Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 9448
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 4228
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 6240
dal 30/09 al 02/12 Golfo di Gaeta: Dal 30 settembre il Concorso Teatrale Deviazioni Recitative
letture: 2999
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 2277
dal 07/10 al 28/10 Latina: SINUOSITY OF ALUMINIUM, the Vanna Migliorin COMEL Award exhibition, Sixth Edition
letture: 1504
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 802
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 316
dal 19/10 al 20/10 Minturno: Visioni Corte Film Festival sbarca a Basilea per la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo
letture: 372
dal 19/10 al 21/10 Golfo di Gaeta: Il sud-pontino ha ancora sete. Non ci resta che piangere?
letture: 349
21/10 Gaeta: Sabato 21 ottobre 2017 "l'umanità intera ha bisogno di te" (1)
letture: 877
21/10 Gaeta: LAZIO IERI E OGGI: Presentazione dei fascicoli su Gaeta, Formia e Maranola, Minturno
letture: 404
29/10 Minturno: Ingresso del nuovo parroco di San Pietro don Cristoforo Adriano
letture: 263
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 801
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.508
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
venerdì
20
ottobre
S. Aurora
Compleanno di:
sex stilebalnear...
sex zinzura
nel 1989: Sono 103 i paesi che oggi sottoscrivono un documento che bandisce il commercio dell'avorio. Il provvedimento è vòlto a salvaguardare dall'estinzione gli elefanti africani.
dw

Home » News » Webzine » Politica » La Tunisia svuota le carceri e...
mercoledì 06 settembre 2017
La Tunisia svuota le carceri e ci spedisce i suoi galeotti
letture: 607
L'arrivo dei tunisini in Italia
L'arrivo dei tunisini in Italia
Politica: .

Quando entriamo nell'hotspot di Lampedusa, li troviamo raggruppati, con le gambe ciondolanti e gli sguardi persi, in attesa di un pullman che potrebbe portarli altrove, in un centro di espulsione come quasi sempre capita, o in un centro di accoglienza dove rivendicare - cosa assurda, visto che non fuggono né da guerre né da persecuzioni - lo status di rifugiati. Con un neologismo potremmo definirli «clandestunisini».
img
Sono uomini fantasma approdati a bordo di barche fantasma, in cale sulla costa sud siciliana e nelle isole Pelagie, nella speranza di restare invisibili. Da tre mesi Lampedusa, Linosa e l'Agrigentino sono meta di sbarchi di tunisini che arrivano nell'inavvertenza delle nostre pattuglie costiere e provano a disperdersi sul nostro territorio. Quasi sempre si tratta di ex galeotti, appena rimessi in libertà dal governo tunisino e lasciati nelle condizioni di imbarcarsi in direzione Italia.


Il loro arrivo coincide infatti con la liberazione di detenuti, perlopiù per reati di furto o spaccio, graziati dal presidente della Repubblica di Tunisia in occasione di due ricorrenze: la fine del Ramadan a giugno (allora in 196 sono stati scarcerati) e il 60mo anniversario della Repubblica a luglio, come conferma anche l'Ambasciata italiana a Tunisi (in quella circostanza 1.583 detenuti sono stati rimessi in circolo).


PRESSIONE POLITICA


La loro partenza per l'Italia si può ricondurre a due ragioni: la volontà della Tunisia di liberarsi di elementi pericolosi; l'intenzione di far pressione sul nostro Paese, usando i migranti-criminali come arma di ricatto, per ottenere in cambio aiuti economici. In tal modo l'Italia finisce per accogliere suo malgrado «avanzi di galera», come li definiscono gli agenti della Polizia di Stato operativi a Lampedusa. Le dimensioni del fenomeno sono impressionanti.


Negli ultimi tre mesi, stando ai dati dell' Ufficio Immigrazione della Questura di Agrigento, nelle isole di Lampedusa e Linosa sono arrivati ben 341 tunisini su un totale di 1.319 clandestini. Un'escalation improvvisa, se si tiene conto che nei primi cinque mesi dell'anno i tunisini sbarcati nelle due isole erano appena 81.


