pubblicarla:



«In sostanza tredici padri, cardinali e vescovi, hanno lasciato intendere che il Sinodo fosse in qualche modo "pilotato" dalla Segreteria generale (e in ultima analisi dal Papa) in modo da far sì che prendesse una direzione aperturista. Due nel concreto le contestazioni: l'ipotesi che i moderatori e i relatori dei circoli minori venissero designati dalla Segreteria, cioè dall'alto, con scelte in grado di indirizzare il dibattito. E la mancata elezione dei membri della commissione incaricata di scrivere il documento finale» (6).



Si è visto che ciò è esattamente quanto è avvenuto.


Contrariamente a quanto afferma la vulgata diffusa dallo stesso Bergoglio e dai suoi accoliti, non è vero che la maggioranza si sia espressa a favore dell'ammissione dei divorziati ai Sacramenti, anzi è vero il contrario, nonostante i vergognosi tentativi di imporre in itinere ai Padri sinodali le idee della fazione appoggiata dal Papa ed alla actuosa participatio del Segretario speciale monsignor Forte.



«Nonostante la conclamata valorizzazione della collegialità, infatti, anche la prossima tornata del sinodo vedrà all'opera in Francesco un esercizio monocratico dell'autorità papale, come già nella sessione di un anno fa, al termine della quale il papa ordinò che fossero mantenute in vita anche le proposizioni che non avevano ottenuto i voti necessari per essere approvate. Ed erano proprio quelle relative ai punti più controversi, divorzio e omosessualità» (7).



Arriviamo alla Relatio finalis, consegnata in italiano alla fine della sessione del 22 Ottobre 2015 (e non tradotta in nessuna altra lingua), con la discussione messa a calendario per l'indomani mattina. Ricorda Roberto De Mattei:



«Il testo non teneva alcun conto dei 1355 emendamenti proposti nel corso delle tre settimane precedenti e riproponeva sostanzialmente l'impianto dell'Instrumentum laboris, compresi i paragrafi che avevano suscitato in aula le più forti critiche: quelli sull'omosessualità e sui divorziati risposati» (8).



L'indomani, la Relatio viene respinta da 51 Padri sinodali. Fu così deciso di procedere ad una nuova versione emendata, preparata nella notte del 23 Ottobre e fatta leggere il 24 per poi ottenerne frettolosamente l'approvazione con una risicata maggioranza dei due terzi.


E quando, nonostante le manovre, la Relatio finalis sembrava non fare menzione né dell'ammissione dei divorziati alla Comunione né tantomeno dell'accoglienza delle coppie omosessuali, questi ha comunque promulgato l'Esortazione post-sinodale come se fosse stata scritta sulla base della versione che era stata fraudolentemente predisposta fin da prima, come conferma don Claude Barthe:



«Il testo dell'esortazione post-sinodale era stato redatto, nelle grandi linee [...] già nel Settembre 2015, prima dell'apertura della seconda assemblea del Sinodo» (9).


E da Sandro Magister apprendiamo:



«Nel sinodo dello scorso ottobre fu proprio l'arcivescovo di Vienna [Schönborn], d'intesa con Kasper, a escogitare nel "Circulus germanicus" le formule di apparente rispetto del magistero tradizionale della Chiesa ma nello stesso tempo aperte al cambiamento - capaci di aggirare le obiezioni di Müller - che sono poi confluite nella "Relatio finalis" del sinodo e infine nella "Amoris lætitia", sempre in quella forma studiatamente ambigua che consente però ora al partito di Kasper di cantare vittoria e a Müller e agli altri della sua parte di patire una sconfitta bruciante» (10).



Il 24 Ottobre Bergoglio chiudeva il Sinodo, confermando la chiave interpretativa delle sue manovre:



«Concludere questo Sinodo significa anche aver spogliato i cuori chiusi che spesso si nascondono perfino dietro gli insegnamenti della Chiesa, o dietro le buone intenzioni, per sedersi sulla cattedra di Mosè e giudicare, qualche volta con superiorità e superficialità, i casi difficili e le famiglie ferite» (11).


