Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 14094
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 7541
dal 04/02 al 15/03 Gaeta: Segni per Leopardi - Opere su carta di Paolo Gubinelli
letture: 3008
dal 16/02 al 18/03 Gaeta: MUSICA IN SEGNO E SEGNO IN MUSICA
letture: 1340
23/02 Gaeta: Convocazione Assembela Aido Gruppo Comunale di Gaeta
letture: 430
23/02 Gaeta: LA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA TRA SPRECHI, DISSERVIZI E FAI DA TE (1)
letture: 454
24/02 Formia: Presentazione del libro "L'affaire Maria di Magdala. L'enigma rivelato"
letture: 399
24/02 Roma: Steven Osborne a Roma
letture: 65
25/02 Itri: Festa di San Gabriele dell'Addolorata nella chiesa dei passionisti al Santuario della Civita
letture: 396
25/02 Formia: L'ACQUA È ANCORA UN DIRITTO? Riccardo Iacona, giornalista della RAI, a Formia (LT) per il 36° Convegno Bachelet
letture: 458
27/02 Gaeta: Cilindri & Papillon
letture: 1507
27/02 Gaeta: "Cilindri e Papillon"
letture: 160
dal 28/02 al 21/03 Gaeta: Parrocchia S.Stefano Gaeta LA BIBBIA INCONTRA
letture: 570
03/03 Formia: L'Utopia come pratica : alla scoperta di ecovillaggi e comunità
letture: 186
04/04 Gaeta: Gregor. Liberamente tratto dalle "Metamorfosi" di F. Kafka
letture: 344
dal 14/04 al 15/04 Fondi: Masterclass con Massimo Lopez e Monica Ward: arrivano a Fondi i doppiatori dei Simpson
letture: 1147
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.529
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
22
febbraio
S. Margherita da Cortona
Compleanno di:
sex arenauta
sex ilcastigator...
nel 1965: Alle Bahamas iniziano le riprese di "Help!": il secondo film dei Beatles.
dw

Home » News » Webzine » Perché le ideologie politiche ...
martedì 08 agosto 2017
Perché le ideologie politiche e le confessioni religiose ci rovinano la vita.
L'analisi del dr Antonio Giangrande. Scrittore, sociologo storico, giurista, blogger, youtuber, presidente dell'Associazione Contro Tutte le Mafie ONLUS.
letture: 559
Webzine: La legalità è un comportamento conforme alla legge. Legalità e legge sono facce della stessa medaglia.
Nei regimi liberali l'azione normativa per intervento statale, per regolare i rapporti tra Stato e cittadino ed i rapporti tra cittadini, è limitata. Si lascia spazio all'evolvere naturale delle cose. La devianza è un'eccezione, solo se dannosa per l'equilibrio sociale.
Nei regimi socialisti/comunisti/populisti l'intervento statale è inflazionato da miriadi di leggi, oscure e sconosciute, che regolano ogni minimo aspetto della vita dell'individuo, che non è più singolo, ma è massa. Il cittadino diventa numero di pratica amministrativa, di cartella medica, di fascicolo giudiziario. Laddove tutti si sentono onesti ed occupano i posti che stanno dalla parte della ragione, c'è sempre quello che si sente più onesto degli altri, e ne limita gli spazi. In nome di una presunta ragion di Stato si erogano miriadi di norme sanzionatrici limitatrici di libertà, spesso contrastati, tra loro e tra le loro interpretazioni giurisprudenziali. Nel coacervo marasma normativo è impossibile conformarsi, per ignoranza o per necessità. Ne è eccezione l'indole.
Addirittura il legislatore è esso medesimo abusivo e dichiarato illegittimo dalla stessa Corte Costituzionale, ritenuto deviante dalla suprema Carta. Le leggi partorite da un Parlamento illegale, anch'esse illegali, producono legalità sanzionatoria. Gli operatori del diritto manifestano pillole di competenza e perizia pur essendo essi stessi cooptati con concorsi pubblici truccati. In questo modo aumentano i devianti e si è in pochi ad essere onesti, fino alla assoluta estinzione. In un mondo di totale illegalità, quindi, vi è assoluta impunità, salvo l'eccezione del capro espiatorio, che ne conferma la regola. Ergo: quando tutto è illegale, è come se tutto fosse legale.
L'Eccesso di zelo e di criminalizzazione crea un'accozzaglia di organi di controllo, con abuso di burocrazia, il cui rimedio indotto per sveltirne l'iter è la corruzione.
Ergo: criminalizzazione = burocratizzazione = tassazione-corruzione.
Allora, si può dire che è meglio il laissez-faire (il lasciare fare dalla natura delle cose e dell'animo umano) che essere presi per il culo e ...ammanettati per i polsi ed espropriati dai propri beni da un manipolo di criminali demagoghi ed ignoranti con un'insana sete di potere.
Prima della rivoluzione francese "L'Ancien Régime" imponeva: ruba ai poveri per dare ai ricchi.
Erano dei Ladri!!!
Dopo, con l'avvento dei moti rivoluzionari del proletariato e la formazione ideologica/confessionale dei movimenti di sinistra e le formazioni settarie scissioniste del comunismo e del fascismo, si impose il regime contemporaneo dello stato sociale o anche detto stato assistenziale (dall'inglese welfare state). Lo stato sociale è una caratteristica dei moderni stati di diritto che si fondano sul presupposto e inesistente principio di uguaglianza, in quanto possiamo avere uguali diritti, ma non possiamo essere ritenuti tutti uguali: c'è il genio e l'incapace, c'è lo stakanovista e lo scansafatiche, l'onesto ed il deviante. Il capitale di per sé produce reddito, anche senza il fattore lavoro. Lavoro e capitale messi insieme, producono ricchezza per entrambi. Il lavoro senza capitale non produce ricchezza. Il ritenere tutti uguali è il fondamento di quasi tutte le Costituzioni figlie dell'influenza della rivoluzione francese: Libertà, Uguaglianza, Solidarietà. Senza questi principi ogni stato moderno non sarebbe possibile chiamarlo tale. Questi Stati non amano la meritocrazia, né meritevoli sono i loro organi istituzionali e burocratici. Il tutto si baratta con elezioni irregolari ed a larga astensione e con concorsi pubblici truccati di cooptazione. In questa specie di democrazia vige la tirannia delle minoranze. L'egualitarismo è una truffa. E' un principio velleitario detto alla "Robin Hood", ossia: ruba ai ricchi per dare ai poveri.
Sono dei ladri!!!
Tra l'antico regime e l'odierno sistema quale è la differenza?
Sempre di ladri si tratta. Anzi oggi è peggio. I criminali, oggi come allora, saranno coloro che sempre si arricchiranno sui beoti che li acclamano, ma oggi, per giunta, ti fanno intendere di fare gli interessi dei più deboli.
Non diritto al lavoro, che, come la manna, non cade dal cielo, ma diritto a creare lavoro. Diritto del subordinato a diventare titolare. Ma questo principio di libertà rende la gente libera nel produrre lavoro e ad accumulare capitale. La "Libertà" non è statuita nell'articolo 1 della nostra Costituzione catto comunista. Costituzioni che osannano il lavoro, senza crearne, ma foraggiano il capitale con i soldi dei lavoratori.
Le confessioni comuniste/fasciste e clericali ti insegnano: chiedi e ti sarà dato e comunque, subisci e taci!
Io non voglio chiedere niente a nessuno, specie ai ladri criminali e menzogneri, perché chi chiede si assoggetta e si schiavizza nella gratitudine e nella riconoscenza.
Una vita senza libertà è una vita di merda...

