Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 9513
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 4289
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 6303
dal 30/09 al 02/12 Golfo di Gaeta: Dal 30 settembre il Concorso Teatrale Deviazioni Recitative
letture: 3056
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 2335
dal 07/10 al 28/10 Latina: SINUOSITY OF ALUMINIUM, the Vanna Migliorin COMEL Award exhibition, Sixth Edition
letture: 1564
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 866
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 372
dal 19/10 al 20/10 Minturno: Visioni Corte Film Festival sbarca a Basilea per la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo
letture: 431
dal 19/10 al 21/10 Golfo di Gaeta: Il sud-pontino ha ancora sete. Non ci resta che piangere?
letture: 419
21/10 Gaeta: Sabato 21 ottobre 2017 "l'umanità intera ha bisogno di te" (1)
letture: 939
21/10 Gaeta: LAZIO IERI E OGGI: Presentazione dei fascicoli su Gaeta, Formia e Maranola, Minturno
letture: 467
29/10 Minturno: Ingresso del nuovo parroco di San Pietro don Cristoforo Adriano
letture: 422
31/10 Gaeta: "95 Tesi sulle indulgenze" di Martin Lutero. Performance Teatrale - Musicale
letture: 180
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 864
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.509
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
venerdì
20
ottobre
S. Aurora
Compleanno di:
sex stilebalnear...
sex zinzura
nel 1989: Sono 103 i paesi che oggi sottoscrivono un documento che bandisce il commercio dell'avorio. Il provvedimento è vòlto a salvaguardare dall'estinzione gli elefanti africani.
dw

Home » News » Webzine » Storia del territorio » L'altra storia del Risorgiment...
lunedì 18 settembre 2017
L'altra storia del Risorgimento. La strage di Gaeta del 5 febbraio 1860
letture: 1048
Storia del territorio: E' stato uno degli eventi più drammatici dell'assedio di Gaeta. Quello che segnò una svolta nella guerra Tutto avvenne in pochi minuti, alle quattro del pomeriggio dei 5 febbraio, quando dalla batteria piemontese Madonna di Colica, cominciò a partire una pioggia di bombe. Ormai, la fortezza era stato fortemente danneggiata. Il giorno prima un altro massiccio bombardamento aveva colpito il deposito munizioni della batteria Cappelletti: 180 chili di polvere. "Il 5 febbraio, dopo le cannonate - scrive Di Fiore nella "Nazione Napoletana" - si sentì un boato da terremoto accompagnato da una pioggia incandescente di pietre, polvere, sabbia, pezzi di legno. I piemontesi avevano colpito un altro bersaglio importante: il deposito di munizioni alla batteria Sant'Antonio realizzata a denti di sega, dove erano rinchiusi 7000 chili di polvere da sparo. Un globo di fumo nero si alzò in aria, a quella vista gli artiglieri piemontesi urlarono «Viva l'Italia». Sotto una massa imponente di macerie, erano rimasti decine e decine di artiglieri napoletani, insieme con genieri che stavano ancora riparando i danni del giorno prima. Una serie di esplosioni a catena diedero l'impressione di non finire mai, le continue raffiche a ripetizione erano provocate dall'accensione di 40 000 cartucce da carabina e fucile all'interno del deposito. Le case lì intorno si sbriciolarono come fossero state di cartone, mentre dalle navi sardo-piemontesi partirono altre cannonate puntate sul luogo dell'esplosione, con l'intenzione di ostacolare i già difficili soccorsi.

Si sparse nella nebbia di fumo un'inquietante litania di lamenti, urla, bestemmie. La Sant'Antonio si era trasformata in un paesaggio spettrale, dominato da macerie e ruderi a rischio crollo. Un enorme cimitero di cadaveri accanto a decine di feriti che era impossibile soccorrere, per la distruzione totale dei camminamenti. «Fu orribile!» raccontò il cappellano Buttà. Era buio, solo i lampi delle bombe piemontesi illuminavano a intermittenza la scena agghiacciante. Collinette di macerie, nebbia di polvere, fumo circondavano le casematte della Sant'Antonio distrutte. Era un enorme sepolcro e gli ultimi cadaveri furono disseppelliti soltanto il 21 febbraio. Ben sedici giorni dopo e a resa firmata da tre giorni. Tanti morti erano civili, i loro corpi furono allineati uno accanto all'altro. Uomini e donne, che avevano avuto come unica colpa l'ostinazione a non voler lasciare le proprie case. Italiani che i piemontesi avevano dichiarato di voler liberare dall'oppressione borbonica. Di quei cadaveri se ne contarono almeno un centinaio, di ogni sesso ed età. Nel gruppo, anche un'intera famiglia di undici persone, con una donna vestita di scuro. Si chiamava Carmina Barone. Il marito, Pasquale Trecentese, era scampato per il solito gioco fortuito del destino: era uscito di casa poco prima dello scoppio. La conta delle vittime fu tragica: 212 soldati e 4 ufficiali morti. Vennero tirati fuori dalle macerie anche 82 soldati e 2 ufficiali feriti. Molti corpi di uomini, in servizio sulla Sant'Antonio al momento dello scoppio, non furono mai trovati, altri erano irriconoscibili. Brandelli di arti lacerati, carni sparse e sangue ovunque".