Quando il Card. Gerhard L. Müller affermò che Amoris Lætitia non conteneva nulla di innovativo rispetto alla Tradizione, fu rimosso dalla carica. Pare che in quei frangenti egli ebbe ad esprimersi coram Pontifice anche circa l'eventualità di ammettere le donne agli Ordini, e che la sua risposta negativa argomentata su base dottrinale abbia persuaso Bergoglio circa l'inevitabilità di nominare un altro Prefetto più malleabile.


Certo è che sentir parlare in Amoris Lætitia di «pianificazione familiare», di «partner» anziché di coniuge, lascia comprendere come, oggi, si sia giunti a sdoganare anche la contraccezione e l'aborto, quali argomenti di libera discussione, in nome di un Sinodo per la Famiglia che avrebbe dovuto proclamare, oggi più che mai, il valore intangibile del Matrimonio e dell'accoglienza alla vita.


Dopo la promulgazione dell'Esortazione, si sono perfettamente realizzate le tre fasi del processo che ho descritto, come conferma Sandro Magister:



«Il cardinale Kasper e l'ala progressista della Chiesa di Germania hanno ottenuto ciò che volevano. Sulla comunione ai divorziati risposati Francesco è dalla loro parte. L'aveva deciso da tempo e così ha fatto» (12).



La communicatio in sacris con gli acattolici


Analogo procedimento vediamo in atto nella prospettata riforma della Messa, in vista dell'intercomunione. La commissione di studio, che si riunisce clandestinamente e della quale sono membri personaggi notoriamente ultraprogressisti, lavora indipendentemente dal Prefetto della Congregazione del Culto Divino, ma evidentemente con l'avvallo in alto loco. E quando verrà promulgato un nuovo Direttorio per l'Ecumenismo - o come lo si vorrà chiamare - vi si troveranno probabilmente innumerevoli citazioni del Vaticano II, delle Allocuzioni dei Pontefici del postconcilio, delle norme precedentemente emanate dai Dicasteri Romani, in modo da lasciar supporre una legittima continuità, salvo inserirvi surrettiziamente qualche frase equivoca, che in pratica sconfessi le norme precedenti ed autorizzi l'applicazione in senso più largo di quella che ad esse si sostituisce.



Celibato sacerdotale e donne diacono


Stessi metodi saranno messi in opera con il prossimo Sinodo dell'Amazzonia del 2019, che sotto l'apparenza di voler far fronte ai problemi dell'America Latina, ha come scopo l'introduzione del Diaconato alle donne e l'abolizione del Celibato ecclesiastico.


Lo ha confermato ore rotundo il Card. Reinhard Marx, nel corso della riunione del Comitato dei Cattolici Bavaresi (13). Anche in questo caso non è difficile prevedere che questi interventi siano consentanei con la fase preparatoria orchestrata dal Papa. Naturalmente, in occasione del Sinodo del 2019, la possibilità di ammettere al Presbiterato viri probati coniugati sarà presentata come una deroga ad experimentum, per poi estenderla con le solite modalità già viste. E sin da ora in Germania si stanno creando le premesse a questa innovazione, se è vero che si preannuncia come imminente l'Ordinazione sacerdotale di diaconi permanenti (14).


Ma queste notizie seguono cronologicamente la precedente intervista di Bergoglio a Die Zeit (15), che a Marzo di quest'anno ha parlato esplicitamente sia dell'abolizione del Celibato sia dell'ordinazione delle Diaconesse, auspicata da due teologi - guarda caso - proprio pochi giorni prima:



«Helmut Hoping e Philipp Müller invitano la Conferenza Episcopale a presentare una proposta concreta a Papa Francesco per la possibilità di ordinare viri probati. In determinate circostanze - secondo i due teologi - due o tre vescovi potrebbero richiedere l'autorizzazione di Roma e consacrare i diaconi sposati al sacerdozio» (16).



È da notare che il Card. Marx, a proposito delle diaconesse, ha affermato che questo tema non è attualmente in agenda a Roma, ma che «in questo contesto la domanda sull'ordinazione delle donne sarebbe arrivata sul tavolo [del Papa]» (17).


