Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 13281
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 7862
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 10034
dal 30/09 al 02/12 Golfo di Gaeta: Dal 30 settembre il Concorso Teatrale Deviazioni Recitative
letture: 6474
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 5769
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 4350
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 3918
dal 18/11 al 26/11 Golfo di Gaeta: Settimana Nazionale Nati per Leggere nel Sud Pontino (2)
letture: 301
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 4454
23/11 Minturno: "Il Sud Pontino ha sete! Il servizio idrico integrato e l'emergenza idrica: le difficoltà dei cittadini!"
letture: 317
dal 24/11 al 26/11 Formia: Spettacolo teatrale e pranzo pro-TELETHON e Ailu
letture: 1095
25/11 Gaeta: Confronto nazionale sul centenario della Rivoluzione d'Ottobre
letture: 57
26/11 Formia: Le Vie di Bacco
letture: 225
28/11 Gaeta: Visita del Rabbino Capo di Roma Dott. Riccardo di Segni
letture: 238
dal 01/12 al 10/12 Formia: Arthink lancia il contest #VinylArthink: musica da guardare con una mostra
letture: 290
26/12 Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 684
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.516
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
23
novembre
S. Clemente P.
Compleanno di:
sex cadan
sex costantino
nel 1835: Viene brevettata la macchina per la manifattura di ferri da cavallo.
nel 1889: Nella città americana di San Francisco, fa la sua prima comparsa il juke-box.
nel 1994: Didier Auriol, su Toyota, trionfa nel mondiale Rally.
dw

Home » News » Webzine » Credere ai veggenti - oppure ...
mercoledì 13 settembre 2017
Credere ai veggenti - oppure ai non-vedenti?
letture: 896
"Dopo la tempesta demoniaca, verrà un divino raggio di sole"
Webzine: .

di Maurizio Blondet
img
Torno da una vacanza in Grecia. Dove ho appreso che anche quest'anno centinaia di fedeli hanno vegliato, il 12 luglio, sulla tomba del santo Paisios dell'Athos, che "dorme" nel monastero di San Giovanni Teologo presso Tessalonica. Paisios è morto il 12 luglio 1994. La sua tomba è meta di pellegrinaggi continui. Beatificato dalla Chiesa greca, è noto anche sul web per le clamorose profezie che pronunciò su una futura guerra mondiale. Ne ho già parlato in un articolo ('Le parole originali del monaco Paisios su Turchia e Costantinopoli' [*])


Ad esso rimando. Qui m'importa evocare la più incredibile delle predizioni del monaco: che la Grecia sarebbe tornata in possesso di Costantinopoli, e la Turchia sarebbe stata smembrata.


Interessanti le circostanze in cui Piaisio enunciò la profezia. Fu un giorno del '91, ai tempi della guerra della NATO contro la Serbia. Un senatore americano di origine ellenica ottenne il permesso di visitare il veggente sull'Athos. Erano con lui due accompagnatori greco-americani, ed altre personalità elleniche, testimoni del fatto. Appena uscito dalla cella, Paisios vide gli americani, abbassò gli occhi, e a voce bassissima mormorò: "Assassini. Voi americani ammazzate la gente. Il mondo sarebbe in pace se non ci fosse l'America".


Seguì la conversazione in cui, fra le altre predizioni, fu enunciato il ritorno di Istanbul alla Grecia. Paisios precisò: tutti voi presenti (tutti i nove) sarete ancora vivi quando Costantinopoli sarà liberata, "io no perché la mia dormizione avverrà prima".


Sono passati 26 anni. I più anziani fra i presenti allora saranno sull'ottantina. Dunque, ormai, vedremo assai presto se il santo anziano Paisios ha visto giusto. Il fatto notevole è che la profezia sul ritorno di Costantinopoli alla Grecia e lo smembramento della Turchia, che nel 1991 apparivano del tutto incredibili, oggi - dopo la dislocazione geopolitica provocata da Erdogan che ha reso la Turchia una scheggia impazzita rispetto alla NATO, e l'intervento russo in Siria - lo sono assai meno.


img

[Al resto] pensino i "grandi", i greci devono sorvegliare Costantinopoli.


