Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 01/07 al 30/09 Gaeta: FORME, MATERIE E COLORI
letture: 13326
dal 04/09 al 03/10 Gaeta: Sono aperte le iscrizioni per il laboratorio teatrale
letture: 2162
dal 14/09 al 20/12 Golfo di Gaeta: Circolo fotografico-culturale "l'altro sguardo"
letture: 2332
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.548
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
25
settembre
S. Nicolao de Flue
Compleanno di:
sex agians
sex alpino
sex benedetta
sex dimilleagost...
sex modosadi
sex robertaspine...
nel 1493: Cristoforo Colombo salpa dalla Spagna con 17 navi, per il suo secondo viaggio a Ovest.
nel 1998: Viene presentato un farmaco in grado di battere il virus dell'influenza, si chiama "GS4104".
nel 1998: Andrea Gaudenzi batte Gambili 6-2, 0-6, 7-6, 7-6 e dà all'Italia il primo punto nella semifinale di Coppa Davis negli USA. Gli Azzurri si imporranno 3-0 e sfideranno la Svezia in finale.
dw

Home » News » Webzine » L'evento polacco censurato da ...
lunedì 09 ottobre 2017
L'evento polacco censurato da 'Avvenire' e da tutti i media Vaticani. L'ordine da Santa Marta
In Polonia Dio, Patria e Famiglia hanno portato al "Miracolo Economico". E Israele è un altro miracolo.
letture: 1346
Ragazze militari israeliane / folla per il Rosario in Polonia
Ragazze militari israeliane / folla per il Rosario in Polonia
Webzine: .

L'evento polacco censurato da 'Avvenire' e da tutti i media Vaticani e paravaticani. L'ordine da Santa Marta.



Il "New York Times" ne ha subito scritto, essendo un fatto eccezionale. Ma sui giornali italiani io oggi non sono riuscito a trovare nemmeno una riga sull'avvenimento di ieri in Polonia (unica eccezione "Libero" dove è uscito questo mio articolo). Un silenzio collettivo che di fatto è una censura. Ma la cosa più scandalosa è la censura totale che dell'evento hanno fatto il giornale dei vescovi "Avvenire" e tutti i media vaticani e para-vaticani. Segno che Bergoglio è furioso con questa Polonia che manda più di un milione di suoi figli alle frontiere a pregare il Rosario in memoria della vittoria cristiana di Lepanto contro l'invasione musulmana e in memoria del centenario del messaggio della Madonna a Fatima. Non resta che meditare il Vangelo di oggi dove Gesù ammonisce duramente i vignaioli infedeli che si appropriano della vigna di Dio. Durissimo avvertimento agli ecclesiastici (P.S. Confrontate il finale della parabola di Gesù di oggi con quello che gli attribuisce Bergoglio nell'Angelus: l'esatto contrario).
img

**

IN POLONIA DIO, PATRIA E FAMIGLIA (CON LA SOVRANITA' MONETARIA) HANNO PORTATO AL "MIRACOLO ECONOMICO". E ISRAELE E' UN ALTRO MIRACOLO. ESEMPIO DI POPOLO CHE AMA LA PROPRIA IDENTITA', AMA LA LIBERTA' E COMBATTE PER DIFENDERLE (ANCHE CON I MURI).


Ieri, in Polonia, un milione di persone, assiepate lungo tutti i confini nazionali, hanno recitato insieme un immenso rosario popolare.


L'iniziativa - ignorata dal Vaticano - è stata chiamata: "Rosario al confine".


Nel Paese di Karol Wojtyla le frontiere sono sentite ancora come importanti: per difenderle sono morti tanti polacchi. Lì le parole "patria" e "identità nazionale" (e quindi interesse nazionale) non sono ritenute "bestemmie", come purtroppo sta accadendo da noi. Lì orientano le scelte dei governi.



LEPANTO E FATIMA


E' stata una grande preghiera popolare sui confini spirituali, culturali e materiali della nazione. Il confine spirituale è quello della lotta contro il male per raccogliere l'invito alla conversione della Madonna di Fatima a cento anni da quelle apparizioni.