Quelli che raggiungono Lampedusa e Linosa arrivano perlopiù su barchini, guidati dagli stessi migranti, dopo traversate pagate "appena" 500 euro. Quelli che giungono sulla costa agrigentina versano cifre più consistenti, tra i 2.000 e i 3.000 euro: si fanno di solito trasportare da una nave-madre, una sorta di peschereccio, fino a poche miglia dalla costa, e da lì vengono scaricati su barche di legno con le quali, senza più la guida dello scafista, toccano terra. Il maggior costo del viaggio deriva dal fatto che, una volta sull'isola siciliana, hanno più possibilità di dileguarsi in altre parti d'Italia, facendo perdere le proprie tracce.


Queste imbarcazioni di solito faticano a essere identificate, vuoi perché sono barche di piccole dimensioni, vuoi perché le navi di primo trasporto vengono scambiate per imbarcazioni di pescatori, vuoi perché questa tratta non è ancora pattugliata a sufficienza dalla Guardia Costiera, come la rotta libica o il Canale di Sicilia. Giunti qui, in parte i migranti scompaiono nel nulla (soprattutto quelli approdati nell'Agrigentino); in parte vengono condotti negli hotspot per l'identificazione.


Al momento del nostro arrivo nel centro migranti di Lampedusa, su 93 migranti presenti ben 59 sono tunisini. In teoria dovrebbero rimanere lì solo tre giorni prima di essere identificati, spediti al Cie di Caltanissetta e rimpatriati. In realtà spesso i tempi si allungano, e i clandestini finiscono per restare anche 20 giorni nella struttura. All'interno, si fa per dire.


Grazie alle maglie larghe di una normativa che impone di tenere i migranti chiusi nell'hotspot ma allo stesso tempo di lasciarli liberi 72 ore dopo il loro arrivo, e grazie alle maglie larghe della recinzione, puntualmente forzata dai migranti per fughe nottetempo, i clandestini possono scorrazzare in libertà nell'isola. E compiere reati. Negli ultimi giorni, confermano la Polizia, una banda di tunisini ha seminato il panico in paese, compiendo furti in negozi e abitazioni. Un fruttivendolo, Nino Caprara, ha visto il suo bancone di frutta e ortaggi depredato addirittura per 15 notti consecutive. «Tra vino, acciughe e prodotti ortofrutticoli mi hanno causato un danno di 4.000 euro», commenta esasperato. Furti che fanno rabbia se si pensa che quei tunisini sono sfamati negli hotspot coi soldi di noi contribuenti...


La situazione diffusa di illegalità rende Lampedusa «un carcere a cielo aperto», per dirla con le forze dell'ordine. Ma non c'è da pensare che sull'isola e sulla costa sud della Sicilia arrivino soltanto ladruncoli. Come dimostrato dalla Procura di Palermo, che a giugno ha disposto il fermo di 15 persone, in buona parte tunisine, accusate di favoreggiamento all'immigrazione clandestina e sospettate di aver trasportato uomini legati a organizzazione jihadiste, sulle barche rischiano di arrivare anche terroristi.


NUOVA ROTTA


Se il quadro non fosse abbastanza sconfortante, c' è un ulteriore elemento da considerare.
Chiusa o perlomeno limitata la rotta libica, la Tunisia rischia di diventare il nuovo ponte per convogliare l' immigrazione proveniente anche dalle regioni subsahariane. Il porto tunisino di Zarzis dista circa 60 km dal confine libico e non è escluso che dall'autunno quella rotta inizi a diventare calda. Se non lo è già, visto l'arrivo di ex galeotti tunisini.


