Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 11478
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 3868
dal 06/03 al 03/04 Lenola: Lenola: sospese le attività didattiche, rinviati gli eventi fino al 3 aprile...
letture: 2757
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.617
visitatori:323
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
31
marzo
S. Giudo ab.
Compleanno di:
sex gigifumi96
sex nsamato1
sex paolosardell...
sex sgusetta
sex webaston
nel 1727: Muore Isaac Newton, scopritore della gravitazione universale. Data alternativa: 20/03/1727
nel 1889: A Parigi viene inaugurata la torre Eiffel, costruita per celebrare i risultati d'ingegneria in occasione delle mostra internazionale dell'anno.
nel 1988: Nasce a Torino la Federazione italiana Canottaggio.
dw

Home » News » Roma » Dell'idiozia o dell'antifascis...
sabato 16 settembre 2017
Dell'idiozia o dell'antifascismo
che è la stessa cosa.
letture: 2040
Giuseppina Ghersi, 13 anni, poco prima di essere uccisa dai valorosi partigiani.
Giuseppina Ghersi, 13 anni, poco prima di essere uccisa dai valorosi partigiani.
Roma: Quale può essere la misura di un odio imbecille? Bieco? Sordo e cieco ad ogni ragionamento?
La misura ce la dà in questi giorni il consueto quotidiano comunicato dell'associazione nazionale partigiani italiani, che ormai prende posizione anche su dove devono andare a pisciare i cani, oltre che sugli arbitraggi dei campionati di promozione e se si può bere l'acqua portata da un acquedotto costruito durante il vituperato ventennio fascista, sia mai che uno si contamini.
Come ce la dà questa misura di imbecillità l'associazione nazionale dei partigiani italiani (laddove ancora la nazione ne fosse carente) ?
Con la polemica nata attorno all'idea di ricordare con un cippo, simile a quello di Carlo Giuliani, il brutale omicidio di una ragazzina di 13 anni colpevole di aver scritto una lettera a Benito Mussolini ricevendo il 18 gennaio del 1945 una risposta dalla segreteria particolare della buonanima ( non vorrei nominarlo troppe volte vista l'aria che tira).
L'improvvida ragazzina nutriva evidentemente ammirazione ed aveva voluto esplicitarla.
Di quella lettera si ricordarono i partigiani il 25 aprile del 1945 che andarono a prelevarla, 13enne, accusandola di essere una brigatista nera, una spia che aveva fatto arrestare alcuni antifascisti.

