Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 01/07 al 30/09 Gaeta: FORME, MATERIE E COLORI
letture: 13326
dal 04/09 al 03/10 Gaeta: Sono aperte le iscrizioni per il laboratorio teatrale
letture: 2162
dal 14/09 al 20/12 Golfo di Gaeta: Circolo fotografico-culturale "l'altro sguardo"
letture: 2332
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.548
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
25
settembre
S. Nicolao de Flue
Compleanno di:
sex agians
sex alpino
sex benedetta
sex dimilleagost...
sex modosadi
sex robertaspine...
nel 1493: Cristoforo Colombo salpa dalla Spagna con 17 navi, per il suo secondo viaggio a Ovest.
nel 1998: Viene presentato un farmaco in grado di battere il virus dell'influenza, si chiama "GS4104".
nel 1998: Andrea Gaudenzi batte Gambili 6-2, 0-6, 7-6, 7-6 e dà all'Italia il primo punto nella semifinale di Coppa Davis negli USA. Gli Azzurri si imporranno 3-0 e sfideranno la Svezia in finale.
dw

Home » News » Latina » Gaeta » "2017 Incontri con l'Arte al ...
martedì 11 luglio 2017
"2017 Incontri con l'Arte al 31 di Via Annunziata - Gaeta"
Inaugurazione 29 luglio - ore 19.00 A.R.D.D. Via Annunziata, 31 Gaeta
letture: 6531
Data evento: sabato 29 lug 2017 a domenica 03 set 2017
programma
programma
Gaeta: Il Centro d'Arte e Spettacolo Polivalente "La Ribalta" e l'A.R.D.D. Associazione Ricreativa Dipendenti Difesa, nell'ambito del programma e delle attività socio culturali dell'anno 2017 comunicano che presso la sede di Via Annunziata 31 - Gaeta si terrà dal 29 luglio al 3 settembre una serie di manifestazioni artistiche denominata "2017 Incontri con l'Arte al 31 di Via Annunziata".
Ottima la collaborazione tra le due Associazioni che hanno da subito condiviso l'idea di realizzare la manifestazione che come possiamo vedere dal programma prevede tre interessantissime mostre.
Apre la manifestazione "Senza Titolo", l'arte di Dino Bartolomeo.
A seguire "Immagini e Trasparenze", Tony Caforio con i suoi acquerelli e Ernesto Esposito con le sue fotografie.
Una nota a parte merita l'evento conclusivo "il Cantiere della Creatività": a esporre le proprie opere, infatti, sono gli allievi (40 tra giovani e adulti) che hanno frequentato i corsi d'arte da gennaio a maggio 2017 che si tengono presso il Centro Polivalente La Ribalta già dal 2003.
Dino Bartolomeo ricorda i suoi cinquant'anni di attività artistica, infatti, la sua prima personale risale al maggio 1967 non ancora ventenne presso la Galleria d'Arte moderna
Dino Bartolomeo ricorda i suoi cinquant'anni di attività artistica, infatti, la sua prima personale risale al maggio 1967 non ancora ventenne presso la Galleria d'Arte moderna "Gaeta" in Via Annunziata diretta da Peppino Liguori.
Dino Bartolomeo: l'arte nel proprio destino

Si dice: il destino di ogni uomo è scritto da qualche parte, quindi è ineluttabile e non ci può sottrarre. Si dice anche il contrario: ognuno è artefice del proprio destino. E ancora: Genetica, famiglia e ambiente influenzano il destino di ognuno di noi. Non so dove sia la verità.
Di sicuro so che quello di Dino Bartolomeo non poteva essere diverso da quello di essere un artista a tutto tondo.

Dino, nasce nel 1947 da Giovanni, nipote del grande maestro Saturno Bartolomei, il capostipite della generazione dei pittori gaetani del '900.
La sua famiglia abita in via Re Ladislao. La stessa strada - a quel tempo popolatissima -di due grandi artisti gaetani, il pittore Mario Lieto e il chitarrista Mario Esposito.
Si accorse di avere un "orientamento all'arte" fin da bambino. Non andava ancora a scuola, ma era affascinato dall'aria di casa sua: impregnata da quell'inconfondibile odore di matite, penne, inchiostri, squadre, righe e gomme d'ogni tipo, materiale che adoperava il fratello Enzo, abile disegnatore. Quando Enzo era all'opera, Dino ne era conquistato: restava per ore silenzioso,in ginocchio sulla sedia, a guardarlo schizzare vicoli e vedute di Gaeta, che il fratello amava regalare subito dopo ad amici e parenti.
Ma in casa c'era anche aria di musica e di teatro. Papà Giovanni, ottimo chitarrista classico, aveva la passione per la musica, puntualmente trasmessa a tutti figli. Enzo, oltre ad essere un valente designer era, ed è ancora, in terra toscana dove vive, un bravo attore, scenografo e regista teatrale. Dal padre e dal fratello arrivano quindi i primi input per il giovane Dino.

