Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 10174
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 3668
dal 07/12 al 17/02 Formia: Il Dio dimenticato
letture: 4895
24/01 Itri: Aggiornamento per le forze di polizia ad Itri
letture: 789
25/01 Minturno: Sit-in a Minturno per ricordare Giulio Regeni
letture: 161
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.522
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
17
gennaio
S. Antonio ab.
Compleanno di:
sex claus
sex CRISALE
sex LaVoceInterp...
sex SPED85
nel 1800: Il decreto consolare di Napoleone abolisce in Francia la libertà di stampa, e riduce da 79 a 13 il numero dei giornali.
nel 1929: Nasce la striscia a fumetti di "Braccio di Ferro". In Texas gli è stato dedicato un monumento.
dw

Home » News » Webzine » Se questa è antimafia...
mercoledì 08 novembre 2017
Se questa è antimafia...
Se questa è antimafia.... In Italia, con l'accusa di mafiosità, si permette l'espropriazione proletaria di Stato e la speculazione del Sistema su beni di persone che mafiose non lo sono.
letture: 716
Webzine: Se questa è antimafia...afferma il maggior espero di mafia, avendo scritto dei veri e propri trattati sulla Mafia (nelle sue varie forme e denominazioni) e sull'antimafia, il dr Antonio Giangrande. Scrittore, sociologo storico, giurista, blogger, youtuber, presidente dell'Associazione Contro Tutte le Mafie ONLUS...e vittima di mafia.
Se questa è antimafia.... In Italia, con l'accusa di mafiosità, si permette l'espropriazione proletaria di Stato e la speculazione del Sistema su beni di persone che mafiose non lo sono. Persone che non sono mafiose, né sono responsabili di alcun reato, eppure sottoposte alla confisca dei beni ed alla distruzione delle loro aziende, con perdita di posti di lavoro. Azione preventiva ad ogni giudizio. Alla faccia della presunzione d'innocenza di stampo costituzionale. Interventi di antimafiosità incentrati su un ristretto ambito territoriale o di provenienza territoriale.
La Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, on. le Rosy Bindi, dichiara che è impossibile che in Valle d'Aosta non ci sia 'ndrangheta - «che ha condizionato e continua a condizionare l'economia» - stante che il 30% della popolazione è di origine calabrese.
E' risaputo che le aziende del centro nord appaltano i grandi lavori pubblici, specialmente se le aziende del sud Italia le fanno chiudere con accuse artefatte di mafiosità.
Questa antimafia, per mantenere il sistema, impone la delazione e la calunnia ai sodalizi antiracket ed antiusura iscritti presso le Prefetture provinciali. Per continuare a definirsi tali, ogni anno, le associazioni locali sono sottoposte a verifica. L'iscrizione all'elenco è condizionata al numero di procedimenti penali e costituzioni di parti civili attivate. L'esortazione a denunciare, anche il nulla, se possibile. Più denunce per tutti...quindi. Chi non denuncia, anche il nulla, è complice od è omertoso.
A tal fine, per non aver adempito ai requisiti di delazione, calunnia e speculazione sociale, l'Associazione Contro Tutte le Mafie ONLUS, sodalizio nazionale di promozione sociale, già iscritta al n. 3/2006 presso il registro prefettizio della Prefettura di Taranto Ufficio Territoriale del Governo, il 23 settembre 2017 è stata cancellata dal suddetto registro. Notifica consegnata l'8 novembre 2017.
Antimafioso, sì, complice di una stortura legislativa, no.
Dove non arrivano con le interdittive prefettizie, arrivano con i sequestri preventivi.
