Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 16073
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 10565
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 8405
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 6970
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 6554
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 7079
dal 03/12 al 31/12 Golfo di Gaeta: Gli Studenti dell'I.T.E. Filangieri di Formia in Alternanza Scuola Lavoro
letture: 1570
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 656
dal 07/12 al 17/02 Formia: Il Dio dimenticato
letture: 1848
dal 08/12 al 06/01 Gaeta: CONCORSO "Il Presepe di Casa Mia"
letture: 1765
dal 08/12 al 07/01 Sperlonga: Un Natale ricco di eventi
letture: 1207
dal 08/12 al 07/01 Fondi: A Natale a Fondi c'è di più!
letture: 1232
21/12 Gaeta: Natale a Gaeta è anche beneficenza
letture: 440
dal 24/12 al 07/01 Gaeta: PUER NATUS MOSTRA IMMAGINETTE SACRE
letture: 426
26/12 Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 3350
dal 26/12 al 30/12 Golfo di Gaeta: "Sì... comunque vada!"
letture: 824
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.518
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
18
dicembre
S. Graziano V.
Compleanno di:
sex gfgaeta
sex joepass
sex kate1900
sex Nico68
sex Raf1979
sex tastiera45
nel 1865: Con il 13esimo emendamento della Costituzione gli Stati Uniti abolisce la schiavitù.
nel 1993: Il rugby italiano festeggia il primo storico successo su una squadra britannica:Italia-Scozia 18-15.
dw

Home » News » Latina » Itri » Giovanni Petrillo l'ultimo men...
venerdì 29 settembre 2017
Giovanni Petrillo l'ultimo menestrello che incanta anche il dio Pan
TRA GLI ULIVI DI ITRI E' "SCOPPIATA LA PACE", ANZI L'AMORE!
letture: 793
Itri: "Non c'è pace tra gli ulivi" non è solo il titolo di un fortunato capolavoro cinematografico che reca la firma, nelle vesti di regista, di Giuseppe De Santis, l'artista di Fondi assurto al livello di figura consacrata dalla critica internazionale. E' un modo di dire, ormai codificato dalla fenomenologia di certi luoghi, che sottolinea il disagio di chi si sente prigioniero di certi schemi e cerca di liberarsene anche attraverso una rivolta che vuole dare il "la" a un fenomeno di palingenesi rigenerativa di una società marcia e comunque violentemente opprimente. A Itri, dove il film era stato girato, con la magnifica interpretazione di Raf Vallone, un grande artista che le nostre zone hanno "adottato", facendone un cittadino non "onorario" ma "a tutti gli effetti", oggi sembra prendere piede una nuova realtà che connota la sua location tra il verde dell'albero della pace. Questa volta, però, "tra gli ulivi" è "scoppiata" la pace. Eh, sì, perché, seguendo le vicende e i momenti caratterizzanti di certe giornate di questo periodo settembrino, a fianco dell'equinozio di autunno, che ci sta regalando ancora belle giornate dal punto di vista metereologico, cogliamo, con compiaciuto gradimento, segmenti temporali caratterizzati da melodiose e coinvolgenti melodie che riappacificano l'animo con la serenità quotidiana e ne elevano l'afflato metafisico verso quell'empireo che permea della sua dolcezza anche l'animo spiritualmente più depresso. Spieghiamo subito che la recensione di cui poco sopra non è il sogno dell'Ippogrifo della mente che vorrebbe alzarsi sopra le miserie e le angustie quotidiane, ma è lo spirito che si è potuto cogliere in occasione di una serenata dal fascino irrepetibile che ha avuto come scenario la zona di Pagnano (l'area rurale antistante il fatiscente scalo ferroviario di Itri) e come palcoscenico naturale la contrada denominata Pagnano e Mustaga. I maestri, fascinose novelle sirene che hanno ammaliato con i ritmi dei loro strumenti le più recondite corde del cuore, erano Mario Manzi, un prestigioso professionista locale prestato alla dirigenza della macchina burocratica della Capitale, in un percorso professionale più che brillante e inversamente proporzionato al declino, da caduta dell'Impero Romano d'Occidente, che ha segnato la città, un tempo "caput mundi", dagli anni Ottanta in poi. Con Mario Manzi, alla chitarra, hanno completato il terzetto, Francesco Bedendo, anche lui alla chitarra che rappresenta, per il geometra ideatore di soluzioni rigeneranti gli ambienti sui quali va a incidere la sua opera tecnica e per il musicologo che sta promuovendo il giusto rilancio della canzone che utilizza il dialetto itrano, l'hobby del tempo libero che l'estroverso e poliedrico artista impiega per diffondere a ogni latitudine l'immagine del paese che ha dato, tra l'altro, i natali a Michele Pezza, la controversa figura secondo quegli scettici che non vogliono arrendersi all'evidenza e che perpetuano nel bollare l'antigiacobino e l'insorgente difensore dell'identità meridionale contro gli eccessi, sanguinari, repressivi e lussuriosi (basti pensare alle antesignane di certi movimenti per la pratica libera della devianza femminile, che ha trovato nella Luisa Sanfelice e nella Eleonora Pimentel Fonseca, gli emblemi della cosiddetta Repubblica partenopea del 1799) come l'italico aborto -secondo loro- della retrograda resistenza vandeana che insorse contro gli eccessi sanguinari di una rivoluzione che poi mostrò il suo vero volto autoritario, Francesco Bedendo, stavamo dicendo, per il quale la chitarra rappresenta la bacchetta magica per convertire i quotidiani acciacchi mentali procuratici dagli assilli che si chiamano Tasi, Tari, Irpef, Inps, Asl, Equitalia, autovelox, crisi, disoccupazione e chi più ne ha più ne metta. E tertius, che questa volta "datur", è colui che si autodefinisce l'"ultimo menestrello", il maestro Giovanni Petrillo. "Accarezzando", con vibrante passione, le corde del mandolino, lo strumento deputato, per antonomasia, a supportare il saluto musicale di colui che rivolge alla donna che, dopo qualche giorno, è destinata a condividere con lui gioie e dolori, nella buona come nella cattiva sorte, quasi uno struggente distacco dal cordone ombelicale familiare di origine per allargarsi in un contesto meravigliosamente più ampio, il maestro Giovanni, formatore, a cavallo di due secoli, di promesse diventate fulgide realtà artistiche, ha rappresentato l'exultet inebriante della musicalità che ha pervaso il fascinoso scenario degli oliveti della località di Itri che vede nascere per prima, rispetto agli altri quartieri, il sole che si sveglia Oriente e inizia il suo quotidiano e consuetudinario giro intorno al mondo, con tutto il rispetto per il postulato copernicano che giustamente ci dice l'opposto ma che, ai romantici sognatori, che scomodano l'invito biblico di Giosuè che, nella battaglia contro gli Amorrei pregò il Signore affinchè fermasse il sole così da consentire agli Israeliti la vittoria piena contro i nemici, piace immaginare come quotidiano passeggero del carro che percorre l'eterna traiettoria che contraddistingue il dì dalla notte. E, con Mario Manzi e Francesco Bedendo, promesso sposo a quella Nadia Capotosto cui erano dirette le note fatate della melodia che ha richiamato anche il dio Pan, sottraendolo all'eterno vagabondare tra i boschi e le campagne, il maestro Petrillo, "ultimo menestrello" di un mondo che sta dimenticando il fascino del sogno, ha contribuito a sublimare la notte in cui il frutto del pentagramma ha fatto giungere fino alle stelle la melodia delle sette note che addolcisce i cuori della gente. Anche quelli più duri e refrattari ad accogliere le cose belle della vita.
E, con la voce fuori campo, auguriamo a Nadia e Francesco, che si uniranno in matrimonio sabato 30 settembre, un percorso di salute e serenità che accompagni la realizzazione di tutti i sogni che tengono riposti nel loro personale cassetto, autentico vademecum per la Felicità.