Anzi, di più: Paisios descrive la scena futura con particolati precisi che hanno perfettamente senso politico. La Grecia, predisse, non entrerà in quella guerra mondiale, si limiterà ad ammassare le truppe alla frontiera con la Turchia:


"Terrà l'esercito solo ai confini. E sarà una grande benedizione non prendere parte. Perché, chiunque prenda parte a questa guerra (s'intende europea), è perduto".


Dunque la sola Grecia avrà intatte le sue forze armate (che non sono per nulla insignificanti) quando gli avversari (Russia ed "Europa") avranno dissanguate le loro nel "grande massacro" dove per loro "tutto è perduto". Il possesso del Bosforo, mira storica della Russia, le sarà impedito dagli occidentali; ma Mosca potrà accettare che gli Stretti fra il Mar Nero e il Mediterraneo siano affidati ad una nazione ortodossa e spiritualmente amica. Una soluzione di compromesso del tutto sensata.


"Vi sarà una terribile guerra tra Europei e Russi, e molti saranno uccisi. La Grecia non s'immischierà molto in questa guerra e le sarà data Costantinopoli, dato che le parti combattenti non troveranno un'altra soluzione migliore".


No, non ci si può credere, direte. Men che meno si può credere al resto delle profezie di Paisios, i cinesi che giungono sull'Eufrate con 200 milioni di uomini, " inizieranno i lavori per la ricostruzione del tempio di Salomone", "I Curdi e gli Armeni faranno uno stato. Il comandante [occidentale] di questa guerra sarà Ebreo". "Collaborerà molto anche il Papa, poiché tutti i figli del diavolo li riterrà suoi, e suggerirà loro di seguire l'anticristo. Gli altri Papi, rispetto a quello, sembreranno buoni".


Sono le fantasie di un vecchio staretz che è nato in Cappadocia ossia in Turchia nella minoranza ellenica, che i turchi hanno ripulito etnicamente negli anni '20-30,


Sicuramente non hanno alcun peso nei nostri politici, finanzieri, tecnocrati, eurocrati che provocano la Russia ogni giorno. Sono gente concreta, realista, coi piedi per terra. Come la maggior parte di voi lettori, materialisti, increduli, edonisti, consumisti convinti che non c'è da temere nessuna retribuzione divina per le infinite libertà che vi siete presi.


Il mio dubbio è che questa gente concreta viva nel '91, nell'anno in cui Paisios pronunciò quelle profezie - e per questo le ignorino e disprezzino. Eppure 26 anni sono un "grande mortalis aevi spatium", come disse Tacito: una grande porzione di tempo per la vita di un uomo. Un trentennio durante il quale voi sete passati dalla giovinezza alla maturità, noi dalla maturità alla decrepitezza. Dove tutto è cambiato, tranne la nostra illusione di vivere nel sicuro mondo di ieri, fra la NATO e l'Unione Europea e la protezione americana. I nostri decisori, gente concreta e realista, continua a rappezzare quel quadro politico che si sgretola sotto i nostri occhi: per interesse privato, perché non sa pensarne un altro, per cecità.


Nel 1946,un soldato americano (la Germania era disfatta, distrutta ed occupata) andò a visitare Therese Neumann, la stigmatizzata cattolica bavarese (è stata dichiarata beata nel 2005) e le chiese se gli Stati Uniti, la sua patria, avrebbe mai sofferto la guerra sul suo territorio. La Neumann rispose: "No. Ma verso la fine del secolo l'America sarà distrutta economicamente da una serie di disastri naturali"


img


Fino a ieri, nessuna persona realista coi piedi per terra poteva credere che gli Stati Uniti, l'unica grande superpotenza rimasta, la padrona della moneta internazionale, potesse subire disastri naturali di tali dimensioni da distruggerla economicamente. Adesso i media (certo su indicazione superiore) cominciano a minimizzare i danni di Harvey e di Irma. Aspettiamo a vedere quelli a lungo termine: le società assicurative che falliranno e non pagheranno i risarcimenti, per esempio. Paisios ha parlato di un crollo, di una caduta dell'America; se non la sua sparizione dalla scena del mondo, la sua diminuzione dal rango di superpotenza mondiale.


