Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 10464
dal 01/05 al 31/05 Golfo di Gaeta: Il Maggio dei Libri
letture: 3556
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 1516
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.622
visitatori:94
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
04
giugno
S. Ottavio V.
Compleanno di:
sex 0cirne
sex Andrea90
sex antonio1943
sex atlas
sex ayrline
sex QuellaSporca...
sex raffix
sex robertina
sex Sghi
sex valter1230
sex windmillas
nel 1984: Per la prima volta viene clonato con successo il DNA di animali morti.
nel 1987: Edwin Moses viene sconfitto da Denny Harris. Termina così,dopo 10 anni e 122 vittorie consecutive,la tirannia dell'americano nei 400 ostacoli.
dw

Home » News » Latina » Minturno » MARTA & IO La stessa drammati...
martedì 20 giugno 2017
MARTA & IO La stessa drammatica storia
Lettera di un nonno ad una bimba già nata e ad un bimbo che sta(va) per nascere. Lettera ad una bimba già nata da tempo e ad un bimbo anch'esso venuto alla luce.
letture: 1892
Marta & Io
Marta & Io
Minturno: La sua presenza - "Papà" disse a suo tempo mia figlia "non ho alcuna intenzione di allontanarmi dal mio paese natale perché se è pur vero che voglio realizzarmi come ingegnere edile ed architetto desidero, soprattutto, diventare mamma" - ha, ovviamente, riempito e riempie più di una casa: l'una quella che per noi nonni è ormai troppo grande, l'altra quella dei suoi genitori ed infine quelle di tua nonna materna e di tua zia Lucia cui non mancano, rispettivamente, nipoti e prole. Anzi.
Capitolo II
Ed eccoci direttamente a noi piccola. Correvano i primi giorni di dicembre dell'anno di grazia 2009 quando tua madre e tuo padre invitarono me, tua nonna e quella che chiami, affettuosamente, zia Lalla a pranzo dalla tua nonna paterna.
Ci invitarono e ci tennero a precisare che avrebbero partecipato all'inatteso convito anche quelli che sono i tuoi zii sempre per parte di padre. Qualcosa bolliva in pentola, non era difficile intuirlo, ed io, per una volta ottimista, osai sperare che il tuo futuro padre dovesse farci partecipi di aver centrato almeno un cinque più uno al Superenalotto e, più razionalmente, che tua madre avesse deciso di abbandonare questi luoghi per dare sfogo, professionalmente, alla sua intelligenza ed alla sue più che evidenti capacità.
E sì che suo marito, tuo padre, l'aveva più volte sollecitata a farlo ché non aveva alcuna remora nel lasciarla "volare". Era quest'ultima la lieta novella, per orgoglio di genitore, di cui mi auguravo di essere messo al corrente.
Non darmi dell'egoista ma mi sembrava troppo presto per sperare in un nipotino o nipotina che fosse.
La madre di tuo padre, bambina mia, dette il meglio di sé nella preparazione delle varie portate - ricordo in particolar modo dei piccoli maccheroni, gli scialatielli, fatti a mano e cotti in un brodo di vecchia gallina, da far resuscitare i morti - che divorammo, quasi non mangiassimo da anni, mentre i tuoi genitori si scambiavano affettuosità e complici sorrisi.
Mentre si mangiava nessuno accennò, neppure minimamente, al vero motivo di quell'incontro intorno ad una tavola così riccamente imbandita.
Si ciacolava. e per lo più dalle nostre bocche uscivano parole scontate e di circostanza. Mandavamo giù il caffè quando tuo padre e tua madre si alzarono in piedi ed all'unisono, sorridendo a sessantaquattro denti, ci resero partecipi della loro felicità. Ti aspettavano.
Io penso, piccola mia, che fin da subito si augurassero che tu fossi un maschietto ed il motivo quando sarai più grande, e se leggerai queste pagine, lo capirai e li giustificherai.
Non disdegnarono, ovviamente e come fan tutti, di sottolineare che il sesso del nascituro non aveva alcuna importanza e che quel che interessava era che esso, cucciolo o cucciola, fosse sano e bello ed intelligente.
La lieta novella, ovviamente, non lasciò indifferenti nessuno dei presenti. Qualcuno, credo tua zia Lucia, addirittura applaudì. Tuo padre mi si avvicinò ed io contento ed imbarazzatissimo reagii con un gesto inusuale: senza neppure alzarmi dalla sedia gli baciai una mano. Un segno di ringraziamento per aver contribuito alla tua "creazione", uno strano modo per sottomettermi a chi mi aveva portato via una grossa fetta dell'amore di tua madre, la gioia infinita di sentirmi di nuovo "padre" anch'io. Di certo un misto di tutto ciò. Poi raggiunsi tua madre e la baciai con trasporto mentre la mia mano destra scivolava sul suo ventre nella speranza che quel piccolo uovo fecondato, che si era aggrappato da poco all'interno del suo utero, desse un segno tangibile di vita.
La felicità ci contagiò tutti in un nanosecondo. Solo la nipotina acquisita di colei che ti stava per dare la vita, Giulia, e che nutriva e nutre un affetto straordinario per la sua zia "Tatata" - "Patata" nel suo lessico allora ancora incerto - si ammutolì e quasi si allontanò da tua madre quando le spiegarono che stava per nascere una nuova vita. Lei, Giulia, fino a quel momento reginetta incontrastata di un piccolo regno nient'affatto immaginario, di certo aveva iniziato a temere che avrebbe dovuto dividere con te, luce dei miei occhi, il suo scettro.