postato da: Flaminio  


Itri: Itri città cardioprotetta 4 DEFIBRILLATORI IN FUNZIONE DA SABATO 16 DICEMBRE.
letture: 363
15 dicembre 2017 di Flaminio
Itri: Il castello di Babbo Natale Babbo Natale riceve di persona le richieste di doni dai bambini nel castello di Itri
letture: 626
12 dicembre 2017 di Flaminio
Itri: Tutto pronto per il concerto "In...canto di Natale" Domenica 17 dicembre ore 20.00 - Chiesa Santa Maria Maggiore - Piazza Annunziata 7, Itri
letture: 818
11 dicembre 2017 di TF Press
Itri: I cacciatori di Itri ancora in campo al fianco della Croce Rossa Donazione monitor multiparametrico per ambulanza
letture: 997
08 dicembre 2017 di Flaminio
Itri: "Favole a tracolla" delle edizioni Paoline presentato a Itri Sabato 9 dicembre la presentazione del libro di Nicola Maggiarra
letture: 784
08 dicembre 2017 di Flaminio
Itri: Condanna della violenza sulle donne. Ad Itri si parla europeo L'artista francese Sema Lao firma la significativa Street Art in occasione della particolare giornata.
letture: 843
30 novembre 2017 di Flaminio
Itri: "Il fascino dei pipistrelli - Ricerca, tutela e divulgazione ambientale nel Lazio" Introduzione del dott. Giuseppe Marzano già direttore del Parco Aurunci e conclusione della dott. Maria Rosaria Perna
letture: 922
28 novembre 2017 di Flaminio
Itri: Giornata degli alberi. Protagonisti gli studenti SIGNIFICATIVA LA MANIFESTAZIONE DI ITRI, DOVE SI E' REGISTRATO IL RECORD DEI ROGHI BOSCHIVI
letture: 1059
19 novembre 2017 di Flaminio
Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 3350
18 novembre 2017 di TF Press
Itri: Spegne 100 candeline ALDO de' SPAGNOLIS, giá personaggio copertina del "TIME" Sulla prestigiosa rivista era finito, ritratto con la moglie, per i suoi quasi 70 anni di matrimonio. (1)
letture: 948
10 novembre 2017 di Flaminio








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Natale a Gaeta è anche beneficenza
letture: 440
16 dicembre 2017
Itri città cardioprotetta
letture: 363
15 dicembre 2017
Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 656
13 dicembre 2017
Il castello di Babbo Natale
letture: 626
12 dicembre 2017
I cacciatori di Itri ancora in campo al fianco della Croce Rossa
letture: 997
08 dicembre 2017
"Favole a tracolla" delle edizioni Paoline presentato a Itri
letture: 784
08 dicembre 2017
Condanna della violenza sulle donne. Ad Itri si parla europeo
letture: 843
30 novembre 2017
"Il fascino dei pipistrelli - Ricerca, tutela e divulgazione ambientale nel Lazio"
letture: 922
28 novembre 2017
Giornata degli alberi. Protagonisti gli studenti
letture: 1059
19 novembre 2017
Spegne 100 candeline ALDO de' SPAGNOLIS, giá personaggio copertina del "TIME" (1)
letture: 948
10 novembre 2017