Paisios ricevette un monaco cattolico, a cui disse:

"L'Europa diventerà una grande potenza, avrà un capo ebreo; non solo, ma cercheranno anche un capo spirituale per avere più forza e sarà il papa, il quale metterà assieme tutti, cattolici, protestanti, figli del diavolo (è una setta americana presente pure in Grecia), mussulmani... Li metterà insieme lasciando a ciascuno libertà... Fra poco succederà questo. Voi come vi comporterete quando il papa farà così?"


Immagino che lo staretz non sapesse di riecheggiare le parole di un'altra stigmatizzata, Caterina Emmerich, risalenti al 1820:


"Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola... Non c'erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c'era niente che venisse dall'alto... C'erano solo divisioni e caos. Si tratta di una chiesa di umana creazione, che segue l'ultima moda.. Stavano costruendo una Chiesa grande, strana, e stravagante. Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti ed avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione. Cosi doveva essere la nuova Chiesa... Ma Dio aveva altri progetti».


Non so, ma a me sembra evidente che qui si parli dell'oggi, di questo Papa devastatore, e della minaccia che pende su di noi. Invece a molti, giornalisti progressisti, vaticanisti, modernisti e vescovi compresi, pare che viviamo nella stagione di una grande e prospera riforma, benefica, liberatoria - da cui verrà solo bene, contrariamente alle mormorazioni di quelli che Giovanni XXIII bollò come "profeti di sventura". Sono io che vivo in un mondo che non esiste ancora, o loro che fidano in un mondo che non esiste più?


Disse Paisios al monaco cattolico, a proposito del Papa futuro: "Certo è capo, è vescovo, non vi dico di fare insurrezioni, ma la verità non si può camuffare...... Non ci si può nascondere che c'è molta massoneria e sionismo a Roma, c'è grande corruzione, c'è la mentalità del mondo - La Chiesa non è la barca personale di qualcuno, né del papa, né del patriarca, né del vescovo. Nessuno può far tacere lo Spirito nella Chiesa, nei fedeli. Dovremo patire molto, ma sarà breve la prova e poi non ci sarà più ateo o incredulo... questa è una grande consolazione".


Non so cosa ci sia da ridere ed essere increduli. Son cose che accadono sotto i nostri occhi. A meno che, in disprezzo ai "veggenti", ci si riduca volontariamente a non-vedenti.


In Italia, i nostri dirigenti concreti hanno votato la legge Fiano, che vieta la propaganda del regime fascista. E pensare che hanno schernito Costantinopoli dove "si parlava del sesso degli angeli" mentre i Turchi l'assediavano. Il futuro dirà: l'Italia si dichiarò antifascista alla vigilia dell'armageddon atomico.


img

"Dopo la tempesta demoniaca, verrà un divino raggio di sole"



--


*)

LE PAROLE ORIGINALI DEL MONACO PAISIOS SU TURCHIA E COSTANTINOPOLI


img


(mb) Un lettore , che ringrazio, mi ha inviato questa traduzione dall'originale - greco moderno - delle profezie del monaco Paisios del monte Athos (1924-1994). Mi sembra interessante riportarle per una certa coincidenza che paiono esprimere con gli eventi attuali, inimmaginabili quando era in vita. Sempre tenendo presente che anche i veggenti, in questa vita, vident per speculum in aenigmate.


*

- «I Turchi hanno i biscotti per i morti [già] nel ventre. Soffriranno un grande male.
Allora interverrà dall'alto il Russo e avverrà così come dice la profezia di San Kosmas.
I grandi se ne occuperanno... I Greci devono custodire Costantinopoli.
E così Dio la donerà a noi. Iddio ci aiuterà, poiché siamo Ortodossi.
- «La Turchia sarà dissolta e, in particolare, la dissolveranno gli stessi alleati» Marzo 1994
- «I Turchi hanno i biscotti per i morti nella cintura» 1991
- «Avanti, avanti, non ci sarò a esser fiero di voi nell'avanzata, quando l'esercito greco avanzerà verso Costantinopoli» 1992