Alle Elementari ha la ventura di avere come insegnante Mimino Nardella, bravo maestro e già noto pittore molto apprezzato nel territorio. Un insegnante avanti col tempo, giovane, moderno, ottimo educatore. In classe si studiava e si imparava in una atmosfera fatta d'arte e musica. Con la sua fisarmonica, infatti, accompagnava i canti degli allievi. Quando le giornate lo permettevano, amava portare gli scolari all'aria aperta, nei luoghi adiacenti alla scuola: la Principe Amedeo a quel tempo situata nel Palazzo S. Giacomo (oggi Pinacoteca Comunale Giovanni da Gaeta), per eseguire il "disegno dal vero". A quei tempi (secondo quinquennio degli anni '50), non tutti i maestri erano disposti a portare gli alunni fuori dalle mura scolastiche per una passeggiata o addirittura per "dipingere". Il maestro Nardella si.
Era facile nelle belle giornate di sole vedere i bambini del maestro Nardella distribuiti lungo via De Lieto, addossati al muretto, con i loro piccoli album, colori, matite e gomma intenti a disegnare scorci di quel magnifico paesaggio.
Sempre a proposito di Maestri.
Quello che per tutti era "il Maestro", per il giovane Dino, invece, era solo e semplicemente "Zì' Saturno". Saturno Bartolomei fratello maggiore di nonno Vincenzo, che dopo la morte di quest'ultimo, avvenuta durante la Grande Guerra, diventa il punto di riferimento per i figli di Vincenzo rimasti orfani in tenera età, tra cui il padre di Dino, Giovanni.
Di tanto in tanto il giovane Dino saliva al primo piano del palazzo Gioia in Piazza Traniello, dove abitava il maestro Saturno Bartolomei.
Dalle finestre del grande salone del suo studio si poteva ammirare il panorama meraviglioso del golfo di Gaeta. Quel mare e quelle coste da lui spesso dipinte. Nella grande stanza numerosissimi grandi quadri sparsi un po' ovunque e una grossa cassapanca, adagiata ad una parete, al cui interno c'erano rotoli di carta, cartoncini d'ogni genere, bozzetti e macchie d'inchiostro.
Su quella cassapanca Dino sedeva e guardava lo zio maestro dipingere in una sorta di silenziosità obbligata avvolto da una emozione indefinibile, misteriosa: in quei momenti forse avveniva un sorta di trasferimento...
Il grande Saturno morì nel 1965. Anno questo che vede Dino frequentare un corso biennale di grafica editoriale, dove incontra un altro pittore anch'egli già noto sul territorio ed ottimo organizzatore di eventi artistici, Memo Favi. Fu proprio lui ad incoraggiare il nostro a partecipare ad una "mostra estemporanea" che si teneva ogni anno nel mese di giugno nel caratteristico porticato della Gran Guardia in Gaeta, allora Circolo Ufficiali.
Era la primissima volta che un suo quadro veniva esposto al pubblico e sottoposto ad una giuria. Fu una specie d'esame. Nascosto dietro una colonna, Dino ascoltava i commenti dei visitatori. A tutti piacque quella tela - comprata con qualche piccolo risparmio - raffigurante la stradina natale: via Ladislao, la via degli artisti.
Ma questo tipo di manifestazione d'arte, come altre, andavano man mano finendo.
Per fortuna nello stesso periodo apriva i battenti in via Annunziata la "Galleria d'Arte Moderna - Gaeta" diretta da Peppino Liguori. Una novità assoluta nel campo artistico locale, in particolare per l'arte moderna. Una galleria in contatto con diverse gallerie italiane ed estere. Fu un grande successo tanto che dopo pochissimo tempo aumentò gli spazi espositivi trasferendosi in un angolo caratteristico di Gaeta Medievale, Piazzetta del Leone. Quando Dino entra nel gruppo di artisti della Galleria aveva appena venti anni. Fu amore a prima vista: la Galleria dava molto spazio ai giovani artisti emergenti anche se con una legittima selezione. Un vero e importante punto di incontro, artisti, musicisti, attori, scrittori, poeti. Tra i tanti anche due carissimi amici di Dino Bartolomeo: Eufrasio Burzi e Claudio Lavorino.
Per Dino fu l'inizio di un impegno artistico totale. Prime mostre personali e mostre collettive al fianco di nomi prestigiosi dell'arte moderna, Alviani, Fontana, Persico, Sparaco, Hirscher, Cena, Jasuda, Baldzus, Willickens, Kodra, Bottger, Shiao-Chin, ed inoltre gli artisti e compagni di molte avventure come Saba, Naniky, Stienne, Sperduto, Di Chiappari.