"Dall'esposto del padre, Giovanni Ghersi, presentato al Procuratore della Repubblica di Savona in data 29 aprile 1949, di cui è possibile chiedere copia all'Archivio di Stato di Savona, e che consta di sei cartelle minuziosamente vergate a mano, leggiamo che: "Il 25 aprile '45, alle 5 pomeridiane" i partigiani, appena entrati a Savona, chiedono ai Ghersi del "materiale di medicazione" che la famiglia non esita a "fornire volentieri". Il giorno successivo, come di consueto, i coniugi si dirigono verso il loro banco di frutta e verdura, ma in zona San Michele, poco dopo le 6.00 del mattino, sono fermati da due partigiani armati di mitra. Vengono portati al Campo di Concentramento di Legino , situato nella zona dell'odierno complesso delle Scuole Medie Guidobono, dove un terzo partigiano sequestra loro le chiavi dell'appartamento e del magazzino. Dopo circa mezz'ora viene deportata al Campo anche la cognata e i partigiani, senza testimoni, possono finalmente procedere rubando le merci dal negozio e tutti i beni della famiglia presenti in casa. Solo Giuseppina manca all'appello perché ospitata da alcuni amici di famiglia in Via Paolo Boselli 6/8.
I Ghersi, ormai detenuti da due giorni senza lo straccio di un'accusa, chiedono spiegazioni ai partigiani che rispondono rassicurandoli. Viene loro detto che si tratta di un semplice controllo e che hanno bisogno di fare delle domande alla figlioletta. Siccome Giuseppina aveva precedentemente vinto un concorso a tema ricevendo, via lettera, i complimenti da parte del Segretario Particolare del Duce in persona, trattandosi di una bonaria quisquilia, i genitori si persuadono circa le intenzioni dei partigiani e, accompagnati da uomini armati, vanno a prendere la piccola. L'intera famiglia Ghersi viene dunque tradotta nuovamente al Campo di Concentramento dove inizia il primo giorno di follia. E' il pomeriggio del 27 Aprile 1945: madre e figlia vengono malmenate e stuprate mentre il padre, bloccato da cinque uomini, è costretto ad assistere al macabro spettacolo percosso dal calcio di un fucile su schiena e testa. Per tutta la durata della scena gli aguzzini chiedono al padre di rivelare dove avesse nascosto altro denaro e oggetti preziosi.
Giuseppina cade probabilmente in stato comatoso perché, come riferisce l'esposto al Procuratore, "non aveva più la forza di chiamare suo papà".
Verso sera inizia a piovere e le belve, stanche di soddisfare i propri istinti, conducono Giovanni e Laura Ghersi presso il Comando Partigiano di Via Niella dove viene chiaramente detto che a loro carico non è emerso nulla. Nonostante ciò i partigiani li rinchiudono nel carcere Sant'Agostino.
Giuseppina subisce da sola un lungo calvario di sofferenze finché, il 30 Aprile 1945, viene finita con un colpo di pistola per poi essere gettata davanti alle mura del Cimitero di Zinola su un cumulo di cadaveri. "

(Dal blog giuseppinaghersi.blogspot.com)

Dopo 72 anni da questa infamia qualcuno si è ricordato di lei e del sacrificio suo e della sua famiglia. Ed ecco che interviene il comitato nazionale delle vestali antifasciste, bidelle della costituzione, cultrici della patrie memorie per dire che no. Quella targa, quel cippo, quell'anima di chi gli è stramorto non si deve fare.

Ed riescono a distansiarsi perfino dal consueto comunicato con cui chiedono che, a Casapound, a Forza Nuova, ai sopravvisuti alle loro stragi non sia consentito di pensare, respirare, scorreggiare, parlare, ricordarsi che esistono e compagnia bella cantando perché la città è medagllia d'oro, d'argento, di bronzo (barrare la relativa casella) della resistenza e quindi è oltraggio alla memoria di (citare il locale caduto per mano nazifascista, fa niente era un criminale fucilato per giusti motivi) ed invocare la costituzione, la dodicesima disposizione transitoria, la repubblica, la legge Scelba, quella Mancino e chiedere di radere al suolo Littoria/Latina, l'obelisco ed il palazzo M.

Di seguito un elevato momento della loro inconfondibile prosa:

«È una provocazione, ecco perché tirano fuori ora questa vicenda, abbiamo pietà e lascino in pace i morti». E aggiungono subito un altro dettaglio, che definiscono «un'ulteriore provocazione». Il monumento a Giuseppina sorgerà in una piazza di Noli intitolata ai fratelli Rosselli, fondatori di Giustizia e Libertà, simboli della lotta al fascismo e uccisi da sicari dell'estrema destra francese, pagati da Mussolini.

Così l'anpi provinciale di Savona «ribadisce la propria contrarietà al progetto dell'amministrazione comunale di Noli di erigere un cippo in memoria della brigatista nera (sic!) Giuseppina Ghersi».
«La pietà per una giovane vita violata e stroncata non allontana la sua responsabilità di schierarsi e operare con accanimento a fianco degli aguzzini fascisti e nazisti».