- «San Kosmas l'Etolo aveva ragione a dire delle "Seimiglia", perché "Seimiglia" non sono villaggi né città, ma sono sei miglia nautiche, la fascia di sei miglia che circonda le coste della Grecia e ogni nostra isola.
«Seimiglia è ogni luogo che dista sei miglia dalle coste della Grecia, della terraferma o delle isole.
Là dunque avverrà ciò che disse San Kosmas l'Etolo».
- «Quando la flotta turca parte per dirigersi contro la Grecia e arriva alle sei miglia, sarà certamente distrutta. Sarà il momento in cui avranno i biscotti dei morti nella cintura.
Questo però non avverrà per causa nostra. Questa è la volontà di Dio.
Il "sei miglia" sarà l'inizio della fine... Poi inizieranno tutti i fatti, che termineranno con la presa della Città [Istanbul] ... La Città ce la daranno...
Vi sarà una guerra tra Russia e Turchia. All'inizio i Turchi crederanno di vincere, ma ciò sarà la loro rovina. I Russi alla fine vinceranno e la Città cadrà in mano loro. Poi la prenderemo noi... Saranno costretti a darcela...».
I Turchi saranno distrutti. Saranno cancellati dalle mappe, poiché sono una nazione non scaturita dalla benedizione di Dio.
Dei Turchi, un terzo andrà da dove sono partiti, nelle zone remote della Turchia, un terzo si salverà poiché si sarà cristianizzata e l'ultimo terzo sarà ucciso in questa guerra...». Si tratta della nota Profezia di San Kosmas.

- «Non volevo nient'altro. Che Iddio mi tenesse in vita ancora pochi anni, per vedere cresciuta la mia patria. Crescerà...»
- «La Turchia sarà smembrata. Di certo questo smembramento ci soddisfa e ci conviene come stato. Così saranno liberati i nostri villaggi, le patrie irredente.
Costantinopoli sarà liberata, diverrà nuovamente greca.
Santa Sofia sarà nuovamente aperta al culto.»
- «La Turchia sarà smembrata in 3-4 parti.
Il conto alla rovescia è già iniziato. Noi prenderemo i nostri territori, gli Armeni i loro e i Curdi i loro. La questione curda è già stata instradata.
Queste cose accadranno non ora, ma presto, quando terminerà questa generazione che governa la Turchia e prenderà piede una nuova generazione di politici. Allora avverrà lo smembramento della Turchia.

Molto presto le preghiere che ora si fanno sotto la superficie della terra, si faranno sulla Terra e le candele che si accendono sotto, si accenderanno sopra (intendeva i criptocristiani)... Vi sia fede e speranza in Dio e molti ne gioiranno.
Tutto ciò avverrà in questi anni. Il tempo è giunto.»

- «Gli Inglesi e gli Americani ci concederanno Costantinopoli.
Non perché ci amino, ma perché ciò concorderà con i loro interessi.»
- I Turchi lanceranno una sola provocazione alla Grecia, che avrà a che fare con la fascia costiera.

E la fame ci afferrerà. La Grecia avrà fame.
E dato che questa tempesta durerà un certo intervallo di tempo, saranno mesi, "il pane lo chiameremo pezzetto di pane"»
«Abbiate un pezzetto di terra, anche poco, e coltivatelo. Vicino a voi aiuterete anche qualcuno che non ne avrà».
- «Quando senti alla televisione che si parlerà della questione delle miglia, dell'estensione delle miglia (della fascia costiera) da 6 a 12, allora sta arrivando subito dopo la guerra.

Dopo la provocazione dei Turchi, scenderanno i Russi negli Stretti.
Non per aiutarci. Loro avranno altri interessi. Ma, senza volerlo, ci aiuteranno.
Allora, i Turchi per difendere gli Stretti che sono di importanza strategica, ammasseranno là ancora altre truppe. In parallelo inoltre ritireranno forze da terre occupate.
Tuttavia, gli altri stati d'Europa, in particolare l'Inghilterra, la Francia, l'Italia e altri sei-sette stati CEE, vedranno allora che la Russia si impadronirà di parti, per cui diranno: "Perché non andiamo anche noi là, chissà che non ne prendiamo un pezzo anche noi?" Tutti però aspireranno alla parte del leone.
Così anche gli Europei entreranno in guerra...