Ci abbandonammo ad un brindisi con un ottimo spumante e fantasticammo di te, bambina, fino a sera inoltrata. Poi a casa, mentre tua nonna si stravaccò sul divano per sorbire la solita dose di schermo al plasma, io mi abbandonai alle braccia di Morfeo. Non per stanchezza ma per la voglia di vederti nascere e crescere nei miei sogni.
E tu mi facesti visita.
Avevi le sembianze di un angioletto asessuato ed eri divorata dalla curiosità di conoscere questo mondo nel quale ti eri affacciata quasi con prepotenza, giustificata dalla consapevolezza di essere stata desiderata e voluta da tutto un coacervo di adulti che facevano di te il centro assoluto del loro mondo. Così, mentre notte dopo notte, crescevi nelle mie inconsapevoli fantasie notturne il tuo embrione si sviluppava nel ventre di tua madre per poi trasformarsi in feto e successivamente in quella magnifica creatura che sarebbe saltata fuori al termine di un travaglio lungo e doloroso.
La tua crescita nell'utero materno non ci risparmiò dolori e fondate preoccupazioni ché, come rivelò da subito la prima ecografia, un piccolo mostro un mioma - cancro benigno spesso asintomatico e presente nell'utero delle giovani donne al di sopra dei trent'anni - si sviluppava ed aumentava di volume contemporaneamente al formarsi del tuo corpicino. Il ginecologo fu molto esplicito e senza mezzi termini ci mise al corrente del fatto che quell'essere indesiderato e mai abbastanza detestato avrebbe potuto mettere a repentaglio la tua integrità fisica ponendo, così, la tua genitrice davanti ad una scelta dolorosa. Quale?
Come non volevo parlarne allora così ora non oso scriverlo. Grazie a Dio fosti tu stessa a risolvere - inconsapevolmente ed istintivamente, forse - il problema. Ti tenesti lontana da "lui" ed impedisti che si alimentasse a tuo danno. Venisti su forte e sana e per lungo tempo, quasi a prenderci per i fondelli o forse già infastidita perché si tentava di violare il tuo privato, mostravi le terga alla sonda dell'ecografo per non rivelare il tuo sesso. Lo scoprimmo quando stavi quasi per nascere.
Saltasti fuori in un'afosa giornata di agosto del 2008 e tuo padre per farsi udire da tutti noi - me, le tue nonne, le tue zie e qualche amico di famiglia - che attendevamo al di qua della porta a vetri che ci separava dal reparto di neonatologia urlò letteralmente "è nata 'na vaccarella!". In perfetto slang scaurese ed alludendo alle tue dimensioni non certo al di sotto della media. Fossi stata un maschio avrebbe esclamato è "nato Giovanni!". E ne avrebbe avuto tutto il diritto.
Dopo una lunga ma dovuta attesa fummo ammessi al tuo cospetto. Eri distesa in una minuscola culla, nel nido, a stretto contatto con un piccolo, anche di dimensioni, maschietto ed a cui mollavi, certo senza cognizioni di causa, robusti fendenti. E sembravi il cucciolo di un extraterrestre. Lunga e grossa quale eri avevi una testa proporzionata al tuo fisico ma per venir fuori attraverso la vagina di tua madre il capoccione si era dovuto adattare, modificandosi temporaneamente ed assumendo una forma allungata quale quella legata all'iconografia classica di un piccolo essere di altri mondi.
Tutti lo notammo, tutti ci ponemmo la stessa domanda ma nessuno osò esplicitarla chiaramente. E se il "difetto" non si fosse corretto nel tempo a venire? Più o meno indirettamente si ricorse alla cultura specifica, in materia, della mia secondogenita Francesca, allora studentessa in medicina ed a qualche giorno dalla discussione della tesi di laurea. Francesca comprese perfettamente dove volevamo andare a parare e si dilungò in una lunga dotta spiegazione delle cause del necessario evento in un parto naturale e viste le proporzioni della neonata.
Sai, bambina mia, tirai un sospiro di sollievo ed allora iniziai a vederti, veramente, per quello che oggi sei a distanza di tre anni. Uno splendore fatto di bellezza, simpatia, carattere da leader e viva intelligenza. A volte, lo confesso, proprio la tua intelligenza mi spaventa e sì che sono da tempo abituato a quelle di tua madre e di tua zia Francesca. E tuo padre neppure scherza. Sarà pure un carattere schivo ed un po' musone ma ho notato che tu già lo stai sciogliendo, lo stai plasmando al tuo essere estremamente estroversa. Sarà il tuo viso di gomma ricco di espressioni impensabili in un frugoletto della tua età ma il risultato è chiaramente manifesto. Sei una bambina fortemente amata, mia piccola Principessa (è il soprannome che ti ha dato tua zia Lucia), e ciò è dimostrato dall'affetto che ti circonda da parte di tutti noi: genitori, nonni, zii, cuginetti e piccoli amici che ti sei cercata, ed hai voluto, nell'ambito delle nostre conoscenze.
(segue)