Proviamo a spiegarci. Le interdittive funzionano così: sono discrezionali. Decide il prefetto. Non c'è bisogno di una condanna penale, addirittura - nel caso ad esempio, del quale stiamo parlando - nemmeno di un avviso di garanzia o di una ipotesi di reato. Il reato non c'è, però a me tu non mi convinci. Punto e basta. Inoltre l'antimafia preventiva diventata definitiva. Antimafia mafiosa. Come reagire, scrive il 27 settembre 2017 Mauro Mellini. Avvocato e politico italiano. È stato parlamentare del Partito Radicale, di cui fu tra i fondatori, su Telejato. C'È, È INUTILE RIPETERLO TROPPE VOLTE, UNA CERTA PRESA DI COSCIENZA DELLA TURPITUDINE DELLA LEGISLAZIONE ANTIMAFIA, CHE MEGLIO SAREBBE DEFINIRE "LEGGE DEI SOSPETTI". ANCHE I PIÙ COCCIUTI COMINCIANO AD AVVERTIRE CHE NON SI TRATTA DI "ABUSI", DI DOTTORESSE SAGUTO, DI "CASI" COME QUELLO DEL "PALAZZO DELLA LEGALITÀ", DI FRATELLANZE E CUGINANZE DI AMMINISTRATORI DEVASTANTI. È tutta l'Antimafia che è divenuta e si è rivelata mafiosa. Come si addice al fenomeno mafioso, questa presa di coscienza rimane soffocata dalla paura, dal timore reverenziale per le ritualità della dogmatica dell'antimafia devozionale, del komeinismo nostrano che se ne serve per "neutralizzare" la nostra libertà. Molti si chiedono e ci chiedono: che fare? È già qualcosa: se è vero, come diceva Manzoni, che il coraggio chi non c'è l'ha non se lo può dare, è vero pure che certi interrogativi sono un indizio di un coraggio che non manca o non manca del tutto. Non sono un profeta, né un "maestro" e nemmeno un "antimafiologo", visto che tanti mafiologhi ci hanno deliziato e ci deliziano con le loro cavolate. Ma a queste cose ci penso da molto tempo, ci rifletto, colgo le riflessioni degli altri. E provo a dare un certo ordine, una certa sistemazione logica a constatazioni e valutazioni. E provo pure a dare a me stesso ed a quanti me ne chiedono, risposte a quell'interrogativo: che fare? Io credo che, in primo luogo, occorre riflettere e far riflettere sul fatto che il timore, la paura di "andare controcorrente" denunciando le sciagure dell'antimafia e la sua mafiosità, debbono essere messe da parte. Che se qualcuno non ha paura di parlar chiaro, tutti possono e debbono farlo. Secondo: occorre affermare alto e forte che il problema, i problemi non sono quelli dell'esistenza delle dott. Saguto. Che gli abusi, anche se sono tali sul metro stesso delle leggi sciagurate, sono la naturale conseguenza delle leggi stesse. Che si abusa di una legge che punisce i sospetti e permette di rovinare persone, patrimoni ed imprese per il sospetto che i titolari siano sospettati è cosa, in fondo, naturale. Sarebbe strano che, casi Saguto, scioglimenti di amministrazioni per pretesti scandalosi di mafiosità, provvedimenti prefettizi a favore di monopoli di certe imprese con "interdizione" di altre, non si verificassero. Terzo. Occorre che allo studio, alle analisi giuridiche e costituzionali delle leggi antimafia e delle loro assurdità, si aggiungano analisi, studi, divulgazioni degli uni e degli altri in relazione ai fenomeni economici disastrosi, alle ripercussioni sul credito, siano intrapresi, approfonditi e resi noti. Possibile che non vi siano economisti, commercialisti, capaci di farlo e di spendersi per affrontare seriamente questi aspetti fondamentali della questione? Cifre, statistiche, comparazioni tra le Regioni. Il quadro che ne deriverà è spaventoso. Quindi necessario. E' questo l'aspetto della questione che più impressionerà l'opinione pubblica. E poi: non tenersi per sé notizie, idee, propositi al riguardo. Questo è il "movimento". Il movimento di cui molti mi parlano.
Ma cosa sarebbe codesta antimafia, che tutto gli è concesso, se non ci fosse lo spauracchio mediatico della mafia di loro invenzione? E, poi, chi ha dato la patente di antimafiosità a certi politicanti di sinistra che incitano le masse...e chi ha dato l'investitura di antimafiosità a certi rappresentanti dell'associazionismo catto-comunista che speculano sui beni...e chi ha dato l'abilitazione ad essere portavoci dell'antimafiosità a certi scribacchini di sinistra che sobillano la società civile? E perché questa antimafiosità ha immenso spazio su tv di Stato e giornali sostenuti dallo Stato per fomentare questa deriva culturale contro la nostra Nazione o parte di essa. Discrasia innescata da gruppi editoriali che influenzano l'informazione in Italia?
Fintanto che le vittime dell'antimafia useranno o subiranno il linguaggio dei loro carnefici, continueremo ad alimentare i cosiddetti antimafiosi che lucreranno sulla pelle degli avversari politici.