Il governo (greco) prenderà la decisione di non inviare l'esercito.
Terrà l'esercito solo ai confini. E sarà una grande benedizione non prendere parte. Perché, chiunque prenda parte a questa guerra (s'intende europea), è perduto...
- «I Turchi ci colpiranno, ma la Grecia non subirà danni consistenti.
Non passerà molto tempo dopo l'attacco dei Turchi al nostro Paese che i Russi colpiranno i Turchi e li dissolveranno.
Come un foglio di carta che lo colpisci e si dissolve, così anche i Turchi saranno dissolti. Un terzo di essi sarà ucciso, un terzo si convertirà al cristianesimo e un terzo andrà al "Meleto Rosso" [luogo mitologico in cui saranno scacciati i Turchi di Costantinopoli].
L'utilizzo delle acque dell'Eufrate per opere di irrigazione sarà un preavviso che sono iniziati i preparativi della grande guerra che seguirà» 1991

- «Dopo la dissoluzione della Turchia, la Russia proseguirà la guerra fino al Golfo Persico e le sue armate si arresteranno fuori da Gerusalemme.
Allora le potenze occidentali daranno una scadenza ai Russi per ritirare da questi luoghi le loro armate, tanto tempo quanto occorre per far maturare i cavoli, ossia 6 mesi.
La Russia però non ritirerà le sue forze. E allora le potenze occidentali inizieranno ad ammassare armate, per attaccare i Russi.
La Guerra che scoppierà sarà mondiale e avrà come conseguenza la sconfitta dei Russi.
Seguirà un grande massacro. Le megalopoli diverranno baraccopoli.
Noi Greci non parteciperemo alla guerra mondiale.»
- «L'amministrazione della Città, da parte nostra, sarà sia militare sia civile»(!!!, 1991).
- «Tu (disse a un giovane studente del Politecnico di Xanthy), come ingegnere civile, contribuirai alla ricostruzione della Città, perché essa sarà riedificata da zero».

La Turchia sarà dissolta in maniera corretta e i Curdi e gli Armeni otterranno l'indipendenza.
I Russi domineranno la Turchia e questa scomparirà dalle mappe. Una parte dei Turchi si convertirà al cristianesimo, una sarà uccisa e un'altra si dirigerà verso la Mesopotamia.
Vi saranno guerre terribili in Medio Oriente, alle quali i Russi prenderanno parte.
Vi saranno molti morti.

I Cinesi attraverseranno il fiume Eufrate con un esercito di 200.000.000 (sic) di uomini, e avanzeranno verso Gerusalemme.
La moschea di Omar sarà distrutta e inizieranno i lavori per la ricostruzione del tempio di Salomone, che si trovava un tempo costruito in quel punto.
Vi sarà una terribile guerra tra Europei e Russi, e molti saranno uccisi.
La Grecia non s'immischierà molto in questa guerra e le sarà data Costantinopoli, dato che le parti combattenti non troveranno un'altra soluzione migliore.
Così, si accorderanno per questo motivo con la Grecia, dato che le difficili circostanze le metteranno sotto pressione.
In questo modo, senza che l'esercito greco sia entrato in azione, la Città sarà data ai Greci.

Gli Ebrei saranno aiutati dal comandante europeo e acquisteranno grande potenza.
Saranno nominati come impudenti e orgogliosi, e cercheranno di ottenere il governo dell'Europa.
Allora i due terzi degli Ebrei si faranno cristiani.

Costantinopoli non ci sarà data per bontà, ma Iddio farà sì che questi siano gli interessi dei grandi, affinché venga loro comodo che la Città sia nostra.
Inoltre prenderemo anche la Cappadocia.
Le cose si rilasseranno in Cappadocia e chiunque voglia potrà andarvi, quindi sarà come se fosse nostra.