fonte: ilsudonline.it

di: TF Press


In testata: sopra, coppa attica a figure nere del VI secolo a.C. decorata con una scena di pirateria. Una nave lunga si contrappone ad una nave commerciale.
Sotto, vaso decorato con navi greche.Storia del territorio: Le fortezze rivierasche e marittime nel territorio degli Ausoni: Formia, Terracina e Capo Circeo
letture: 1026
07 ottobre 2017 di Agostino Di Mille
Storia del territorio: La posizione di Amyclae secondo la tradizione
letture: 992
11 settembre 2017 di Agostino Di Mille
L'immagine più antica di Gaeta: quadro 24 della colonna istoriata conservata presso la Cattedrale di Gaeta.Storia del territorio: Gaeta con le sue torri la Manhattan del medioevo (1)
letture: 1370
20 agosto 2017 di Agostino Di Mille
Storia del territorio: "Pianara", una antica città che da voce alla leggendaria Amyclae e al territorio.
letture: 1063
11 agosto 2017 di Agostino Di Mille
Storia del territorio: Probabili siti fortificati delle antiche città di Ausonia e Vescia
letture: 1698
16 aprile 2017 di Agostino Di Mille
Storia del territorio: Luoghi sacri e templi di divinità arcaiche nel territorio degli Ausoni/Aurunci (1)
letture: 1651
16 maggio 2016 di Agostino Di Mille
Storia del territorio: Analisi storico critica sommaria dello sviluppo urbano del territorio dell'antica Ausonia
letture: 1750
27 marzo 2016 di Agostino Di Mille
Storia del territorio: Era forse "Apice" il nome del luogo chiamato poi Kaietas dai Greci?
letture: 1710
16 gennaio 2016 di Agostino Di Mille
Dal filmato prodotto dal blogger di Storia del territorio: Mc Donald's vs Pizza. Da Napoli il contro-spot a favore della pizza Napoli ha risposto con ironia allo spot di McDonald's che attribuiva al bambino la voglia di Happy Meal al posto di una pizza.
letture: 1259
07 agosto 2015 di jemin
Chicco d'OroStoria del territorio: Napoli. Vuoi un lavoro? «No, grazie, ad agosto sono in vacanza» A Napoli, il titolare di un lussuoso bar del centro offre dieci posti di lavoro. Si presentano tantissimi giovani, ma tutti rifiutano
letture: 1274
31 luglio 2015 di jemin








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Scoperto e multato il colpevole degli sversamenti fognari ACQUALATINA! Laconico commento di Bartolomeo: "notizia di una gravità inaudita" (6)
letture: 1170
20 ottobre 2017
Ingresso del nuovo parroco di San Pietro don Cristoforo Adriano
letture: 422
19 ottobre 2017
LAZIO IERI E OGGI: Presentazione dei fascicoli su Gaeta, Formia e Maranola, Minturno
letture: 467
18 ottobre 2017
CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 864
15 ottobre 2017
LA CNA di Latina interviene sui dissalatori a Formia
letture: 977
05 ottobre 2017
Conferenza stampa del presidente del Gaeta calcio Mario Belalba e del direttore tecnico Felice Melchionna
letture: 1034
29 settembre 2017
Ingresso del nuovo parroco di Gianola don Carlo Saccoccio
letture: 1455
28 settembre 2017
SOLO NOI DALLA VOSTRA PARTE (1)
letture: 1628
23 settembre 2017
"GIUDITTA, ovvero le quattro stazioni di una guerra"
letture: 988
23 settembre 2017
L'altra storia del Risorgimento. La strage di Gaeta del 5 febbraio 1860
letture: 1049
18 settembre 2017