Lucetta Scaraffia, direttrice dell'inserto Donne, Chiesa, Mondo de L'Osservatore Romano intervistata da Virginia Piccolillo del Corriere della Sera il 12 maggio 2016, a proposito dell'eventualità di aprire il diaconato alle donne, afferma:



«Potranno esserci, ma bisognerà superare alcuni ostacoli». Quali ostacoli? «Solo di diritto canonico. Non è una cosa che va contro la dottrina cattolica. È soltanto un problema di regole da aggiornare» (18).


Come si vede, prima si crea la domanda - ancorché teologicamente improponibile -, poi se ne discute ufficialmente, quindi si introduce l'innovazione in deroga, o la si lascia intendere tra le righe; infine, si fa in modo che, in nome del decentramento appositamente voluto da Bergoglio, vi siano delle Conferenze Episcopali che interpretano la norma esattamente come vuole il Papa.


Chi si dovesse opporre, in nome della prassi costante della Chiesa e dei pronunciamenti ufficiali ed ex cathedra di Giovanni Paolo II su questo tema, verrà semplicemente ignorato - come nel caso di Cardinali - o screditato dai media asserviti alla convergenza tra i poteri forti e la neo-chiesa. È la prima volta, nella storia, che si assiste a questo accordo infernale tra politica, religione e informazione.



Il Concilio Vaticano II


A questo punto ci sia permessa una riflessione. Credo che non vi siano, almeno tra i Cattolici che si sono accorti della evidente apostasia che sta attraversando la neo-chiesa, persone che mettano in dubbio l'esistenza di questo modus operandi da parte di Bergoglio nel perseguire i suoi scopi.


La validità di questa tesi può esser sostenuta in presenza di una preparazione dolosa, un'enunciazione equivoca ed una interpretazione tendenziosa di una determinata norma. Ma essa si può applicare come una griglia di lettura anche al Concilio, il cui procédé per introdurre nella Chiesa dottrine che oggi si rivelano nella loro totale eterodossia fu esattamente lo stesso.


Pensiamo alla liturgia, ad esempio. A leggere la Costituzione Sacrosanctum Concilium, non si può fare a meno di chiedersi se il Novus Ordo non vi fosse già prefigurato nella sua versione più radicale, in lingua vernacolare, con tutta la congerie di abusi e plagi protestanti che la lettera della norma sembrava, allora, non autorizzare; ma che si sono mostrati essere l'unica possibile applicazione di quelle premesse e soprattutto la realizzazione coerente con la mens degli autori del rito riformato e di chi li appoggiava.


Limitarsi alla lettera dei documenti conciliari senza coglierne la maliziosa componente eversiva deliberatamente occultatavi sarebbe come volersi opporre all'ammissione dei concubinari alla Comunione appellandosi alla lettera di Amoris Laetitia.


È motivo di speranza constatare che finalmente si inizia a prendere atto di questa frode ai danni di chi si fida, e che grazie a ciò sia possibile far cadere il velo anche a quell'assise da cui derivano, come da fonte inquinata, i mali presenti.




1.http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2017/11/12/la-rivoluzione-di-bergoglio-a-piccole-dosi-ma-irreversibile/

2.https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/lopzione-tedesca-del-papa-argentino/

3.https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/inaccettabile-il-documento-base-del-sinodo-compromette-la-verita/

4.https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/voice-of-the-family-svela-le-mosse-dei-dissenzienti-al-sinodo/

5.http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351154.html

6.http://www.lastampa.it/2015/10/08/vaticaninsider/ita/vaticano/il-papa-no-a-logiche-cospirative-al-sinodo-N5BraF6sA7JKlHI5I8IacJ/pagina.html

7.https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/la-parola-al-sinodo-ma-a-decidere-sara-francesco/

8.https://www.corrispondenzaromana.it/il-sinodo-fallito-tutti-sconfitti-a-cominciare-dalla-morale-cattolica/

9.https://www.corrispondenzaromana.it/r-de-mattei-intervista-il-teologo-barthe-non-si-puo-interpretare-secondo-la-tradizione-il-capitolo-viii-di-amoris-laetitia/

10.https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/lopzione-tedesca-del-papa-argentino/

11.https://www.corrispondenzaromana.it/il-sinodo-fallito-tutti-sconfitti-a-cominciare-dalla-morale-cattolica/