La cosa non meriterebbe commenti perché si commenta da sé.
Ma una cosa mi tocca dirla: questa è la gente che vuole insegnarci a campare. Questi sono quelli che ci additano i loro valori come valori universali di libertà e di pace. Questi sono quelli che si sentono in diritto ed in dovere di dare il loro imprimatur su qualunque aspetto della vita democratica nazionale e lo fanno finanziati dai soldi di tutti.
Questi sono quelli che rivendicano l'omicidio e la violenza su di una bambina di 13 anni. E basta.

postato da: Kalckreuth  


L'incendio della Eco XPomezia: Eco X, condannato il responsabile dell'azienda
letture: 2060
05 marzo 2020 di simonilla
La torre giallaPomezia: La Torre di Pomezia si accende di giallo per la campagna di sensibilizzazione sull'endometriosi
letture: 1889
02 marzo 2020 di simonilla
PRCRoma: Zingaretti intervenga per una conclusione positiva dello sciopero dei facchini della Peroni
letture: 1770
02 marzo 2020 di SalvatoreFagiolo
Giuseppe CristianoRoma: ContamiNation: design and marketing addiction Il format ideato dallo studio Cappelli Identity Design, dedicato alla promozione della cultura del design, della comunicazione, del marketing e delle arti grafiche.
letture: 1814
21 febbraio 2020 di simonilla
Roma: Lo scandalo dei nudi di Modigliani Presentazione a Roma dell'opera della Moscariello "Modigliani l'Anima dipinta".
letture: 3015
16 febbraio 2020 di computer
Carnevale a PomeziaPomezia: A Pomezia i festeggiamenti per Carnevale e San Valentino
letture: 2087
13 febbraio 2020 di simonilla
Scritta anti semitaPomezia: Scritte antisemite di fronte al liceo Pascal e all'Istituto Largo Brodolini
letture: 1971
12 febbraio 2020 di simonilla
 Roma: Vendita a sei zeri per l'artista kosovaro Mikel Gjokaj
letture: 1538
10 gennaio 2020 di ufficiostampastart
Presepe con legnetti spiaggiatiRoma: Esposti Presepi non tradizionali in Vaticano da autori di diverse età La 44° Edizione l'Esposizione internazionale dei 100 presepi in Vaticano sarà aperta al pubblico (ingresso libero) dal 7 dicembre 2019 sino al 13 gennaio 2020)
letture: 3823
22 dicembre 2019 di descartes
inaugurazione ItsPomezia: Fondazione ITS Servizi per le Imprese, inaugurata la nuova sede di Pomezia all'Istituto Copernico
letture: 3406
20 dicembre 2019 di simonilla








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Pontelandolfo
Epistole di briganti a proposito di Pontelandolfo
letture: 3361
06 gennaio 2019
Fedele con Umberto II, allora Principe di Piemonte
Ricordo di Pietro Fedele (II parte) (25)
letture: 3490
04 ottobre 2018
Pietro Fedele
Ricordo di Pietro Fedele (I parte)
letture: 3477
02 ottobre 2018
1940. I battaglioni sfilano per le vie di Formia
Formia e Bir el Gobi (7)
letture: 4019
24 settembre 2018
Metropolitana marittima? (2)
letture: 2408
17 settembre 2018
diritto
Con quale diritto? (36)
letture: 3389
07 settembre 2018
Giuseppina Ghersi, 13 anni, poco prima di essere uccisa dai valorosi partigiani.
Dell'idiozia o dell'antifascismo (4)
letture: 2041
16 settembre 2017
Il Cadabere di Giorgio Barbarisi, ufficiale della RGdF, partigiano, assassinato dai partigiani comunisti.
SOTTOTENENTE GIORGIO MARIA BARBARISI (2)
letture: 3080
05 giugno 2017
Democrazia secondo la repubblica
Come andò il referendum istituzionale del 2 giugno (2)
letture: 2484
02 giugno 2016
Cirinnò
SOLIDARIETA' AI SEDIZIOSI (32)
letture: 2985
19 maggio 2016


Commenti: 4

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2020 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2020 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it