Ecco comincia così, 50 anni fa il Cammino artistico di Dino Bartolomeo. Un cammino quasi sempre in ascesa, fatto di una continua assidua ricerca di forme artistiche nuove e diverse, con il costante e forte bisogno di "comunicare" attraverso le sue varie attività artistiche, che spaziano dalla pittura, alla scultura, al teatro (attore, autore, regista), alla musica, alla poesia, ed altro ancora.
A noi non resta da aggiungere il sincero auspicio di "camminare" ancora molto.

F. Schiano

di: Centro La Ribalta


Gaeta: P.P.I. (Punto di Primo Intervento) ULTIMO ATTO
letture: 552
20 settembre 2018 di SEL Gaeta
don antonio cairoGaeta: Quando a insultare era don Antonio Cairo Dov'era la solidarietà dei vertici della Chiesa locale durante gli anni di aggressioni del parroco di San Nilo a chiunque osasse criticarlo? (1)
letture: 3192
20 settembre 2018 di mn
don antonio cairoGaeta: Le minacce a don Antonio Cairo, solidarietà e qualche dubbio Minacce al parroco per le spese sulla festa di San Nilo. E l'arcivescovo Vari stavolta scende in campo per difenderlo.
letture: 2173
19 settembre 2018 di mn
Simbolo giornata internazionale della paceGaeta: Giornata mondiale della pace INDETTA DALL'ONU
letture: 776
19 settembre 2018 di marcellino
PARTITO COMUNISTAGaeta: Rapporto sulle condizioni del lavoro stagionale 2018
letture: 779
18 settembre 2018 di Benedetto Crocco
teatro Ariston GaetaGaeta: Novità in arrivo per il Centro Polivalente d'Arte e Spettacolo La Ribalta di Gaeta Entusiasmo Creatività Passione (2)
letture: 1183
15 settembre 2018 di Centro La Ribalta
Gaeta: Che futuro per Gaeta dopo Mitrano, cosa resterà oltre a dossi e macerie ? La Città non appartiene a chi la governa (4)
letture: 3745
14 settembre 2018 di mafariello
PARTITO COMUNISTA,Gaeta: Assemblea pubblica sul tema del lavoro stagionale Verranno divulgati i dati dell'inchiesta sulle condizioni del lavoro stagionale (1)
letture: 1368
11 settembre 2018 di Benedetto Crocco
catalogoGaeta: Tutto in nome dell'arte e della cultura. Quando un Grande Artista finisce nella monnezza. Dall' articolo pubblicato su questo sito il 18 dicembre 2011 Fonte: Latina Oggi - postato da: mn
letture: 1445
09 settembre 2018 di ludwig
Gaeta: a gaeta sit na tiella e purp quando in un paese non c e sviluppo
letture: 1429
04 settembre 2018 di brillant








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
teatro Ariston Gaeta
Novità in arrivo per il Centro Polivalente d'Arte e Spettacolo La Ribalta di Gaeta (2)
letture: 1183
15 settembre 2018
Peppino De Filippo
Al Teatro Ariston di Gaeta rivive Peppino De Filippo
letture: 2686
20 giugno 2018
E' una "Opera seMiseria" ... (4)
letture: 6700
05 maggio 2018
-
A Gaeta per l'Arte e la Cultura (2)
letture: 1749
21 febbraio 2018
La locandina di Tony Caforio
ARTE IN VIA ANNUNZIATA 31 a GAETA "2017 Incontri con L'Arte"
letture: 1626
22 agosto 2017
programma
"2017 Incontri con l'Arte al 31 di Via Annunziata - Gaeta" (1)
letture: 6532
11 luglio 2017
ragazzi al lavoro
LA RIBALTA: "Il senso della misura artistica" (3)
letture: 1064
06 giugno 2017
arte
Arte e Teatro a La Ribalta di Gaeta (3)
letture: 1239
26 gennaio 2017
Auguri
47 anni ... ma non li dimostra! Buone feste dal Centro d'Arte e Spettacolo Polivalente LA RIBALTA (4)
letture: 1339
21 dicembre 2016
.
Entusiasmo e creatività alla ribalta (5)
letture: 1243
16 febbraio 2016


Commenti: 1

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2018 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it