Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 10173
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 3667
dal 07/12 al 17/02 Formia: Il Dio dimenticato
letture: 4894
24/01 Itri: Aggiornamento per le forze di polizia ad Itri
letture: 789
25/01 Minturno: Sit-in a Minturno per ricordare Giulio Regeni
letture: 161
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.522
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
17
gennaio
S. Antonio ab.
Compleanno di:
sex claus
sex CRISALE
sex LaVoceInterp...
sex SPED85
nel 1800: Il decreto consolare di Napoleone abolisce in Francia la libertà di stampa, e riduce da 79 a 13 il numero dei giornali.
nel 1929: Nasce la striscia a fumetti di "Braccio di Ferro". In Texas gli è stato dedicato un monumento.
dw

Home » News » Latina » Golfo di Gaeta » VERITA' e DATI SUI DISSALATORI...
domenica 09 luglio 2017
VERITA' e DATI SUI DISSALATORI. IL BUSINESS ACQUA...forse non tutti sanno che...
Appello rivolto ai Sindaci del Golfo e ai consiglieri comunali di Formia: leggete prima di decidere VERITA' e DATI SUI DISSALATORI
letture: 1495
Golfo di Gaeta: In molte aree del mondo il problema idrico viene affrontato con la messa in opera di sistemi di dissalazione di acque marine. I principali fruitori di acqua dissalata sono gli Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita e il Kuwait. Si tratta di aree aride dove la domanda di acqua potabile è sempre stata superiore all'effettiva disponibilità e dove la progettazione e la messa in opera di dissalatori è una giustificata risposta ad un territorio in cui le risorse idriche o scarseggiano o sono totalmente assenti.
La desertificazione è però cosa ben diversa dal nostro territorio, il sud Pontino ed in particolare l'area tra il comune di Formia e i comuni di Spigno Saturnia, Minturno e Castelforte.
Siamo ricchi di sorgenti sia ad alta che a bassa permeabilità, di portata variabile, ma nella maggior parte dei casi, a portata perenne (tutto l'anno), con una elevata qualità delle acque e distribuite su ampi bacini idrografici (Convegno sulla Biodiversità dei Monti Aurunci. Relazione del prof. M. TALLINI Dip. di Ingegneria delle Strutture, delle Acque e del Terreno, Università dell'Aquila). L'area degli Aurunci è un'area carsica emblematica dell'area mediterranea, caratterizzata da sorgenti di notevole pregio, molte localizzate in quota, altre a bassa quota, tante sorgenti minori come la sorgente Frangione, Lampillo, Fontana di Canale, Acquaviva, La Peschiera, La Fonte, Traversa, Farano, Fontanelle e Fontana di Palombara di Castellonorato, Fontana dei Pilori, Fontana Santa Maria e diverse sorgenti maggiori come Mazzoccolo e Capodacqua, quest'ultima sfruttata e potenziata dai Romani, ha un regime di portata da un minimo di 200 l/s ad un massimo di 1000 l/s. Insomma in quest'area del Mediterraneo non si hanno le condizioni ambientali per motivare alcuna messa in opera di 4 dissalatori nel Golfo di Gaeta.
Tale soluzione, considerati i tempi di installazione e avviamento, non è giammai da considerarsi idonea per affrontare un'emergenza, di una crisi idrica che chiede a gran voce, un piano pronto e di immediata attuazione.
Senza dimenticare o anzi pretendendo l'intervento che Acqualatina deve fare sulla manutenzione ordinaria e straordinaria dell'intera rete idrica, l'unica soluzione immediata resta l'utilizzo di navi cisterna militari per aiutare immediatamente la popolazione del sud pontino ad affrontare questo periodo che si protrarrà fino a Settembre, dove oltre alle alte temperature, aumenterà anche la popolazione residente, che verrà a trascorrere le proprie vacanze. Le navi militari non solo garantirebbero l'approvvigionamento idrico, ma non consentirebbero ad altri enti privati come AcquaCampania di fare business su una situazione di totale emergenza. Eppure in questi giorni, alcuni dei sindaci del sud pontino, continuano a tentennare se e come prendere in considerazione l'installazione dei dissalatori.
Analizzando gli effetti negativi di un tale investimento si evidenzia uno scarico diretto nel mare di concentrato salino (la ormai famosa salamoia) e di agenti chimici accumulati durante le fasi di pretrattamento e di lavaggio delle membrane che caratterizzano il dissalatore, risultando dannoso per fauna e flora marina. Producendo ciascuno 15 l/secondo, in un giorno produrrebbero insieme 5.000 m.cubi e in un anno (facendoli funzionare sempre!) produrrebbero 1.900.000 m.cubi. Questi divisi per i circa 100.000 abitanti dei comuni interessati (Formia, Gaeta, Minturno, Itri, Castelforte e Santi Cosma e Damiano) fornirebbero ad ogni cittadino non più di 50 litri al giorno. L'attuale situazione delle dispersioni ridurrebbe poi questa quantità a 20 litri. La domanda è spontanea: possibile che per garantire una quantità così minima si debba aggiungere altro inquinamento marino nel Golfo?
Sarebbe l'abdicazione a quel bisogno di risanamento da sempre sbandierata come prospettiva di qualità della vita. L'avvio dei dissalatori, oltre ad essere poco credibile un immediato utilizzo (inizi di Agosto?) sarebbe inoltre un freno verso la soluzione da tutti riconosciuta come unica e sostenibile, cioè la ristrutturazione delle condotte esistenti, con il rischio tutto italiano di rendere strutturale l'emergenza. Al termine della ristrutturazione auspicata invece, le navi tornerebbero ai loro porti di origine ed il golfo rimarrebbe con intatte le sue prospettive di rinascita.
Con buona pace di Veolia (socio privato di Acqualatina), la quale producendo ed installando dissalatori, potrebbe trasformarci in una occasione di mercato come qualsiasi area desertica del mondo.