A cura del dr Antonio Giangrande. Scrittore, sociologo storico, giurista, blogger, youtuber, presidente dell'Associazione Contro Tutte le Mafie ONLUS. 099.9708396 - 328.9163996
Leggi i libri e le inchieste su www.controtuttelemafie.it
Promuovi il tuo territorio su www.telewebitalia.eu
Vedi i video ed iscriviti sui canali youtube: Antonio Giangrande - Associazione Contro Tutte le Mafie - Malagiustizia - Telewebitalia
Scegli i libri di Antonio Giangrande su Amazon.it o su Lulu.com o su CreateSpace.com o su Google Libri
Antonio Giangrande è sui Social Network

postato da: CONTROMAFIE  


Treni regionali nel 2017 91,9% puntuali e 98,4% regolariViaggi e Turismo: Treni regionali, bilancio più che positivo
letture: 231
15 gennaio 2018 di simonilla
M.MMusica e dintorni: Un' altra bella puntata di... Illuminiamoci di musica, mercoledì!
letture: 785
08 gennaio 2018 di fabcol
 Webzine: "La gente non legge, non sa, ma sceglie, decide e parla". Intervista al sociologo storico Antonio Giangrande.
letture: 871
08 gennaio 2018 di CONTROMAFIE
Mjriam Masciandaro versione nataliziaMusica e dintorni: Dopo il Natale... "Illuminiamoci di musica con la befana!
letture: 1188
31 dicembre 2017 di fabcol
Lina Sanniti e il suo libroRecensioni: Ecco le poesie di Lina Sanniti Recensione di Max Condreas
letture: 1478
29 dicembre 2017 di Sandra Cervone
Un genocidio silenziosoWebzine: The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno
letture: 1378
16 dicembre 2017 di sweda
Chi non è stato tentato che cosa sa?Webzine: Una cosa è essere indotto in tentazione e un'altra essere tentati
letture: 1369
16 dicembre 2017 di sweda
 Spettacoli e Cultura: "GOMORRA" E IL RISCHIO DI EMULAZIONE LA FICTION TELEVISIVA HA SUSCITATO LE CRITICHE DEI MAGISTRATI IMPEGNATI NELLA LOTTA ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA
letture: 1025
13 dicembre 2017 di philleas
Webzine: Piazza Fontana: una strage di matrice neofascista
letture: 996
12 dicembre 2017 di anpiformia
Fedeli alla Vera DottrinaWebzine: Fedeli alla dottrina non ai pastori che sbagliano. Decine di associazioni pro-vita si schierano
letture: 1042
12 dicembre 2017 di sweda








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
"La gente non legge, non sa, ma sceglie, decide e parla".
letture: 871
08 gennaio 2018
Se questa è antimafia...
letture: 717
08 novembre 2017
Cane non mangia cane.
letture: 709
18 ottobre 2017
LA BALLA DELLA SPEREQUAZIONE FINANZIARIA DELLE REGIONI DEL NORD A FAVORE DI QUELLE DEL SUD.
letture: 919
02 ottobre 2017
Lettera al Direttore. Se questa è antimafia...di Antonio Giangrande*
letture: 940
12 settembre 2017
Perché le ideologie politiche e le confessioni religiose ci rovinano la vita.
letture: 513
08 agosto 2017
Cultura e cittadinanza attiva. Diamo voce alla piccola editoria indipendente.
letture: 790
31 maggio 2017
Antimafia Connection.
letture: 648
22 maggio 2017
Sarah Scazzi. Il delitto di Avetrana. Processo ai Misseri.
letture: 776
15 maggio 2017
Chi dice Terrone è solo un coglione.
letture: 827
27 aprile 2017