«Gli sbarchi fantasma di delinquenti», commenta l'eurodeputato leghista Angelo Ciocca, in visita ieri all'hotspot di Lampedusa, «sono un fenomeno che va stroncato sul nascere. Depositerò subito un atto parlamentare in Europa che faccia conoscere alla Commissione, tramite un dossier, questa nuova invasione, pretendendo immediate azioni di respingimento delle barche, e una responsabilizzazione del governo tunisino, affinché si addebiti sia i costi dell' accoglienza dei suoi cittadini che non hanno diritto di arrivare sulle nostre coste, sia i costi derivanti dai reati che essi commettono». Dopo i profughi e i migranti economici, sarebbe il calmo farsi carico anche dei criminali di altri Paesi.


Salvo voler trasformare l'Italia nello scarico fognario dove concentrare la feccia dell'umanità.
fonte: Libero   postato da: marinta  


Obbligo: iscriversi ad una CoopPolitica: L'Emilia toglie lavoro a italiani: sostituiti con 13mila immigrati
letture: 683
12 ottobre 2017 di marinta
Ettore Majorana, un mistero infinitoPolitica: Quell'energia pulita che il governo italiano insabbiò su ordine degli USA
letture: 835
09 ottobre 2017 di marinta
'NgiolinoPolitica: Tunisia, Libia, Sudan e non solo. Approvati programmi per oltre 60 milioni di euro
letture: 763
03 ottobre 2017 di marinta
Il ministro Andrea OrlandoPolitica: L'Orlando fumoso e l'Italia mafiosa
letture: 770
02 ottobre 2017 di marinta
With RussiaPolitica: Si intensifica la "Reductio ad Hitlerum" di Putin
letture: 739
02 ottobre 2017 di marinta
'NgiolìPolitica: Alfano, dall'Italia un milione di euro per emergenza in Bangladesh e Filippine
letture: 599
27 settembre 2017 di marinta
Il giornale dei vescoviPolitica: "Avvenire" chiede lo Ius Soli. E nelle parrocchie boicottano il giornale
letture: 588
21 settembre 2017 di sweda
NgiolìPolitica: Uragano Irma. 300mila euro alla Croce Rossa
letture: 855
13 settembre 2017 di marinta
Si può scegliere di essere liberiPolitica: Vaccini obbligatori, chiaritevi le idee con questo video
letture: 769
11 settembre 2017 di marinta
Alto tradimento?!Politica: Emma Bonino: "Il governo paga gli scafisti".
letture: 740
10 settembre 2017 di marinta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Un messaggio diretto all'Iran?
La prima base americana in Israele salda il rapporto tra i due alleati
letture: 348
17 ottobre 2017
Si prepara la battaglia Gog e Magog?
Trump come "Shabbos Goy" del nuovo Impero Talmudico
letture: 361
17 ottobre 2017
Obbligo: iscriversi ad una Coop
L'Emilia toglie lavoro a italiani: sostituiti con 13mila immigrati
letture: 683
12 ottobre 2017
No wc no party
Quando si spezza la spina dorsale americana?
letture: 792
11 ottobre 2017
Ettore Majorana, un mistero infinito
Quell'energia pulita che il governo italiano insabbiò su ordine degli USA
letture: 835
09 ottobre 2017
Bollette di luce e gas, si possono avere consistenti sconti.
Luce e gas, gli sconti in bolletta che (quasi) nessuno conosce (1)
letture: 795
09 ottobre 2017
.
Vogliono togliere "dopo Cristo" dai libri per "rispetto" agli scolari musulmani
letture: 872
04 ottobre 2017
'Ngiolino
Tunisia, Libia, Sudan e non solo. Approvati programmi per oltre 60 milioni di euro
letture: 763
03 ottobre 2017
Site di Katz
Lo stragista di Las Vegas "Era dell'Isis". Lo ha arruolato Rita Katz (Post-mortem)
letture: 804
02 ottobre 2017
Il ministro Andrea Orlando
L'Orlando fumoso e l'Italia mafiosa
letture: 770
02 ottobre 2017