-------

IL BUSINESS ACQUA...forse non tutti sanno che...

"L'acqua del Mediterraneo vale 2 miliardi di dollari" così scriveva il Sole 24Ore l'11 Agosto 2009 in prima pagina. Ad oggi si stima che il mercato mondiale del dissalamento dell'acqua si aggiri intorno ai 20 miliardi di dollari. Chi fa da padrone in questo enorme business sono: la Fisia Italimpianti di Genova, che copre circa il 20% del mercato, la sudcoreana Doosan, la società araba Suez Environment e la francese VEOLIA. Quest'ultima la stessa multinazionale che possiede il 49% di Acqualatina e fa dire al suo Amministratore Delegato, Besson dopo aver appurato l'ulteriore abbassamento della centrale di Capodacqua a Spigno Saturnia: " occorre procedere senza indugio verso le soluzioni da noi proposte da tempo. In primis i dissalatori". Veolia è una delle aziende leader per la messa in opera dei dissalatori di nuova generazione, che sono più piccoli e quindi meno dispendiosi in termini di capitale iniziale, ma il costo di gestione è molto più alto rispetto agli impianti tradizionali più grandi. E sta proprio lì il grande business: NELLA GESTIONE DURANTE IL LORO FUNZIONAMENTO.
Se si va sulla pagina ufficiale di Veolia, si scopre che c'è un grande ramo dell'azienda "Veolia Water Technologies" che si occupa dello sviluppo in progettazione e messa in opera di dissalatori di nuova generazione e che ha permesso all'azienda francese di garantirsi nel 2014 di guadagnare 320 milioni di euro per una parte della costruzione di uno dei più grande dissalatori del mondo a Kuwait City. E' possibile che un'azienda di tale prestigio in nuove tecnologie non riesca a mettere in sicurezza la nostra rete idrica? E' possibile che invece di investire nella riduzione capillare delle perdite d'acqua si voglia investire nella costruzione di dissalatori, portando acqua dal mare in un area, quale quella Aurunca e dei Lepini, così ricca d'acqua? E' possibile che il 51% di AcquaLatina, ossia la parte pubblica, non riesca a spuntarla sul 49%, che ormai chiaro e cristallino che voglia SOLO fare business con l'acqua e inglobare i circa 700mila cittadini dell'ATO4 nel mezzo miliardo di persone nel mondo i cui approvvigionamenti idrici dipendono dai dissalatori e da chi li gestisce?