Chi ci aiuterà saranno gli Inglesi e gli Americani.
Faranno passare i Turchi dall'altra parte e ciò avverrà per mare, che diverrà internazionale. Poi cadrà sulla Turchia il colera e avverrà una grande catastrofe, dato che moltissimi ne moriranno. Dei rimanenti Turchi, un terzo diventeranno cristiani..

La CEE è lo stato di Israele e non ha di che vivere!

I Curdi e gli Armeni faranno uno stato. Il comandante di questa guerra sarà Ebreo.
Collaborerà molto anche il Papa, poiché tutti i figli del diavolo li riterrà suoi, e suggerirà loro di seguire l'anticristo.
Per questo anche San Kosmas l'Etolo disse: «Maledite il Papa, poiché egli sarà la causa». (Il Santo intendeva questo Papa dell'epoca in questione, che aiuterà alla nomina dell'anticristo).
Gli altri Papi, rispetto a quello, sembreranno buoni.

postato da: sweda  


L'inferno esiste, il fuoco eterno esiste, il diavolo esiste.Webzine: Ci ha liberati dall'impero delle tenebre
letture: 73
22 novembre 2017 di sweda
I soldi nostri alla mafiaPolitica: Sbarchi migranti, Demoskopica: alle cosche 4,2 miliardi in tre anni
letture: 115
22 novembre 2017 di marinta
A Sofanieh un sobborgo di DamascoWebzine: Notre Dame de Sofanieh. Un miracolo per Damasco
letture: 456
19 novembre 2017 di sweda
TorturaWebzine: Ora in Italia la tortura è "quasi" reato. Un articolo di Rocco Viccione su "Lazio Sud" Una legge lacunosa, ma almeno la tortura entra nel codice penale
letture: 448
18 novembre 2017 di LGC
Il lato mistico di Papa WojtylaWebzine: La visione di Giovanni Paolo II: «L'islam invaderà l'Europa»
letture: 531
18 novembre 2017 di sweda
33 gli anni di CristoWebzine: Breve biografia di Albino Luciani (Giovanni Paolo I)
letture: 553
18 novembre 2017 di sweda
E' protestante?Webzine: Un teologo anglicano: "Il Papa non è cattolico"
letture: 610
17 novembre 2017 di sweda
Più di 300 monaci diventarono CristianiWebzine: Monaco Buddista risorge è afferma che Gesù è l'unica Verità
letture: 637
17 novembre 2017 di sweda
«Questa è l'ultima ora...»Webzine: "Amoris laetitia" è solo un granellino di sabbia rispetto alla dissacrazione
letture: 631
17 novembre 2017 di sweda
Webzine: Capo scout gay, parroco scrive, Avvenire pubblica a modo suo
letture: 695
16 novembre 2017 di sweda








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
L'inferno esiste, il fuoco eterno esiste, il diavolo esiste.
Ci ha liberati dall'impero delle tenebre
letture: 73
22 novembre 2017
A Sofanieh un sobborgo di Damasco
Notre Dame de Sofanieh. Un miracolo per Damasco
letture: 456
19 novembre 2017
Il lato mistico di Papa Wojtyla
La visione di Giovanni Paolo II: «L'islam invaderà l'Europa»
letture: 531
18 novembre 2017
33 gli anni di Cristo
Breve biografia di Albino Luciani (Giovanni Paolo I)
letture: 553
18 novembre 2017
E' protestante?
Un teologo anglicano: "Il Papa non è cattolico"
letture: 610
17 novembre 2017
Più di 300 monaci diventarono Cristiani
Monaco Buddista risorge è afferma che Gesù è l'unica Verità
letture: 637
17 novembre 2017
«Questa è l'ultima ora...»
"Amoris laetitia" è solo un granellino di sabbia rispetto alla dissacrazione
letture: 631
17 novembre 2017
Capo scout gay, parroco scrive, Avvenire pubblica a modo suo
letture: 695
16 novembre 2017
#statesereni
Si allarga il solco fra Francesco e la Chiesa d'America. Il Papa manda Parolin in missione
letture: 745
16 novembre 2017
#staisereno
Vescovi americani hanno respinto il candidato di Bergoglio
letture: 748
16 novembre 2017