L'iniziativa infatti si richiamava proprio al centenario di Fatima dove risuonò la profezia dell'irrompere del comunismo in Russia e poi della seconda guerra mondiale che stritolò la Polonia fra i due totalitarismi (nazista e comunista).


Proprio alla Madonna di Fatima fu tanto legato il grande papa polacco che - insieme al suo popolo - ha avuto un ruolo enorme nel crollo incruento e pacifico del comunismo in tutto l'Est europeo.


L'altro anniversario celebrato dal grande rosario polacco è quello del 7 ottobre 1571: la battaglia di Lepanto che fermò sul mare l'impero ottomano e l'invasione islamica dell'Europa.


Fu papa san Pio V, che organizzò la coalizione degli stati cristiani, a proclamare il 7 ottobre festa di Nostra Signora della Vittoria, poi intitolata alla Madonna del Rosario. E' alla sua intercessione infatti che la Chiesa attribuisce la salvezza dell'Europa.


Un secolo dopo i turchi ci riproveranno via terra e arriveranno fino a Vienna. In quella circostanza a sbaragliare le truppe musulmane, salvando l'Europa dall'islamizzazione, fu proprio il re polacco Giovanni III Sobieski.



UN GRANDE POPOLO CRISTIANO


Perciò quei confini su cui ieri il popolo polacco ha voluto pregare definiscono l'identità culturale e cristiana della nazione. Sono anche confini materiali che proteggono l'integrità e la sovranità dello stato polacco.


Vale la pena di ricordare che la Polonia, nell'Unione Europea, è uno dei Paesi che più resiste alla de-sovranizzazione della tecnocrazia di Bruxelles. Come resiste all'ideologia migrazionista che vorrebbe riempire l'Europa di popolazioni musulmane.


Proprio il fatto che in Polonia si dia il primato all'identità nazionale e all'interesse nazionale porta poi risultati positivi, dal momento che la Polonia - a differenza dell'Italia - ha oggi un'eccellente crescita del Pil del 3,9 per cento (noi ce la sogniamo), un rapporto debito pubblico/Pil fantastico, al 54,4 per cento (noi siamo al 132 per cento) e la disoccupazione è precipitata al livello minimo dal crollo del comunismo.


Guarda caso infatti la Polonia non ha l'euro, ma ha tuttora la sua moneta nazionale, lo zloty e questa sua prosperità ha uno stretto collegamento con la sua sovranità monetaria.


La Polonia può così permettersi di fare politiche demografiche molto attive (per far risalire la natalità) e in questi giorni sta pure abbassando l'età pensionistica (60 anni per le donne e 65 per gli uomini).


Dimostrando così che le dissennate politiche dell'Unione europea, che puntano alla demolizione degli stati nazionali e dello stato sociale, hanno un'alternativa vincente. La Polonia non sta ai diktat di Bruxelles.



TRUMP A VARSAVIA


Non a caso la sintonia del presidente americano Trump con la Polonia è emersa subito nel suo viaggio a Varsavia del 6 luglio 2017 dove tenne un discorso importante, che colpì molto i polacchi, in difesa del diritto alla vita e alla libertà, in difesa della civiltà occidentale:


"La domanda fondamentale dei nostri tempi è se l'Occidente ha la volontà di sopravvivere. Abbiamo sufficiente fiducia nei nostri valori da difenderli a qualsiasi costo? Abbiamo abbastanza rispetto per i nostri cittadini da proteggere i nostri confini? Abbiamo il coraggio di preservare la nostra civiltà di fronte a chi vorrebbe sovvertirla e distruggerla? [...] La nostra battaglia per l'Occidente non comincia sui campi di battaglia, ma nelle nostre menti e nei nostri cuori, nelle nostre volontà e nelle nostre anime"


Trump concluse:


"La nostra libertà, la nostra civiltà e la nostra sopravvivenza dipendono da questi legami di storia, di cultura e di memoria. [...] Quindi, insieme, combattiamo tutti come i polacchi: per la famiglia, per la libertà, per la Patria, per Dio".