Paola Villa

di: TF Press


Golfo di Gaeta: "Dal Formianum Sinus all'attuale linea di costa verso un nuovo waterfront che dia sviluppo alla città"
letture: 617
11 gennaio 2018 di TeleUniverso
Golfo di Gaeta: 19 milioni di mc. di acqua pompata in rete si disperdono nel sottosuolo
letture: 899
10 gennaio 2018 di TF Press
L'ingresso della sede LILT di GaetaGolfo di Gaeta: Lilt Sudpontino e le attività del 2018 Parla il responsabile della sede di Gaeta Rosario Cienzo
letture: 1549
30 dicembre 2017 di Sandra Cervone
Golfo di Gaeta: "Focus" sulle attività umanitarie ed assistenziali svolte dalla delegazione del sud-pontino della Croce Rossa stasera a "Vista sul Golfo"
letture: 1479
28 dicembre 2017 di TeleUniverso
Golfo di Gaeta: Golfo di Gaeta: un popolo di santi, poeti, navigatori e......giocatori. (1)
letture: 1750
27 dicembre 2017 di TF Press
Golfo di Gaeta: Tante le iniziative per il Natale 2017 in tutta l'arcidiocesi. Mons. Vari: "Ridare sostanza alle parole, agli impegni ed ai sogni"
letture: 2005
24 dicembre 2017 di TF Press
Golfo di Gaeta: Il percorso culturale da compiere e ultimare è ancora tanto e lungo
letture: 1911
21 dicembre 2017 di TeleUniverso
Golfo di Gaeta: "Zes", zone economiche speciali in onda su "Vista sul Golfo"
letture: 1165
14 dicembre 2017 di TeleUniverso
Golfo di Gaeta: "Sì... comunque vada!" spettacolo teatrale di tipo brillante/comico
letture: 2348
11 dicembre 2017 di teatrarte
Golfo di Gaeta: Minturno non vuole più considerarsi il comune più meridionale della provincia di Latina e tantomeno della Regione Lazio
letture: 1026
07 dicembre 2017 di TeleUniverso








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
19 milioni di mc. di acqua pompata in rete si disperdono nel sottosuolo
letture: 899
10 gennaio 2018
Aggiornamento per le forze di polizia ad Itri
letture: 789
10 gennaio 2018
I deludenti primi atti del Commissario Prefettizio
letture: 1189
07 gennaio 2018
Auguri di fine anno con i fratelli cattolici dell'Africa ed altri Continenti (1)
letture: 1381
29 dicembre 2017
Legalità e corruzione al centro della nostra azione politica (7)
letture: 1592
29 dicembre 2017
Golfo di Gaeta: un popolo di santi, poeti, navigatori e......giocatori. (1)
letture: 1750
27 dicembre 2017
Tante le iniziative per il Natale 2017 in tutta l'arcidiocesi. Mons. Vari: "Ridare sostanza alle parole, agli impegni ed ai sogni"
letture: 2005
24 dicembre 2017
'Da Emozioni alla RCA', a Sperlonga il concerto di Natale è firmato dai più grandi cantautori italiani
letture: 1894
24 dicembre 2017
Il 27 dicembre speciale "Presepe Quotidiano Vivente
letture: 2320
22 dicembre 2017
Incontri con l'autore: LEONE D'AMBROSIO E LA QUIZÀS BAND
letture: 1949
22 dicembre 2017