di: Michele Ciorra


Caricatura di Mi.Cio. opra di Luigi MausoliMinturno: Minturno, Stefanelli a tutto tondo per "Ilfarooline" Video intervista in diretta streaming
letture: 1150
25 maggio 2020 di Michele Ciorra
Caricatura di Luigi MausoliMinturno: Minturno e Sud Pontino, estate in mascherina? Il giorno 18 si sapranno le misure da adottare. Almeno si spera. (4)
letture: 2394
13 maggio 2020 di Michele Ciorra
DiavolangeloMinturno: Minturno, tempi lunghi per la bonifica delle discariche abusive La zona cmq va messa in sicurezza.
letture: 2316
13 maggio 2020 di Michele Ciorra
DiavolagneloMinturno: Minturno. Discariche abusive addio Tempi lunghi ma ...
letture: 2724
08 maggio 2020 di Michele Ciorra
Caricatura di Luigi MausoliMinturno: Minturno. Uno Stefanelli a 360 gradi Stefanelli uber alles!
letture: 2491
25 aprile 2020 di Michele Ciorra
DiavolagnoloMinturno: Minturno, governo e opposizione corrispondenza di amorosi sensi Sulla stessa lunghezza d'onda
letture: 2536
25 aprile 2020 di Michele Ciorra
Sede Solera MinturnoMinturno: Crisi Aziendale al tempo del covid19
letture: 2216
21 aprile 2020 di infopress
DiaviolagnoloMinturno: Minturno, discarica via delle Dune bonificata, amianto ancora in situ Bonificata la discarica in via delle Dune, amianto ancora in situ in via Santa Reparata
letture: 2119
19 aprile 2020 di Michele Ciorra
DiavolagneloMinturno: Minturno e frazioni, immondizia à gogo Il problema degli sversamenti indiscriminati
letture: 2242
12 aprile 2020 di Michele Ciorra
DiavolagneloMinturno: Minturno, il mistero buffo della toponomastica infinita Della serie "Quer pasticciaccio brutto di via Principe di Piemonte"
letture: 2001
10 aprile 2020 di Michele Ciorra








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News correlate:

letture:
01 gennaio 1970

News dello stesso autore:
Diavolangelo
"Maria Cristina e Lello"
letture: 301
02 giugno 2020
Caricatura di Mi.Cio. opra di Luigi Mausoli
Minturno, Stefanelli a tutto tondo per "Ilfarooline"
letture: 1150
25 maggio 2020
Caricatura di Luigi Mausoli
Minturno e Sud Pontino, estate in mascherina? (4)
letture: 2394
13 maggio 2020
Diavolangelo
Minturno, tempi lunghi per la bonifica delle discariche abusive
letture: 2316
13 maggio 2020
Diavolagnelo
Minturno. Discariche abusive addio
letture: 2724
08 maggio 2020
Caricatura di Luigi Mausoli
Minturno. Uno Stefanelli a 360 gradi
letture: 2491
25 aprile 2020
Diavolagnolo
Minturno, governo e opposizione corrispondenza di amorosi sensi
letture: 2536
25 aprile 2020
Diavolagnelo
Ho vissuto
letture: 2265
23 aprile 2020
Diaviolagnolo
Minturno, discarica via delle Dune bonificata, amianto ancora in situ
letture: 2119
19 aprile 2020
Caricatura di Luigi Mausoli
Il bidone
letture: 2188
17 aprile 2020