Ma la Polonia non è un caso isolato. Ci sono altri Paesi che dimostrano come l'identità, il patriottismo, la difesa dell'interesse nazionale e dei valori della civiltà occidentale siano anche la leva che permette di evitare il declino, l'impoverimento e il crollo demografico.



MIRACOLO ISRAELE


Giulio Meotti, nel suo splendido libro "La fine dell'Europa. Nuove moschee e chiese abbandonate" (Cantagalli) racconta il caso di Israele (non a caso anche Israele, come la Polonia, è malvisto in Europa).


Dunque Meotti parla del "Miracolo di Israele" e ne descrive i record:


"in trent'anni, il suo prodotto interno lordo è aumentato del 900%; la pressione fiscale è scesa dal 45 al 32%; gli aiuti americani erano il 10% del PIL, mentre oggi solo l'1%; le esportazioni sono aumentate dell'860%; trent'anni fa Israele non aveva fonti indipendenti di energia, mentre oggi il 38% proviene dalle proprie risorse; e se non c'era acqua desalinizzata trent'anni fa, oggi oltre il 40% dell'acqua consumata proviene da impianti di desalinizzazione".


A questo si aggiunga che "i tassi di mortalità in Israele sono i secondi più bassi dell'Ocse" e che - stando al Wall Street Journal, "Israele è il secondo paese più colto del mondo" (cosa che la dice lunga sulla qualità dell'istruzione.


Va pure detto che "l'aspettativa di vita di 82 anni è la più alta in Asia occidentale. Con gli indicatori di salute tra i primi dieci paesi al mondo".


Tutto questo in un Paese che fin dalla sua fondazione, settant'anni fa, è stato costretto a vivere in un clima di guerra, blindato, e che ha pagato non solo economicamente, ma anche in termini di vite umane un prezzo altissimo, rimanendo un paese libero e democratico, un'eccezione in tutto il Medio Oriente.


Ma la cosa che rende ancora più straordinario questo Paese di cultura occidentale e di frontiera con l'oriente, è il tasso di fertilità, in totale controtendenza rispetto all'Europa: è di 3,11 figli per donna nell'ultimo anno di cui sono resi noti i dati


"In meno di vent'anni" scrive Meotti "il numero annuo di nascite fra gli ebrei israeliani è salito del 65%, passando dalle 80.400 nascite del 1995 alle 132.000 del 2013... Un incredibile balzo in avanti, mentre il tasso di natalità fra gli arabi è molto diminuito".


Cosa questa che fa crollare il teorema di alcuni decenni fa secondo cui "gli arabi fanno più figli degli ebrei e se non si crea uno stato palestinese indipendente, una bomba a orologeria demografica trasformerà Israele in un apartheid sullo stile dei sudafricani".


Teorema sbagliato. Spiega Meotti: "tale prospettiva certamente sembrava reale quando il processo di pace di Oslo ha avuto inizio nel 1990... Yasser Arafat dichiarava orgoglioso che il ventre della donna palestinese è l'arma più potente del suo popolo".


Ma di lì a poco le cose si sono ribaltate. Israele è oggi un paese da prendere a modello per tantissime cose, come si è visto, ma anche perché dimostra che c'è una questione culturale e spirituale alla base della prosperità: l'identità nazionale, l'amore di ciascuno (spesso eroico) per il proprio popolo e la propria storia. E' questo che fa miracoli, anche di prosperità.


Durante la visita in Ungheria dell'estate 2017, nel colloquio con Viktor Orban, il premier israeliano Benjamin Netanyahu disse: "Penso che l'Europa debba scegliere se vuole vivere e prosperare o se vuole avvizzire e scomparire". E poi - menzionando il muro costruito per scongiurare attentati - aggiunse: "Proteggete i vostri confini".