12.https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/lopzione-tedesca-del-papa-argentino/

13.http://www.katholisch.de/aktuelles/aktuelle-artikel/marx-fur-debatte-uber-weihe-von-viri-probati

14.http://www.katholisch.de/aktuelles/aktuelle-artikel/papst-will-uber-viri-probati-nachdenken

15.http://www.katholisch.de/aktuelles/aktuelle-artikel/theologen-fordern-priesterweihe-verheirateter-manner

16.http://www.katholisch.de/aktuelles/aktuelle-artikel/theologen-fordern-priesterweihe-verheirateter-manner

17.http://www.katholisch.de/aktuelles/aktuelle-artikel/marx-fur-debatte-uber-weihe-von-viri-probati

18.https://www.corrispondenzaromana.it/le-false-idee-sul-diaconato-femminile-di-lucetta-scaraffia/




OpportuneImportune

postato da: sweda  


L'inferno esiste, il fuoco eterno esiste, il diavolo esiste.Webzine: Ci ha liberati dall'impero delle tenebre
letture: 99
22 novembre 2017 di sweda
I soldi nostri alla mafiaPolitica: Sbarchi migranti, Demoskopica: alle cosche 4,2 miliardi in tre anni
letture: 139
22 novembre 2017 di marinta
A Sofanieh un sobborgo di DamascoWebzine: Notre Dame de Sofanieh. Un miracolo per Damasco
letture: 477
19 novembre 2017 di sweda
TorturaWebzine: Ora in Italia la tortura è "quasi" reato. Un articolo di Rocco Viccione su "Lazio Sud" Una legge lacunosa, ma almeno la tortura entra nel codice penale
letture: 469
18 novembre 2017 di LGC
Il lato mistico di Papa WojtylaWebzine: La visione di Giovanni Paolo II: «L'islam invaderà l'Europa»
letture: 551
18 novembre 2017 di sweda
33 gli anni di CristoWebzine: Breve biografia di Albino Luciani (Giovanni Paolo I)
letture: 573
18 novembre 2017 di sweda
E' protestante?Webzine: Un teologo anglicano: "Il Papa non è cattolico"
letture: 632
17 novembre 2017 di sweda
Più di 300 monaci diventarono CristianiWebzine: Monaco Buddista risorge è afferma che Gesù è l'unica Verità
letture: 658
17 novembre 2017 di sweda
«Questa è l'ultima ora...»Webzine: "Amoris laetitia" è solo un granellino di sabbia rispetto alla dissacrazione
letture: 651
17 novembre 2017 di sweda
Webzine: Capo scout gay, parroco scrive, Avvenire pubblica a modo suo
letture: 716
16 novembre 2017 di sweda








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
L'inferno esiste, il fuoco eterno esiste, il diavolo esiste.
Ci ha liberati dall'impero delle tenebre
letture: 99
22 novembre 2017
A Sofanieh un sobborgo di Damasco
Notre Dame de Sofanieh. Un miracolo per Damasco
letture: 477
19 novembre 2017
Il lato mistico di Papa Wojtyla
La visione di Giovanni Paolo II: «L'islam invaderà l'Europa»
letture: 551
18 novembre 2017
33 gli anni di Cristo
Breve biografia di Albino Luciani (Giovanni Paolo I)
letture: 573
18 novembre 2017
E' protestante?
Un teologo anglicano: "Il Papa non è cattolico"
letture: 632
17 novembre 2017
Più di 300 monaci diventarono Cristiani
Monaco Buddista risorge è afferma che Gesù è l'unica Verità
letture: 658
17 novembre 2017
«Questa è l'ultima ora...»
"Amoris laetitia" è solo un granellino di sabbia rispetto alla dissacrazione
letture: 651
17 novembre 2017
Capo scout gay, parroco scrive, Avvenire pubblica a modo suo
letture: 716
16 novembre 2017
#statesereni
Si allarga il solco fra Francesco e la Chiesa d'America. Il Papa manda Parolin in missione
letture: 765
16 novembre 2017
#staisereno
Vescovi americani hanno respinto il candidato di Bergoglio
letture: 770
16 novembre 2017