A cura del dr Antonio Giangrande. Scrittore, sociologo storico, giurista, blogger, youtuber, presidente dell'Associazione Contro Tutte le Mafie ONLUS. 099.9708396 - 328.9163996
Leggi i libri e le inchieste su www.controtuttelemafie.it
Promuovi il tuo territorio su www.telewebitalia.eu
Vedi i video ed iscriviti sui canali youtube: Antonio Giangrande - Associazione Contro Tutte le Mafie - Malagiustizia - Telewebitalia
Scegli i libri di Antonio Giangrande su Amazon.it o su Lulu.com o su CreateSpace.com o su Google Libri
Antonio Giangrande è sui Social Network

postato da: CONTROMAFIE  


M.MMusica e dintorni: Illuminiamoci di Mjriam! Ogni mercoledì!
letture: 1021
22 gennaio 2018 di fabcol
Politica: Se questa è democrazia... I nostri politici sono solo mediocri amministratori improvvisati assetati di un potere immeritato.
letture: 1102
21 gennaio 2018 di CONTROMAFIE
Giorgio La PiraPolitica: Cattolici e politica Amate la vostra città e il vostro Paese come parte integrante della vostra personalità
letture: 1370
21 gennaio 2018 di marcellino
 Webzine: Come si truccano le aste giudiziarie Come si truccano le aste giudiziarie, o i procedimenti dei sequestri/confische antimafia o i procedimenti concorsuali o esecutivi.
letture: 1207
17 gennaio 2018 di CONTROMAFIE
Treni regionali nel 2017 91,9% puntuali e 98,4% regolariViaggi e Turismo: Treni regionali, bilancio più che positivo
letture: 1196
15 gennaio 2018 di simonilla
M.MMusica e dintorni: Un' altra bella puntata di... Illuminiamoci di musica, mercoledì!
letture: 1263
08 gennaio 2018 di fabcol
 Webzine: "La gente non legge, non sa, ma sceglie, decide e parla". Intervista al sociologo storico Antonio Giangrande.
letture: 1079
08 gennaio 2018 di CONTROMAFIE
Mjriam Masciandaro versione nataliziaMusica e dintorni: Dopo il Natale... "Illuminiamoci di musica con la befana!
letture: 1243
31 dicembre 2017 di fabcol
Lina Sanniti e il suo libroRecensioni: Ecco le poesie di Lina Sanniti Recensione di Max Condreas
letture: 1549
29 dicembre 2017 di Sandra Cervone
Un genocidio silenziosoWebzine: The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno
letture: 1451
16 dicembre 2017 di sweda








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Se questa è democrazia...
letture: 1102
21 gennaio 2018
Come si truccano le aste giudiziarie
letture: 1207
17 gennaio 2018
"La gente non legge, non sa, ma sceglie, decide e parla".
letture: 1079
08 gennaio 2018
Se questa è antimafia...
letture: 783
08 novembre 2017
Cane non mangia cane.
letture: 750
18 ottobre 2017
LA BALLA DELLA SPEREQUAZIONE FINANZIARIA DELLE REGIONI DEL NORD A FAVORE DI QUELLE DEL SUD.
letture: 960
02 ottobre 2017
Lettera al Direttore. Se questa è antimafia...di Antonio Giangrande*
letture: 981
12 settembre 2017
Perché le ideologie politiche e le confessioni religiose ci rovinano la vita.
letture: 560
08 agosto 2017
Cultura e cittadinanza attiva. Diamo voce alla piccola editoria indipendente.
letture: 848
31 maggio 2017
Antimafia Connection.
letture: 711
22 maggio 2017