Antonio Socci

8 ottobre 2017

postato da: sweda  


Il tabellone dei ritardi di ieriCronaca: Disagi circolazione ferroviaria, arrivano i rimborsi l Gruppo FS Italiane si scusa con i viaggiatori che hanno subito forti ritardi. Rimborso integrale per viaggiatori del FR9540 e per treni AV Trenitalia arrivati con oltre 180'
letture: 1203
08 settembre 2018 di simonilla
LentezzaWebzine: Elogio della lentezza. (8)
letture: 2079
03 settembre 2018 di lince
Storia del territorio: La Via Appia: una grande strada concepita, costruita e sviluppata come una moderna autostrada Studio propedeutico alla ricerca di strade romane e preromane nel basso Lazio tra Terracina e il fiume Liri (1)
letture: 2103
11 agosto 2018 di Agostino Di Mille
Famiglia cristiana: La morte di un giornale cattolicoSpazio Aperto: La morte di un giornale cattolico - Se Famiglia Cristiana e padre Spadaro perdono la testa È una vera e propria isteria, alimentata da una concezione del cristianesimo solo orizzontale: la salvezza eterna ha lasciato il posto alla soluzione dei problemi terreni.
letture: 2432
26 luglio 2018 di Nuccio
M.MMusica e dintorni: Illuminiamoci d'Estate! Con... Mjriam Masciandaro.
letture: 2058
25 giugno 2018 di fabcol
Telefono RosaCronaca: Violenza donne: al 1522 oltre 18mila telefonate in sei mesi Telefono Rosa, 8% vittime stalking ha tra 18 e 24 anni
letture: 2259
21 giugno 2018 di simonilla
Prof. C. Di Micco-Dott.ssa E. Bozzella-Dir. Scol. R. MontiScuola e società: Alternanza Scuola-Lavoro al Filangieri Cerimonia conclusiva di Fine Anno
letture: 2950
11 giugno 2018 di ElioRusso
Mjriam Masciandaro dagli studi Formia tvMusica e dintorni: Pillole di counseling" senza controindicazioni...! Rubrica ideata e condotta da Mjriam Masciandaro
letture: 2394
20 maggio 2018 di fabcol
 Webzine: La RAI, Youtube e la censura Tutto inizia e finisce con una E-mail.
letture: 2218
20 maggio 2018 di CONTROMAFIE
Alcune delle produzioni discografiche di Paolo Del Prete uscite nel 2018 (dallo Store internazionale iTunes)Musica e dintorni: Paolo Del Prete: Il Segreto. Estratti da intervista radiofonica.
letture: 2774
02 maggio 2018 di ladjlady








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Un genocidio silenzioso
The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno
letture: 1783
16 dicembre 2017
Chi non è stato tentato che cosa sa?
Una cosa è essere indotto in tentazione e un'altra essere tentati
letture: 1799
16 dicembre 2017
Fedeli alla Vera Dottrina
Fedeli alla dottrina non ai pastori che sbagliano. Decine di associazioni pro-vita si schierano
letture: 1399
12 dicembre 2017
San Tommaso ci spiega il "non ci indurre in tentazione"
letture: 1569
11 dicembre 2017
«Per il suo superiore, Bergoglio non era adatto a fare il vescovo» (5)
letture: 1777
11 dicembre 2017
Il Padre celeste non poteva fare per la nuova Eva meno di quanto aveva fatto per l'antica.
8 Dicembre Immacolata Concezione della Santa Vergine Maria
letture: 1554
08 dicembre 2017
Il diavolo ha trovato la strada giusta.
Cristo si è fermato a Vienna?
letture: 1319
07 dicembre 2017
.
Papa Francesco corregge Gesù: vuole cambiare il Pater Noster!
letture: 1541
06 dicembre 2017
Dio non lascia cadere l'uomo, ma permette che venga messo alla prova.
"Non ci indurre in tentazione" Papa Benedetto lo spiegò 10 anni fa.
letture: 1693
06 dicembre 2017
Non gli basta Lutero..
Perché mai Bergoglio in Myanmar, se non in missione "Americana"?
letture: 1513
01 dicembre 2017


Commenti: 1

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2018 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it